“Cgil” Si chiude con lista unitaria

06/03/2006
    sabato 4 marzo 2006

    Pagina 6 – CAPITALE/LAVORO

    Si chiude con lista unitaria

      Previsti 121 posti per Epifani, 23 per Patta e 17 per Rinaldini
      Il momento pi� conflittuale del congresso sembra essersi verificato intorno alla composizione della lista dei candidati per il Comitato Direttivo. Qui infatti si dovevano verificare gli equilibri interni all’organizzazione, o, come si dice, la �gestione del pluralismo�. Si trattava di far quadrare gli accordi raggiunti dal �gruppo dei dodici� segretari confederali, che garantivano alla componente Lavoro e Societ� il 20%, come nell’ultimo congresso, quando si presentarono come minoranza, con una mozione globalmente diversa, con la presenza delle �tesi Rinaldini� (votate da circa il 15% partecipanti ai congressi di categoria e territoriali). Nonch� con i �criteri interni� come il rispetto della presenza delle donne per almeno il 40%, la prassi di attribuire ai pensionati (3 milioni di iscritti) il 25%, simmetrie ed equivalenza tra strutture �verticali e orizzontali�, la solidariet� verso categorie o regioni pi� piccole, la presenza di giovani e immigrati.

        Il risultato finale �ufficioso� (perch� la lista � ufficialmente unitaria ed � stata votata all’unanimit�) parla invece di 121 posti per la maggioranza di Epifani, 23 per Lavoro e Societ� (che sull’unica tesi presentata aveva raccolto poco pi� del 10%), 17 per le �tesi Rinaldini�. Un ribaltamento che non poteva passare inosservato e che ha costretto Rinaldini a una dichiarazione di voto favorevole, ma in cui ha manifestato �insoddisfazione per la gestione e l’espressione del pluralismo�. Un �problema di funzionamento della democrazia interna�, denunciato da un dirigente sindacale che non vuole costruire �un’area interna� e che non ritiene logico �essere costretti a scegliere tra l’unanimismo e documenti contrapposti�.

          Il nuovo comitato direttivo della Cgil avr� dunque 161 componenti. I 1.222 delegati lo hanno deciso con un solo voto contrario, accogliendo cos� la proposta della commissione elettorale, approvata all’unanimit� e formalizzata dal segretario organizzativo Mauro Guzzonato. Ne � uscita un’unitariet� almeno nella forma, cos� come auspicato da Epifani: i componenti del nuovo comitato direttivo, dunque, alla fine della giornata di oggi, risulteranno eletti sulla base di un’unica lista.