Category Archives: FILCAMS

ABRUZZO – Luca Ondifero
AGRIGENTO – Franco Castronovo
ALESSANDRIA - Mario Galati
ANCONA - Joice Moscatello
AREZZO - Marusca Gaggi
ASCOLI PICENO – Alessandro Pompei
ASTI – Nicola De Filippis
AVELLINO – Giovanni Carpino
BARI – Barbara Neglia
BAT - Mary Manocchio
BELLUNO - Mauro De Carli
BENEVENTO – Antonella Rubbo
BERGAMO – Romeo Lazzaroni
BIELLA - Michele Racanelli
BOLOGNA – Sonia Sovilla
BOLZANO – Maurizio Surian
BRESCIA - Paolo Saccomani
BRIANZA - Gerardo Galassi
BRINDISI - Amedeo Montagna
CAGLIARI - Nella Milazzo
CALTAGIRONE – Nunzio Martorana
CALTANISSETTA – Emanuele Scicolone
CAMPANIA – Raffaele Lieto
CASERTA – Benedetto Arricale
CASTROVILLARI - Vincenzo Laurito
CATANIASalvatore Leonardi
CATANZARO - Elisabetta Fruci
CESENA - Lorena Giorgini
CHIETI – Sergio Aliprandi
COMO – Ivan Garganigo
COSENZA - Maria Bruno
CREMONA - Carla Spelta
CROTONE - Armando Labonia
CUNEO – Loredana Sasia
ENNA - Roberto Di Vincenzo
FERMO – Ernesto Tassotti
FERRARA - Davide Fiorini
FIRENZE – Massimiliano Bianchi
FORLI – Maria Giorgini
FRIULI VENEZIA GIULIA – Susanna Pellegrini
FROSINONE – Alfredo Cocorocchio
GENOVA - Igor Magni
GORIZIA - Sergio Valcovich
GROSSETO - Andrea Ferretti
IMOLA - Morena Visani
IMPERIA – Fulvio Fellegara
L’AQUILA – Emilio Speca
LA SPEZIA – Luca Comiti
LATINA – Patrizia Fieri
LAZIO – Vittorio Pezzotti
LECCE – Valentina Fragassi
LECCO – Stefania Sorrentino
LEGNANO – Vincenzo Bevilacqua
LIGURIA – Giovanni Bucchioni
LIVORNO – Franco Franceschini
LODI – Angelo Raimondi
LUCCA – Massimiliano Bindocci
MACERATA – Michela Verdecchia
MANTOVA - Daniele Soffiati
MASSA CARRARA – Stefano Nicoli
MESSINA - Carmelo Garufi
MILANO – Graziella Carneri
MODENA – Fiorella Prodi
MOLISE – Franco Spina
NAPOLI – Raffele Lieto
NOVARA/VERBANIA – Attilio Fasulo
NUORO – Paolo Cau
OLBIA – Giuseppina Pittalis
PADOVA - Cecilia De Pantz
PALERMO - Monja Caiolo
PARMA – Francesca Balestrieri
PAVIA - Lorena Bini
PERUGIA – Stefania Cardinali
PESARO – Barbara Lucchi
PESCARA – Lucio Cipollini
PIACENZA – Fiorenzo Molinari
PISA – Cinzia Bernardini
PISTOIA - Luisella Brotini
PORDENONE - Daniela Duz
PRATO – Alberto Santini
RAGUSA - Salvatore Tavolino
RAVENNA – Roberto Cornigli
REGGIO EMILIA – Luca Marchesini
RIETI - Enrico Turchi
RIMINI - Isabella Pavolucci
ROMA – Vittorio Pezzotti
ROVIGO – Pier Alberto Colombo
SALERNO – Antonio Grieco
SASSARI - Sebastiano Crosa
SAVONA – Mario Recagno
SIENA – Luca Turchetti
SIRACUSA - Stefano Gugliotta
SONDRIO – Guglielmo Zamboni
TARANTO – Giovanni D’Arcangelo
TERAMO – Franco Di Ventura
TERNI - Desiree Marchetti
TORINO – Elisabetta Mesturino
TRAPANI – Anselmo Gandolfo
TREVISO – Nadia Carniato
TRENTORoland Caramelle
UDINE - Francesco Buonopane
VALCAMONICA – Paola Zanardini
VARESE - Pino Pizzo
VENEZIA – Monica Zambon
VERCELLI – Valter Bossoni
VERONA - Floriano Zanoni
VIBO VALENTIA – Fortunato Petrolo
VICENZA - Umberto Marin
VITERBO – Carlo Proietti

14 febbraio
Nuoro

17 febbraio
Benevento – Foggia – Imperia
Medio Campidano

18 febbraio
Brindisi – Sondrio

19 febbraio
Lecce – Lodi – Olbia – Terni – Valcamonica

20 febbraio
Bologna – Como – La Spezia – Pescara – Taranto

21 febbraio
Asti – Bari – Bologna – Crotone – Lecco
Mantova – Sassari – Savona

22 febbraio
Vibo Valentia

24 febbraio
Alessandria – Brescia – Cosenza – Cremona
Fermo – Gorizia – Macerata – Piacenza
Reggio Emilia – Rieti – Siracusa

25 febbraio
Catanzaro – Civitavecchia – Cuneo – Milano
Modena – Pistoia – Pordenone – Prato
Ragusa – Ravenna – Siena – Teramo
Ticino Olona – Torino – Vicenza

26 febbraio
Agrigento – Ascoli Piceno – BAT – Forlì
Genova – Latina – L’Aquila – Matera
Milano – Parma – Pavia – Pisa
Reggio Calabria/Gioia Tauro
Roma Centro Ovest Litoranea
Salerno – Torino – Trieste – Verona

27 febbraio
Biella – Brianza – Cagliari – Carbonia/Sulcis – Catania – Chieti
Ferrara – Firenze – Frosinone – Grosseto – Imola – Livorno
Lucca – Massa Carrara – Napoli – Oristano
Padova – Pesaro – Roma Est Valle dell’Aniene – Varese – Viterbo

28 febbraio
Ancona – Avellino – Bergamo – Bolzano
Castrovillari – Cesena – Lucca – Messina
Napoli – Novara/Verbania – Palermo – Pomezia
Rimini – Trapani – Udine – Varese – Venezia



1 marzo
Caltanissetta

3 marzo
Arezzo – Caserta – Friuli Venezia Giulia
Rovigo – Treviso

4 marzo
Abruzzo – Enna

5 marzo
Belluno – Campania – Perugia
Valle d’Aosta

6 marzo
Campania

7 marzo
Liguria – Molise

8 marzo
Potenza

10 marzo
Lazio – Toscana – Trento

11 marzo
Lazio – Toscana – Sardegna

12 marzo
Calabria – Lombardia – Marche

13 marzo
Emilia Romagna – Lombardia – Piemonte

14 marzo
Emilia Romagna – Puglia

19 marzo
Sicilia – Veneto

20 marzo
Sicilia

Inactive hide details for PiemontePiemonte

Congresso Regionale Presentazione Documento politico

Alessandria Relazione di Mario Galati

Cuneo Relazione di Loredana Sasia

Novara/Verbano Cusio Ossola Documento politico

Torino Relazione di Elisabetta Mesturino Documento politico
Emendamenti

Inactive hide details for LombardiaLombardia
Congresso Regionale Relazione di Gian Mario Santini Programma
Documento politico
Ordini del giorno

Bergamo Relazione di Romeo Lazzaroni Documento politico

Brescia Relazione di Paolo Saccomani Documento politico

Brianza Relazione di Gerardo Galassi Documento politico

Como Relazione di Ivan Garganigo Documento politico

Cremona Relazione di Carla Spelta Documento politico

Lecco Relazione di Stefania Sorrentino Documento politico

Lodi Relazione di Angelo Raimondi Documento politico

Mantova Relazione di Daniele Soffiati Documento politico

Milano Relazione di Graziella Carneri Ordini del giorno:
Rappresentanza
Donne
Documento politico

Pavia Relazione di Lorena Bini Documento politico

Sondrio Relazione di Guglielmo Zamboni Ordine del Giorno

Varese Relazione di Pino Pizzo Documento politico

Inactive hide details for VenetoVeneto
Padova

Locandina
Verona Relazione di Floriano Zanoni
Programma
Manifesto
video 1
video 2

Vicenza Programma

Inactive hide details for TrentinoTrentino
Trento Programma

Inactive hide details for Friuli Venezia GiuliaFriuli Venezia Giulia
Congresso Regionale Documento politico

Trieste Documento politico

Inactive hide details for Emilia RomagnaEmilia Romagna
Congresso Regionale Relazione di Veronica Tagliati
Programma
Manifesto
Documento politico

Bologna Relazione di Sonia Sovilla Documento politico

Cesena Relazione di Lorena Giorgini Documento politico

Ferrara Relazione di Davide Fiorini Documento politico

Forlì Relazione di Maria Giorgini Documento politico

Imola Relazione di Morena Visani Documento politico

Modena Relazione di Fiorella Prodi Documento politico

Parma Relazione di Francesca Balestrieri Documento politico
Ordine del Giorno

Ravenna Relazione di Roberto Cornigli Documento politico

Reggio Emilia Documento politico di maggioranza
Documento politico su linea Cremaschi
Ordini del Giorno:
Cooperazione
Testo unico democrazia e rappresentanza
Emendamento aggiuntivo

Rimini Relazione di Isabella Pavolucci Documento politico

Inactive hide details for ToscanaToscana
Congresso Regionale Documento politico
Programma
Ordini del Giorno:
Sicurezza
Donne
Legge 146

Firenze F.MARTINI: Offrire prospettiva di sviluppo al terziario italiano (video)

Livorno

Brochure
Lucca Locandina

Pisa Programma Documento politico

Inactive hide details for MarcheMarche
Congresso Regionale Ordini del Giorno:
Sviluppo sostenibile del commercio
Solidarieta’ lavoratrici ex lsu e appalti

Pesaro Urbino Relazione di Simone Paolucci

Inactive hide details for LazioLazio
Roma Lazio Relazione di Vittorio Pezzotti Programma

Inactive hide details for CampaniaCampania
Congresso Regionale Relazione di Raffaele Lieto Documento politico
Programma
Locandina

Salerno Programma

Inactive hide details for PugliaPuglia
Congresso Regionale Programma
Locandina
Video

Bari Programma

Bat Programma

Foggia Programma

Inactive hide details for BasilicataBasilicata
Matera Locandina Documento politico

Inactive hide details for CalabriaCalabria
Congresso Regionale Programma
Manifesto

Castrovillari Relazione di Vincenzo Laurito Programma

Cosenza Programma

Inactive hide details for SiciliaSicilia
Congresso Regionale Programma

Catania Relazione di Salvatore Leonardi

Messina Relazione di Carmelo Garufi
Programma
Locandina

Palermo Locandina

Siracusa Programma

Inactive hide details for SardegnaSardegna
Congresso Regionale Relazione di Simona Fanzecco Documento politico

Il calendario

I documenti
I segretari generali
Le immagini

Documenti
Il numero di “Diario Terziario” sul resoconto del Congresso
Il Comitato Direttivo eletto
Il documento politico

Ordini del Giorno:
Migrazione in Filcams
Azioni per una cultura della diversita’
Socio lavoratore

La relazione di Franco Martini, Segretario Generale FILCAMS

Form-Azione Filcams Riflettere, conoscere, fare sistema per rafforzare l’azione sindacale nell’universo terziario
I lavoratori stranieri nel terziario della FILCAMS
I lavoratori stranieri nel terziario: un’analisi statistica I° Rapporto ABT-FILCAMS
REPORT ATTIVITÀ FILCAMS CGIL NAZIONALE 2010 – 2014

Il programma dei lavori
Il documento programmatico
Il numero di “Diario Terziario” sul Congresso

Media
Conclusioni di Serena Sorrentino, Segreteria CGIL
Tavola rotonda “Globalizzazione, commercio, modello di sviluppo”
Tavola rotonda “Legalita’ nel Terziario”
Tavola rotonda “Donne sull’orlo di una crisi”
Relazione di Franco Martini
La FILCAMS su YouTube
Galleria fotografica

I Congressi Territoriali e Regionali

Comunicati stampa
(12/04/2014) Sorrentino, Qualita Del Lavoro E Lotta Alle Disuguaglianze
(11/04/2014) Concluso Il Xiv Congresso Nazionale Franco Martini Confermato Segr. . .
(10/04/2014) Le Infiltrazioni Mafiose: Le Lacune Dello Stato E Le Difficolta De. . .
(09/04/2014) Globalizzazione, Commercio, Modello Di Sviluppo: Rischiamo Davvero. . .
(09/04/2014) L’Infiltrazione Mafiosa Nei Settori Economici
(09/04/2014) Martini: L Universo Terziario Deve Contare Di Piu, Dare Voce A Chi. . .
(08/04/2014) La Solitudine Del Terziario – Int. F.Martini
(04/04/2014) Donne Sull’ Orlo Di Una Crisi
(02/04/2014) Congresso Filcams Cgil Nazionale: Dal 9 All’11 Aprile A Riccione
(26/03/2014) Congresso Filcams: Dal 9 All’11 Aprile A Riccione,
(10/03/2014) Congressi, Al Via Gli Appuntamenti Regionali
(24/02/2014) Proseguono I Congressi
(19/02/2014) I Congressi Della Filcams

Rassegna stampa
(17/04/2014) Il fatto quotidiano – Lavoro, Globalizzazione: Chi Risponde A Queste D. . .
(13/04/2014) il Manifesto – Il Dibattito Ritrovi L`Unità: Basta Con Gli Orti. . .
(10/04/2014) L’Unità – Diritti E Visibilità Per Lavoratori Del Terziario
(10/04/2014) Corriere Romagna – La Cgil E Il Lavoro Illegale

Link Correlati
     XIII Congresso Filcams CGIL




Documenti
La relazione di Franco Martini ………..Il video
Il documento conclusivo approvato
Il documento alternativo respinto
Il documento programmatico
Il documento sulle politiche di genere
Il Comitato Direttivo eletto
I delegati al XVI Congresso CGIL
Gli ordini del giorno
Gli emendamenti

I filmati degli interventi

Politiche Giovanili: la Filcams parla giovane
Presentazione di Daria Banchieri
video 1 – Intervista ai delegati
video 2 – Intervista doppia a Piero Marconi e Daria Banchieri

Tavola Rotonda: Difendere i diritti sul lavoro contro la scure del Governo

Questionario – Consumi e sviluppo distributivo

Le immagini
Le delegazioni internazionali
Il programma dei lavori

I congressi territoriali e regionali:
Il calendario
I documenti
Le immagini

L’articolo della UITA in lingua spagnola

Comunicati stampa
(24/04/2010) Chiuso Il Xiii Congresso Della Filcams Cgil
(21/04/2010) Ultimo Giorno Di Lavori Per La Filcams Cgil Nazionale
(21/04/2010) Pierangelo Raineri Segretario Generale Della Fisascat Cisl, Interv. . .
(21/04/2010) L’Intervento Di Susanna Camusso
(21/04/2010) Si È Chiuso Il Xiii Congresso Della Filcams Cgil Nazionale
(21/04/2010) Franco Martini Confermato Segretario Generale Filcams Cgil
(20/04/2010) Xiii Congresso Filcams Cgil : Il Secondo Giorno
(20/04/2010) Come Eravamo …Quando I Sovversivi Erano I Camerieri E I Commessi
(20/04/2010) Congresso Filcams Cgil, Nel Pomeriggio Un Tavola Rotonda Sul Lavoro
(19/04/2010) Poche Ore All’Inizio Dei Lavori
(19/04/2010) L’Arrivo Dei Delegati
(19/04/2010) E’ Iniziato Il Xiii Congresso Della Filcams Cgil
(19/04/2010) La Relazione Del Segretario Generale Franco Martini: Gli Obiettivi. . .
(19/04/2010) Il Xiii Congresso
(18/04/2010) Dal 19 Al 21 Aprile – A Riccione Il Xiii Congresso Della Filcams C. . .
(18/04/2010) Gli Ultimi Preparativi
(16/04/2010) Difendere I Diritti Sul Lavoro Contro La Scure Del Governo
(12/04/2010) In Linea Con Il Congresso – Online Con Il Congresso: Il Primo Cong. . .
(15/03/2010) Ultima Settimana Di Congressi
(12/03/2010) Si È Chiusa La Settimana Dedicata Ai Congressi Regionali
(11/03/2010) Nasce Il Sito Dedicato Ai Lavoratori Di Mc Donald’S
(10/03/2010) Palermo – Dialogo Sociale: Base Dello Sviluppo Sostenibile Del Med. . .
(10/03/2010) Proseguono I Congressi Regionali
(08/03/2010) I Congressi Territoriali Disegnano Una Nuova Filcams
(03/03/2010) Secondo Giorno Per I Congressi Regionali
(02/03/2010) I Congressi Regionali Della Filcams Cgil
(02/03/2010) Congresso Liguria – Tavola Rotonda Sulle Assistenti Familiari
(01/03/2010) Il Congresso Di Forlì Ospita Il Sindacato Belga
(01/03/2010) Le Due “Reggio” A Congresso: Dove Il Rinnovamento Generazionale È . . .
(26/02/2010) I Congressi
(25/02/2010) Un’Altra Giornata Di Congressi
(24/02/2010) I Congressi
(23/02/2010) Proseguono I Congressi
(22/02/2010) Settimana Dedicata Ai Congressi
(22/02/2010) Un Ospite D’Eccellenza Al Congresso Di Castrovillari
(18/02/2010) I Congressi – Iniziano I Lavori A Milano
(16/02/2010) Il 3° Congresso Provinciale Della Filcams Di Caltanissetta

Rassegna stampa
(22/04/2010) L’Unità – Congressi Cgil Filcams
(21/04/2010) il Manifesto – «Vogliamo La Cig Come Tutti Gli Altri»
(20/04/2010) L’Unità – Filcams A Congresso: «Per Il Terziario Un Futuro. . .
Link Correlati
     XII Congresso Filcams CGIL
     Gli articoli del blog

XIII Congresso Filcams Cgil
Riccione, 19 – 21 aprile 2010

Documento Conclusivo

Il Congresso assume la relazione introduttiva di Franco Martini, le conclusioni di Susanna Camusso, con i contributi venuti dal dibattito.

1. Il Congresso assume il Documento presentato dalla Segreteria Nazionale all’inizio del percorso congressuale, sulle problematiche del settore e della categoria, comprensivo delle integrazioni apportate dai Congressi ai vari livelli. Assume altresì il documento sulle Politiche di Genere. Tali documenti costituiscono il programma strategico della Filcams per il prossimo mandato congressuale e definisce valori ed obiettivi attorno ai quali costruire il proprio rinnovamento politico ed organizzativo.
Il nuovo gruppo dirigente è impegnato a verificarne la sua coerente attuazione a tutti i livelli dell’organizzazione, nel quadro di una costante qualificazione degli indirizzi strategici in esso contenuti.

2. Il perdurare della crisi nel terziario, tutt’altro che in via di superamento, determina nel settore un aggravamento delle prospettive occupazionali e delle condizioni di lavoro. Dalla Grande Distribuzione Organizzata, ai servizi, dal turismo al terziario avanzato tutto il terziario è al centro dei processi di ristrutturazione condotti dalle imprese, che tendono a scaricare sul lavoro i costi della crisi, la difesa dell’occupazione con il blocco dei licenziamenti è divenuta oggi una priorità, in particolare nel Mezzogiorno, dove la battaglia perlo sviluppo è battaglia per la legalità, contro tutte le mafie.

Dopo le iniziative di lotta che hanno coinvolto le lavoratrici ed i lavoratori impegnati nelle crisi aziendali, la Filcams ritiene indispensabile promuovere un’azione di intensificazione della mobilitazione a sostegno delle vertenze in atto, per la ricerca di una positiva soluzione, per la tutela dei diritti e delle condizioni economiche ed occupazionale.
Occorre promuovere una iniziativa di riunificazione della mobilitazione nella Grande Distribuzione Organizzata, per collegare le singole vertenze ad un confronto generale sul rispetto delle intese sottoscritte con le associazioni del commercio, a partire dal Patto per il Lavoro, nei quali si assume l’impegno per la difesa della base occupazionale del settore e la salvaguardia della contrattazione di secondo livello.

Analoghe difficoltà si riscontrano nel comparto del pulimento/multiservizi, dove il taglio dei finanziamenti pubblici ha accentuato problemi preesistenti negli appalti storici, negli ex-lsu, nonché in relazione ai gravi ritardi dei pagamenti.
Occorre, per questo, assumere subito dopo il Congresso una iniziativa di carattere nazionale, che coinvolga la Confederazione, per rivendicare assieme alla certezza di finanziamenti, il rafforzamento ed il completamento delle regole, nel segno della trasparenza e legalità perseguendo l’obiettivo di cancellare gli appalti al massimo ribasso.

