Chianciano: Terme, l’occupazione è salva

31/01/2002





Terme, l’occupazione � salva

Primo incontro tra sindacati e azienda dopo la nomina del Cda


CHIANCIANO — Tanti progetti e niente tagli al personale. Per ora. Il primo confronto fra sindacati e azienda, dopo la nomina del cda delle Terme di Chianciano, si � concluso con un pareggio. Del resto, l’incontro svoltosi ieri pomeriggio a Chianciano, era la prima occasione offerta alle parti per studiarsi. Sar� per questo che le valutazioni di Cgil, Cisl e Uil, come delle rappresentanze di base aziendali, sono caute. Il confronto sui numeri, quello vero, � fissato per il 13 febbraio. Sar� allora che Albo Fregoli, membro del cda con la delega al personale presente ieri al tavolo insieme a Favetti e a Papi dell’Associazione industriali, fornir� una sorta di organigramma delle funzioni, affrontando il nodo orari di lavoro e ferie. I primi segnali, in fatto di occupazione, appaiono incoraggianti. Non si parla infatti di tagli al personale anche se all’orizzonte si prospetta il blocco del turn over degli stagionali, unitamente a un integrativo dove prende forza la valutazione effettuata in base alla produttivit�.
Progetti ce ne sono tanti in cantiere. Meglio sarebbe parlare di idee perch�, come sottolineano i sindacati, l’atteso piano industriale non � stato messo nero su bianco. Qualche variazione � stata compiuta, per esempio, in merito alla piscina termale che dovrebbe interessare la sola area del Sillene anche se si continua a lavorare all’acquisizione dello storico Hotel Bagni. Poi c’� il Bingo, ormai ai nastri di partenza. Di carne al fuoco, dunque, il cda delle terme ne ha messa tanta. Ma servono fondi. Fra le novit�, al riguardo, la proposta di impiegare quelli rimasti inutilizzati per carenza di progetti del Patto territoriale. Una strada che piace ai sindacati come quella intrapresa in fatto di cariche. Il direttore sanitario sar� infatti Sordi. Niente costosissime convenzione con esterni, dunque, si punta a valorizzare le forze interne.

di Laura Valdesi





Concept & Design by IPERMEDIA – Sito ottimizzato per Internet Explorer 5™
� 2001 MONRIF NET SpA & POLIGRAFICI EDITORIALE SpA