Che cosa dice l’Europa

19/12/2005
    lunedì 19 dicembre 2005

    Pagina 2 – Primo Piano

    LA RIFORMA – MACCANICO AUSPICA LA RATIFICA DI CAMERE E QUIRINALE ALLE SCELTE DEL GOVERNO

      Che cosa dice l’Europa

        Per garantire l’indipendenza delle Banche centrali nazionali e dell’operato dei loro governatori lo statuto della Bce ha fissato una serie di regole severe.
        In primis né la Bce, né le Banche centrali nazionali, né i membri dei rispettivi organi decisionali possono sollecitare o accettare istruzioni dalle istituzioni o dagli organi comunitari, dai governi o da qualsiasi altro organismo. Le istituzioni e gli organi comunitari, nonché i governi, sono tenuti a rispettare tale principio. La gestione finanziaria della Bce viene tenuta distinta da quella della Comunità europea e la Banca dispone di un bilancio proprio. Il suo capitale è sottoscritto e versato dalle Bcn (Banche centrali nazionali).

        Lo Statuto prevede poi un mandato di lunga durata per i membri del Consiglio direttivo. Inoltre, il mandato dei membri del Comitato esecutivo non può essere rinnovato.

        Per assicurare la continuità dei mandati dei governatori e dei membri del Comitato esecutivo sono state stabilite alcune misure:

        - mandato di almeno cinque anni
        - mandato non rinnovabile di otto anni per i membri del Comitato esecutivo
        - rimozione dall’incarico dei governatori e dei membri del Comitato solo in caso di incapacità o di colpe gravi
        - competenza della Corte di giustizia delle Comunità europee a dirimere qualsiasi controversia.

          L’Eurosistema non può concedere prestiti agli organi comunitari né a enti pubblici nazionali; tale vincolo rappresenta un ulteriore elemento di garanzia.