Category Archives: INIZIATIVE

Roma, 16 maggio 2017


TESTO UNITARIO

La presente per fornirvi alcuni aggiornamenti e chiarimenti in merito alle iniziative di sciopero da gestire a livello territoriale.

Rispetto al comparto delle pulizie delle scuole dobbiamo segnalarvi che i sindacati autonomi hanno proclamato sciopero nazionale dei lavoratori del comparto pulizie scuole per i giorni 30 e 31 maggio p. v..

A fronte di tale condizione, come previsto dalla L. 146/90 a cui il comparto è sottoposto, scatta il criterio della rarefazione pertanto non si possono effettuare scioperi nello stesso settore nei 10 giorni antecendenti e successivi alle suddette giornate.

Stante quanto sopra, nel settore delle pulizie delle scuole, siano esse statali, comunali o provinciali gli scioperi territoriali dovranno coincidere con una delle due date sopra indicate.

Le motivazioni dello sciopero nelle vostre proclamazioni dovrà sempre fare riferimento al mancato rinnovo contrattuale e non citare il richiamo a scioperi proclamati da altre sigle.

Oltre a quanto sopra segnalato, data anche la richiesta pervenuta da diversi territori, si conferma che il termine di fine maggio, posto sulla comunicazione dell’ulteriore pacchetto di ore di sciopero da proclamare a livello territoriale, non è perentorio e quindi si può procedere con le proclamazioni anche a giugno, ritenendo opportuno collocare le iniziative al massimo nei primi quindi giorni del mese.

                          P. Filcams Cgil Nazionale

Elisa Camellini

31marzo_scioperobig

Sciopero Generale Plurisettoriale 31/03/2017

minitwitter #FuoriServizio

 

Le ragioni dello sciopero

Comunicati stampa

Il video

La galleria fotografica

960x300_sito_fp_cgil_donneAssemblea nazionale delle Donne Delegate FILCAMS, FLAI e FP CGIL

28 marzo 2017

minitwitter #ISIdelledonne

 

Programma

Video

Il saluto delle segretarie generali Maria Grazia Gabrielli, Serena Sorrrentino e Ivana Galli 

L’intervista di Flavia Fratello a Cinzia Serra, delegata Filcams Cgil Cagliari. Lavoratrice in appalto nella base militare dell’aeronautica di Decimomannu

L’intervista di Flavia Fratello a Wendy Galarza, delegata Filcams Cgil Perugia nel settore del lavoro domestico

L’intervista di Flavia Fratello a Viviana Correddu, delegata Filcams Cgil Genova nel settore della Grande distribuzione Organizzata

Comunicati stampa

Le immagini

 

Roma, 10 marzo 2017



TESTO UNITARIO

Ad oggi non abbiamo ricevuto ancora nessuna convocazione alla Presidenza del Consiglio per affrontare le problematiche conseguenti alla revoca della convenzione Consip per i lotti dell’Ati CNS-Kuadra e Manutencoop F. M. e l’interpretazione data dall’Anac in merito, nonché rispetto al lotto 5 e al lotto 7 a seguito della sentenza del Consiglio di Stato che conferma l’inammissibilità del ricorso fatto da Ciclat.

Alla luce di quanto sopra abbiamo deciso di predisporre una manifestazione nazionale per il 16 marzo 2017 dalle ore 8.30 presso Piazza Montecitorio a Roma.

Per l’iniziativa abbiamo già provveduto a chiedere l’autorizzazione alla Questura.

Come sapete non è possibile proclamare lo sciopero a fronte dello sciopero generale indetto dai sindacati di base l’8 u. s., quindi utilizzeremo la formula dell’assemblea, come già avvenuto in passato per analoghe situazioni.

Per quanto riguarda le modalità di gestione vi riepiloghiamo di seguito alcuni aspetti:

E’ evidente che se prima del 16 p. v. arrivasse la convocazione del tavolo alla Presidenza del Consiglio sospenderemo la manifestazione e valuteremo sulla base dell’esito dell’eventuale incontro se riproporla o revocarla.

