CIGS/mobilità imprese Commerciali 50/200, agenzie v.Imprese di vigilanza

Roma 18 marzo 2002

                        Alle Strutture Regionali e Territoriali
                        FILCAMS, FISASCAT, UILTuCS

                        CGIL – CISL – UIL
                        Giuseppe Casadio
                        Raffaele Bonanni
                        Carlo Fabio Canepa

                        LORO SEDI

Oggetto: CIGS/mobilità imprese Commerciali 50/200, agenzie v.Imprese di vigilanza

In relazione CIGS/mobilità delle aziende commerciali, agenzie ed operatori turistici tra 50 e 200 dipendenti ed imprese di vigilanza tra 15 e 200 dipendenti vi informiamo che anche a seguito delle nostre sollecitazioni nei confronti dell’INPS (vedasi circolari precedenti), il ministero del lavoro ha ricevuto i dati da parte dell’ INPS e ci ha comunicato verbalmente, che sicuramente il decreto sarà emanato entro 2/3 mesi.

      Diverse strutture ci chiedono se possono effettuare accordi per CIGS/MOBILITA’,

ribadiamo che nulla osta ad effettuare accordi, nella consapevolezza però che i tempi per la riscossione saranno lunghi, c onseguentemente, se vi sono le condizioni è opportuno che contrattiate con le aziende anticipi sulla CIGS.

Vi chiediamo di segnalarci quanti sono gli accordi effettuati a livello territoriale per CIGS/MOBILITA’, distinguendo tra imprese commerciali e altri settori al fine di avere un quadro completo nazionale della situazione.

Particolare attenzione va posta per le CIGS/MOBILITA’ RELATIVE ALL’ANNO 2001, in quanto l’INPS nel messaggio n. 849/2001 aveva predisposto il pagamento dell’indennità di mobilità a favore dei lavoratori licenziati sino al 30 settembre 2001. Rimanendo scoperti 3 mesi, abbiamo chiesto “lumi” al Ministero del lavoro il quale verbalmente ci ha comunicato che la lettera dell’INPS era di tipo prudenziale, che le risorse vi sono e che conseguentemente saranno effettuati tutti i pagamenti.

Considerato che fidarsi è bene, ma non fidarsi è meglio, vi chiediamo di segnalarci eventuali situazioni relative al 2001 non ancora sanate.

      Per ciò che riguarda, l’utilizzo del Contratto di Solidarietà nelle aziende

minori e l’iscrizione alla lista di mobilità (senza trattamento economico) dei lavoratori licenziati da queste ultime, ribadiamo che ad oggi non vi sono novità, conseguentemente questo istituto al momento non esiste, continueremo ad attivarci e se necessario valuteremo eventuali iniziative di lotta/presidi, ecc. possibilmente di concerto con le Confederazioni.

Cari saluti.

p. FILCAMS-CGIL P. FISASCAT-CISL P. UILTuCS-UIL

Marinella Meschieri Piero Giordano Marco Marroni