CIGS: Procedure concorsuali

La CIGS è concessa anche nei casi di imprese assoggettate alle procedure concorsuali (art. 3 c.1 legge 223/91, L. 236/93 art.7, D.lgs. n.270/99) nei casi di:

▪ concordato preventivo con o senza cessione dei beni;
▪ liquidazione coatta amministrativa;
▪ fallimento;
▪ amministrazione straordinaria, con continuazione dell’esercizio dell’impresa;
▪ amministrazione straordinaria senza continuazione dell’esercizio dell’impresa;
▪ accordi di ristrutturazione dei debiti (art. 182-bis legge fallimentare, L. 80/05, D.lgs 196/2007, nota del Ministero Lavoro n. 14 del 17 marzo 2009);
- aziende sottoposte a sequestro o confisca (previo parere motivato del Prefetto) fondato su ragioni di sicurezza e di ordine pubblico. (L. n. 575/1965)

L’intervento viene riconosciuto quando sussistano prospettive di continuazione o ripresa dell’attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli di occupazione, da valutare in base a parametri oggettivi definiti con decreto del Ministro del lavoro (ML circ. n. 48/2000; ML interpello n. 23/2013). I predetti parametri oggettivi sono stati individuati con D.M. 4 dicembre 2012, n. 70750.
Attenzione dal 1º gennaio 2016 la cassa concorsuale non trova più applicazione (art. 2, comma 70, L. n. 92/2012);

Durata: 12 mesi (L. N. 223/91 art. 3 c. 1, L. n. 236/93 ART. 7 C. 8)
La CIGS, viene concessa su domanda del curatore, del liquidatore o del commissario. Deve essere corredata da una relazione, approvata dal Giudice delegato o dall’autorità che esercita il controllo, sulle prospettive di cessione dell’azienda o di sue parti e sui riflessi della cessione dell’occupazione aziendale (L. 223/91 art. 3 c.2, Circ. Min: Lav: n. 56 del 25 novembre 2002).

Proroghe: entro il termine dei primi 12 mesi, qualora sussistano fondate prospettive di ripresa dell’attività e di salvaguardia, anche parziale, dei livelli occupazionali, tramite le cessione dell’azienda o parti di essa, la CIGS può essere prorogata, su domanda del curatore, o del liquidatore o del commissario (previo accertamento da parte del CIPI), per ulteriore periodo non superiore a 6 mesi.

Vai alla guida sulla CIGS