A breve vi invieremo anche specifico comunicato sindacale per dare risalto all’iniziativa.

P. Filcams Cgil Nazionale
Elisa Camellini

La Filcams ogni domenica, per tutto il 2017, dedicherà uno spazio ad una donna che nel campo dell’impegno sindacale, della politica, delle arti, abbia saputo lasciare un segno nella storia e una eredità di azioni e pensiero a disposizione di tutti.
Mai come ora si avverte la necessità di uscire dalla ritualità, dalla ricorrenza, dalla celebrazione annuale, facendo della questione “femminile” un appuntamento fisso che ricordi alla coscienza collettiva e individuale di ognuno di noi il contributo irrinunciabile delle donne nella costruzione quotidiana di una società più equa, complessa ed evoluta.
#LaDomenicadelleDonne

COMUNICATO SINDACALE
ROTTURA DELLA TRATTATIVA PER IL RINNOVO DEL CCNL SETTORE SERVIZI DI PULIZE E SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI

In data 20 febbraio 2017 si è svolto l’ultimo incontro di trattativa per il rinnovo del CCNL per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati/multiservizi.

Dopo 46 mesi dalla scadenza del Contratto Nazionale e la continuità del confronto tra le parti per tutto il tempo intercorrente, le Associazioni Datoriali – ANIP Confindustria, Legacoop Servizi, Federlavoro e Servizi Confcooperative, Unionservizi Confapi e Agci – negli ultimi incontri hanno calato la maschera e subordinato il rinnovo del contratto ad una sola pregiudiziale:
- che le Organizzazioni Sindacali accettassero la condizione di peggiorare il trattamento di malattia, sia in termini di riduzione del periodo di comporto, sia con la penalizzazione del pagamento dei giorni di carenza di malattia.

Nonostante nel corso della trattativa siano state raggiunte intese su materie importanti quali Salute e Sicurezza, Contrattazione integrativa, successione delle imprese all’interno di ATI, RTI, Consorzi ecc. e soprattutto, attraverso le iniziative congiunte, si è giunti alla cancellazione della cosiddetta “Tassa di Licenziamento nei cambi di appalto, le controparti con la posizione assunta sulla malattia hanno cancellato i progressi fatti.

Nei testi elaborati dalla compagine datoriale, fatti pervenire alle OO. SS. prima dell’ultimo incontro, hanno effettivamente rappresentato le loro richieste per giungere alla sottoscrizione del rinnovo contrattuale e oltre alla malattia è stato chiesto di intervenire su:

Alla luce della pregiudiziale sulla malattia posta sul tavolo, Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil unitamente alle delegazioni trattanti, hanno denunciato l’impossibilità a proseguire nel confronto, aggiungendo che oltre alla forma, anche i contenuti di merito delle tematiche presentate non permettevano di portare la trattativa ad un esito positivo.

Filcams Fisascat e Uiltrasporti non intendono accettare che un negoziato aperto da quasi 4 anni sia sottoposto ad una pregiudiziale che attacca i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori di un settore che negli ultimi anni di crisi ha visto continui tagli sugli orari di lavoro e sulle retribuzioni, pertanto dichiarano

LO STATO DI AGITAZIONE E UN PACCHETTO DI 8 ORE DI SCIOPERO A LIVELLO NAZIONALE

VOGLIAMO IL CONTRATTO E LO VOGLIAMO ADESSO!

NEI PROSSIMI GIORNI VERRANNO EFFETTUATE LE ASSEMBLEE NEI LUOGHI DI LAVORO


Filcams Cgil-Fisascat Cisl-Uiltrasporti Uil
Nazionali

Roma, 22 febbraio 2017

Ep.1 Fuga di mezzanotte
ep01_mini
 Ep.2 Ritorno al futuro
Ep02_mini
Ep.3 Non Ci disturbi mai
Ep03_mini
Ep.4 Un’americana a Roma
Ep04_mini
Ep.5 Indovina chi non viene a cena
Ep05_mini
Ep.6 Tre metri quadri sopra il cielo
Ep06_mini

The new order_img_banner

Comunicati stampa
Rassegna stampa

Le immagini

 

L’archivio fotografico FILCAMS

Roma, 11 ottobre 2016

TESTO UNITARIO

A seguito delle diverse iniziative di pressione attivate sui territori e la proclamazione della manifestazione per il prossimo 18 ottobre, abbiamo ricevuto, in data odierna, la convocazione da parte della Presidenza del Consiglio per il medesimo 18 p. v. alle 14.00.

