Ce ne fosse almeno uno in regola

11/08/2010

Attacco frontale . Sono state sparigliate le carte in tavola, facendo partire le verifiche non da lunedì al giovedì, «come capita di solito», ma durante il week-end. Una mossa inconsueta, voluta dal tenente colonnello Gianfranco Lucignano, che ha guidato la spedizione di controlli lungo la riviera , nella quale sono stati impegnati 16 uomini e due unità cinofile. Nel mirino sono finiti 28 hotel, 6 bar e 1 panificio a cui sono stati elevati verbali relativi alla mancata emissione di documenti fiscali . Colpito il mondo della notte. E non solo, perché le fiamme gialle non hanno dimenticato nemmeno i locali notturni e le disco – in cui sono riusciti a sequestrare 300 grammi di sostanze stupefacenti , oltre ad arrestare 7 persone, denunciarne altre 2 a piede libero e segnalarne al prefetto 10 . Tutti molto giovani, sotto i 25 anni, tra cui due minorenni subito riportati nelle loro regioni di provenienza e affidati ai genitori .
La crisi aguzza l’ingegno. Si conferma un’estate di super lavoro per i fi nanzieri. E il motivo lo spiega lo stesso Lucignano: «La crisi economica sta aguzzando l’ingegno di chi evade». Proprio co – me il titolare d’hotel che ha escogitato un sistema diabolico . «Abbiamo bloccato un cliente appena uscita dalla struttura con una ricevuta di pagamento da 854 euro», racconta il tenente colonnello, «sembrava regolare , finché non abbiamo scoperto che l’albergatore aveva la seconda copia delle medesima ricevuta, quella con valore ai fini fiscali, sulla quale aveva
aggiunto una virgola: anziché 854 euro, 85,4» . Un gioco di prestigio costato caro: è scattata la verifica fiscale dell’intero ultimo anno contabile chiuso, 2008, e si andrà a ritroso fino al 2003 . Il trucco del quaderno. La mazzata davvero pesante toccherà anche a un altro albergatore che h a emesso 30 ricevute in 4 mesi, da metà maggio a sabato scorso . Una miseria a cui i finanzieri hanno dato una spiegazione: 30 ricevute in 4 mesi ma nel cassetto
il quaderno del "nero" nascosto in un cassetto della hall, hanno trovato un quaderno zeppo di pagamenti in nero e di tutti i movimenti reali della struttura. Anche con questo genio dell’evasione, le Fiamme gialle non son o andate per il sottile, facendo partire un accertamento che spulcerà i libri contabili .
Nuove strategie . I controlli non cesseranno . Lucignano non ha dubbi : «Batteremo il ferro finché è caldo e stiamo studiando ulteriori metodi per riuscire a cogliere di sorpresa chi non rispetta le regole» . Tra le strategie sotto esame, dopo gli interventi nei giorni desueti (fine settimana), al comando generale stanno considerando l’alternativa: gli orari improbabili . Un attacco frontale nei momenti della giornata come mattino presto, ora di pranzo o tarda notte . Tra sette giorni si conosceranno i risultati di questo nuovo piano di battaglia .