Charme & relax affilia 30 alberghi

13/02/2004

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
037, pag. 18 del 13/2/2004
di Giorgio Naccari


La catena alberghiera si espande dal Nord al Sud.

Charme & relax affilia 30 alberghi

Sono oltre 30 le nuove acquisizioni di Charme & relax, la catena alberghiera che conta 164 alberghi in Italia. Oltre due dozzine di amene strutture che hanno deciso di entrare a far parte di una catena per chi vuole soggiorni di tranquillità e di fascino. ´Stiamo continuando la nostra selezione per avere strutture con particolari caratteristiche di eleganza’, afferma Romano Ruggerini, direttore generale di Charme & relax, ´come il profilo del nostro ospite, solitamente un professionista che desidera una soluzione di soggiorno come se si trovasse a casa’.

Per il 2004 sono previste nuove affiliazioni: la Locanda della maison verte a Cantalupa, nel Torinese, e il Castiglione Tinella, nel Cuneese. Le strutture con questo marchio sono quasi sempre alberghi in zone decisamente turistiche, come il Muhle Mayer, altro nuovo entrato nella catena, che domina il panorama di Termeno, a Bolzano. ´La maggior parte degli alberghi che hanno scelto di entrare nella nostra catena sono del Nord Italia. I ricavi raggiunti nel 2003 ammontano a 160 milioni di euro, con un prezzo medio per camera di 170 euro. L’organizzazione Charme & relax vuole ora rafforzare la propria presenza nelle città d’arte, in particolare a Roma e Venezia. ´Siamo già presenti con alcune strutture, ma intendiamo aumentare l’offerta’, ricorda Ruggerini,´come stiamo già facendo per il settore delle terme. Oltre a Montegrotto e Salsomaggiore, infatti, abbiamo acquisito il Raffaello, un quattro stelle di Chianciano, che va a rafforzare la Toscana, dove contiamo sui nuovi La Mardola di Capraia e Il melograno di Montemerano’.

Scendendo lungo la penisola, la catena al Centro Italia ha acquisito I capricci di Merion a Tuoro sul Trasimeno, il Villa Ciconia a Orvieto e il Monte Giove a Fano.

Per finire nel Mezzogiorno, con l’ingresso del Miramare di Napoli, della Casa Albertina di Positano, del Villa Lara ad Amalfi, del Delfino a Massa Lubrense, del Villa Sarah a Capri, del Villa Sirio a Santa Maria di Castellate, nel Salernitano, del De Rose a Scalea, del Barion a Torre a Mare, nel Barese, della Casa Isabella a Mottola, del Villa Sirina di Taormina, del Le Calette e del Gli alberi del paradiso a Cefalù, del Le ginestre a Porto Cervo e del Nora club a Pula.

´Quando si parla di relax, non si può certo dimenticare la cucina’, conclude Ruggerini, ´nei nostri hotel da sempre vige la genuinità del prodotto e un servizio curato nei minimi dettagli’. (riproduzione riservata)