Per dare gambe alla modifica degli ammortizzatori sociali per i settori che ne sono privi cosi come indicato all’interno del CCNL del Turismo.
La filcams si impegna a richiedere un incontro unitario al governo perché anche per i lavoratori part time verticale misti (mense scolastiche ecc.) vengano definiti, nei mesi di assenza involontaria dal lavoro, elementi di welfare (es: Assegni famigliari, contributi pensionistici figurativi, sostegno al reddito) .
Per sostenere tale richiesta con la mobilitazione si impegna a promuovere un iniziativa di lotta nazionale con manifestazione a ROMA prima della fine dell’anno scolastico.

Nel terziario avanzato i forti contraccolpi sull’occupazione, determinati dai processi di riorganizzazione, richiedono oltre alla messa in campo di strumenti di tutela e salvaguardia dell’occupazione, in un quadro di una azione di maggiore coordinamento da parte della Filcams, un rafforzamento del suo ruolo di interlocuzione e di governo dei processi.

3. Nel quadro dell’iniziativa a sostegno dei diritti e dell’occupazione in un settore frammentato come il terziario, assume importanza determinante l’iniziativa per respingere la controriforma del diritto del lavoro avviata dal Governo prima con la Legge 30 oggi con il ddl 1167. Il problema va oltre la questione dell’arbitrato. Con il collegato sul lavoro, intervenendo anche sul diritto di sciopero, sullo Statuto dei Diritti dei Lavoratori e dopo la firma dell’accordo separato sulla riforma del modello contrattuale, l’obiettivo è riscrivere il diritto del lavoro.

Il contesto in cui si muove e si muoverà la contrattazione della Filcams è segnato profondamente dall’accordo del 22 gennaio 2009 che ha aperto una fase in cui la crisi economica è perennemente sfruttata dai promotori di quell’accordo per limitare la contrattazione (a tutti i livelli) e ridimensionare l’autonomia negoziale, trasformando il Sindacato in un soggetto corporativo e di mercato.
Il libro Bianco di Sacconi si è successivamente sviluppato in continuità e coerenza con l’accordo separato profilando un Welfare State dimezzato, privatizzato e corporativo e il cd “collegato lavoro” infine si è inserito in questa cornice di completa ridefinizione delle relazioni sociali, che rischia di assegnare all’impresa un indiscusso ruolo centrale e dominante della società e il lavoratore elemento marginale e totalmente subalterno.

Sul terziario, tale scelta avrebbe conseguenze molto gravi, esponendo le lavoratrici ed i lavoratori, già privati dei diritti universali di protezione dalla crisi, a pesanti ricatti e condizionamenti. Inoltre, consoliderebbe l’idea che la via di uscita dalla crisi va ricercata nella riduzione dei diritti sul lavoro.
Per questo, la Filcams è impegnata in prima fila nella battaglia per impedire, ricorrendo a tutte le forme di lotta necessarie, il cammino del ddl 1167, promuovendo una forte mobilitazione su tutto il territorio nazionale e nella società, senza escludere il ricorso allo sciopero generale, per coinvolgere, in questa battaglia culturale e politica, i giovani, prime vittime del disegno, le donne, i lavoratori stranieri, le giovani professioni, tutto il mondo dei lavori del terziario.

4. Ciò assume ancor più importanza a fronte di una stagione contrattuale che, nel terziario, si propone di collegare la tutela ed il consolidamento dei diritti, con l’obiettivo di un nuovo sviluppo sostenibile del settore, fondato sulla revisione critica dei modelli che hanno caratterizzato la sua crescita in tutti questi anni.
Operando dentro un contesto determinato dall’accordo separato sul modello contrattuale, la Filcams, in coerenza con le posizioni della Confederazione, continuerà a stare in campo, per rappresentare ai tavoli contrattuali le migliaia di lavoratrici e lavoratori che individuano nella nostra organizzazione il soggetto della loro rappresentanza e lo strumento per la loro tutela, operando affinché gli esiti delle nostre esperienze contrattuali concorrano a ridefinire le regole della Contrattazione attraverso il superamento dell’Accordo sottoscritto senza CGIL.

In questo senso la contrattazione della Filcams a livello nazionale, come nel secondo livello deve avere l’obiettivo di annullare l’efficacia dell’Accordo Separato ridando forza e valore alla libertà e alla autonomia negoziale ed al contempo impedire che gli enti bilaterali siano strumenti per la completa realizzazione del progetto di riforma del Welfare del Governo Berlusconi.
In questo senso la Filcams dovrà aprire una riflessioni sugli enti bilaterali di cui già oggi fa parte, su come questi si relazionano con la contrattazione, con il libro bianco di Sacconi e con i cd “collegato lavoro”.

Ciò comporta coerenza, nel merito delle piattaforme, con le priorità rivendicative della categoria, la lotta alla precarietà diffusa, contro i bassi salari, per un maggior controllo dell’organizzazione del lavoro per la salute e sicurezza delle lavoratrici e lavoratori, per la loro promozione e riconoscimento professionale, assumendo tali obiettivi tanto, quali obiettivi generali, da conseguire in ogni settore, quanto, da assumere nell’ambito di una maggiore diffusione della contrattazione di genere.
In particolare l’emergenza salariale per i nostri settori ha bisogno di risposte immediate che coinvolgano Contratti, contrattazione di secondo livello, fisco e stato sociale.

La nuova stagione contrattuale della Filcams dovrà quindi coniugare innovazione e crescita della contrattazione con l’obiettivo di dare forza al contratto nazionale come strumento inderogabile di crescita del salario, dei diritti e delle tutele dei lavoratori, in particolare per i settori più deboli come quelli caratterizzati dalla presenza di appalti, e impedire che il CCNL diventi uno strumento per imbrigliare la libertà e l’autonomia negoziale del secondo livello. Ampliare la contrattazione significa aumentare gli ambiti di intervento e la possibilità di articolazione (aziendale, territoriale, di sito ed anche di filiera non in alternativa tra di loro), favorire una maggiore diffusione della contrattazione di genere ed in questo modo accrescerne la qualità e l’estensione anche quantitativa.

5. Ciò comporta coerenza anche con la pratica della democrazia sindacale. Il vincolo della consultazione per la Filcams dovrà essere esercitato in ogni caso, anche in assenza di intese con le altre organizzazioni e ad ogni livello contrattuale, sia in occasione della predisposizione delle piattaforme contrattuali e successive ipotesi di accordo, sia in relazione alle scadenze della contrattazione di secondo livello
La Filcams –tuttavia- proporrà a Fisascat e Uiltucs e Uiltrasporti di condividere tale percorso democratico, sia in relazione ai tavoli negoziali in corso, sia in occasione delle prossime scadenze contrattuali.
Al tempo stesso, la Filcams dovrà farsi promotrice di tutta l’iniziativa necessaria per mettere al centro dell’agenda politica il tema delle regole e della misurazione della rappresentanza sindacale, a partire dal sostegno alle iniziative decise dal Direttivo Nazionale della Cgil.

In questo quadro, impegno della Filcams dovrà essere quello di rilanciare l’iniziativa sindacale nei luoghi di lavoro, valorizzando la rete di delegati e delegate, per renderli protagonisti di un’azione politica comune, a partire dalla loro valorizzazione, sia nel momento del rinnovo del Ccnl, che delle vertenze aziendali in tal senso assumono particolare importanza il ruolo delle delegazioni trattanti.

6. Il tema della partecipazione alla vita della Filcams, richiede uno sforzo per arrivate ad un’analisi approfondita sul nostro radicamento e sindacalizzazione nei luoghi di lavoro e nei singoli settori. Ciò, anche alla luce delle profonde trasformazioni intervenute nei processi della rappresentanza sociale e politica, in relazione ai quali, le ultime elezioni regionali hanno confermato la dicotomia crescente.
La Filcams per questo è impegnata a sostenere il processo di rinnovamento del XIII Congresso, quale progetto di consolidamento ed allargamento della rappresentanza dei lavori del mondo del terziario, fondato sulla difesa e sulla valorizzazione della confederalità.

7. Il Congresso, nel riconoscere l’esito politico che si è determinato nelle assemblee congressuali della Filcams, assume come un valore la gestione unitaria della categoria, da realizzare attraverso la valorizzazione della democrazia e del pluralismo. L’unità della categoria è condizione necessaria per affrontare le grandi sfide che abbiamo di fronte.

NB: I filmati e gli spezzoni audio si possono ascoltare/visualizzare con Real Player 10. Se sul tuo computer non e’ installato Real Player puoi scaricarlo cliccando qui ->

XIII Congresso Filcams Cgil
Riccione, 19 – 21 aprile 2010

DOCUMENTO ALTERNATIVO

L’accordo sottoscritto da CISL, UIL, Governo e Confindustria rappresenta lo spartiacque del modello di sindacato (…)
che, nella crisi economica attuale, sia funzionale e complice al progetto politico di Confindustria la quale intende “ scaricare “ i costi della crisi economica e sociale sulle spalle dei Lavoratori, dei Precari e dei Pensionati del nostro Paese.
Dinnanzi a questo quadro politico devastante i rinnovi contrattuali delle categorie dimostrano chiaramente, a partire dal rinnovo contrattuale del turismo, che malgrado il giudizio negativo espresso all’unanimità dalla nostra organizzazione sul modello contrattuale, la CGIL si appresta a rientrare in un rapporto unitario con CISL e UIL con conseguenze nefaste per i Lavoratori nei prossimi rinnovi contrattuali di categoria nel continuare ad applicare le regole previste dal modello contrattuale “separato”.
A tal proposito, è eloquente la posizione espressa dal Segretario Epifani di attendere la fine della sperimentazione dell’accordo del gennaio 2009 per ritornare successivamente al tavolo della trattativa con Governo e Confindustria per definire le nuove regole contrattuali.
Continuiamo a pensare, e le vicende contrattuali che si sono chiuse unitariamente lo testimoniano, che le regole introdotte dall’accordo separato debbano essere sconfitte poiché inemendabili.
Di contro dobbiamo rivendicare un’azione politico sindacale forte, che proietti la nostra organizzazione a costruire una grande vertenza sociale nazionale sui temi del salario minimo per tutti i disoccupati e precari che, in questa grave crisi economica, avranno sempre più difficoltà ad entrare stabilmente nel mondo del lavoro.
Per noi la CGIL deve considerare conclusa la fase della concertazione, senza vincoli di compatibilità nè a livello nazionale nè a livello aziendale.
Ribadiamo la nostra totale autonomia nei confronti dei governi e delle maggioranze, siano essi formati da compagini partitiche di centro destra o di centro sinistra, colpevoli all’unisono di aver realizzato la destrutturazione del mercato del lavoro attraverso il “ pacchetto Treu ” e la legge 30, di aver peggiorato il sistema pensionistico italiano con le “ riforme” Dini, Maroni e Damiano, e di aver finanziato le guerre in violazione dell’articolo 11 della Costituzione.
Occorre aprire un conflitto contro il Governo, la Confindustria e le altre associazioni padronali per una politica di redistribuzione della ricchezza che faccia pagare chi ha accumulato enormi profitti, scandalose rendite finanziarie e patrimoni indecenti a scapito dei salari e dei diritti delle Lavoratrici e dei Lavoratori.
Siamo per la crescita della democrazia sindacale e siamo contro la burocratizzazione della nostra categoria.
Denunciamo una pratica burocratica che nella Filcams Cgil rischia di soffocare la partecipazione delle Lavoratrici e dei Lavoratori. Ad esempio l’accordo del terziario ha visto una consultazione cui ha partecipato il 2.31% dei Lavoratori occupati nel settore, con assemblee convocate solo in alcuni territori, a volte unitarie con Cisl e Uil, e a volte convocate da soli, mentre i pochi dirigenti e delegati che si erano opposti sono stati diffidati dall’esprimere le proprie opinioni.
Rivendichiamo il diritto per tutte le Lavoratrici ed i Lavoratori a partecipare all’elaborazione di piattaforme rivendicative e ad esprimersi sugli accordi attraverso referendum certificati e vincolanti per l’organizzazione.
Rivendichiamo la partecipazione reale alle scelte sindacali e siamo contrari a qualsiasi accordo che non venga sottoposto al vaglio dei Lavoratori.
Rivendichiamo il diritto al pluralismo ed al dissenso.
Vogliamo l’elezione di RSU e RLS in tutti i posti di lavoro. Deve concludersi la pratica della nomina dall’alto di Rsa per far spazio ad una pratica partecipata di tutte le iscritte e gli iscritti all’elezione dei propri rappresentanti.
La reazione della nostra organizzazione al progetto di legge recentemente rimandato alle Camere dal Presidente della Repubblica è stata largamente tardiva e insufficiente.
Reputiamo estremamente pericolosa la proposta di legge elaborata dall’opposizione i cui firmatari sono Nerozzi e Ichino e chiediamo che la Filcams e la Cgil prendano una posizione chiara in merito senza accettare mediazioni su modifiche allo Statuto dei Lavoratori.
Impegniamo la Filcams Cgil a farsi promotrice di un’azione confederale di lotta e ad indire fin da subito lo sciopero generale.
Dobbiamo uscire dalla logica degli scioperi propagandistici “una tantum” che fino ad ora non sono stati funzionali al raggiungimento degli obiettivi per i quali sono stati proclamati.
Chiediamo che la Filcams e la Cgil tutta si impegnino alla costruzione di un’iniziativa di lotta prolungata nel tempo e fino al conseguimento degli obiettivi, anche con contribuzione economica di sostegno al reddito dei Lavoratori in lotta.
In una situazione generale pericolosissima nella quale vengono messi in discussione i principi cardine della nostra Costituzione (attacco sistematico allo stato di diritto) è assolutamente determinante che la Cgil difenda e rimanga vincolata ai contenuti della Costituzione, ed allo Statuto dei Lavoratori che a distanza di 40 anni rappresenta ancora lo strumento fondamentale di difesa e di tutela delle Lavoratrici e dei Lavoratori.


Riccione, 21/4/2010

RESPINTO A MAGGIORANZA

XIII Congresso Nazionale Filcams Cgil
Riccione, 19 – 21 aprile 2010

Relazione Introduttiva
Franco MARTINI
Segretario Generale

Care compagne e cari compagni,

vorrei, innanzitutto, rivolgere ai nostri gentili ospiti, al Sindaco del Comune di Riccione, alle delegazioni dei sindacati stranieri, a tutti voi, compagne e compagni delegati ed invitati, il saluto caloroso e fraterno della Segreteria Nazionale Filcams.
Un saluto affettuoso anche ai compagni che per ragioni di salute non sono presenti qui fra noi, Carmelo Caravella, Manlio Mazziotta, ai quali rivolgo l’abbraccio affettuoso di tutto il congresso e l’augurio di pronta guarigione.

Con questo XIII Congresso Nazionale, si conclude nella nostra categoria il percorso congressuale avviato quattro mesi fa e ci prepariamo a portare il nostro contributo al Congresso che la Cgil svolgerà a Rimini, all’inizio del prossimo mese.

Il mio compito non è riproporre le ragioni che hanno caratterizzato, fin dal suo inizio, il dibattito congressuale, dai motivi che hanno portato alla presentazione dei due documenti, all’esito conclusivo delle assemblee congressuali di base. Esse sono abbondantemente note, essendo state oggetto di un lungo confronto, il cui svolgimento, dentro la nostra categoria, non ha mai travalicato i confini del reciproco rispetto e della necessaria comprensione. Certo, abbiamo avuto anche noi qualche punta di forte tensione, più per contagio dal clima generale, che come caratteristica della categoria. Sono ferite che in alcuni casi hanno lasciato il segno, ma che dovremo curare, guardando avanti, al lavoro che ci attende. Ma, nel complesso, possiamo dire che il nostro è stato sicuramente un buon congresso, alla fine del quale tutta la Filcams si ritrova fortemente unita attorno agli obiettivi che ci siamo assunti, come –peraltro- testimoniano le conclusioni unitarie di tutti i congressi regionali che abbiamo svolto.

L’unico dato che mi limito a citare, soprattutto per i nostri ospiti, è quello conclusivo, sul voto ai documenti congressuali, che ha visto il documento Epifani prevalere col 90,90% dei consensi, a fronte del 9,10% riportato dal documento Moccia.

Vorrei –invece- affidare a questa mia relazione il compito di riproporre il messaggio di fondo che ha attraversato tutta la nostra discussione, cercando di cogliere l’anima del nostro congresso, perché, fin dal primo giorno, ci siamo chiesti se questo congresso, il congresso della Cgil avesse potuto e saputo parlare al Paese, oltre che al proprio interno. Fin dall’inizio –infatti- era di tutti noi la preoccupazione che la discussione si sarebbe potuta risolvere in una partita tutta interna ai gruppi dirigenti, alle strutture, agli schieramenti, soprattutto, con la presentazione di due documenti alternativi. Per questo, una parte di noi aveva considerato sbagliato, nell’attuale contesto politico e sociale, che la Cgil, già oggetto di un forte tentativo di isolamento, si presentasse alla propria base ed all’insieme del mondo del lavoro con due documenti, che nelle semplificazioni alle quali sono abituati i lavoratori, sarebbero stati vissuti più come una divisione, che come una articolazione democratica, dunque, una ricchezza del pluralismo.

La Filcams, fin dall’inizio, ha impegnato tutta la categoria ad incardinare il proprio congresso alla condizione reale di vita del Paese e dei nostri settori, cercando di sintonizzarsi col sentimento diffuso delle donne e degli uomini che lavorano nel terziario, cercando con ciò di parlare al settore ed al Paese, nel momento in cui chi lavora e vive dentro la crisi è alla disperata ricerca di risposte, di speranze, di qualche certezza sul domani, oltreché sull’oggi e vede nella Cgil, nella sua storia, nella sua presenza diffusa nella società un importante punto di riferimento.

Lo abbiamo fatto, attraverso il nostro documento congressuale, con il quale abbiamo interpretato il nostro modo di stare dentro le sfide alle quali il congresso della Cgil ci ha chiamati, lo abbiamo intitolato Il futuro sostenibile del lavoro terziario, quattro parole che sintetizzano la portata di questa sfida, la sua dimensione culturale, prima ancora che politica e sindacale: futuro, perché senza traguardare il domani priveremo il ponte dell’emergenza, del suo necessario pilone di sostegno, emergenza, si, ma per andare dove?!; sostenibile, perché non tutte le vie di uscita dalla crisi portano al futuro, molte di esse possono portare nelle paludi o nelle sabbie mobili, o, peggio ancora, sul ciglio di un burrone, mentre è richiesto il coraggio di ripensare, in molti casi, i modelli di sviluppo; lavoro, perché esso rappresenta ancora la parte sana del Paese, milioni di donne e uomini, che tutte le mattine si alzano (e vorrei tranquillizzare i nostri ospiti, perché consideriamo tra loro anche quella parte sana degli imprenditori che ci credono), consapevoli di svolgere una funzione determinante nel progresso sociale e civile di questo Paese; terziario, perché parla di noi, del nostro mondo, di un mondo che in questi decenni ha dato molto alla crescita del Paese e che può continuare a svolgere una funzione strategica, di fronte alle sfide dell’innovazione.
Con questa scelta abbiamo iniziato il nostro viaggio nel congresso ed è stato, innanzitutto, un viaggio dentro la crisi del Paese.

