Category Archives: CONGEDI E PERMESSI

Data ,

Racc. a mano r.r.

      Spett.le Società

      ________________________

      Oggetto: richiesta di permesso retribuito ai sensi deIl’art. 14 del D.Lgs. n. 151 deI 26/3/01 (ex art. 7 D.Lgs. 645 del 26 novembre 1996).

La sottoscritta ____________________________________________ Vostra dipendente, in gestazione per gravidanza, chiede con la presente di assentarsi dal lavoro il giorno:

_______________ dalle ore alle ore ________________

Per :

      • Esame prenatale

      • Accertamento clinico

      • Visita medica

Questo al fine di ottenere il pagamento dei suddetti permessi.

Sarà mia premura fornire successivamente la documentazione attestante la data e l’orario di effettuazione degli esami.

Distinti saluti.

      ____________________________

(firma)

      Raccomandata R.R.

      Spett.le Società

      via ___________________________

      Spett.le lnps

      Sede di _______________________

Oggetto: Richiesta di congedo per gravi motivi familiari, art.4, comma 2, L. 53/2000

La sottoscritta / il sottoscritto _____________________________________________ nata/o a____________ il_______________ residente in _______________________ via _______________________ n.______

Dipendente da codesta Azienda con la qualifica di ______________________

Comunica che intende avvalersi di quanto previsto dalla legge indicata in oggetto e pertanto chiede di poter usufruire di un congedo per _______________________

Il periodo sarà il seguente:

dal __________________ al _________________ (periodo non superiore a 2 anni)

Distinti saluti

Firma ______________________________________

Allego:

      Documentazione medica ( D.M. 278/2000).

note

Il periodo di congedo, continuativo o frazionato, di durata non superiore a due anni nell’arco della vita lavorativa.

I gravi motivi che rendono possibile il congedo sono i seguenti:

a) le necessità familiari derivanti dal decesso di una delle persone indicate sopra;

b) le situazioni che comportano un impegno particolare del dipendente o della propria famiglia nella cura o nell’assistenza delle persone sopra elencate;

c) le situazioni di grave disagio personale, ad esclusione della malattia, nelle quali incorra il dipendente medesimo;

d) le situazioni, riferite ai soggetti di cui sopra ad esclusione del richiedente, derivanti da patologie acute o croniche che: determinano una temporanea o permanente riduzione o perdita dell’autonomia personale (ivi incluse le affezioni croniche di natura congenita, reumatica, neoplastica, infettiva, dismetabolica, post-traumatica, neurologica, neuromuscolare, psichiatrica, derivanti da dipendenze, a carattere evolutivo o soggette a riacutizzazioni periodiche); richiedono assistenza continuativa, frequenti monitoraggi clinici, ematochimici e strumentali o la partecipazione attiva del familiare nel trattamento sanitario; sono relative all’infanzia e all’età ; evolutiva ed a quelle per le quali il programma terapeutico e riabilitativo richiede il coinvolgimento dei genitori o del soggetto che esercita la potestà.

Documentazione da presentare

Ai sensi dell’art. 3 del D.M. n. 278/2000, idonea documentazione del medico specialista del Servizio sanitario nazionale o con esso convenzionato o del medico di medicina generale o del pediatra di libera scelta o della struttura sanitaria nel caso di ricovero o intervento chirurgico.

La certificazione deve essere presentata al datore di lavoro entro cinque giorni dalla ripresa dell’attività lavorativa, mentre quella relativa alle patologie deve essere presentata contestualmente alla domanda di congedo.

Quando l’evento che dà titolo al permesso o al congedo è il decesso, il dipendente è tenuto a documentare detto evento con la relativa certificazione, ovvero, nei casi consentiti, con dichiarazione sostitutiva.

1

Data,

Raccomandata R.R.

