Chiusa la cessione di Gardaland

26/04/2005
    sabato 23 aprile 2005

    sezione: FINANZA E MERCATI – pagina 32

    Chiusa la cessione di Gardaland

      MILANO • Aletti Merchant (gruppo Banca Popolare Verona e Novara) e Investindustrial, presieduta da Andrea Bonomi, hanno chiuso l’operazione Gardaland: i due gruppi finanziari hanno infatti rilevato oltre il 90% del parco di divertimenti. La quota rimanente resta nelle mani delle famiglie storiche, che hanno fondato Gardaland.

      L’acquisto è avvenuto tramite la società Cornel nella quale le due società di investimento detengono il 45% l’una, e dove sono affiancate con il 10% da Italian Lifestyle Partners II. Nel consiglio di amministrazione, che è stato completamente rinnovato, sarà riconfermato l’amministratore delegato Sergio Feder, mentre Alberto Bauli è il presidente designato. Gardaland è stata fondata 30 anni fa e attualmente fattura circa 100 milioni di euro con un margine operativo lordo di 41 milioni. Finanziatrice dell’operazione è stata la Banca popolare di Verona, assistita nella circostanza dallo studio legale Ashurst. Gli altri studi impegnati sono stati invece Chiomenti (per Invest Industrial) e Carlo Pavesi, che ha seguito Aletti. Investindustrial è uno dei maggiori fondi di private equity italiani: tra le sue ultime operazioni si segnala l’acquisto di Sirti a fianco del fondo Clessidra. Il fondo di Andrea Bonomi ha tra i suoi partner Dante Razzano, Filippo Aleotti e Michele Garulli, ex manager della Morgan Grenfel. Un team che ha una grande esperienza nel settore delle due ruote, tanto che alcuni anni fa erano stati protagonisti dell’operazione Piaggio. Non è un caso che proprio il fondo Investindustrial sarebbe, secondo indiscrezioni, interessato a Ducati, dove il gruppo finanziario Usa Tpg ha una quota del 35 per cento.