Chiusura di tre punti vendita, 300 addetti in cig

24/01/2013

Si va verso la chiusura di 3 punti vendita in Italia della catena di distribuzione Fnac (a Roma, Firenze, Torino Grugliasco) e arriva la cassa integrazione per circa 300 dipendenti. Lo comunica la Filcams Cgil dopo l`incontro con il liquidatore di Fnac Italia alla presenza dei rappresentanti di Orlando Italy, futuro acquirente della catena francese di libri e multimedia. Un nuovo incontro è previsto per il 4 febbraio a Milano. Il liquidatore ha illustrato il percorso che intende attuare nel breve periodo: entro gennaio presenterà domanda al Tribunale fallimentare di Milano per accedere alla procedura di concordato preventivo che bloccherà le azioni esecutive attivate dai creditori per evitare il fallimento l`azienda. Mentre sarà interrotta l`attività dei 3 punti vendita posti nei centri commerciali «in quanto fonte di elevate perdite non più sostenibili, e per i restanti 5 negozi di città, per la sede ed il magazzino, è prevista una riduzione dell`organico, a fronte di una diminuzione di fatturato e di attività».
Orlando Italy da parte sua ha prospettato un progetto di trasformazione del modello Fnac, che potrebbe prevedere per i 5 punti vendita siti nei centri città (Torino, Genova, Milano, Verona e Napoli) una formula `shopping shop` con la «presenza in ogni singolo negozio di brand di tipologie inerenti l`attuale attività ma anche di marchi e merceologie diverse ma fortemente attrattive. Orlando Italy, intanto, garantirà il pagamento dei prossimi stipendi», si legge nella nota.