CCNL pulimento – multiservizi – modalità di consultazione ipotesi piattaforma e invio materiale

in data 5 ottobre 2012 il Comitato Direttivo Nazionale della Filcams CGIL ha licenziato l’ipotesi di piattaforma per il rinnovo del CCNL Pulimento/Multiservizi.
La consultazione terminerà l’8 novembre 2012 per consentire alla Segreteria Nazionale di effettuare una valutazione del suo esito conclusivo in tempo utile per l’Attivo nazionale delle delegate, dei delegati e dei quadri previsto per il 12 novembre p.v. a Roma.
Qualora si verifichino le condizioni per prolungare, seppur di pochi giorni, il periodo della consultazione sarete tempestivamente informati.
Come infatti è noto, il termine ultimo per l’invio delle piattaforme previsto dal CCNL vigente è il 31 ottobre 2012.
La Filcams invierà, a tale data, una lettera alle Controparti Datoriali per annunciare l’esigenza di procrastinare questo termine al fine di ultimare il percorso democratico che stiamo avviando.
Aldilà delle modalità tecnico-operative che troverete nel Regolamento allegato, valgono le indicazioni di natura politica scaturite dal dibattito del Comitato Direttivo e che qui si riassumono.
Ferma restando la necessità di compiere ogni sforzo per coinvolgere in questa fase il maggior numero di lavoratrici e di lavoratori possibile, il nostro obiettivo è quello di inaugurare un percorso di partecipazione, coinvolgimento e consapevolezza, che dovrà protrarsi oltre al varo ufficiale della piattaforma rivendicativa e proseguire e accompagnare quello che si annuncia come un difficile e inedito negoziato.
La fase economica e sindacale che stiamo attraversando, che si caratterizza per aspetti di estrema asprezza e in alcuni casi di drammaticità, richiede un atteggiamento responsabile e la necessità di esplorare forme nuove di coinvolgimento della nostra rappresentanza anche finalizzate a creare i necessari rapporti di forza.
Le convergenze unitarie con Fisascat e Uiltrasporti, faticosamente raggiunte, suggeriscono di usare la massima attenzione nella presentazione di emendamenti che potrebbero produrre l’effetto contrario rispetto a quello auspicato, ossia di indebolire la posizione della Filcams ai tavoli di trattativa. Diverso il peso politico e strategico di emendamenti che scaturissero da assemblee unitarie, che auspichiamo si riescano ove possibile ad effettuare, e che potrebbero esercitare un’azione di consolidamento degli attuali affidamenti con le altre Federazioni Nazionali.
Riteniamo invece utile e coerente con quanto discusso in sede di CD, la promozione di Ordini del Giorno che possano agire da stimolo e integrare alcuni punti dell’ Ipotesi di Piattaforma.
Tali ordini del giorno potrebbero confluire in una sorta di “appendice integrativa” che in sede di presentazione della piattaforma verrebbe esplicitata e accompagnerebbe e sosterrebbe, per quanto ci riguarda, la delegazione trattante in tutte le fasi del rinnovo.
Essenziale dovrà essere, in questa fase, il ruolo di sintesi e raccordo dei livelli regionali che dovranno monitorare l’iter consultivo nel suo articolarsi.
Con l’intento di perseguire l’obiettivo alto della “partecipazione continua”, particolarmente efficace potrebbe infine rivelarsi la convocazione di attivi territoriali e regionali da intendersi non solo come momenti d’illustrazione e dibattito sulle nostre rivendicazioni, ma soprattutto come sedi privilegiate per responsabilizzare, informare, ipotizzare percorsi, e soluzioni condivise.
Gli attivi pertanto non dovranno tassativamente inaugurare la tornata assembleare, ma potranno rappresentare momenti intermedi o finali e potranno proseguire anche successivamente durante lo sviluppo del confronto negoziale.
Vi ringraziamo in anticipo per l’impegno con cui affronterete questa importante stagione contrattuale, garantendovi nel contempo il massimo apporto della Struttura Nazionale.

                  p. la Segreteria Filcams Nazionale

Elisa Camellini