Cig, peggiora la qualità

08/11/2010

La qualità del ricorso alla cassa integrazione peggiora radicalmente. Dai dati resi noti dall’Inps, se ad ottobre le ore richieste di cassa hanno registrato una lenta diminuzione rispetto a settembre scorso (-2,3 per cento), su base annua continuano ad aumentare del 3,8 per cento. Inoltre, una crescita consistente rispetto a settembre 2009, si è registrata per gli interventi straordinari e per quelli in deroga, aumentati rispettivamente del 101,1 e del 107,7 per cento. Secondo i dati dell’Istituto nazionale di previdenza sociale, per quanto concerne il confronto tendenziale, i valori cumulati (gennaio – ottobre) danno nel 2010 un totale di 1.026,4 milioni di ore autorizzate, contro i 712 del 2009 (+44,1 per cento). La cigo è calata del 36,9 per cento, la cigs è cresciuta del 159,6 per cento, la cigd é aumentata del 295,9. “Più straordinaria e più deroga”, evidenzia il segretario confederale CGIL Fulvio Fammoni; dati che secondo il dirigente sindacale sono significativi nel rappresentare le ripercussioni economiche e sociali che si avranno sul 2011. In sostanza, sottolinea Fammoni “registriamo più ore autorizzate, più ore effettivamente utilizzate rispetto al 2009, peggior qualità nell’uso della cassa: questi i dati effettivi”. Ad ottobre, continua il dirigente sindacale, “si è superato il miliardo di ore di cassa integrazione autorizzate: sono già 100 milioni in più di tutto il 2009 e mancano ancora 2 mesi. Il ricorso alla cassa continua ad aumentare e aumenta esponenzialmente la richiesta di deroga che il prossimo 31 dicembre finisce”. “Qualsiasi accordo – conclude il segretario confederale CGIL – necessita di sapere se la cassa in deroga avrà continuità e l’incertezza rischia di lasciare a casa tante persone”.