La prima Grande Crisi del terziario

Ci sono due modi di rappresentare la crisi che il Paese sta vivendo. Il primo, è quello degli “addetti ai lavori”, quello della sua rappresentazione “contabile”, econometrica: inflazione, PIL, deficit, borse, mercati, ed è ovvio che non può che essere quella che misura gli effettivi andamenti, che consente di azzardare previsioni, che alimenta speranze o pessimismi, soprattutto tra gli operatori economici, le imprese, le banche, i governi. Da questo punto di vista, la nostra opinione è chiara, coincide –tra l’altro- con quella di molti nostri interlocutori, a partire da chi opera nel settore terziario, ad esempio, con quanto ascoltato al recente Forum di Cernobbio della Confcommercio. La crisi, nel nostro mondo, non solo è tutt’altro che alle spalle, ma con ogni probabilità deve ancora far sentire fino in fondo tutto il suo peso ed i suoi effetti. Lo si è visto nei settori della distribuzione, del turismo e negli stessi servizi.
Ma la crisi ha anche un volto sociale, che difficilmente compare nei talk show televisivi, popolati prevalentemente da Ministri, Esperti e Politici, difficilmente se ne trova traccia nella comunicazione, nei telegiornali, nella carta stampata ed è quella che parla della carne viva delle persone e che dovrebbe consigliare più prudenza e rispetto da parte di chi ritiene fondamentale e strategico uscire dalla situazione in cui siamo, affidandoci soprattutto all’ottimismo, alla fiducia. Ve la immaginate l’economia italiana alla guerra della competizione globale, contro la potenza di fuoco messa in campo da India, Cina, oltreché dai vecchi competitori, armata prevalentemente di fiducia? Ricorda certe parate militari di un tempo, che armarono l’esercito di tanto velleitarismo, da portare il Paese alla disfatta!
Dovremmo chiedere ai Ministri Gelmini e Tremonti di quale ottimismo dovrebbero armarsi le donne delle nostre imprese di pulimento che, già costrette a lavorare un numero di ore non certo sufficienti per garantirsi un futuro dignitoso, si sono viste tagliare, dalla sera alla mattina, un bel po’ di quelle stesse ore, perché, a quanto pare, senza risparmiare quei quattro soldi non potevamo andare alla guerra contro i grandi eserciti armati dei nostri competitori. Eppure, per quelle donne, erano e sono quattro soldi che parlano della loro carne viva, carne ancora più ferita, senza neanche la dignità del rispetto di accordi precedentemente sottoscritti dagli stessi Ministri.
Oppure, dovremmo chiedere di quale ottimismo dovrebbero armarsi le centinaia e migliaia di lavoratrici e lavoratori, ai quali abbiamo messo la pezza della Cassa Integrazione in deroga, adesso che i serbatoi delle Regioni si sono quasi prosciugati? Per molti di loro si staglia all’orizzonte, neanche tanto lontano, l’incubo del licenziamento, la perdita di un lavoro, spesso a part-time, quasi sempre di bassa remunerazione salariale, eppure un lavoro indispensabile per dare un minimo senso ad una vita vissuta ai confini della quarta settimana, che poi è diventata la terza e che già intravede la seconda!
Ed ancora, chiedere al Ministro Alfano quale ottimismo dovrebbero avere le decine o forse centinaia di migliaia di ragazze e ragazzi, sparsi per gli studi professionali del nostro Paese, già costretti a lavorare “gratis” nell’illusione di un praticantato che sia porta di ingresso per la professione, oltretutto esclusi dalla discussione sulla riforma degli ordini professionali, sempre più costretti ad emigrare all’estero per cercare fortuna (tra il 2008 ed il 2009 –ad esempio- i neo laureati andati in Spagna sono passati da 300 a 3000). E sulle prospettive di ripresa, le punte di pessimismo tra i professionisti arrivano fino al 70%.
E quale ottimismo, quale fiducia dovremmo chiedere ai nostri lavoratori dell’indotto manifatturiero, prime vittime delle strategie industriali, che guardano sempre più oltre confine. Siamo stati tacciati, purtroppo, anche da sindacati amici, di essere un sindacato, la Cgil, che tarda a capire che il settore auto non ha futuro a Termini Imerese, che nella globalizzazione bisogna mettere nel conto che le auto che battono bandiera italiana potranno essere prodotte oltre confine, dove i lavoratori e la burocrazia costano meno. Il nostro viaggio congressuale è iniziato proprio da lì, con una visita ai lavoratori di Termini, costretti a salire sul tetto di quella fabbrica, per dire loro che per noi non sono e non saranno le scorie di una politica industriale che ha preso molto dal Paese e non è capace di restituire altrettanto, in termini di benessere e di equità sociale. Lì non c’è ottimismo, ma tanta disperazione, non c’è fiducia, ma molta rassegnazione, che noi vogliamo combattere, non da soli, ma che vogliamo combattere, dando voce ad un mondo invisibile. Il mondo invisibile del lavoro terziario, sul quale la crisi si sta abbattendo, senza la luce dei riflettori, lontana dagli echi dell’opinione pubblica.
Noi non siamo contro l’ottimismo, siamo contro la propaganda, non siamo contro la fiducia, siamo per le cose concrete, per misure che abbiano il fiato un po’ più lungo della durata di una flebo.
Il nostro viaggio congressuale ha voluto, per questo, dare voce a questo mondo invisibile, provando a dire una cosa semplice, ma molto chiara, fuori da ogni suggestione populista: così come i cittadini sono tutti uguali davanti alla legge (o dovrebbero esserlo), anche i lavoratori debbono essere tutti uguali davanti alla crisi, non esistono lavoratori di serie A, né lavoratori di serie B. Il diritto a difendersi dagli effetti della crisi, difendere il posto di lavoro, il reddito, deve essere uguale per tutti.
Il lavoro terziario è tra i meno protetti dal punto di vista delle tutele in periodi di crisi. Bisogna chiedersi perché? Perché nel corso degli anni non si è provveduto a mettere al riparo i lavoratori di un settore che produce ricchezza, ma che, evidentemente, non la ridistribuisce equamente? Forse perché il settore non è mai stato associato alle congiunture sfavorevoli?! Oppure permane l’idea che nel terziario possa operare essenzialmente un lavoro “light”, fisiologicamente portato all’instabilità?
Da qui nasce la nostra richiesta di rendere universale il sistema delle protezioni sociali, il ricorso agli ammortizzatori sociali, non un fatto occasionale, una concessione, non un allargamento dettato dalle circostanze straordinarie di una crisi straordinaria, ma un fattore di equità e di giustizia, un diritto inscritto tra i comandamenti fondamentali di una moderna civiltà del lavoro. Ed un Paese alla ricerca di una via di uscita dalla crisi epocale che stiamo vivendo, che ha toccato il record della disoccupazione, non può farlo senza assumere questo principio di civiltà come una priorità ed una discriminante delle proprie scelte.

La controriforma del Diritto del Lavoro

Nel momento in cui la crisi sollecita la definizione di misure che abbiano quale fine difendere il più possibile il legame tra lavoratori e posto di lavoro, il Governo –invece- ha pensato bene di considerare prioritario decidere su come farli uscire i lavoratori. Al di là del merito, sul quale diremo, il DDL 1167, che contiene le famose misure sull’arbitrato, ha questo di inaccettabile, il messaggio che si intende dare al Paese. Ma come, con tutti i problemi che ha l’economia, che ha il lavoro, con la gravità della situazione sociale, che in molte parti d’Italia ha allargato ulteriormente la soglia di povertà, il problema più urgente era quello di definire la questione dell’arbitrato?!
Il modo come lo si è fatto tradisce le reali intenzioni, quelle di consolidare il disegno che porta all’isolamento della Cgil. Ma questo è un bene per il Paese, è quello che serve per ricostruire l’unità e la coesione delle forze democratiche e progressiste? Ed anche qui, un po’ di rispetto! E’ come se, cosciente di fare una cosa sulla quale so già che troverei la tua disapprovazione, la facessi per forza, la imponessi senza farti parlare, con metodi che inibiscono il confronto di opinioni e la ricerca di una sintesi e, poi, ti tacciassi di medioevale, di antimoderno se non l’accetti!
Vorrei, per questo, rivolgere ai nostri ospiti, rappresentanti delle altre organizzazioni sindacali e delle associazioni datoriali, un invito a riflettere sulla reale portata dell’iniziativa intrapresa dal Governo. La questione non è solo quella dell’arbitrato, sulla quale, in una iniziativa che domani pomeriggio terremo al congresso, con la partecipazione di giuristi, costituzionalisti e parlamentari, diremo dei veri pericoli, in alcuni casi devastanti, per un settore come il nostro, soprattutto, in relazione al rapporto tra legge, contrattazione collettiva e pattuizioni individuali.
Dopo l’intesa separata sul modello contrattuale, con il collegato sul lavoro, l’arbitrato, il diritto di sciopero ed il nuovo Statuto dei Diritti dei lavoratori, l’obiettivo è la riscrittura della cultura e del diritto del lavoro e si pensa veramente di farlo senza e contro una organizzazione che rappresenta più di cinque milioni di persone? Contro una organizzazione che dal fascismo alla Resistenza, da Portella delle Ginestre a Guido Rossa, passando per la lotta al terrorismo, combattendo la cultura e la pratica che ha portato all’assassinio di Marco Biagi e Massimo D’Antona, versando il sangue di braccianti ed operai che hanno voluto, prima conquistare e poi difendere le radici del diritto del lavoro che stanno nella Costituzione Repubblicana?
Fermatevi un attimo! Qui stiamo parlando della democrazia del Paese. Vedete, il problema non è dirci che abbiamo torto, convincerci che siamo antichi (anche perché non è la verità), il problema è come viene fatto, in che modo! Allora, diciamola tutta, fino in fondo: è possibile che si voglia riformare tutto, ma l’unica riforma che ci si ostina a non voler fare è proprio quella delle regole, della rappresentanza sindacale, per cui ci si arroga il diritto di fare, disfare, firmare, senza il dovere e la responsabilità di misurare il consenso di queste scelte e di queste azioni con i diretti interessati? E per di più lasciando fuori l’organizzazione più rappresentativa?! Non è vero che siamo i più rappresentativi? Bene, misuriamoci una buona volta e noi rispetteremo le decisioni di una vera maggioranza!
Come si fa a non capire che qui vi è un vulnus democratico grande quanto una casa, che farebbe rigirare nella tomba i padri della nostra costituzione! Poi, ci si meraviglia che la Cgil si mobiliti. Il 26 aprile la Cgil organizzerà una giornata di mobilitazione nazionale, con presidi davanti alla Camera e alle Prefetture di tutte le città, per dire no alla controriforma del diritto e del processo del lavoro. Vogliamo augurarci che chi crede e professa il principio della concertazione faccia prevalere il buon senso, capendo che questo è il terreno sul quale ci si può e ci si deve muovere attraverso la concertazione fra tutti.

Lo sviluppo sostenibile del terziario

Ma quello che ha dato vita ed energia a questo nostro viaggio congressuale, è stata l’ambizione di osare di più, di guardare oltre l’emergenza, di offrire una risposta in grado di combattere la rassegnazione e l’apatia, molto diffusi tra le lavoratrici ed i lavoratori che abbiamo incontrato. Abbiamo voluto presentarci come un soggetto non solo vicino ai problemi dell’oggi, in grado di mettere in campo una difesa dai pericoli e dalle conseguenze della crisi, ma, soprattutto, che non rinunciasse ad inventare il futuro che non c’è, perché la crisi questo chiede, la capacità di costruire nuove soluzioni, praticare nuove vie, il che presuppone il coraggio dell’innovazione, la capacità di rimettere in discussione certezze consolidate nel tempo e dalla tradizione.
Un esercizio non esauribile solo nel rivendicare agli altri le cose da fare (e ve ne sono molte che vanno rivendicate agli altri), ma in grado di operare i grandi cambiamenti necessari anche a casa nostra. Se –da un lato- dare voce e cittadinanza ad un mondo del lavoro quasi invisibile, fino ad auspicare un salutare moto di civile ribellione contro una crisi, che rischia in molte realtà di condannare le persone alla precarietà eterna, è stato cuore e sentimento del nostro congresso, – dall’altro- l’elaborazione e la messa in campo di un nuovo e più alto profilo culturale della categoria ha rappresentato la mente, la testa del nostro stesso congresso.
Da questo punto di vista, non temo di affermare che da questo congresso vogliamo far uscire una Filcams che sia soggetto politico, non solo categoria sindacale, soggetto politico in quanto in grado di mettere in campo un autonomo progetto di sviluppo del terziario oltre la crisi e di promuovere l’iniziativa politica, culturale e sindacale necessaria per affermarlo, insieme agli altri soggetti che operano nel settore.
Il nostro ragionamento muove da una convinzione, che la Grande Crisi del terziario ha contribuito a consolidare, ribaltando il teorema che ha accompagnato per anni lo sviluppo di questo Paese. Il terziario è stato per anni il settore che ha offerto una valida alternativa al declino dell’industria manifatturiera, assorbendo buona parte dell’occupazione espulsa e sostituendosi nella produzione della quota prevalente del reddito. Possiamo dire che sia ancora così?
Purtroppo, non è più così! Anzi, per molti versi, il terziario rischia di diventare sempre più una grande fabbrica di incertezza, di precariato, un mondo non più in grado di offrire futuro alle persone che vi lavorano. E’ sconveniente dirlo? Noi vogliamo dirlo, perché registriamo troppa sottovalutazione, troppa distrazione in proposito, si danno per scontato troppe cose, che non corrispondono più alla realtà, mentre avvertiamo l’urgenza di aprire un largo confronto, in grado di ripensare i modelli di sviluppo, che hanno certamente prodotto importanti risultati in tutti questi anni, ma che potrebbero non essere più in grado di offrire risposte ancora valide, per affrontare le sfide del futuro, che già dobbiamo giocare nel presente.
Prendiamo il caso del consumo. E’ fuori dubbio che la crisi non ha prodotto effetti solo di natura quantitativa sulle dinamiche del consumo, ma incrocia risvolti che parlano dell’assetto sociale, ha inciso significativamente sulla stessa composizione qualitativa, sugli orientamenti, sui comportamenti generali dei consumatori. Ovviamente, non è tutto lineare, né virtuoso, come potrebbe apparire dal fatto che le difficoltà minori si sono registrate nei settori dell’auto e dei prodotti elettronici, audiovisivi, ecc.., consumi difficilmente classificabili come essenziali. Nel caso dell’auto registriamo in gran parte gli effetti degli incentivi, ma, in generale, occorre non sottovalutare che la crisi ha accentuato il carattere “classista” della composizione del reddito: chi era più ricco è diventato più ricco, chi era più povero si è ulteriormente impoverito. Le dinamiche del consumo dimostrano chiaramente questa realtà!
(Occorre ricordare –a questo proposito- che l’indagine sulla povertà alimentare in Italia, presentata in Campidoglio lo scorso novembre denunciava il 4,4% di famiglie residenti, cioè, tre milioni di italiani che vivono sotto la soglia di povertà alimentare.)
In ogni caso, la crisi del consumo è tutt’altro che fenomeno prevalentemente congiunturale e ci interroga sulla riproducibilità all’infinito del modello fondato sul consumo di massa, così come l’abbiamo conosciuto. Questo ragionamento non ha niente di ideologico, ma è puramente economico, sociale e sindacale. Esiste un nesso stretto fra modello di consumo, modello di sviluppo del settore distributivo, modello di lavoro nelle aziende distributive, sono fattori così intrecciati da rendere impossibile, ormai, affrontarli separatamente, pena rischiare di confondere le cause con gli effetti.
Abbiamo consegnato a tutti i delegati un questionario, che troverete nella cartella, curato dall’Isf e dal master, che interroga la nostra platea proprio sul tema dei consumi e dello sviluppo distributivo, per verificare il livello di consapevolezza presente fra i nostri quadri sulla portata delle problematiche. Vi chiediamo di fare lo sforzo di compilarlo e restituirlo in serata ai capi delegazione, sulla base delle modalità che vi saranno illustrate prima della conclusione di questa sessione, per consentire l’ultimo giorno di consegnarvi i risultati dell’indagine e verificare il livello della nostra sintonia.
Per quanto riguarda il modello di consumo ripeto che non abbiamo alcun approccio ideologico, noi non siamo contro il consumo, per certi versi, neanche contro il consumo di massa, là dove questo è condizione di diffusione del benessere e di crescita del tenore di vita delle popolazioni. Siamo, si, decisamente contrari alle distorsioni del consumismo di massa, che riteniamo non più compatibili con la necessità di affermare una nuova cultura del consumo, più orientata ai vincoli di sostenibilità dello sviluppo. Noi siamo decisamente per una nuova cultura del consumo sostenibile, poiché consideriamo il consumo la carta d’identità di una civiltà. Noi siamo contro lo spreco, siamo contro le disuguaglianze sociali generate da una iniqua distribuzione dei beni di consumo, siamo contro i disvalori generati dalla cultura del superfluo. Pensiamo, inoltre, che al di là delle opinioni, la nostra società non sia più in grado di sopportare questo modello di consumo, i suoi effetti e le sue conseguenze.
Del resto, questo modello di consumo è quello che ha generato e continua a generare un modello di sviluppo del settore distributivo anch’esso giunto ad un bivio, sul quale avviare una coraggiosa riflessione critica, non per abiurare, quanto per delineare le necessarie evoluzioni, sempre nel senso della sostenibilità. Non siamo noi a dirlo, ma insigni studiosi, che lo sviluppo dei grandi formati distributivi, la conseguente, progressiva occupazione del territorio, l’abbandono dei centri storici, la speculazione edilizia, lo sviluppo della rendita e quant’altro sono scelte conseguenti all’affermazione di un determinato modello di consumo e sono tutte conseguenze non prive di costi per la collettività, sia in termini economici (come –ad esempio- il costo che comporta oggi la rivitalizzazione dei centri storici), che in termini sociali e culturali, come gli effetti sui tempi di vita delle persone ed i conseguenti processi di alienazione, denunciati nei cosiddetti “non luoghi” rappresentati dalle cittadelle del consumo.
Questo modello distributivo, infine, non può che condizionare a sua volta il modello di lavoro, ultimo anello della catena. Sul lavoro e sulle nostre dinamiche negoziali, infatti, si scaricano conseguenze, gran parte delle quali stanno a monte della catena. La vicenda legata al lavoro domenicale –ad esempio- ce l’ha insegnato. Avevamo ingaggiato un duello con le aziende, su un tema che a livello aziendale ricade più come effetto che come causa primaria di autonome scelte aziendali.
In questo, sosteniamo il nesso tra modello di consumo, modello distributivo e modello del lavoro. Non possiamo confondere le cause con gli effetti, ma, soprattutto, non possiamo pensare di riprodurre all’infinito un modello, che al suo interno contiene evidenti contraddizioni, che rischiano di scaricarsi su un capro espiatorio principale, cioè, il lavoro, chiamato spesso a pagare per tutti.
Quello che occorre è rimettere in campo politiche di settore ispirate ad un maggior equilibrio tra i fattori del consumo e gli interessi rappresentati, consumatori, imprese, lavoro. Politiche di settore significa discutere quale debba essere una moderna politica distributiva, dagli aspetti strutturali (la rete, le infrastrutture, la qualità dei prodotti, il contenimento degli scarti da imballaggi, ecc…), alle regole, recuperando contenuti e ruolo della programmazione in materia. Qui occorre essere chiari e lo dico cercando di mettermi nei panni delle aziende: ci sono due modi per competere ad armi pari, il primo, definire un quadro omogeneo, armonico di regole a livello istituzionale; l’altro, esattamente speculare, abolire completamente ogni regola, liberare il campo da ogni vincolo, da ogni limite. Per quanto ci riguarda, il secondo è impraticabile, perché si scaricherebbe essenzialmente sui lavoratori e contro queste scelte continueremo a batterci, convinti di un fatto(e lo dico con un esempio): un Paese che ritenga indispensabile per uscire dalla crisi lavorare anche il 25 aprile ed il 1 maggio è un Paese alla frutta, che non ha futuro, è un Paese che raschia il barile!
E’ per questo che occorre rilanciare il tema di uno sviluppo programmato del settore, riportando nel dibattito politico nazionale una questione del tutto assente. La Filcams si impegnerà a farlo, con le altre organizzazioni sindacali, rilanciando il fronte negoziale e concertativo con le istituzioni locali e regionali, a partire dalle previsioni urbanistiche di sviluppo delle superficie di vendita, rivendicando un nuovo equilibrio fra sviluppo dei grandi formati distributivi e del commercio di vicinato e la definizione di regolamenti del commercio che, pur salvaguardando le peculiarità territoriali, sia ispirato ad elementi di coerenza e di omogeneità generali.
Riteniamo che sia nell’interesse di tutti, per questo, auspichiamo una convergenza con le associazioni di categoria, per sfatare il luogo comune che immagina un settore di “bottegai” e non di operatori economici in grado di offrire un’immagine moderna, innovativa del terziario.
Certo, per fare questo occorre avere la capacità di mettere in discussione le certezze, produrre non poche discontinuità, assumere interessi generali, connettere i tempi dettati dalle dinamiche della crisi del mercato, con l’idea di società che vogliamo traguardare oltre la crisi stessa.
Non temo a dire che l’impresa è quella di ridisegnare i confini, in alcuni casi rifondare i connotati umani del nostro villaggio globale. Diversamente, la società dell’iper-consumo rischia sempre più di avvitarsi su se stessa, risucchiata nei colli d’imbuto con i quali la nostra stessa esperienza sindacale è chiamata a misurarsi quotidianamente.

