Cgil: Guzzonato all’organizzazione, Ghezzi alla Di Vittorio

07/10/2003




martedì 7 ottobre 2003
Cgil: Guzzonato all’organizzazione, Ghezzi alla Di Vittorio

MILANO Nuovo responsabile al vertice dell’organizzazione della Cgil nazionale. Carlo Ghezzi, che nelle scorse settimane ha concluso il suo
mandato, sarà sostituito nella funzione dall’attuale segretario generale
della Filcea, l’organizzazione dei lavoratori chimici, Mauro Guzzonato. La decisione è stata formalizzata ieri sera nel corso della riunione del comitato direttivo che si concluderà oggi a Roma. Nella sua nuova veste, Guzzonato diventerà tra l’altro responsabile – insieme ad Achille Passoni – delle campagne di mobilitazione della confederazione.
Ma non è, questa, la sola novità in casa Cgil. Carlo Ghezzi – per dieci
anni alla guida della Camera del lavoro metropolitana di Milano prima
di entrare, nel 1995, nella segreteria confederale come responsabile
dell’organizzazione – prenderà il posto di Sergio Cofferati alla testa della Fondazione Di Vittorio, l’associazione con finalità prevalentemente storiche (direttore è il professor Adolfo Pepe) che ha, tra l’altro, in elaborazione una storia in cinque volumi della Cgil. A fine mese, infatti, in concomitanza con la formalizzazione politica della sua candidatura a sindaco di Bologna per il centrosinistra, l’ex numero uno di corso d’Italia rassegnerà, come annunciato, le dimissioni dall’incarico.
Mauro Guzzonato, nato a San Remo 49 anni fa, una laurea in lettere
moderne dopo un diploma di ragioniere, dopo un’esperienza lavorativa come impiegato alla Fincantieri di Genova, fabbrica nella quale è entrato ventenne nel 1974, ha iniziato la propria attività sindacale nel 1978 come funzionario della Fiom genovese. Nel 1996 è stato eletto segretario generale della Cgil regionale della Liguria. Carica, questa, che ha ricoperto fino al settembre 2002, quando è stato chiamato alla segreteria generale della Filcea, il sindacato dei chimici, al posto di Eduardo Guarino improvvisamente scomparso.
La riunione del parlamentino della Cgil si è aperta nel primo pomeriggio di ieri con un’ampia relazione del segretario generale, Guglielmo Epifani. All’ordine del giorno, oltre al nuovo assetto della segreteria, i temi della previdenza e dello stato sociale, in vista anche
della mobilitazione indetta unitariamente con Cisl e Uil per venerdì 24
ottobre.
Intanto il tema del Welfare verrà affrontato da domani a venerdì,
a Bellaria, dai pensionati dello Spi-Cgil. Con lo slogan «Oltre l’Euro,
per l’Europa: più valore alle pensioni; più qualità ai servizi; più risorse al benessere sociale» si riuniranno circa mille delegati, provenienti
da tutto il Paese, per dire no alla finanziaria del governo di centro destra e per avanzare proposte di modifica alla manovra che salvaguardino il valore reale delle pensioni e diritti di cittadinanza delle persone anziane. I lavori dell’assemblea si apriranno domani mattina con la relazione del segretario generale, Betty Leone, e con gli interventi di Silvano Miniati e Antonio Uda, rispettivamente segretari generali di Uilp Uil e Fnp Cisl. L’assemblea verrà conclusa, nella tarda mattinata di venerdì, da Guglielmo Epifani.