A fronte del risultato ottenuto riteniamo opportuno sospendere la manifestazione nazionale sopra richiamata.

Al momento manteniamo lo sciopero indetto per il 14 novembre 2016 anche in funzione dell’esito dell’incontro con la Presidenza del Consiglio.

p. La Segreteria Filcams Nazionale
Elisa Camellini

Segreterie Nazionali

COMUNICATO

Ormai da quasi due anni i lavoratori di Axitea vivono una situazione di incertezza continua. Le vicende connesse alla procedura concorsuale si sono susseguite nella totale assenza di informazione verso le Organizzazioni Sindacali e le proprie Rappresentanze in azienda. Ma le indiscrezioni circolano continuamente e l’unico modo per cercare di districarsi in questa ridda di voci è rincorrere le udienze in Tribunale o cercare verifiche in altre sedi.
L’azienda, anziché seguire le normali prassi e adempiere agli obblighi contrattuali e di legge in tema di relazioni sindacali e diritto di informazione, ha adottato il metodo della comunicazione unilaterale, spesso con proprie libere interpretazioni della realtà, diffondendo messaggi rassicuranti e parziali.
La realtà dice altro! Il 21 aprile il Tribunale di Milano ha preso atto della rinuncia di Axitea alla domanda di concordato preventivo; Axitea, in pari data, ha presentato una nuova domanda di concordato in bianco. Dopo 3 mesi, le OO.SS. non hanno ricevuto alcuna comunicazione circa l’evoluzione di questa domanda.
All’indomani di questo episodio, a fronte delle proteste espresse dalle OO.SS. e delle crescenti preoccupazioni dei lavoratori, Axitea ha spudoratamente replicato con lettere in cui negava le proprie responsabilità e affermava di aver sempre agito correttamente. Il 24 giugno, nell’ambito della procedura di raffreddamento Legge 146/90, l’azienda si è persino rifiutata di incontrare la delegazione sindacale ritenendola numericamente eccessiva !
Per queste ragioni, le OO.SS. e le Rappresentanze Sindacali hanno deciso la convocazione delle Assemblee dei Lavoratori nella giornata del 1° luglio. Dopo tre settimane di ulteriore "silenzio" aziendale, è necessario confermare lo stato di agitazione e passare ad un primo momento di mobilitazione: per questo le OO.SS. proclamano

SCIOPERO NAZIONALE DEI LAVORATORI AXITEA
per l’intero turno di lavoro
in data e con iniziative decise a livello territoriale
FILCAMS CGIL FISASCAT CISL UILTUCS

Roma, 28 luglio 2016

6 maggio 2016 sciopero intersettoriale unitarioSciopero Turismo, Mense, Terme, Pulizie, Multiservizi, Farmacie Private

minitwitter #FuoriServizio

 

6 maggio 2016

Le ragioni dello sciopero
The reasons of the strike
Comunicati stampa
Rassegna stampa

Le immagini dello sciopero

 

COMUNICATO SINDACALE
ALLE LAVORATRICI E AI LAVORATORI EX LSU E APPALTI STORICI

In data 3 febbraio 2016 le organizzazioni Sindacali hanno ricevuto dal Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri la convocazione di un incontro per il 25 febbraio 2016.

La convocazione giunge con ritardo rispetto a quanto previsto dall’accordo quadro raggiunto con la stessa Presidenza del Consiglio dei Ministri in data 30.07.2015, ma è il risultato della continua azione di sollecitazione da parte delle Organizzazioni Sindacali, sia di categoria che Confederali, nonché il frutto delle costanti iniziative territoriali sostenute dalle lavoratrici e dai lavoratori.