La domenica del Villaggio

Il tema del lavoro domenicale, ad esempio, sul quale abbiamo un approccio assolutamente laico, rischia di mascherare la cattiva coscienza di una società che ha derubricato dal proprio codice genetico la visione etica del proprio futuro, confondendo la modernità con una sorta di epurazione valoriale. L’esempio con il quale vi ho perseguitati durante i vostri congressi (“perché la domenica possiamo acquistare il secondo televisore al plasma o il terzo cellulare, mentre non possiamo fare il bonifico al figlio che fa l’Erasmus in Germania, oppure, il duplicato della carta d’identità smarrita?!”), in realtà contiene un interrogativo di ben altra proporzione e che va ancora oltre il tema che abbiamo introdotto, la necessità, cioè, di ridefinire la nozione di servizi essenziali. Parla di una nuova frontiera che vogliamo aprire nella discussione sul futuro della società del consumo, fondata su una nuova gerarchia di valori, in grado di selezionare bisogni primari e secondari, capace di soddisfare i primi e non alimentare, attraverso i secondi, gli egoismi individuali, capace di riproporre tra i beni di consumo, non solo gli oggetti, ma anche e soprattutto i beni relazionali tra le persone.
Da qui nasce la nostra contrarietà e la nostra resistenza, non al lavoro domenicale, ma alla liberalizzazione delle aperture, mentre rivendichiamo una loro regolamentazione. E’ l’intera società che deve decidere come riorganizzarsi, perché esiste la società del consumo, ma esiste anche quella dei servizi e noi vogliamo che quella del consumo sia parte integrante della società dei servizi, nel senso che deve trovare delle coerenze al suo interno.
Non è –certamente- tema della sola Filcams, ma dell’intera Confederazione e la Filcams porterà dentro la Cgil questa discussione, consapevole che essa dovrà rimuovere visioni corporative e categorialistiche. La categoria non può da sola reggere tutti i fronti. Faccio solo un esempio: è mai possibile che nella stragrande maggioranza dei centri commerciali le uniche aree dedicate al parcheggio dei bambini siano quelle per i figli delle mamme che vanno a fare la spesa e a nessuno o quasi venga in mente che i figli li hanno anche le mamme che lavorano all’ipermercato?! E che se si vuol favorire l’occupazione femminile, non si può prescindere dalla necessità di dotare le iper-strutture commerciali di servizi sociali adeguati?
Il mondo che abbiamo vissuto nel passato non è più esattamente quello di oggi, ciò che abbiamo contrattato ieri non è detto sia in grado di rappresentare i bisogni dell’oggi. La confederalità è anche questo, la capacità di tenere insieme cose diverse, ma anche per questo è capacità di evolvere il pensiero e l’azione del sindacato.
Vedete, sempre sul tema del lavoro domenicale, anche alla luce delle note vicende che portarono all’accordo separato per il rinnovo del Ccnl, la Filcams ha avviato una coraggiosa riflessione al suo interno, coraggiosa, perché molto più scomoda della difesa dell’esistente, accettando di mettere in discussione i limiti di una posizione, per quanto ispirata a sani principi. Abbiamo capito –ad un certo punto- che i mutamenti intervenuti nella composizione del lavoro, all’interno della Grande Distribuzione Organizzata, avrebbero messo i giovani contro gli anziani, i forti contro i deboli e noi avremmo rischiato di rappresentare sempre più una parzialità del lavoro, sicuramente quella relativamente più tutelata ed, al tempo stesso, risultare un soggetto indifferente, se non ostile, ai più giovani. In questo caso, la confederalità è un valore interno alla stessa categoria, che ti fa dire “io devo tenere insieme i giovani che hanno l’obbligo del lavoro domenicale e i vecchi assunti, per i quali avevo contrattato la volontarietà e maggiorazioni più consistenti”. E lo posso fare se assumo il coraggio di modificare una posizione, di evolverla, per individuare un nuovo contenitore che tenga dentro tutti gli interessi.
Solo così il sindacato può candidarsi all’essere riconosciuto soggetto attivo del cambiamento e non una semplice appendice, che va a rimorchio. Ovviamente, lo possiamo fare se ci assumiamo anche l’onere di combattere una battaglia che punti a modificare il profilo culturale ed organizzativo del settore e del suo sviluppo, rivendicando alle aziende politiche innovative, in grado di offrire una visione nuova, moderna del settore distributivo.
Vogliamo confidare che questa strada possa essere imboccata anche con il mondo delle imprese e con le stesse associazioni dei consumatori, con le quali vogliamo aprire un nuovo dialogo, che superi la contrapposizione degli interessi. Nel settore distributivo –ad esempio- confidiamo che la natura della Cooperazione possa svolgere una funzione di stimolo e di traino, anche per l’importanza economica e sociale che ha assunto il sistema cooperativo in Italia. Quello che pensiamo della Coop lo abbiamo detto nel convegno nazionale di Firenze, continueremo a difenderne il valore sociale, come abbiamo fatto durante gli attacchi subiti dai precedenti governi di centro-destra. Ma anche per questo continueremo ad essere altrettanto rigorosi nel contrattare scelte virtuose e coerenti con questa funzione.

La risposta delle aziende alla crisi

Soprattutto, a fronte del fatto che la strada imboccata da una parte delle aziende della GDO non ci sembra proprio in linea con visioni nuove e moderne del settore.
Possiamo dire che la partenza prometteva bene, perché il Patto per il Lavoro per noi è stato qualcosa più di un atto che ha consentito di recuperare la conclusione unitaria del Ccnl. Con quell’accordo abbiamo condiviso un obiettivo importante, per affrontare insieme la navigazione tra gli scogli della crisi, quello della difesa della base occupazionale del settore, del capitale professionale delle aziende, con tutti gli strumenti ed i mezzi a disposizione. Lo stesso Avviso Comune ha consolidato questa visione.
Ma quell’accordo conteneva implicitamente (e contiene) un altro importante significato, l’indicazione di una rotta, l’idea di un governo condiviso dei processi, dentro un settore dove la disarticolazione rappresenta uno dei mali ed uno dei principali pericoli. Se ognun fa per sé è chiaro che il disegno complessivo non va più avanti. Nessuno nega le specificità delle singole vicende, Carrefour, Upim/Coin, Pam/Panorama, ma quelle stesse vertenze confermano due cose chiare come il sole (e mi scuso per la forzata semplificazione): la prima, che per tenere aperto bisogna pagare meno i dipendenti, quindi, in alcuni casi bisogna restituire quello che già si aveva (l’equazione semplice che fanno le persone normali è che per abbassare i prezzi, si abbassano i salari); la seconda, che, mentre si chiude da una parte, capita di ritrovarsi a pochi passi da quelle chiusure, nuove aperture, di nuovi grandi formati, di nuovi centri commerciali, i quali non potranno che riprodurre al loro interno le stesse contraddizioni.
Ma tutto questo non dimostra forse che è arrivato il momento di fermarsi un attivo per capire se questo mercato non abbia perso la bussola? Non dimostra che è arrivato il momento di ri-discutere dell’intero settore, dei nuovi equilibri al suo interno, alla luce delle dinamiche odierne che investono il mondo del consumo e non quelle pensate anni fa?
Il caso del turismo, poi, è clamoroso. Mi limito a ricordare la fotografia che ne abbiamo fatto al nostro convegno nazionale dell’anno scorso. Un settore che potrebbe essere paragonato ai giacimenti di oro del Sud Africa o di greggio, negli Emirati Arabi, crollato dal primo al quinto posto, per l’assenza più totale di politiche di settore finalizzate alla valorizzazione delle nostre risorse culturali, ambientali, storiche. Con l’industria turistica ridotta nella maggior parte dei casi, alla mera sopravvivenza, anche qui, scaricando sulla struttura dell’impresa e del lavoro i costi principali di questo galleggiamento.
E che dire di un sistema dei servizi, diffusosi in seguito a significativi processi di esternalizzazione della Pubblica Amministrazione, ma anche di crescita esponenziale della domanda di assistenza alle famiglie, che richiederebbe una rinnovata e qualificata strategia di integrazione pubblico/privato, abbandonato, invece, alla spicciola politica dei tagli finalizzati a fare cassa.
Crediamo –in definitiva- che il nostro mondo debba produrre un sussulto verso la politica, perché discutere del terziario oltre la crisi, significa discutere in buona parte del Paese che vogliamo, fuori da questa crisi, significa entrare dentro la palestra del cambiamento, fatto non di propaganda, ma di scelte concrete, qualificate e lungimiranti. La Filcams c’è, è disponibile e per la sua parte si adopererà. In questo vorrà essere anche soggetto politico, auspicando la mobilitazione di tutte le volontà rappresentate nel settore.
Ma, nel frattempo, continueremo ad esser al fianco delle lavoratrici e dei lavoratori impegnati nelle vertenze, per difendere il loro posto di lavoro e una loro giusta retribuzione. Dopo le ultime iniziative di lotta che hanno interessato alcune grandi catene distributive ed altre aziende, dobbiamo lavorare per dare continuità e prospettive, per offrire sbocchi positivi alle vertenze, parlando al Paese dei nostri punti di crisi. Non può essere che il futuro dell’auto sia tema che mobiliti così tanta attenzione e noi siamo d’accordo, perché non può esistere un terziario, tanto meno avanzato, senza una robusta e qualificata industria manifatturiera, e vivere un silenzio tombale sul destino di settori che devono essere ripensati, sostenuti, incentivati, guarda caso, di settori che fino ad oggi hanno contribuito più di altri alla formazione della ricchezza nazionale.

I tavoli contrattuali

Da qui discende il nostro approccio alla contrattazione, perché senza il respiro di una iniziativa che offra nuovi orizzonti di sviluppo per i nostri settori, la contrattazione sarebbe relegata a pura azione di contenimento delle perdite o di gestione dell’esistente.
Quello che abbiamo fatto in questo ultimo anno dimostra –intanto- una prima cosa: noi non ci faremo mettere all’angolo dall’accordo separato sul modello contrattuale! Prima ancora che nel merito che non abbiamo condiviso, quell’accordo ha quale punto veramente inaccettabile l’idea che, in un moderno sistema di relazioni sindacali, si possa tenere fuori, si possa isolare la Cgil, la più grande organizzazione delle lavoratrici e dei lavoratori. Per questo, facendoci trovare al tavolo, al termine della sperimentazione, per verificare il funzionamento del modello, staremo in campo, oggi ed in tutti questi mesi, per giocare la partita.
Vorrei tranquillizzare alcuni settori della Cgil, dei quali rispetto le opinioni, che questo non è un modo per fare rientrare dalla finestra, quello che non abbiamo voluto far entrare dalla porta. Forse è vero, che un po’ più di coordinamento sulla contrattazione sarebbe stato necessario, ma chi chiede maggior coordinamento, deve poi essere disponibile a farsi coordinare e non decidere a prescindere, per poi misurare la coerenza degli altri sulle proprie scelte!
Lo si è visto nel recente Ccnl sul Turismo firmato con le associazioni di Confcommercio. Ogni contratto, da sempre, è un punto di mediazione tra posizioni diverse e, per questo, offre risultati con luci ed ombre, soprattutto dal punto di vista di chi li valutasse con l’unico metro di misura della propria piattaforma. Ma, al di là del giudizio di merito, che noi abbiamo considerato complessivamente positivo e sul quale si pronuncerà la consultazione (valgono qui le considerazioni fatte nei nostri organismi), saremmo disonesti se affermassimo che le nostre ragioni, quelle di chi non ha firmato l’accordo sul modello contrattuale non siano state ascoltate e considerate. Anzi, voglio qui dare atto ai nostri interlocutori che se quell’accordo abbiamo potuto firmare è proprio perché, in tutta lealtà, loro per primi sapevano che non avrebbero potuto chiederci di far rientrare dalla finestra quello che non avevamo voluto far entrare dalla porta. E, alla fine, abbiamo trovato un compromesso onorabile per tutti.
E’ quello che proveremo a fare sugli altri tavoli già aperti, quello del turismo Confindustria, della vigilanza, del multi servizi e che proveremo a fare tra pochi mesi, quando toccherà al commercio. Non è detto che ce la faremo sempre, anche perché, ogni tavolo ha la sua storia e le sue specificità, ma non v’è dubbio che sarà l’obiettivo che ci muoverà.
Sui tavoli aperti non possiamo esimerci dall’esprimere qualche seria preoccupazione. Dopo quindici mesi, il tavolo della vigilanza privata naviga in acque paludose e non sembra si possano intravedere spiragli di luce a breve. Vogliamo augurarci che l’esito positivo dell’ultimo incontro col Ministero degli Interni sui requisiti minimi di qualità degli istituti di vigilanza possa rimuovere una parte di ostacoli presenti sul tavolo ed avviare una fase nuova e costruttiva del confronto. Certo è, che dopo quindici mesi dalla scadenza del Ccnl, è inevitabile che dovremo mettere in campo la giusta iniziativa sindacale per rivendicare una svolta nel negoziato.
Vogliamo essere moderatamente più ottimisti sul tavolo Turismo Confindustria, anche qui auspicando che, dopo la firma del Ccnl turismo Confcommercio, si possa addivenire ad un risultato in grado di valorizzare, con le necessarie omogeneità, le peculiarità associative dei nostri interlocutori.
Sul multiservizi, vorrei ricordare alle associazioni nostre interlocutrici ed agli amici delle organizzazioni sindacali, che la Cgil non è firmataria dell’accordo sul modello contrattuale e che –pertanto- non costituisce atto politico molto costruttivo pretendere la disdetta di un Ccnl firmato anche dalla Filcams. Questa è la ragione per la quale abbiamo chiesto il rispetto delle intese in essere, dunque, il rinnovo del biennio economico e ci auguriamo che la tanto dichiarata volontà di fare le cose insieme rispetti una posizione assolutamente lineare e del tutto compatibile con la situazione del settore.

Il laboratorio di un nuovo progetto di contrattazione

Nei prossimi giorni avvieremo anche il lavoro per costruire la piattaforma per il rinnovo del Ccnl del terziario. Consapevoli delle difficoltà che ci attendono, abbiamo già convenuto con Fisascat e Uiltucs di metterci subito al lavoro, per definire un ambito condiviso entro il quale elaborare le rispettive posizioni. Il realismo ci porta a dire che, per ragioni non solo dipendenti dalla nostra volontà, difficilmente potremo presentare una piattaforma unitaria. Però, presentare tre piattaforme gemelle è una condizione sicuramente più favorevole per lo sviluppo successivo del negoziato.
Il lavoro fatto in questi mesi contribuisce ha delineare alcuni tratti, alcune prime coordinate entro le quali collocare i contenuti della nostra azione rivendicativa, traguardata sia alla piattaforma per il rinnovo del Ccnl, sia allo sviluppo della contrattazione di II livello.
Intanto, c’è una prima riflessione importante che si è aperta con le alte organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali ed è relativa alla necessità di ripensare alla struttura del Ccnl, in relazione alla grande articolazione di professioni in esso rappresentate. Quando pensiamo al Ccnl del commercio il riflesso condizionato della categoria è pensare alla cassiera dell’Ipermercato e non mancano le ragioni. Ma quel Ccnl è un contenitore ben più vasto di professioni, che dalla cassiera arrivano fino al terziario avanzato, alte professioni, alta tecnologia e se vogliamo rappresentarle tutte dobbiamo sapere che quel contenitore va in parte riformato (ecco una vera riforma della contrattazione…).
In questo quadro, è utile che la nostra riflessione dedichi più spazio ai settori del terziario avanzato, in ragione del fatto che anche per il terziario, il futuro va ricercato nel sostegno ai processi di innovazione e alla crescita del valore aggiunto. Il settore dei servizi alle imprese, delle software house, del data entry, occupa una popolazione di lavoratori significativa e dall’alto tasso di scolarizzazione. E’ un settore che ha conosciuto nell’era della new economy uno sviluppo ipertrofico e difficilmente quantificabile in termini di fatturato e in termini di occupazione. Di fronte alle trasformazioni che attraversano il settore, molte indotte anche dalla crisi, dobbiamo evitare che tale patrimonio si disperda attraverso processi di atomizzazione e la caduta verticale degli investimenti per l’aggiornamento. Per questo sarà nostro impegno far nascere un coordinamento nazionale del settore.
L’altra riflessione, che come Filcams vogliamo sollecitare, ovviamente per una iniziativa che non si esaurisca solo nello strumento del Ccnl, è la struttura del mercato del lavoro, la composizione del lavoro nel settore della distribuzione ed il fatto che esso sempre più rischi di essere fonte di nuova e moderna precarietà.
Il tema è complesso, delicato, ma per noi, non più rinviabile. La grande diffusione di contratti di lavoro temporanei o a part-time, risponde indubbiamente ad una caratteristica del settore, la sua alta flessibilità. Ma il ricorso esasperato a queste tipologie contrattuali, ha di fatto creato una patologia, che, coniugata spesso con livelli salariali mediamente bassi, fa si che il settore, specie della grande distribuzione, sia diventata oggi una delle più grandi fabbriche dell’incertezza esistenziale, soprattutto per le nuove generazioni. Lo ripeteremo fino alla noia, ad un lavoro part-time non corrisponde una vita full time! Il Ministro Brunetta dovrebbe informarsi di più sulle condizioni in cui vivono tante ragazze e ragazzi dei nostri settori, prima di tacciare loro di mammismo, perché in quelle condizioni non si può mettere su famiglia, non ci si può sposare, non si possono contrarre i mutui per le case e –tra poco- neanche più la famiglia sarà una sicura zattera di salvataggio. Quell’indagine sulla povertà alimentare di cui parlavamo prima, contiene un altro dato inquietante, cioè, l’aumento dell’indice di povertà, simmetrico alla composizione numerica della famiglia, il che significa che anche la “risorsa famiglia” comincia ad essere in riserva fissa…
Noi non neghiamo la domanda di flessibilità delle aziende, ma non intendiamo neanche negare la funzione sociale che la Costituzione assegna all’impresa, che non significa riconvertirle nella San Vincenzo Dè Paoli, significa trovare necessariamente nuovi equilibri. Qui la sfida è epocale, non è più evitare che il lavoro flessibile sia l’anticamera della precarietà, ma rendere stabile il lavoro flessibile, inserirlo dentro una prospettiva di stabilità della vita lavorativa di una persona. Noi non siamo più da tempo quelli del “posto fisso”, ma vogliamo essere e rimanere quelli del posto stabile, di una lavoro stabile e qualificato, per una vita stabile e qualificata!
Questo comporta anche la necessità di prendere atto del fatto che il livello dei salari nei settori da noi rappresentati, ovvero, i bassi salari, rappresentano un fattore sempre meno sostenibile con l’obiettivo di assegnare al lavoro la funzione di rendere autonomo il progetto esistenziale delle persone che vi lavorano.
La contrattazione, certamente, da sola non può fare tutto, non può esaudire i progetti esistenziali delle presone, ma può invertire la tendenza, può curare la patologia. Per questo, riteniamo opportuno che il tema del lavoro flessibile sia oggetto di una rilettura critica, non per negarne la funzione, ma per offrire un contesto di maggiore stabilità e di maggiori certezze. Tanto più per l’alta densità di occupazione femminile presente nei nostri settori, che impone di non deresponsabilizzare l’impresa dal ruolo e dalla funzione delle donne nel lavoro, nella famiglia, nella società, ma anche, solamente, dalla condizione di genere. Per questo, la contrattazione di genere dovrà rappresentare sempre più una scelta discriminante della nostra azione.
Il lavoro non deve essere solo stabile, ma anche qualificato. Qui vi è l’altra sfida importante che dobbiamo accettare, quella di smentire il luogo comune più diffuso, che il lavoro terziario (salvo quello avanzato), per definizione sia un lavoro a basso contenuto professionale. Così come dobbiamo smentire il luogo comune che il lavoro terziario sia immune dai rischi infortunistici e dalla diffusione delle malattie professionali. Dobbiamo ammettere che sul tema della salute e sicurezza marchiamo non pochi ritardi e sottovalutazioni, registriamo una caduta di tensione non giustificata dall’importanza che riveste il problema. Gli stessi nostri Rappresentanti dei Lavoratori alla Sicurezza (RLS) spesso appaiono come una truppa senza guida, né strategie. Da questo congresso dobbiamo assumere l’impegno a rendere la questione oggetto di un lavoro permanente, coordinato nazionalmente, verificabile nei suoi risultati.
Il tema della salute e sicurezza e quello della formazione –dunque- dovranno per questo essere destinatari di sempre maggiori attenzioni ed interventi, sapendo che si tratta di campi fortemente connessi con i processi evolutivi delle aziende e dei mercati. Non basta dire che occorre maggiore formazione, ma formare per andare dove? L’analisi dei bisogni formativi –ad esempio- contiene indirettamente una risposta agli indirizzi nuovi ed inediti che può avere lo sviluppo dei nostri settori. La formazione è lo strumento, il mezzo, la nave, ma la rotta è il porto dove vogliamo approdare, il terziario che vogliamo costruire nel futuro di breve e medio termine. Diversamente, avremo un sistema formativo del tutto autoreferenziale, buono a giustificare se stesso,, prima ancora della missione per il quale lo abbiamo costruito.
Come si evince da queste sommarie considerazioni, il nuovo progetto della contrattazione impone una nuova capacità del sindacato di riguadagnare il controllo dell’organizzazione del lavoro, o, più modestamente, essere soggetto attivo, protagonista nella definizione dei nuovi processi organizzativi del lavoro. Del resto, le stesse intese raggiunte quest’anno, lo stesso Patto per il Lavoro, affidano al II livello il compito di esercitare il confronto sull’O.d.L. e per poterlo fare, occorre attrezzare i nostri quadri, i delegati e rappresentanti sindacali delle capacità necessarie, anche sul piano delle competenze, delle conoscenze in materia di organizzazione aziendale, cosa che abbiamo avviato a fare con il Piano Nazionale di Formazione Sindacale.
In tutto questo, ci deve guidare l’idea che la contrattazione è un mezzo; il fine è la tutela delle condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori, la difesa della loro dignità e la promozione della loro funzione nei luoghi di lavoro. Anche per questo dovrebbe essere vissuta dalle aziende non come un retaggio del passato, quanto, come l’espressione di un moderno sistema di relazioni sindacali, quale risorsa per lo sviluppo delle stesse imprese, oltreché per il progresso del lavoro.