      Spett.le Società

      via ___________________________

      Spett.le lnps

      Sede di _______________________

Oggetto: Richiesta di congedo per la formazione ai sensi art. 5, legge 53/2000

La sottoscritta / il sottoscritto _____________________________________________ nata/o a____________ il_______________ residente in _______________________ via _______________________ n.______

Dipendente da codesta Azienda con la qualifica di ______________________

Comunica che intende avvalersi di quanto previsto dalla legge indicata in oggetto e pertanto chiede di poter usufruire di un congedo per _______________________

Il periodo sarà il seguente:

dal __________________ al _________________ (periodo non superiore a 11 mesi nell’arco della vita lavorativa)

Distinti saluti

Firma ______________________________________

Note:

Requisiti : lavoratori con almeno 5 anni di anzianità di servizio presso la stessa azienda. Il periodo non può superare 11 mesi, continuativo o frazionato, nell’arco dell’intera vita lavorativa.

1

Oggetto: Richiesta di permesso retribuito per grave infermità ai sensi art. 4, legge 53/2000 e art. 1,2,3 D.M.278/2000

La sottoscritta / il sottoscritto _____________________________________________ nata/o a____________ il_______________ residente in _______________________ via _______________________ n.______

Dipendente da codesta Azienda con la qualifica di ______________________

Comunica che intende avvalersi di quanto previsto dalla legge indicata in oggetto perché __________________________(indicare nome e cognome e il grado di parentela ) è in condizioni di grave infermità (oppure è deceduto).

Pertanto chiede di usufruire dei tre giorni lavorativi retribuiti nei giorni _________________

Distinti saluti

Allegato: documentazione medica attestante la grave infermità o il decesso (in mancanza: obbligo di presentare la certificazione entro 5 giorni dalla ripresa del lavoro)

note

I Casi sono:

decesso o grave infermità, purchè documentata, del coniuge o di un parente entro il secondo grado, anche non convivente, o di un soggetto componente la famiglia anagrafica della lavoratrice o del lavoratore medesimi (v. anche D.M. n. 278/2000, art. 1).

Il permesso deve essere usato entro sette giorni dal decesso o dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere a conseguenti specifici interventi terapeutici. A pena di decadenza.

Nei giorni di permesso non sono considerati i festivi e quelli non lavorativi.

In alternativa al permesso di tre giorni, il lavoratore o la lavoratrice, nell’ipotesi di grave infermità documentata, possono concordare con il datore di lavoro l’espletamento dell’attività lavorativa con modalità diverse, anche per periodi superiori a tre giorni. (vedi altra lettera)

1

Oggetto: Richiesta di permesso retribuito per grave infermità ai sensi art. 4 , legge 53/2000 e art. 1,2,3 D.M.278/2000

Io sottoscritta / io sottoscritto _____________________________________________ nata/o a____________ il_______________ residente in _______________________ via _______________________ n.______

Dipendente da codesta Azienda con la qualifica di ______________________

Comunico che intende avvalermi di quanto previsto dalla legge indicata in oggetto perché __________________________(indicare nome e cognome e il grado di parentela ) è in condizioni di grave infermità (oppure è deceduto).

Chiede pertanto di concordare con codesta Società , in alternativa ai 3 giorni di permesso diverse modalità (anche per periodi superiori a 3 giorni) di seguito elencate.

__________________________________

In attesa di riscontro, porgo cordiali saluti.

Data,

Allegata: documentazione medica che attesta la grave infermità

note

In alternativa al permesso di tre giorni, il lavoratore o la lavoratrice, nell’ipotesi di grave infermità documentata, possono concordare con il datore di lavoro l’espletamento dell’attività lavorativa con modalità diverse, anche per periodi superiori a tre giorni.

E’ necessario stipulare un accordo in forma scritta che deve indicare i giorni di permesso sostituiti ed i criteri per le eventuali verifiche periodiche della permanenza della grave infermità.

Le diverse modalità concordate devono comportare una riduzione dell’orario di lavoro complessivamente non inferiore ai giorni di permesso che vengono sostituiti.

Tale riduzione deve avere inizio entro sette giorni dall’accertamento dell’insorgenza della grave infermità o della necessità di provvedere agli interventi terapeutici.

I permessi in esame sono cumulabili con quelli previsti per l’assistenza delle persone handicappate (L. n. 104/1992, art. 33).

1