A seguito della suddetta convocazione Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil hanno condiviso, unitamente alle Confederazioni, di sospendere lo sciopero nazionale, e la relativa manifestazione, programmati per il prossimo 11.02.2016.

La decisione di sospendere le iniziative sindacali proclamate, in luogo della revoca, è stata determinata dalla necessità di valutare gli esiti dell’incontro previsto per il 25.02.2016.

Solo sulla base dell’andamento della riunione convocata per il 25 p. v. si deciderà in via definitiva rispetto alle iniziative sindacali attualmente sospese.

Filcams Cgil-Fisascat Cisl-Uiltrasporti Uil
Segreterie Nazionali

Roma, 8 febbraio 2016

Ha preso il via in questi giorni la campagna lanciata dalla Filcams Cgil, #SiamoDoveSei. Un’iniziativa che vuole raggiungere le lavoratrici e i lavoratori dei nostri settori: dalle colf e lavoratori domestici alle imprese di pulizie, dal commercio al terziario avanzato, dalla vigilanza privata ai portieri, dagli alberghi alle mense, dai pubblici esercizi alle terme, dall’acconciatura ed estetica agli studi professionali.

Con più di 400mila iscritti, la Filcams è la categoria della CGIL più numerosa e  svolge la propria  attività di tutela collettiva e individuale. Opera per la tutela e promozione dei diritti, per la realizzazione degli obiettivi di eguaglianza e solidarietà sociale per la tutela collettiva e individuale dei diritti e degli interessi economici, sociali, professionali delle lavoratrici e dei lavoratori,

La Contrattazione Nazionale, La Contrattazione aziendale e territoriale, l’ elezione dei rappresentanti sindacali, lo svolgimento delle assemblee sindacali, le vertenze di lavoro, le informazioni contrattuali e l’assistenza legale.

SiamoDoveSei_Albergo SiamoDoveSei_pulizie_web SiamoDoveSei_Ristorazione_web 

SiamoDoveSei_Commercio_web  SiamoDoveSei_StudiProfessionali_web

poster 70x100 slegalitalia filcams.indd

SLEGALITALIA:  Regole, Cultura, Lavoro nel Terziario
Roma, 20 maggio 2015

 

Le immagini dell’iniziativa

L’archivio fotografico FILCAMS

Oggetto : proclamazione stato di agitazione e sciopero nazionale 22 ottobre 2014

Nell’incontro tenutosi in data 30 settembre u.s. per il rinnovo del contratto collettivo scaduto il 20 giugno 2011, Federterme ha posto una pregiudiziale legata all’ampliamento della sfera contrattuale e nel contempo ha ribadito una posizione estremamente rigida sulla richiesta della revisione dell’istituto della malattia.
Le scriventi OO.SS. nel ribadire, per l’ennesima volta, che la sfera contrattuale non è ampliabile, hanno elencato le motivazioni della contrarietà con il rischio di fare dumping contrattuale.
Inoltre hanno evidenziato che l’ampliamento della sfera contrattuale riguarderebbe solo alcune strutture, mentre il CCNL in discussione riguarda tutto il personale del settore.
Per quanto riguarda la revisione dell’istituto della malattia, le OO.SS. hanno confermato già nello scorso incontro una proposta di mediazione con il solo fine di chiudere il contratto.
Per tali motivi, dopo diversi mesi di trattativa che si sono rivelati inutili a fronte della posizione rigida di Federterme in merito all’ampliamento della sfera contrattuale ed alla revisione dell’istituto della malattia, le organizzazioni sindacali nel proclamare lo stato di agitazione di tutti i dipendenti del settore Termale, indicono un pacchetto di 8 ore di sciopero che si terrà nella giornata del 22 ottobre 2014.

Filcams-CGIL Fisascat-CISL UILTuCS-UIL
L.Anile R.Raso I.Veronese

Roma 02 ottobre 2014

COMUNICATO SINDACALE
PROCLAMAZIONE STATO DI AGITAZIONE
LAVORATRICI E LAVORATORI APPALTI DI PULIZIA NELLE SCUOLE
(EX LSU-APPALTI STORICI)

Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil con lettera del 23 settembre 2013 hanno proclamato lo stato di agitazione delle lavoratrici e dei lavoratori occupati negli appalti di pulizia e servizi ausiliari presso gli Istituti Scolastici di ogni ordine e grado.