La buona bilateralità

Questo mi consente di ribadire con poche parole l’idea che ci ha guidati nel sistema della bilateralità nei nostri settori. Anche gli enti bilaterali sono un mezzo e non il fine della nostra azione. Il nostro fine è risolvere al meglio i problemi delle persone che rappresentiamo ed, in questo caso, anche delle aziende con le quali abbiamo costruito questa esperienza.
Forse marchiamo qualche ritardo, come Filcams, data la diversa sensibilità che sul tema ha caratterizzato la nostra organizzazione. Ci è stato rinfacciato per molto tempo di aver avuto una posizione “ideologica” verso gli enti bilaterali e la loro funzione.
Proprio per il fatto di aver maturato con responsabilità una posizione che riteniamo, peraltro, coerente con la natura contrattuale della bilateralità, non possiamo non esprimere qualche preoccupazione per un eccesso di ideologismo di segno opposto. Adesso, siamo arrivati al punto che gli enti bilaterali dovrebbero fare tutto! Ma tutto cosa, tutto con che cosa, con quali risorse? La questione degli ammortizzatori sociali è questione seria, da non poter diventare materia di propaganda. Il Ministro Sacconi dovrebbe preoccuparsi di condurre una battaglia nei confronti del suo collega Tremonti, per affermare il principio che davanti alla crisi tutti i lavoratori sono uguali e che questa è una delle più importanti riforme da fare!
Immaginare che un diritto universale possa essere condizionato all’esistenza di un patto privato, tra sindacati e associazioni di categoria significa deresponsabilizzare la funzione del soggetto pubblico e scaricare parte della crisi sulle spalle di lavoratori ed imprese. Per questo abbiamo apprezzato la sintonia che ha portato ad una posizione condivisa, sia nell’Avviso Comune, che nel recente Ccnl del turismo, che vede l’intero settore affermare il diritto agli ammortizzatori a prescindere dalle integrazioni possibili della nostra bilateralità, una posizione di civiltà, che continueremo a difendere.
Probabilmente, si pensa che dalle finestre dei nostri Enti Bilaterali o Fondi di Sanità Integrativa, ovvero, interprofessionali per la formazione, scorrano fiumi di danari e, soprattutto, che siano spesi male! A parte il fatto che, a questi livelli di contribuzione, gli Enti Bilaterali chiuderebbero dopo la prima settimana di sostegno al reddito! Ma la risposta migliore che ha dato il settore è stato l’avvio di un profondo processo di auto-riforma del nostro sistema, tanto per sgombrare il campo da accuse di difesa corporativa o resistenze conservatrici. Con le intese raggiunte in queste settimane, infatti, stiamo ridisegnando le regole, rendendo sempre più coerenti gli obiettivi della bilateralità alla missione definita contrattualmente.
Il ragionamento è semplice: gli enti bilaterali hanno senso solo se erogano prestazioni ai lavoratori ed alle imprese. A noi questi ee.bb. interessano, niente altro. E questo dovrà valere al centro, come in periferia, negli enti nazionali, come in quelli territoriali. Per questo, la Filcams, recuperando limiti e ritardi del passato, si renderà protagonista, con le altre OO.SS. del lavoro avviato, per disegnare il futuro della bilateralità di settore.

La democrazia sindacale per un sindacato più forte e rappresentativo

Come avrete capito, la nostra idea di come stare dentro l’attuale fase, caratterizzata dal livello più alto di rottura fra le confederazioni sindacali, è proprio quella di stare sempre in campo, fino all’ultimo minuto ed anche nei minuti di recupero. Non è solo per l’insegnamento dei nostri padri sindacali, che hanno sperimentato sulla pelle il prezzo e le sofferenze delle divisioni e che hanno costruito sull’unità del mondo del lavoro le più grandi conquiste sulla via dell’emancipazione e del progresso del lavoro e del Paese. Non è solo per questo, perché uniti si vince e divisi si perde. Oggi, si può perdere anche stando uniti, anche se di sicuro, divisi non vince nessuno, alla lunga.
La ragione è anche un’altra. Stare ai tavoli contrattuali, ricercare soluzioni negoziali condivise, è un atto di responsabilità verso le centinaia e miglia di persone che noi rappresentiamo, che hanno il diritto di stare a quei tavoli e di portarvi il peso della loro intelligenza, delle loro sensibilità, delle loro opinioni. Non possiamo tagliare fuori questa risorsa, importantissima per il futuro del settore e la Filcams si assumerà sempre la responsabilità di far pesare il valore aggiunto della propria rappresentanza.
Del resto, la vita avrebbe potuto essere meno complicata se avessimo deciso una cosa molto semplice. Perché, vedete, anche noi siamo contrari ai veti e non neghiamo anche il fatto che in un mondo (anche del lavoro) così modificato, si possa entrare nell’era degli accordi separati, non è questo lo scandalo! Ma perché non stabilire delle regole, anzi, perché non accettare la regola più semplice, più ovvia e banale, che il prodotto delle nostre azioni venga sottoposto al giudizio dei diretti interessati, dei destinatari delle stesse nostre azioni. Se io faccio una cosa, ma non voglio farmi giudicare per la cosa che ho fatto, per di più da coloro ai quali è destinata quella cosa, vuol dire che qualcosa non torna, vuol dire che non è tutto chiaro e trasparente quello che sto facendo o che ho fatto. E non c’entra la diversa concezione del sindacato, degli iscritti o di tutti, perché se fosse questo, quello che fai vale per i tuoi, non per tutti! Ma se vale anche per me, anche per il pezzo di mondo che io rappresento, come puoi pretendere di impormelo, senza sottoporti ad una regola elementare, quella della verifica del consenso!
La Filcams è disponibile ad andare in minoranza, la Filcams è disponibile a rispettare il verdetto della maggioranza, ma che si stabilisca un modo per decidere se e quando siamo maggioranza o minoranza?
In attesa che lo si possa fare, insieme, dobbiamo dirvi che per noi i percorsi democratici sono fondamentali e vincolanti e vorremmo condividerli. E questo non per un fatto formale od un capriccio ideologico. La ragione è molto più semplice e dopo una intera vita dedicata a questa attività so di poterlo dire con molta cognizione di causa: quando andiamo dai lavoratori a dire la verità, ci hanno sempre capiti e ci hanno sempre sostenuti. Noi non andremo a dire –ad esempio- che l’ultimo Ccnl del turismo è il migliore che si sarebbe potuto fare, diremo la verità, un Ccnl che presenta aspetti apprezzabili ed altri che non abbiamo condiviso. Ma era la cosa migliore che oggi potevamo fare e diremo anche che era tale anche perché ci ha consentito di tener il fronte unito, in un settore che vive un grande impatto con la crisi ed un mercato del lavoro sempre più destrutturato, dove lo stare insieme è decisamente più utile che lo stare divisi. Chi non sarà d’accordo ce lo dirà, ma io scommetto che la stragrande maggioranza dei lavoratori capirà e ci dirà che abbiamo fatto bene a farlo e noi usciremo più forti, rinsaldati nel rapporto di fiducia, con un atto di grande lealtà e trasparenza. A questo serve parlare con le lavoratrici ed i lavoratori, a rendere più forte il sindacato, tutto il sindacato.
Perché –dunque- non dovremmo farle insieme queste cose? Noi rinnoviamo da questo congresso la proposta a Fisascat e Uiltucs, nel momento in cui apriremo il cantiere per la nuova piattaforma per il Ccnl terziario, a fronte di un lavoro di ampie convergenze sul contenuto delle nostre rivendicazioni, di fare vivere un percorso democratico tra i lavoratori, al quale, tuttavia, noi non ci sottrarremo.
Questo è il nostro modo di stare in campo oggi, non un sindacato di pura testimonianza, ma un punto di riferimento, per tenere aperta una concreta prospettiva di cambiamento.
La nuova rappresentanza contro la solitudine delle moderne ingiustizie

Questo è il rinnovamento della Filcams, qualcosa che va ben oltre un piano organizzativo. Il rinnovamento della Filcams è innanzitutto un’idea, un pensiero rinnovato, una nuova cultura del lavoro e dello sviluppo in questo Paese e nei nostri settori.
Quando mi avete eletto Segretario Generale di questa categoria vi confesso che dopo un po’ mi sono anche spaventato, mi sono chiesto dove ero capitato! Un mondo di lavori molto diversi, la cassiera dell’Ipermercato, la donna delle ditte del pulimento, la colf, la guardia giurata, il laureato dell’azienda informatica, il cameriere, la giovane avvocatessa, addirittura, la parrucchiera e chissà quanti ne ho dimenticati…. Mi sono chiesto come avremmo potuto tenere insieme tutta questa pluralità di mestieri, dentro quale identità di categoria. Molte volte mi sono chiesto, ma cos’è veramente la Filcams?!
La risposta è semplice, è uno dei laboratori più avanzati della confederalità e la nostra sfida è dimostrare che la confederalità è veramente la risposta più avanzata per tenere insieme interessi diversi, diverse sensibilità, i pluralismi che rendono ricca la società contemporanea. E cosa può tenerli insieme, qual è il filo rosso che unisce queste diversità? Qual è il nostro senso di appartenenza?
Dobbiamo cercarlo in ciò che caratterizza questo mondo, il mondo del terziario, un mondo che sa di moderno, ma che sa anche di antico, un mondo dove le potenzialità per coniugare benessere individuale e progresso generale sarebbero enormi, dove, però, moderne ingiustizie si sommano ad altre, più antiche. Un mondo dove i consistenti processi di disgregazione del lavoro fanno della solitudine la condizione predominante vissuta nei luoghi di lavoro. Sentirsi soli significa sentirsi fragili, deboli, indifesi, condizionabili e ricattabili. E quando questo coinvolge i giovani è ancor peggio, perché è l’inizio della negazione di una sana coscienza civica, che le generazioni precedenti hanno potuto maturare vivendo il valore e le passioni civili suscitate dai grandi soggetti della rappresentanza collettiva.
Per questo il nostro rinnovamento vuole essere la capacità di tenere dentro un contenitore questi mondi diversi, che in forme diverse vivono il tratto comune della solitudine, dell’anonimato, restituendo voce e rappresentanza. E lo faremo partendo dagli ultimi, cominciando a guardare dalla parte di coloro che meritano nuova attenzione, dal sindacato e dalla politica.
So di aver parlato molto di consumo e distribuzione e ne avrete capito le ragioni, dato che il nostro progetto si fonda in gran parte sull’idea che il futuro sostenibile del terziario appartiene ad una nuova società dei consumi, ad una nuova cultura del consumo.
Ma ho scelto volutamente di riservare alla parte conclusiva della relazione la riflessione sui nostri settori, cosiddetti minori, perché, per noi, essi debbono rappresentare molto più che capitoli di una agenda di lavoro. Lo dico nel modo più semplice possibile: la Filcams, che vuole essere quel contenitore in grado di rappresentare il mondo dei lavori del terziario e le soggettività in esso presenti, non potrà più essere la Filcams soprattutto della Grande Distribuzione, o degli alberghi, che certamente manterranno un loro peso determinante, ma dovrà essere sempre più quella delle ditte in appalto, delle donne delle imprese del pulimento, quella dei giovani (o meno giovani) degli studi professionali, quella delle guardie giurate, dei tecnici e laureati del terziario avanzato ecc..
Per questo abbiamo scelto, uscendo da questo congresso, di caratterizzare la nostra iniziativa più immediata con una grande campagna sul tema degli appalti, sapendo che anche questo non è tema della sola categoria, ma chiama in causa l’iniziativa di altre categorie e della Confederazione.
Ci è stato spiegato che i processi di esternalizzazione hanno risposto ad una domanda di maggiore flessibilità delle imprese. Poi, però, ci è anche stato detto, che era un modo per competere sui costi. Il risultato, alla fine, è che sui lavoratori e sulle lavoratrici si sono scaricate condizioni, che non possono più essere accettate. Il massimo ribasso porta inesorabilmente ai bassi salari, oltreché a condizioni di lavoro peggiori, per salute e sicurezza; il cambio di appalto è diventata una condizione di stress crescente, non è possibile che una persona non possa programmare la propria esistenza, peraltro, già condizionata dai bassi salari e orari ridotti, per il fatto di non sapere se quella magra condizione di lavoro potrà riproporsi l’anno successivo.
Allora, su questo tema degli appalti è venuto il momento di metter in campo una grande iniziativa dei sindacati di categoria, delle confederazioni, per rivendicare nuove condizioni normative e legislative, per porre con forza il problema delle regole dentro questo mercato, della trasparenza e della legalità in grado di restituire più dignità e migliori condizioni alle lavoratrici e lavoratori del settore.
Così come continueremo nel lavoro avviato con il vasto mondo sommerso degli studi professionali, dove abbiamo incontrato decine di giovani ragazze e ragazze, anche lì, desiderosi di mettere in gioco le proprie competenze, la propria passione professionale per costruire un proprio futuro lavorativo dignitoso.
I nostri lavori, dunque, tutti i lavori, tutte le professioni costituiscono un primo tratto del nostro progetto. Poi, ci sono i “segni particolari” che identificano la nostra rappresentanza, quelli che parlano delle nostre soggettività.
Il primo in assoluto è la differenza di genere. La Filcams dovrà essere il sindacato donna della Cgil e non per un vezzo, quanto per il fatto che il mondo che noi rappresentiamo è un mondo a prevalente occupazione femminile.
Però, dobbiamo intenderci su cosa significhi essere un sindacato donna. Qualcuno pensa che si tratti dell’applicazione coerente e rigorosa della norma antidiscriminatoria che si è data la Cgil, ma non è questo. A parte il fatto che quella norma non dice che le donne debbono essere il 40% dell’organizzazione, dice che non debbono essere meno del 40%, perché se fosse così, la sua interpretazione non potrebbe che essere simmetrica, applicabile anche agli uomini.
Essere un sindacato donna significa innanzitutto battersi per affermare il valore della differenza di genere nella società e nel lavoro. Essere sindacato donna, significa che la Filcams deve battersi per il diritto delle donne ad avere salari uguali agli uomini, mentre sappiamo che non è così, per tanti motivi; significa battersi per un lavoro compatibile con il ruolo della donna nella società, orari, tempi, permessi, ambienti di lavoro, significa battersi per la dignità sul lavoro; significa battersi per difendere il diritto al lavoro e sappiamo che non è così: il 27% delle donne, dopo il primo figlio, lascia per sempre il lavoro! Per queste donne, l’art.1 della Costituzione Repubblicana decade dopo aver partorito il primo figlio!
Qui non vi è solo la negazione di un diritto formale per una parte grande di persone, ma quello che più è significativo è la perdita di un patrimonio umano e professionale importante, perché le donne sono una grande risorsa per il paese!
Significa che anche il sindacato deve modificare il proprio modo di essere, per rendere compatibile la vita da dirigente con quella di donna, che significa tante vite in una, di mamma, di moglie, di figlia, di assistente domestica….. Noi possiamo farlo, possiamo dimostrare che un sindacato a misura di donna può esistere ed anche per questo informo tutti i nostri delegati che la commissione elettorale esaminerà, con ampie probabilità di successo e senza astrazioni, la proposta di eleggere il nuovo organismo, il Comitato Direttivo Nazionale, dove per la prima volta (forse anche in Cgil) le donne saranno la maggioranza dei suoi componenti.

Il progetto di rinnovamento che abbiamo avviato ha, poi, un deciso connotato generazionale. Inutile negare che la necessità di recuperare il vuoto generazionale che si è creato non solo nel sindacato, costituisce un obbligo, non tanto per superare un limite organizzativo, quanto per essere in grado di rappresentare nuovi bisogni, di rispondere ad aspettative lontane dalla nostra tradizione, che, se private di un riferimento, di un soggetto ove potersi rappresentare, si infrangerebbero negli scogli della società gerontocratica, quale è la nostra, a tutti i livelli.
Da alcuni mesi abbiamo avviato un lavoro sulle politiche giovanili, di cui parleremo nella giornata di domani. E’ da quel lavoro che dovremo attingere per costruire i gruppi dirigenti del futuro e per fare questo non vi è il rischio di prefigurare chissà quali scontri generazionali. Dentro questo progetto c’è posto per tutti e c’è bisogno di tutti, soprattutto per sostenere un’esperienza che deve consolidarsi sul campo.

Il nostro progetto di rinnovamento si fonda, soprattutto, sulla conoscenza, sui saperi. Non è più l’epoca del sindacalista tuttologo, bisogna studiare, formarsi, in un rapporto stretto tra formazione teorica ed esperienza sul campo. Per questo ribadisco quello che ho già detto nei mesi che hanno preceduto il congresso: il varo del Piano Nazionale di Formazione Sindacale costituisce un vincolo e una discriminante per la selezione dei nostri quadri, sostenendo quelli di base, dei luoghi di lavoro, che chiamiamo a svolgere funzioni impegnative con la contrattazione di secondo livello; investendo sui giovani dirigenti sindacali, anche attraverso la formazione di eccellenza, come il master promosso con l’Istituto Superiore Formazione, giunto alla sua seconda edizione, che replicheremo appena concluso quello in corso di svolgimento.
Rappresentare tutto il mondo dei lavori del Terziario comporta avere una visione unitaria dell’organizzazione. Se il nostro baricentro fosse esclusivamente spostato sulla grande Distribuzione, non potremmo che avere un’organizzazione prevalentemente centro-nordista, poiché il core business del settore è a Milano, in Lombardia, nel Centro-Nord.
Perderemmo di vista che esiste una area grande del Paese, il Mezzogiorno, dove la crisi agisce attraverso una concatenazione dagli effetti sociali ancora più drammatici che nel resto del Paese. Nel Sud i nostri settori sono mediamente tutti in crisi, con la fuga della GDO, il fallimento delle politiche per il turismo e l’abbandono dei servizi, con effetti sociali dirompenti, soprattutto, i relazione agli ex-Lsu, vittime delle ripetute promesse elettorali. Ma questa crisi settoriale sta dentro la crisi del Mezzogiorno, anch’esso tradito dalle promesse, che, a sua volta, sta dentro la crisi più generale del Paese. L’effetto “matrioska” è drammatico, perdere un posto di lavoro nel Mezzogiorno non è la stessa cosa che nel resto del paese. Ma la battaglia per l’occupazione si intreccia con quella per la legalità, contro le mafie che tengono prigioniero il mercato e negano prospettive di sviluppo.
La Filcams non può non assumere questa battaglia come una priorità del proprio progetto e per definirne obiettivi e tappe il congresso deve impegnare tutti noi a realizzare entro quest’anno la Conferenza nazionale sul mezzogiorno, quale inizio di un percorso che dovrà mobilitare tutta l’organizzazione.

Infine, vogliamo una Filcams con lo sguardo sul mondo che viviamo. Già il settore distributivo, quello del turismo ci hanno portati a misurarci con la dimensione internazionale delle politiche sindacali ed è per questo che verso la politica internazionale dedicheremo un impegno maggiore. Vorrei, per questo, ringraziare i nostri ospiti, rappresentanti delle Federazioni Internazionali e dei paesi dell’Europa e degli altri continenti presenti.
Il nostro impegno internazionale avrà due aspetti. Il primo, finalizzato a rafforzare la presenza e l’attività negli organismi internazionali della categoria, quelli europei e quelli mondiali. Questo, in funzione della necessità di rafforzare il coordinamento delle politiche sindacali in ordine all’esperienza del dialogo sociale e delle vertenze che le organizzazioni si trovano a dover gestire nei vari paesi, come nel caso recente di Carrefour. Un coordinamento sempre più necessario, anche in relazione al peso crescente che va assumendo, in Europa, la funzione della Commissione Europea, in relazione alle materie del lavoro, dei servizi, delle varie attività dei settori da noi rappresentati.
In questo quadro, assieme a Fisascat, Uiltucs e Coop abbiamo avanzato la proposta di sviluppare anche per le Cooperative di Consumatori il Dialogo Sociale Settoriale a livello europeo; la proposta è stata raccolta da UNI Europa che la discuterà nel prossimo Comitato Direttivo di UNI Europa Commerce
Il secondo aspetto, invece, deriva dalla necessità di intercettare e di rappresentare il fenomeno crescente dell’immigrazione. Il tema della presenza dei lavoratori stranieri nei nostri settori ha assunto ormai proporzioni significative, descrivendo una realtà tutt’altro che temporanea. Tanto nel settore alberghiero e della ristorazione, quanto in quello dei servizi alle persone, ma, ormai, in via crescente nello stesso settore distributivo, il mercato del lavoro è sempre più multietnico.
Come deve rispondere la Filcams (e l’intero sindacato) a questo fenomeno, preoccupandosi di assistere gli immigrati che lavorano nei nostri settori nelle pratiche del permesso di soggiorno e stampando i contratti nelle diverse lingue straniere? Certamente, sono tutte cose che debbono essere fatte, già le facciamo e continueremo a farle, con ancora più impegno.
Ma il tema è un altro e non possiamo tardare a coglierlo in tutte le sue implicazioni. Questo nuovo mondo che avanza ci parla della necessità di ridefinire su basi multietniche il nostro soggetto della rappresentanza, ci dice che la sfida è la costruzione del sindacato multietnico, che è qualcosa più dell’ingresso di qualche compagna o compagno straniero nei nostri organismi. Anche in questo caso, la sfida parte dalla testa, dal pensiero, dalla necessità di comprendere che siamo di fronte ad una sfida culturale, che non ci chiedere di annullare le diversità, ma di unirle senza confonderle e distinguerle senza separarle. Significa –dunque- cominciare a pensare la contrattazione in funzione di queste diversità, rispondendo a bisogni contingenti, ma anche indotti da identità culturali diverse, che possono impattare con i processi sociali e del lavoro, chiedendo non solo di essere accolte, ma di essere riconosciute come diritti di cittadinanza, a partire dal primo, per il quale anche la Filcams si batte, il diritto al voto per chi di fatto è parte integrante della vita economica e civile del Paese.
Ma un sindacato multietnico non è soggetto che rimuove le ragioni dell’immigrazione, che sono nella alta diffusione della fame, delle malattie, delle guerre, dell’analfabetismo. Un sindacato multietnico è un soggetto che fa proprio l’impegno politico e civile per combattere e rimuovere le cause che generano quelle condizioni e questo sarà un segno che connoterà il nostro impegno internazionale, il sostegno alla cooperazione per lo sviluppo, il sostegno ai sindacati che si battono per la libertà e la democrazia nei paesi ove essa viene negata.
In occasione dell’8 marzo abbiamo aderito al progetto “l’Africa cammina con i piedi delle donne”, perché ancora una volta –in queste aree del mondo- sono le donne oggetto delle maggiori violenze ed ingiustizie, ma, ancora una volta è dalle donne che si libera la maggiore energia per alimentare la speranza del cambiamento.
La natura del nostro fare sindacato ci colloca nel crocevia della globalizzazione.
Ci occupiamo di consumo e non possiamo rimuovere la grande contraddizione prodotta dall’iniqua ridistribuzione della ricchezza mondiale, che nel terzo millennio fa si che lo spreco conviva col dramma dell’alimentazione, della fame e della sete nel mondo (anche per questo aderiamo alla battaglia per difendere l’acqua quale bene pubblico e non merce di scambio).
Ci occupiamo di turismo e sul lavoro viviamo la ricchezza dell’incontro di culture, costumi, etnie diverse, ma scopriamo anche il rovescio della medaglia nei paradisi patinati, fino alla schiavitù minorile.
Ci occupiamo dei servizi alle persone e scopriamo, nell’incontro con tante collaboratrici domestiche, tante colf, l’intensità di storie personali che racchiudono spesso il dramma di comunità intere, offese dalle guerre e dal fallimento di nobili speranze, persone intente a riscattare orgoglio e dignità nell’ammirevole impegno professionale.
Tutto questo muove una coscienza, la nostra coscienza, intenta a guardare sempre il volto ferito di questa umanità e ci fa sentire di essere a posto con noi stessi solo combattendo questa errata declinazione della globalità, dal fronte che presidiamo quotidianamente.
Anche per questo vogliamo rivolgere a Gino Strada, all’organizzazione Emergency tutta la nostra solidarietà e siamo felici di poter festeggiare oggi l’avvenuta liberazione dei tre operatori italiani, tenuti ingiustamente prigionieri la scorsa settimana.

Care compagne e compagni,

c’è qualcosa di nuovo nell’aria, anzi di antico! E’ il valore della confederalità, è la Cgil, per noi è la Filcams, consegnataci da chi l’ha costruita in tempi lontani, quando tutto era molto più difficile, dai “sovversivi” che la preziosa ricerca condotta dal Ce.Mu. ha riportato fra noi, nelle immagini e nel volume che troverete in cartella.
Dobbiamo restituirla a chi verrà dopo di noi, più forte, nel corpo e nella mente. Siamo sulla buona strada: 372.268 iscritti, siamo la seconda categoria fra gli attivi e vogliamo immetterci subito nella corsia di sorpasso. E’ il risultato del vostro lavoro, per il quale vi ringrazio a nome di tutta la Filcams. E’ il risultato del lavoro delle compagne e dei compagni che con questo congresso concluderanno la loro esperienza in Filcams, che io saluto e ringrazio a nome di tutti voi.
La Filcams è tutto questo, vita di donne e uomini umili, ai quali la storia ha bussato alla porta e loro, quella porta, l’hanno spalancata, senza chiedere nulla in cambio, che non fosse la certezza di avere messo una piccola pietra per costruire il futuro. Noi vogliamo rifiutare l’idea che cambiare non si può, perché ormai è così.. Il cambiamento è frutto della volontà, non della possibilità. Magellano non avrebbe scoperto il Nuovo Mondo, né Amstrong sarebbe sbarcato sulla luna.
Il futuro sostenibile è davanti a noi, dipende da noi, dobbiamo solo non aver paura dei nostri dubbi, perché i dubbi sono l’anticamera delle nostre certezze, soprattutto di quelle che non ti fanno rimpiangere di aver dedicato la vita al sindacato, ad una missione che parla di pace, di giustizia, di dignità delle persone.

Buon lavoro a tutti noi!

Inactive hide details for Valle d'AostaValle d’Aosta

Inactive hide details for PiemontePiemonte


IX Congresso Regionale Relazione di Giovanni Ciarlo

Inactive hide details for LiguriaLiguria


IX Congresso Regionale Relazione di Calogero Pepe
Invito
Tavola Rotonda Ordini del Giorno

Genova Invito

La Spezia Relazione di Daniela Ricchetti

Inactive hide details for LombardiaLombardia


X Congresso Regionale Relazione di Gian Mario Santini
Invito
Ordini del Giorno:
Carrefour
Mense
Emendamento
Documento politico

Brianza Relazione di Gerardo Galassi Documento politico

Brescia Relazione di Pierluigi Cetti Documento politico

Como Relazione di Ivan Garganico Documento politico

Cremona Relazione di Palmiro Crotti Documento politico

Lecco Relazione di Valentina Cappelletti Documento politico

Legnano Relazione di Giovanni Speriani Documento politico

Lodi Relazione di Mario Santini Documento politico

Mantova Relazione di Daniele Soffiati Documento politico

Milano Relazione di Graziella Carneri
Invito
Ordini del Giorno:
Migranti
Carrefour
Emendamento
Documenti politici:
Mozione 1
Mozione 2

Pavia Relazione di Lorena Bini Documento politico

Sondrio Relazione di Vittorio Boscacci Documento politico

Varese Relazione di Pino Pizzo Documento politico

Inactive hide details for VenetoVeneto


IX Congresso Regionale Relazione di Rocco Campa
Invito
Iniziativa Associazione Fabio Sormanni Documento politico

Padova Relazione di Egidio Zanovello Documento politico

Verona "Il lavoro delle donne…"

Vicenza Relazione di Umberto Marin Documento politico

Inactive hide details for TrentinoTrentino


XIII Congresso Regionale Relazione di Ezio Casagranda
Invito
Ordini del Giorno:
Per l’acqua pubblica
Commissione di Garanzia
Contro ogni precarietà
No ai privilegi
Servizi CGIL
Documento politico

Inactive hide details for Alto AdigeAlto Adige


Bolzano Relazione Maurizio Surian Documento politico
Relazione Anna Falcone
Relazione Cinzia Turello

Inactive hide details for Friuli Venezia GiuliaFriuli Venezia Giulia


IX Congresso Regionale Relazione di Susanna Pellegrini Documento politico

Inactive hide details for Emilia RomagnaEmilia Romagna


X Congresso Regionale Invito
Tavola Rotonda

Bologna Relazione di Ramona Campari Ordine del Giorno

Cesena Relazione di Paolo Montalti Ordine del Giorno

Forlì Relazione di Maria Giorgini
Intervento di Kelly De Roeck, SETCA
(italianoinglese)
Gruppi di lavoro: Giovani, Iniziative, Formazione, Continuità Militanza, Documento politico

Modena Relazione di Marzio Govoni

Reggio Emilia Documento politico e OdG

Rimini Documento politico

Inactive hide details for ToscanaToscana


IX Congresso Regionale Relazione di Dalida Angelini Ordine del Giorno Documento politico
Tavola Rotonda

Lucca Gruppi di lavoro:
Appalti
Flessibilità
Turismo

Pisa Relazione di Cinzia Bernardini

Prato Relazione di Emilio Testa

Siena Relazione di Franco Capaccioli Documento politico

Inactive hide details for MarcheMarche


X Congresso Regionale Relazione di Claudio Di Pietro

Macerata Documento politico

Pesaro Urbino Relazione di Simone Paolucci Ordine del giorno
Emendamento
Documento politico

Inactive hide details for UmbriaUmbria


Terni Relazione di Paolo Del Caro Ordine del Giorno Documento politico

Inactive hide details for LazioLazio


IV Congresso Lazio/Roma Relazione di Silvana Morini
Invito
Programma
Documento politico

Inactive hide details for AbruzzoAbruzzo


III Congresso Regionale Relazione di Antonio Terenzi
Invito
Locandina

Inactive hide details for MoliseMolise


V Congresso Regionale Relazione di Franco Spina
Invito
Documento politico

Inactive hide details for CampaniaCampania


VIII Congresso Regionale Relazione di Raffaele Lieto
Invito Documento politico

Napoli Invito

Inactive hide details for PugliaPuglia


Lecce Invito

Inactive hide details for BasilicataBasilicata

Inactive hide details for CalabriaCalabria


Cosenza Relazione di Maria Bruno Manifesto

Pollino Sibari Tirreno Relazione di Vincenzo Laurito
Intervento di Dennis Soete, BBTK
(italianoinglese)

Vibo Valentia Relazione di Fortunato Petrolo Interventi:
Antonella Curra
Teresa Fusca
Francesco Sicari
Mary Vesci

Inactive hide details for SiciliaSicilia


Catania Relazione di Salvatore Leonardi

Palermo Relazione di Monica Genovese Tavola Rotonda

Siracusa Relazione di Francesco Di Priolo

Inactive hide details for SardegnaSardegna

1. Dalla crisi globale nuove prospettive di sviluppo del terziario

La crisi globale che in questi anni ha investito le economie occidentali, si è rivelata per il terziario la prima nella storia dell’Italia moderna. Le dimensioni inedite e le conseguenze hanno posto in termini nuovi la questione del terziario nello sviluppo del paese, mettendone in discussione le funzioni strategiche e ponendo la necessità di ripensarne i modelli di sviluppo affermatisi nel corso di questi anni.

Occorre che tale questione, significativamente assente dal dibattito politico nazionale, venga assunta in tutta la sua dimensione economica e portata sociale.

Il Congresso Nazionale della Filcams si propone tale obiettivo, sia in relazione alle scelte congressuali della Cgil, sia per quanto riguarda gli obiettivi che la categoria dovrà perseguire nel prossimo mandato congressuale.

I cicli che dal dopoguerra ad oggi hanno caratterizzato lo sviluppo del terziario, rendendolo uno dei settori principali della crescita economica e nella formazione della ricchezza nazionale, hanno consolidato l’idea di una sua forza espansiva inarrestabile ed –al tempo stesso- lo hanno ritenuto immune dalle crisi che hanno attraversato l’economia italiana nel corso dei decenni.

Ma la crisi globale ha costretto tutto il settore terziario ad avviare una profonda fase di riorganizzazione al proprio interno, i cui esiti non sono al momento chiari nella loro capacità di far uscire tali settori dalla crisi in condizioni strutturali più forti. Prevale, infatti, il rischio che tale crisi venga affrontata dalle aziende attraverso scelte inadeguate al livello della sfida ed incapaci di imprimere al terziario quel necessario salto di qualità. Tanto nel settore del commercio, quanto in quello turistico, le grandi catene distributive ed alberghiere sembrano rifugiarsi in soluzioni di corto respiro, i cui effetti concreti consistono nella ulteriore diffusione della precarietà del lavoro e destrutturazione delle imprese ed è chiaro che tutto ciò si traduce in una grave minaccia per il futuro della contrattazione nel settore.

Per tutte queste ragioni la categoria deve mettere in campo una propria iniziativa contro la crisi, per parlare con una parte ampia del Paese. Individuare forme di mobilitazione basate innanzitutto su iniziative di sensibilizzazione dei cittadini, per immaginare lo sviluppo di veri e propri momenti di mobilitazione per denunciare le condizioni delle lavoratrici e lavoratori di questo settore.

2.Diritti universali contro la crisi

Nonostante il contributo dato dal settore alla crescita economica del Paese, le lavoratrici ed i lavoratori del terziario si caratterizzano per salari mediamente tra i più bassi e per la scarsa presenza di strumenti di protezione sociale. Ciò dimostra l’iniqua distribuzione del reddito realizzata nel corso degli anni nei quali i settori del terziario, specie la grande distribuzione, hanno conosciuto la loro maggiore espansione.

Questo comporta un maggior impatto sociale della crisi attuale e livelli di disagio molto più aQuesto comporta un maggior impatto sociale della crisi attuale e livelli di disagio molto più accentuati che in altri settori tradizionalmente protetti.

Da cosa sia originato il vuoto delle tutele è problema assai rilevante: la vocazione del settore a produrre ma a non distribuire ricchezza; l’assenza di precedenti congiunture sfavorevoli che, tuttavia, se non hanno afflitto la Grande Distribuzione Organizzata, non sono state certo lontane dai settori storicamente “deboli” (appalti nel pulimento, settori della vigilanza…)

Sta di fatto che la crisi che investe anche il terziario e in alcuni casi, con effetti ancora più vistosi, altri settori dell’economia, contribuisce a riaffermare la centralità dell’obiettivo dell’estensione universale dei diritti nel mondo del lavoro, dimostrando di converso l’equazione più flessibilità = meno diritti.

Si tratta –dunque- di fronteggiare la crisi affermando il diritto all’universalità degli strumenti di protezione del reddito, rivendicando l’estensione degli ammortizzatori sociali alle fasce del lavoro terziario attualmente escluse.

In secondo luogo, occorre opporsi in tutti i modi ai licenziamenti, ricorrendo a tutte le soluzioni alternative, estendendo a tutti i settori quanto previsto dal Patto per il Lavoro siglato con Confcommercio e Confesercenti, del quale va rivendicata la coerente attuazione (contratti di solidarietà, riduzioni di orario, flessibilità contrattate).

3. Il nuovo orizzonte della sostenibilità contro le distorsioni del consumismo

La crisi globale va affrontata con la capacità di ripensare i modelli che hanno caratterizzato lo sviluppo del terziario negli scorsi decenni ed assumere il settore quale terreno importante per affermare l’idea nuova di sostenibilità dello sviluppo, in grado di rendere compatibili fra loro gli interessi della crescita economica del Paese e quelli della qualità della vita sociale e del lavoro. Uno scenario di questa natura implica, inequivocabilmente, la costruzione di un progetto politico all’altezza delle sfide che la categoria deve fronteggiare.

Contemporaneamente, si tratta di aprire un grande confronto, anche culturale, sul futuro di questo settore, sullo sviluppo futuro della grande distribuzione, del turismo, dei servizi, sapendo che questo tema non è tema che incrocia la funzione solo delle aziende, ma chiama in causa le istituzioni, le loro scelte programmatiche, i loro strumenti di pianificazione dello sviluppo.

L’operazione culturale è quella di scrollarsi di dosso un certo fatalismo. Non esistono situazioni acquisite per sempre. In Europa, ad esempio, si assiste ad un ripensamento delle scelte che in questi decenni hanno privilegiato lo sviluppo abnorme della grande distribuzione.

La Filcams, che sceglie di essere parte del movimento che si batte per una diversa ridistribuzione delle risorse, a favore di un nuovo equilibrio tra aree ricche ed aree povere del pianeta, che assume il valore della sostenibilità quale paradigma centrale della crescita economica, fa proprie le battaglie per una nuova cultura del consumo, che affermi nuovi valori ed una nuova etica del consumo, in grado di superare le distorsioni imposLa Filcams, che sceglie di essere parte del movimento che si batte per una diversa ridistribuzione delle risorse, a favore di un nuovo equilibrio tra aree ricche ed aree povere del pianeta, che assume il valore della sostenibilità quale paradigma centrale della crescita economica, fa proprie le battaglie per una nuova cultura del consumo, che affermi nuovi valori ed una nuova etica del consumo, in grado di superare le distorsioni imposte dal consumismo indiscriminato.

Le scelte che hanno guardato sempre più verso le cittadelle del consumo, hanno mostrato l’assenza evidente di una politica in grado di riorientare il consumo di massa nel senso delle compatibilità ambientali e sociali, e l’assenza di una programmazione pubblica in grado di ridefinire priorità e qualità dei servizi sociali. Per queste ragioni sempre più si asseconda la domanda di liberalizzazioni di aperture domenicali nel commercio, con un evidente squilibrio nel versante dei servizi ai cittadini: alle sempre più frequenti aperture domenicali dei centri commerciali non ci sono equivalenti disponibilità ad apertura di altri servizi pubblici, sicuramente più essenziali.

Oltretutto, la stragrande maggioranza di occupazione in questo settore è femminile e, conseguentemente, sono necessarie politiche di genere proprio perché la conseguenza di queste forme di liberalizzazioni sono contro il lavoro delle donne e contro la condizione delle donne in generale.

Questa situazione è sicuramente la fotografia più chiara del “caos strategico” che accompagna il settore, completamente al di fuori di una equilibrata programmazione dell’uso del territorio, con conseguenti fenomeni di saturazione delle aree urbane, a fronte del carattere invasivo delle grandi superfici commerciali e del conseguente spopolamento e abbandono dei centri storici.

Non si tratta di mettere in discussione un modello in quanto tale, bensì l’assenza di un equilibrio attraverso il quale il commercio possa mantenere una sua funzione sociale di servizio (es.: il commercio di vicinato e la popolazione anziana, in un Paese dove la popolazione anziana rappresenta una quota rilevante della popolazione totale).

E nel quadro di politiche finalizzate alla sostenibilità ambientale, vanno rilanciate le questioni legate alla mobilità territoriale, dei servizi e della tutela dell’ambiente in relazione allo smaltimento dei rifiuti (Il commercio è uno dei principali produttori di rifiuti da confezionamento). Così come, non sono estranee altre tematiche legate ai temi dell’alimentazione e della salute dei cittadini, in relazione alla qualità dei prodotti (alimentari, giocattoli, ecc…).

E’necessario –pertanto- attribuire un ruolo di soggetto politico ad un sindacato che in questo contesto molto particolare non si chiuda in sé stesso, che non delimiti il confine della propria azione in una visione corporativa e settorialista della rappresentanza, ma che sappia collocare la propria missione dentro la prospettiva di un cambiamento della società, perché le dinamiche che determinano la condizione di lavoro delle lavoratrici e lavoratori sono sempre più fortemente dipendenti dall’assetto economico, sociale e civile del Paese.

4. Dignità del lavoro e delle persone

Il terziario è settore ad alta densità di lavoro impiegato, ma a fronte di un così significativo dato quantitativo, non corrisponde una qualità del lavoro fondata sulla valorizzazione e promozione professionale.

Per conseguire questo obiettivo occorre innanzitutto combattere l’idePer conseguire questo obiettivo occorre innanzitutto combattere l’idea che nel terziario possa operare essenzialmente un lavoro light, fisiologicamente portato all’instabilità; nè è in discussione il bisogno di flessibilità di cui le aziende necessitano, date le caratteristiche tipologiche del terziario.

Tutelare e valorizzare il lavoro terziario significa, però, rendere compatibili fra loro flessibilità e stabilità dell’occupazione, oltre l’idea di stabilità, quale quella conosciuta nella tradizionale cultura manifatturiera.

Occorre interrogarsi guardando oltre i luoghi comuni, sapendo che la crescita occupazionale non si misura solo in termini di teste da contare, ma di ore di lavoro svolte; e, poi, le condizioni di lavoro, compresa la sicurezza, la salute e le malattie professionali; infine, la sua valorizzazione e remunerazione.

Il tema del lavoro nel terziario ripropone la centralità del lavoro e del suo valore nell’intera società italiana, essendo lo specchio di quanto esso sia stato sistematicamente messo in discussione tanto dai processi di ristrutturazione indotti dalla crisi, quanto dai modelli organizzativi perseguiti dalle imprese per sostenere la competizione sui mercati globali.

Lo sviluppo abnorme del part-time è fenomeno che descrive meglio di ogni altro la contraddizione dentro la quale si è immersi. Questo dato mette in rilievo la crescente incompatibilità tra le forme di occupazione più diffuse nel settore e i progetti esistenziali dei lavoratori, prevalentemente giovani.

La FILCAMS, pur riconoscendo la peculiarità del lavoro terziario, che impone adeguati livelli di flessibilità, deve lanciare una campagna nazionale contro l’abuso del part-time e di ogni altra forma di lavoro temporaneo, sostenendo l’inaccettabilità di un modello organizzativo diffuso nel settore che trae margini dalla non autosufficienza economica di chi vi lavora.