Le Organizzazioni Sindacali hanno evidenziato al Miur il mancato rispetto degli accordi assunti e sottoscritti al Tavolo Politico di confronto, preposto a trovare le soluzioni per garantire la continuità occupazionale e la tenuta del reddito del personale Ex Lsu e c. d. Appalti Storici.

Dopo la manifestazione nazionale dell’08.07.2013 indetta per rivendicare la tutela dell’occupazione e del reddito dei suddetti lavoratori, a fronte degli ulteriori tagli programmati dal Miur e le condizioni della gara Consip in via di effettuazione, si è concordato tra il Ministero dell’Istruzione e le scriventi di dare vita al Tavolo Politico sopra citato.

Il 22 luglio c. a. e il 2 settembre u. s. si sono svolti incontri al Tavolo per entrare nel merito della discussione ed in entrambe le occasioni si sono definiti accordi in merito alla trattazione della vertenza.

Specificatamente, il 02.09.2013, le parti hanno concordato di definire le soluzioni, atte alla tutela occupazionale e di reddito, antecedentemente all’avvio dei nuovi appalti, che avranno luogo con la conclusione della gara Consip in corso, proseguendo nel confronto in data 23 settembre 2013.

Inoltre il 23 u.s., si sarebbe dovuto fare un aggiornamento dello stato della gara Consip, per le necessarie verifica dei termini economici e temporali di attuazione, funzionali al proseguo del confronto e per la definizione delle soluzioni a cui è stato preposto il Tavolo Politico.

A seguito della cerimonia di apertura, presso la Presidenza della Repubblica, del nuovo anno scolastico 2013/2014, svoltasi il 23.09.2013, l’incontro previsto è stato posticipato al 30.09.2013 .

Rispetto al suddetto impegno le Organizzazioni Sindacali non hanno avuto nulla da eccepire vista l’importanza dell’evento per lo stesso Ministero.

Ad oggi però si registrano fatti e notizie che disattendono gli accordi finora raggiunti per la trattazione di una delicata vertenza che vede l’attivazione di procedure di licenziamento collettivo per circa 24.000 (ventiquattromila) lavoratrici e lavoratori, dipendenti delle imprese che attualmente gestiscono gli appalti oggetto della presente.

In riferimento alle pattuizioni raggiunte nell’incontro del 2 u. s., infatti vi è attualmente il riscontro dell’avvenuto affidamento definitivo da parte di Consip di 9 lotti su 13 complessivi e che sono state inviate ai diversi Istituti Scolastici note per la definizione dei nuovi contratti. Tutto ciò è intervenuto a distanza di pochi giorni dall’effettuazione della riunione del 2 u. s., durante la quale i rappresentanti del Miur hanno sostenuto non essere a conoscenza dello stato di avanzamento della gara Consip stessa.

Quanto sopra denunciato, oltre a contravvenire agli impegni assunti dal Miur stesso, determina un serio pregiudizio alla possibilità del Tavolo Politico di intervenire, a fondo ed efficacemente, sulle questioni in trattazione ed evidenzia come la volontà espressa da parte del Miur di arrivare a soluzioni condivise rischia di rivelarsi nei fatti, solo un impegno a parole.

Pertanto, visto quanto intervenuto, lo spostamento dell’incontro previsto per il 23 u.s., pur con tutte le ragioni del caso, al 30 c. m. viene letto come una iniziativa che si posiziona in un tempo dove tutto sarà già definito e non lascerà spazi di contrattazione che possano centrare l’obiettivo degli impegni assunti in tema di continuità lavorativa e di condizioni di reddito dei lavoratori coinvolti, ponendo Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, UIltrasporti-Uil nella condizione di ritenere necessario attivare tutte le iniziative sindacali a sostegno del buon esito della vertenza.

FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTRASPORTI-UIL

Roma, 25.09.2013