Ciò anche in ragione del fatto che il lavoro nel terziario è mediamente fra i più giovani del mercato del lavoro italiano e, pertanto, l’organizzazione deve assumersi la responsabilità di offrire un riferimento alle migliaia di ragazze e ragazzi che nel settore vogliono capire che fine faranno e, soprattutto, se c’è qualcuno che si preoccupa del loro futuro.

E’, infatti, del tutto evidente che il ricorso esasperato a tutte le forme di lavoro flessibili rappresenta anche la negazione della libertà individuale di organizzare la propria vita. Migliaia di ragazze e ragazzi assunti a part-time, ovvero, con contratti a tempo determinato, si vedono costretti ad aderire acriticamente ai modelli organizzativi dell’azienda, imposti spesso senza alcun confronto sindacale, vivendo con ciò una esplicita condizione di ricatto.

Si tratta di una contraddizione che impone una nuova visione etica del lavoro, a partire dalla necessità di riaffermare la dignità delle persone.

In questo quadro, incentivi finalizzati alla stabilizzazione dei rapporti di lavoro debbono sempre più orientare il ricorso ai contratti di lavoro flessibili e temporanei, ovvero, di quelli legati alla formazione, specie degli apprendisti, in una logica di transizione verso l’impiego a tempo pieno.

La battaglia della Filcams è –dunque- quella di riaffermare il primato del lavoro stabile ed a tempo pieno, riconducendo la flessibilità alla sua dimensione fisiologica, ovvero, di modalità organizzativa aziendale finalizzata a favorire la capacità di adattamento dell’impresa alle fasi straordinarie degli andamenti di mercato.

5. L’industria eco-sostenibile del turismo

L’Italia, che vive immersa nella crisi globale da posizioni più svantaggiate, per limiti e debolezze accumulate negli anni, ha bisogno di sfoderare qualche arma in più ed il turismo può rispondere a questa esigenza, quale industria finalizzata ad estrarre la nostra principale risorsa naturale. Anche in questo caso, la crisi deve essere vissuta come opportunità per affrontare e rimuovere gli ostacoli che in questi anni hanno fatto retrocedere di molti posti la nostra industria turistica.

Occorre affrontare con decisione i mali endemici del settore, innanzitutto, la dimensione dell’impresa turistica. E’ fin troppo evidente che in un mercato dove le economie di scala diventano sempre più fattore competitivo, la piccola dimensione diventa condizione svantaggiosa per la produttività e per i costi.

Oltre al nanismo delle imprese occorre superare il limite della stagionalità del mercato turistico, fenomeno non solo naturale ma, spesso, risultante di vari fattori, dalla capacità di sviluppare eventi in grado di attrarre flussi interni ed esterni, all’efficienza nella gestione delle strutture produttive. Per questo, anche il tema delle infrastrutture risulta essere determinante per capitalizzare l’investimento turistico.

Per queste ragioni, il turismo è settore interdisciplinare, che per il proprio sviluppo chiede vengano messe in campo diverse politiche, che incrocino diversi settori. Occorre –dunque- parlare di sistema-Italia, dove pubblico e privato, imprese e Stato (centrale e regionale) affermino un progetto integrato di sviluppo.

Gran parte di queste problematiche sono determinate dalla mancanza di un coordinamento nazionale e, prima ancora, da una strategia politica generale.

La recente costituzione del Ministero del Turismo deve rappresentare l’occasione per riconsiderare l’intervento pubblico nel settore, che renda possibile individuare linee di tendenza omogenee tra le singole regioni. Non si tratta di riproporre un anacronistico “centralismo” ma realizzare una indispensabile “cabina di regia”, in grado di elaborare una programmazione unica negoziata, attraverso la concertazione Stato-Regioni.

Il turismo è –dunque- settore centrale nella sostenibilità dello sviluppo, a maggior ragione essendo l’ambiente quota-parte consistente del prodotto offerto. Il turismo eco-sostenibil è condizione dello sviluppo futuro del settore, sia in relazione alla manutenzione dell’ambiente, sia in relazione agli effetti della stagionalità ed al suo impatto con le popolazioni.

Per questo, le politiche pubbliche di sostegno alle imprese del settore debbono essere fortemente finalizzate, in materia di risparmio energetico e riciclaggio dei rifiuti.

Le politiche dell’impresa debbono assumere la qualità quale discrimine della capacità competitiva. Rendere competitivo il settore turistico, offrire nuove prospettive di sviluppo, guardando oltre la crisi, chiede di valorizzare il lavoro e non mortificarlo. Per questo la tendenza a destrutturare l’impresa turistica, attraverso continui processi di esternalizzazione, è direzione opposta a quella dell’innovazione. Bassi salari, lavoro irregolare, destrutturazione di imprese e lavoro non costituiscono la risposta moderna e vincente. L’innovazione passa -innanzitutto- per l’investimento sul fattore umano Promuovere l’offerta turistica non è azione di basso contenuto professionale. Qualità del prodotto e del servizio sono sempre più ciò che fa la differenza Il fattore lavoro, per questo, è un fattore dell’impresa sul quale investire, innanzitutto attraverso la formazione professionale, paurosamente carente nel settore.

6. Un nuovo progetto di contrattazione per l’innovazione

Tutelare e valorizzare il lavoro, investendo sulle risorse umane e professionali è l’obiettivo centrale della contrattazione nel settore. per contribuire per questa via a rendere le imprese più forti sul mercato.

Oggi, questo progetto deve misurarsi con la crisi (che non giustifica una riduzione della contrattazione) e saper opporre alla riorganizzazione messa in atto dalle principali aziende del settore, una linea credibile di difesa dell’occupazione e di allargamento dei diritti, nel segno dell’equità e della solidarietà.

Il prossimo mandato congressuale, dunque, dovrà essere caratterizzato dall’impegno di tutta la categoria per la massima diffusione della contrattazione, in particolare, di II livello, sia aziendale, che territoriale.

La Filcams, in coerenza con la firma del Patto per il lavoro e la successiva firma unitaria del contratto del settore distributivo, continuerà ad operare affinché in materia di rinnovi dei Ccnl nazionali possano realizzarsi le sintesi unitarie, necessarie a perseguire con più forza la ricerca di soluzioni in grado di intervenire sul regime di bassi salari che caratterizzano i settori del terziario, di porre un argine alla destrutturazione delle imprese, invertendo la tendenza alla progressiva precarizzazione del lavoro, di valorizzare e qualificare professionalmente il lavoro, coerentemente con i necessari processi di innovazione che vanno introdotti nel settore.

Al II livello di contrattazione la battaglia salariale dovrà consentire, in primo luogo, di evitare un arretramento delle attuali condizioni, attraverso il tentativo di messa in discussione degli accordi realizzati nel corso di questi anni. Le disdette dei CIA, che in alcune grandi catene distributive sono state attuate, violando gli impegni contenuti nel Patto per il Lavoro, rappresentano per il sindacato una strada impercorribile, in quanto tendono a scaricare sul fattore lavoro il costo principale della crisi.

La contrattazione di II livello deve –invece- porsi l’obiettivo di realizzare una equa redistribuzione della produttività, a favore di un increLa contrattazione di II livello deve –invece- porsi l’obiettivo di realizzare una equa redistribuzione della produttività, a favore di un incremento delle retribuzioni, sulla base di una organizzazione del lavoro finalizzata a promuovere e premiare la valorizzazione professionale di tutte le lavoratrici e dei lavoratori, in alternativa ad un contesto di individualizzazione del rapporto con l’impresa.

Ma la vera sfida della contrattazione sindacale nel terziario, a livello nazionale e al secondo livello, sta nella capacità del sindacato di ridurre la precarietà, riappropriandosi di un ruolo attivo nel confronto sui problemi dell’organizzazione del lavoro e dei rapporti di lavoro. Ciò implica una analisi attenta della struttura organizzativa delle imprese ed una capacità di leggere gli andamenti economici e di bilancio delle stesse. Ciò non significa negare il bisogno di flessibilità delle aziende. Tuttavia, il regime degli orari, dei turni, dei permessi deve rappresentare sempre più un territorio sul quale contrattare soluzioni compatibili con le esigenze anche delle lavoratrici e dei lavoratori.

Il tentativo delle maggiori aziende di mettere in discussione diritti acquisiti su orari e tempi di lavoro ha chiaramente l’obiettivo di realizzare un aumento dell’orario di lavoro a costo zero. Occorre respingere tale obiettivo, che tenta di scaricare sul lavoro i costi principali della crisi delle aziende e dei mercati.

Nel quadro delle politiche sugli orari e i tempi di lavoro, il tema del lavoro domenicale, che le aziende affrontano come mera riduzione del costo della prestazione ed egemonia nella gestione organizzativa, la Filcams deve saper esprimere una propria capacità di innovazione culturale e sindacale.

Il tema del lavoro domenicale presuppone, innanzitutto, una iniziativa che vada oltre l’ambito contrattuale, per investire la programmazione degli orari commerciali, dei regolamenti del commercio e più in generale dei servizi offerti ai cittadini.

In questo quadro, la Filcams deve promuovere un confronto che rimetta al centro del dibattito il tema dei servizi pubblici essenziali, a fronte dei quali il sindacato viene chiamato a definire le soluzioni contrattuali adeguate a garantirne la prestazione.

Sul piano contrattuale, e ciò va oltre il tema del lavoro domenicale, la Filcams, che sceglie di rappresentare tutti i lavoratori, giovani ed anziani del settore, deve battersi per soluzioni che ridistribuiscano equamente il disagio lavorativo, nel quadro di una programmazione e di una adeguata remunerazione del lavoro domenicale.

Per la stabilizzazione del lavoro è centrale l’investimento sulla formazione, che deve costituire l’antidoto principale alla dissipazione ed alla distruzione della risorsa umana e professionale dell’impresa. Contemporaneamente, va rilanciata una forte iniziativa sui temi della salute e sicurezza, a fronte della alta esposizione dei settori del terziario agli infortuni ed alle malattie professionali. Ciò anche in relazione alla necessità di collocare la sfida dello sviluppo futuro del terziario sul terreno della competizione di qualità, dunque, della qualificazione dei processi organizzativi e del lavoro.

L’efficacia della contrattazL’efficacia della contrattazione sta –dunque- nella capacità di connettere fra loro le politiche dell’impresa ed i loro effetti sul lavoro, con le dinamiche economiche e sociali complessive, entro le quali le imprese stesse si trovano ad operare.

Per queste ragioni, la contrattazione nel terziario è anche territoriale, perchè si configura come un progetto organico di intervento sulle politiche di settore, sulle politiche aziendali e territoriali, sulle norme istituzionali che regolano le diverse attività, assumendo quali interlocutori e controparti, tanto le imprese e le loro rappresentanze associative, quanto, le istituzioni, dal Governo centrale a quelli regionali e locali.

7. La soglia sociale dei diritti negli appalti

La sfida della qualità impone la presenza di una struttura d’impresa in grado di sostenere politiche virtuose sul fronte dell’innovazione. Per queste ragioni, occorre porre un freno al ricorso esasperato ai processi di esternalizzazione, che, oltre a minare alle basi la struttura industriale del settore, mettono in discussione il livello dei diritti e le condizioni delle lavoratrici e dei lavoratori.

Le esternalizzazioni e la politica degli appalti, rappresentano sempre più il tentativo delle aziende di rispondere, attraverso una drastica riduzione dei costi del lavoro, ai problemi posti in essere dalla crisi e dalla concorrenza sempre più agguerrita.

In alcuni settori, come quello delle pulizie, essi rischiano addirittura di collocare diritti e remunerazioni sotto la soglia di tolleranza sociale, dovendo misurarsi con la drastica riduzione dei finanziamenti pubblici. In questo caso, l’impatto sociale è altissimo, sia per il fatto che la crisi colpisce prevalentemente le donne occupate nel settore, sia per il fatto che già, allo stato attuale, il livello dei salari è reso basso dalla quantità di ore lavorate, decisamente inferiori al tempo pieno.

Alle esternalizzazioni delle fasi di lavoro, specie nel turismo, la contrattazione nazionale e di secondo livello deve opporre l’unicità contrattuale, mantenendo diritti acquisiti e garanzie occupazionali, nel quadro di una inversione di tendenza finalizzata alla difesa dell’unicità aziendale

Gli appalti debbono essere ricondotti a trasparenza e regolarità e la contrattazione territoriale deve porsi l’obiettivo di imporre alle stazioni appaltanti, in molti casi pubbliche amministrazioni, la definizione di capitolati rispettosi dei diritti e delle norme definite da leggi e contratti.

Sul tema dei servizi in appalto, a partire dalla annosa questione dei cambi di appalto, la Filcams deve promuovere una vasta iniziativa che assuma con coerenza una linea generale del sindacato sui processi di esternalizzazione, fuori dalla logica contingente delle dinamiche di spesa pubblica, prevalentemente indifferenti al futuro occupazionale di migliaia di lavoratrici e lavoratori impiegati in tali attività.

In questo quadro, occorre riproporre il tema della ricomposizione unitaria dei contratti negli appalti di servizi, nel settore del terziario, ed al tempo stesso realizzare un maggior coordinamento tra le categorie che operano in tali settori, per mettere in campo una vertenza generale sulle regole e sulla trasparenza nella politica degli appalti.

8. La nuova rappresentanza, contro la solitudine delle moderne ingiustizie

Il terziario è un vasto mondo di lavori. Al suo interno sono presenti molte professioni diverse fra loro, diverse tipologie contrattuali, con netta prevalenza di lavoro temporaneo e spesso precario. E’ un mondo di lavori caratterizzato dalla dominante di genere e dalla prevalenza di lavoro giovanile. Nel corso degli anni, soprattutto, quelli più recenti, si assiste alla crescente presenza di lavoratori stranieri. Il terziario, è un mondo di lavori sostanzialmente diffuso su tutto il territorio nazionale.

Per un soggetto della rappresentanza collettiva, come il sindacato, la sfida è come tenere tutta questa complessità in un unico contenitore, quale è un sindacato di categoria. La risposta sta nell’elaborazione di un progetto culturale e sindacale in grado di offrire comuni tratti identitari ed un comune senso di appartenenza.

Per la Filcams, al centro di tale progetto vi è la persona, la valorizzazione e la promozione del lavoro, quale risorsa principale dell’impresa, ma, soprattutto, quale condizione per garantire un reddito adeguato ad una vita dignitosa.

Ma questo progetto deve essere in grado di rispondere al bisogno di partecipazione, di un mondo di lavori costretto nella solitudine del lavoro, dai consistenti processi di disgregazione e di “atomizzazione” delle attività di servizio.

Inedite e moderne forme della rappresentanza democratica debbono essere in grado di far emergere la grande soggettività del lavoro e la disponibilità al cambiamento, espresso dalle centinaia e migliaia di giovani (e meno giovani) donne e uomini impiegati negli studi professionali, nelle imprese del pulimento, negli appalti delle terziarizzazioni, nel commercio diffuso, come nelle cattedrali della grande distribuzione, altrettanta terra di grande frammentazione sociale e del lavoro.

La Filcams, è impegnata a rafforzare gli strumenti di partecipazione democratica, sia in relazione all’attività contrattuale, ritenendo vincolanti i percorsi di validazione democratica delle piattaforme e delle successive intese contrattuali; sia, promuovendo la costituzione delle rappresentanze sindacali, unitarie e di organizzazione, nei luoghi di lavoro.

Al tempo stesso, la Filcams è impegnata ad elaborare nuove forme di mobilitazione del settore, per riportare all’attenzione dell’opinione pubblica ed, in particolare, della politica, le problematiche del terziario, sempre più oggetto di nuove ingiustizie.

9. Le carte del rinnovamento Filcams

Se la politica è il fine e l’organizzazione il mezzo, il progetto politico e culturale del congresso è la base del rinnovamento organizzativo della categoria.

La Filcams vuole essere il luogo della rappresentanza organizzata del vasto mondo di lavori del terziario, dunque, una organizzazione capace di coniugare le tradizioni culturali del sindacalismo confederale italiano, con i necessari processi di innovazione culturale ed organizzativa, in grado di rappresentare interessi, bisogni, realtà profondamente diversificate fra loro.

La Filcams, per questo, vuole essere un laboratorio avanzato di ricerca e di sperimentazione sindacale, all’interno del quale la pluralità degli interessi, delle sensibilità, la soggettività espressa dalla composizione vasta e diversificata del lavoro terziario, si offra quale risorsa per individuare nuove sintesi nelle politiche sindacali e rivendicative.

La Filcams è una “piccola Confederazione”, per questo l’esperienza che nel corso del prossimo mandato congressuale dovrà svilupparsi potrà rappresentare un contributo utile a rilanciare e consolidare in tutta la Cgil l’idea ed il valore della confederaliltà.

I punti cospicui del “tracciato di rotta” del rinnovamento Filcams:

Le politiche giovanili

Il rinnovamento generazionale è una condizione per assicurare il costante ricambio dei gruppi dirigenti ed il rispetto della regola Cgil sulle scadenze di mandato.

Esso non rappresenta solo un dato anagrafico, ma la condizione per introdurre all’interno dell’organizzazione nuovi punti di vista, nuove mentalità, una nuova capacità di lettura critica della condizione sociale delle nuove generazioni impiegate nel terziario. L’ingresso di giovani negli organismi di base, nelle strutture sindacali e nei suoi gruppi dirigenti è obiettivo prioritario da perseguire nel prossimo mandato congressuale, sostenendo tale processo con la valorizzazione dell’esperienza rappresentata dal gruppo dirigente più consolidato della categoria.

Le politiche di genere

Il Terziario è settore con presenza dominante di lavoro femminile. Conseguentemente, la Filcams deve essere categoria in grado di rappresentare la differenza di genere negli organismi e nei gruppi dirigenti, oltre le condizioni minime definite dalle regole della Cgil.

Per conseguire tale obiettivo, occorre ridefinire i modelli organizzativi del sindacato, in relazione alla politica dei tempi e degli orari, dei servizi e della cultura.

Così come per le politiche giovanili, quelle di genere dovranno godere di un forte investimento, in termini di risorse, a sostegno di progetti di inserimento delle donne nelle strutture e di partecipazione all’attività di formazione sindacale.

I lavoratori stranieri

La presenza di lavoratori stranieri nel settore è fenomeno in costante crescita e pone in termini assolutamente nuovi il tema della rappresentanza sindacale. Rappresentare il lavoro straniero, infatti, costituisce la principale sfida cui è chiamato oggi il sindacato confederale, a fronte di una società che vivrà il fenomeno dei grandi flussi migratori, quale fenomeno destinato a ridefinire le stesse basi politiche, economiche, sociali e culturali dei paesi occidentali.

Non si tratta –dunque- di fare qualcosa per i lavoratori stranieri, ma fare con i lavoratori stranieri una cosa nuova, la costruzione di un sindacato multietnico.

Il sindacato multietnico vivrà a partire dall’elaborazione di nuove strategie sindacali e contraIl sindacato multietnico vivrà a partire dall’elaborazione di nuove strategie sindacali e contrattuali che assumano la multiculturalità quale terreno dei diritti universali.

Le professioni

Praticanti giovani professionisti e tirocinanti, la Filcams sta attivando un progetto a sostegno di un settore che necessita di un maggior riconoscimento professionale e di politiche di sostegno mirate. Sfruttati, spesso mal pagati, sono troppi, in Italia, i giovani che si trovano a dover affrontare condizioni di lavoro disagiate e senza le adeguate tutele e garanzie pur un buon futuro lavorativo. Nel contempo la proposta di legge per la riforma della professione forense rischia di complicare ancor di più il percorso, riservandolo a pochi eletti. Anche per questo l’impegno della Filcams vuole essere concreto e funzionale, al fine di migliorare la regolamentazione del rapporto di praticantato e tirocinio ed agevolare l’accesso alle professioni.

Il territorio

La politica delle risorse avrà nella Filcams una corsia preferenziale, a sostegno delle strutture territoriali. E’ sul territorio –infatti- che si affrontano le principali sfide sindacali per difendere condizioni e futuro occupazionale di chi lavora nel settore.

In questa direzione saranno orientati gli sforzi per la razionalizzazione organizzativa, assumendo i criteri della trasparenza amministrativa e della solidarietà, quali criteri basilari della riorganizzazione delle strutture a tutti i livelli.

le aree più deboli del Paese saranno oggetto di una attenzione e di un investimento maggiore, ed in questo quadro, il Mezzogiorno dovrà vedere una azione mirata e specifica della Filcams, per il rafforzamento di presenza e iniziativa sindacale.

Le politiche internazionali

Nei principali settori della Filcams operano aziende la cui diffusione va oltre i confini del mercato interno e che hanno capitale prevalentemente straniero. Ciò comporta per la categoria di investire sulle relazioni internazionali, sia per un necessario coordinamento dell’attività contrattuale, a fronte delle strategie riorganizzative delle grandi aziende; sia per promuovere e sostenere il dialogo sociale, in funzione della rappresentanza degli interessi dei lavoratori nelle sedi decisionali della comunità internazionale. L’impegno internazionale della Filcams sarà anche a sostegno delle politiche di cooperazione per lo sviluppo, soprattutto verso i paesi dai quali provengono i lavoratori stranieri del settore.

La formazione

La crescente complessità della rappresentanza e della stessa contrattazione comporta un salto di qualità nella qualità della direzione e della gestione dell’attività sindacale, per la comprensione critica dei processi economici e produttivi del settore.

Al tempo stesso, il rinnovamento dei gruppi dirigenti, assieme all’introduzione di nuove culture e mentalità, necessità della difesa e della riproposizione in chiave contemporanea dell’identità e dei valori culturali della nostra Confederazione.

Il Progetto Nazionale di Formazione della Filcams si propone di conseguire tali obiettivi verso tutto il proprio gruppo dirigente, facendo della formazione sindacale un vincolo di accesso e di permanenza nel gruppo dirigente di categoria.

10 febbraio
Brindisi

12 febbraio
Caltanissetta

13 febbraio
Medio Campidano – San Gavino

15 febbraio
Lecco – Chieti – Gioia Tauro

17 febbraio
Mantova – Cosenza

18 febbraio
Biella – Carbonia – Castrovillari – L’Aquila – Milano – Sondrio

19 febbraio
Avellino – Benevento –Catania – Cremona – Crotone – Brescia – Milano – Parma – Vibo Valentia

20 febbraio
Agrigento – Catanzaro

22 febbraio
Alessandria – Bologna – Cuneo – Ferrara – Forlì – Grosseto – Imperia – Legnano – Livorno – Padova – Palermo – Pavia – Ravenna – Reggio Emilia – Salerno – Siena – Taranto – Torino – Trieste – Varese – Vercelli

23 febbraio
Asti – Belluno – Bergamo – Bologna – Brianza – Caserta – Civitavecchia – La Spezia – Livorno – Palermo – Piacenza – Pomezia – Prato – Torino – Vicenza

24 febbraio
Ascoli Piceno – Bari – Bergamo – Cesena – Como – Foggia – Frosinone – Latina – Modena – Oristano –Pistoia – Pordenone – Rovigo – Savona – Siracusa – Teramo – Verbania – Verona

25 febbraio
Arezzo – Bari – Cagliari – Firenze – Genova – Imola – Macerata – Massa – Napoli – Pesaro – Pescara – Pisa – Reggio Calabria – Rimini – Viterbo – Treviso

26 febbraio
Ancona – Caltanissetta – Fermo – Firenze – Genova – Lecce – Lodi – Lucca – Napoli – Novara – Perugia – Rieti – Udine – Val D’Aosta – Venezia

27 febbraio
Nuoro

28 febbraio
Trapani


1 marzo
Gorizia – Molise – Sud Tirolo -Toscana

2 marzo
Campania – Liguria – Ragusa – Toscana

3 marzo
Campania – Liguria – Messina

4 marzo
Emilia Romagna

5 marzo
Emilia Romagna – Basilicata

8 marzo
Abruzzo – Lombardia – Puglia – Terni -Trentino

9 marzo
Lombardia FVG – Sicilia -Trentino

10 marzo
Calabria – Lazio – Marche

11 marzo
Lazio – Sardegna

15 marzo
Piemonte – Veneto

16 marzo
Piemonte – Veneto

Il programma dei lavori
La relazione di Ivano Corraini, Segretario generale FILCAMS CGIL

Ordini del giorno:
Aperture domenicali
Legge 194
TAV e Val Susa
Settore Auto
Servizi Giudiziari
Patto associativo Nidil-Categorie
Salute e Sicurezza
Ritiro truppe Iraq

Emendamenti:
Tesi 4
Tesi 7

Il documento conclusivo approvato
I filmati degli interventi
Le immagini dal Congresso

Documenti Congressuali

Comunicati Stampa
(24/02/2006) I Delegati Della Filcams Al Xv Congresso Nazionale Della Cgil
(21/02/2006) La Composizione Del Comitato Direttivo Nazionale, Dei Sindaci Revi. . .
(16/02/2006) Ivano Corraini Rieletto Segretario Generale Della Filcams
(14/02/2006) «È La Contrattazione L’essenza Del Nostro Essere Sindacalisti, L’i. . .
(10/02/2006) La Filcams Martedi’ 14 Apre Il Xii Congresso: Un Confronto E Una V. . .
(02/02/2006) «Includere Gli Esclusi Nelle Politiche Sociali Ma Anche Nella Cont. . .
(26/01/2006) Verso Il Xii Congresso Della Filcams – Il Programma Dei Tre Giorni. . .

Rassegna Stampa
(17/02/2006) Liberazione – Chiusa L’Assise Della Filcams
(17/02/2006) L’Unità – Corraini Rieletto Segretario Della Filcams
(16/02/2006) La Repubblica – “Brevi” Sottoscrizione Per L’auto Del Segretario
(16/02/2006) Giornali Locali – La Borsellino: La Sicilia In Europa Non Conta
(16/02/2006) La Repubblica – “Intervista” R.Borsellino: «Non Ci Saranno Più L. . .
(15/02/2006) Manifesto – Commercio, «Il Sindacato Può Fare Di Più»
(14/02/2006) Manifesto – Filcams: «Oltre Ogni Esclusione»
(14/02/2006) Liberazione – Precarietà, Lavoro Nero E Appalti: Le Sfide Dell. . .
(14/02/2006) L’Unità – Il Commercio Chiede Meno Precarietà
Link Correlati
     XI Congresso Filcams CGIL
     XV Congresso CGIL

NB: I filmati e gli spezzoni audio si possono ascoltare/visualizzare con Real Player 10. Se sul tuo computer non e’ installato Real Player 10 puoi scaricarlo cliccando qui ->
Gli interventi sono stati frammentati in spezzoni da circa 5′ ciascuno per permettere un caricamento agile anche a chi non ha connessioni internet veloci.


Filmati / Audio

Apertura dei lavori
Alessandra Scalia (Delegata Filcams Catania)
Carmelo Romeo (Segretario FILCAMS CGIL)

Saluto
di Francesco Cantafia
(Segretario generale CGIL Palermo)

Saluto agli ospiti
e lettura del messaggio inviato da Piero Fassino
Carmelo Romeo (Segretario FILCAMS CGIL)

Relazione
di Ivano Corraini
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Nazionale)

Intervento
di Marcella Lucidi
(Deputato DS)

Intervento
di Rita Borsellino
(Candidata Unione Presidenza Regione Sicilia)
1 2 3 4

Intervento
di Brunetto Boco
(Segretario Generale UILTUCS UIL Nazionale)
1 2 3 4 5

Intervento
di Gianni Baratta
(Segretario Generale FISASCAT CISL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Patrick Dalban Moreinas
(Responsabile Settore Turismo UITA)

Intervento
di Franco Barsali
(ANCC Lega Coop)

Intervento
di Lucia Merlo
(Segretario generale FILCAMS CGIL Molise)

Intervento
di Cristina Castellani
(Segretario generale FILCAMS CGIL Latina)

Intervento
di Giusi Pittalis
(Delegata Standa-Billa Gallura Olbia)

Intervento
di Matteo Mosca
(Segretario CGIL Basilicata)

Intervento
di Monica Genovese
(Segretario generale FILCAMS CGIL Palermo)

Intervento
di Ramona Campari
(FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Ivo Banella
(Segretario generale FILCAMS CGIL Umbria)
1 2 3

Intervento
di Sergio Valcovich
(Segretario FILCAMS CGIL Gorizia)

Intervento
di Ivano Giammetti
(Delegato GS Napoli)

Intervento
di Gianluca Zilocchi
(Segretario generale FILCAMS CGIL Piacenza)

Intervento
di Claudio Di Pietro
(Segretario generale FILCAMS CGIL Marche)

Intervento
di Tommaso Vitale
(Delegato Coop Lombardia)

Intervento
di Cristian Sesena
(Segretario generale FILCAMS CGIL Reggio Emilia)

Intervento
di Bruno Rastelli
(Coordinatore Nazionale Quadri)
1 2 3

Intervento
di Cristiana Susini
(Delegata COIN Firenze)

Intervento
di Valter Sgargi
(Segretario generale FILCAMS CGIL Emilia Romagna)

Intervento
di Ezio Casagranda
(Segretario generale FILCAMS CGIL Trentino)

Intervento
di Marco Rossi
(Collegio di Verifica FILCAMS CGIL)

Intervento
di Stefano Rizzo
(FILCAMS CGIL Varese)

Intervento
di Barbara Di Tomassi
(Delegata Pomezia)

Intervento
di Luisella Brotini
(Delegata Ipercoop Pistoia)

Intervento
di Donatella Alberti
(Segretario FILCAMS CGIL Brescia)

Intervento
di Tonino Terenzi
(Segretario generale FILCAMS CGIL Abruzzo)

Intervento
di Massimo Melotti
(Segretario generale FILCAMS CGIL Bologna)

Intervento
di Mario Mangili
(Segretario generale FILCAMS CGIL Brianza)

Intervento
di Miriam Broglia
(Segretario FILCAMS CGIL Roma/Lazio)

Intervento
di Rocco Campa
(Segretario generale FILCAMS CGIL Veneto)

Intervento
di Gianpaolo Becherini
(Delegato Unicoop Firenze)

Intervento
di Dino Paternostro
(Segretario generale CGIL Corleone)

Intervento
di Maria Grazia Mazza
(Delegata Ipercoop Tirreno Avellino)

Intervento
di Domenica Maresca
(Delegata Imprese di Pulizia Comune di Roma)

Intervento
di Aldo Libri
(Segretario generale FILCAMS CGIL Calabria)

Intervento
di Mauro Rossi
(Segretario generale FILCAMS CGIL Rimini)

Intervento
di Raffaella Fratoni
(Delegata Phonemedia Novara)

Intervento
di Romano Fattini
(Segretario generale FILCAMS CGIL Cesena)

Intervento
di Antonio Stasi
(Delegato Bergamo)

Intervento
di Tina Pollice
(Delegata ARPAC Napoli)

Intervento
di Giuseppe Lorusso
(Segretario generale FILCAMS CGIL Puglia)

Intervento
di Maria Carla Rossi
(Delegata Coop Milano)

Intervento
di Luca Sanna
(FILCAMS CGIL Torino)

Intervento
di Marzio Govoni
(Segretario generale FILCAMS CGIL Modena)

Intervento
di Luigi Coppini
(Presidente Comitato Direttivo FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Fabrizio Tola
(Segretario generale FILCAMS CGIL Roma Centro)

Intervento
di Renato Losio
(Segretario generale FILCAMS CGIL Lombardia)
1 2 3 4

Intervento
di Marinella Meschieri
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Dalida Angelini
(Segretario generale FILCAMS CGIL Toscana)
1 2 3

Intervento
di Silvana Morini
(Segretario generale FILCAMS CGIL Roma/Lazio)
1 2 3 4

Lettura del Verbale della Commissione verifica poteri
Gianni Boerio (Commissione Verifica Poteri)

Intervento
di Maurizio Scarpa
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4 5

Intervento
di Anna Cuntrò
(Segretario generale FILCAMS CGIL Piemonte)
1 2 3

Intervento
di Cono Minnì
(Segretario generale FILCAMS CGIL Sicilia)

Intervento
di Fulvia Veirana
(Segretario FILCAMS CGIL Savona)

Proposta di composizione
del Comitato Direttivo
di Bruno Perin
(FILCAMS CGIL Nazionale)

Conclusioni
di Mauro Guzzonato
(Segretario Organizzativo CGIL Nazionale)
1 2 3 4 5 6 7 8 9

Lettura documento conclusivo
Carmelo Caravella (Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4

Lettura emendamenti alle tesi congressuali e ordini del giorno
Maurizio Scarpa (Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4 5 6

Elezione Comitato Direttivo e Delegati al Congresso CGIL
Gianni Boerio
Bruno Perin

Proposta della Segreteria Confederale
Mauro Guzzonato (Segretario Organizzativo CGIL Nazionale)

Proclamazione del Segretario generale FILCAMS CGIL

Gentili ospiti, compagne, compagni, amici

In questi giorni, qui a Palermo, chiudiamo una fase molto importante per la Filcams, quella di un percorso congressuale che ci ha visto impegnati, in un tempo tanto breve quanto intenso, nel lavoro delle assemblee di base e nei congressi territoriali e regionali.

Questo ci ha consentito di coinvolgere nel dibattito, sui temi che abbiamo scelto, 113.367 lavoratori che hanno votato i documenti congressuali in ben 6001 assemblee in rappresentanza di 307.769 iscritti alla Filcams Cgil al 31.12.2004

Anche in questo congresso, queste tre semplici cifre, danno la misura di quello che siamo e come abbiamo assolto l’impegno democratico del coinvolgimento nel dibattito congressuale di migliaia di lavoratori che rappresentiamo, che ci danno fiducia e guardano a noi, alle volte, come l’unico loro strumento di difesa.

Questo lavoro l’abbiamo svolto contemporaneamente al lavoro di gestione della vertenzialità diffusa nei settori di cui ci occupiamo e della iniziativa politica più generale a cui siamo stati chiamati.

Così facendo, abbiamo fatto diventare, il dibattito congressuale sui temi che gli sono propri, la gestione della vertenzialità e l’iniziativa più generale, come ad esempio la partecipazione allo sciopero generale del 25 novembre, un modo esemplare di rapporto con i lavoratori in cui si rendono evidenti le coerenze della strategia della Cgil e con essa della Filcams.

Anche per questa somma di fatiche mi sento in dovere, a nome della Filcams nazionale, di ringraziare tutte le compagne e i compagni delle Filcams territoriali e regionali che con il loro lavoro hanno reso possibile tutto questo.

Nei congressi territoriali e regionali che hanno preceduto questo congresso nazionale si è giustamente messo l’accento sulla scelta unitaria con cui abbiamo aperto la fase congressuale e da tutti, senza eccezione, si sono fatti gli auspici per una conclusione altrettanto unitaria.

Abbiamo fatto la scelta giusta e, per questo, apprezzata dai lavoratori che rappresentiamo.

Ce l’hanno dimostrato nelle migliaia di assemblee che abbiamo fatto.

Non sarebbe stata compresa una Cgil divisa su questioni strategiche con la necessità di fronteggiare problematiche sempre più acute e tragiche che lo scenario internazionale ci mette di fronte.

Scenario caratterizzato da una crisi ancor più acuta della questione mediorientale, da una guerra in Iraq che ha consumato più vite umane dal momento della sua fine ad oggi, da una crisi nel mondo arabo esaltata dalla esplosione del fondamentalismo per il quale la guerra, le eterne ingiustizie in quei paesi, l’impotenza degli Organismi sovranazionali sono quanto meno concausa di tutto ciò.

Come, ancor di più, non sarebbe stata compresa una Cgil divisa su questioni strategiche con la necessità di costruire un progetto per il paese in grado di fronteggiare il declino produttivo, lo smantellamento dello stato sociale così come da decenni lo abbiamo configurato, la difesa della democrazia, di una giustizia indipendente dal potere dei potenti del momento, la difesa della Carta fondamentale del Paese, della sua unità dentro un federalismo solidale, unico quadro di riferimento per la difesa e consolidamento dei diritti di coloro che noi rappresentiamo: i lavoratori dipendenti, facendo assurgere il lavoro come valore fondante delle scelte strategiche.

Progetto per il paese che la Cgil ha l’ambizione di presentare al confronto delle altre forze sindacali, delle forze politiche ed istituzionali.

Vedete, care compagne e cari compagni, tutti assieme abbiamo lavorato in questa direzione in questi quattro anni che ci separano dall’ultimo congresso.

Aver dovuto difendere le proprie posizioni, spesso da soli in netto contrasto con un Esecutivo che aveva come obiettivo esplicito la sconfitta della Cgil e con essa del sindacato confederale o quanto meno del suo ruolo alieno ad ogni forma di subalternità e collateralità con il manovratore, ci ha aiutato molto ad esser unitari, dobbiamo esserne consapevoli.

Affermo questo perché c’è un approdo possibile del congresso che può sancire la scelta compiuta dell’unità interna e noi dobbiamo dare un contributo in questo congresso perché questo accada.

Dobbiamo confermare qui, in questo congresso nazionale della Filcams, quanto abbiamo realizzato in tutti i congressi territoriali e regionali nei quali il dibattito sui documenti, compresi le tesi contrapposte sulla contrattazione e sulla democrazia, non hanno portato a contrapposizioni nei gruppi dirigenti, ma hanno consentito conclusioni unitarie.

In questo modo possiamo rendere sempre più vera l’affermazione che il pluralismo delle idee e delle proposte, nella CGIL, può rappresentare davvero una ricchezza e non una articolazione lacerante, tale, quindi, da consentirci di ricercare sintesi sempre più avanzate, capaci cioè di individuare proposte unitarie di iniziativa rispetto ai punti unificanti, rifuggendo il vizio costante della sinistra, e con essa, della CGIL, che è quello della straordinaria capacità di esaltazione delle distinzioni, delle differenze, e della loro continua, ossessiva, riaffermazione.

Ma perché questo accada non sono mai sufficienti gli atti che si compiono, occorre una propensione radicata delle singole compagne e dei singoli compagni, propensione che si costruisce nel tempo in una pratica che non deve essere mai dimenticata anche nelle piccole cose, per evitare che ciò che prima ho affermato si riduca a ben poca cosa e diventi semplicemente una brillante affermazione dialettica utile solo per bypassare momentaneamente un problema.

Intanto va capitalizzato quanto siamo riusciti a realizzare di visione comune assieme a tanta parte dell’umanità sui temi importanti della pace, del ripudio della guerra ancor più se preventiva.

Non riprendo risoluzioni già assunte in merito e quanto affermato dalle tesi della Cgil approvate quasi all’unanimità, mi limito solo ad osservare quanto i processi di pace non solo siano difficili e complessi, ma quanto possono repentinamente imboccare strade inverse e pertanto porci l’imperativo di riprendere, purtroppo con più angoscia, le iniziative a loro sostegno.

Non sfugge a nessuno, l’aggravarsi della situazione in medioriente dopo l’affermazione in libere elezioni in Palestina di Hamas come non ci sfugge che nelle prossime elezioni in Israele possa affermarsi, come reazione, la parte più oltranzista del Likud rappresentata da Netanyahu.

Hamas e Netanyahu hanno rappresentato nel 1993 gli oppositori al trattato di pace di Oslo stretto tra Arafat e Rabin trattato in cui avevamo riposto molte speranze ma che può, oggi, essere definitivamente sepolto.

Ebbene, noi ci ricordiamo le nostre analisi in merito alle quali sostenemmo e sosteniamo che la pace in quella parte tormentata del mondo in cui generazioni intere di giovani e di donne cresciuti per quarant’anni, in una costante e terribile spirale di atti di guerra, atti di terrorismo, repressione violenta è la condizione da cui non si può prescindere per lavorare per la pace e la lotta al terrorismo internazionale.

Sappiamo che c’è stato e c’è un uso strumentale di quel conflitto per alimentare il terrorismo internazionale, che va combattuto, come c’è stato un uso strumentale del fenomeno terroristico per alimentare l’idea che ad esso ci si contrappone con la follia della guerra come in effetti è successo in Iraq.

Noi non ci vogliamo rassegnare a questa terribile contrapposizione e cosi come continueremo a batterci assieme a tutto il popolo della pace, così ci vogliamo chiedere, visto il nostro ruolo specifico di organizzazione sindacale, assieme alle altre organizzazioni sindacali europee, la CES, quale contributo fattivo per far si che il processo di pace non si interrompa definitivamente ma riprenda il suo lento cammino.

Io non ho la presunzione di delineare processi politici, proposte strategiche, altri, a partire dai gruppi dirigenti dei popoli coinvolti hanno questo grave compito, ma se sono vere le nostre analisi per le quali il fondamentalismo e il terrorismo trae alimento, si nutre delle condizioni materiali di vita spesso miserabili in cui interi popoli si trovano, condizioni in cui la povertà, la democrazia negata, i diritti negati, e tra questi, spesso, il diritto alla vita sono i propri compagni di viaggio, se è vera questa analisi, allora il compito di un movimento sindacale non può non partire da qui.

Da un lato sostenere i processi di democratizzazione della società palestinese anche se i risultati delle elezioni portano un segno nella direzione opposta e convivere con l’occupazione non è certo facile e, dall’altro, affermare il riconoscimento dei diritti di tutti gli abitanti di Israele, a prescindere dal loro credo religioso come tema cruciale anche per un parallelo processo di democratizzazione laica della nascente Palestina e come diritto universale, in qualsiasi paese del mondo.

Le stesse condizioni sociali dei lavoratori in Israele devono essere al centro delle iniziative del sindacato europeo. Non può uno stato permanente di guerra rappresentare la ragione, anch’essa permanente, della loro compressione.

È giusto che le contraddizioni si esprimano e facciano il loro corso.

L’attualità di questi giorni, con l’esplosione del fondamentalismo islamico, alimentato dai nemici della pace, in tutto il medioriente ci impone di tornare a riflettere su questi temi per lavorare perché ciò non continui a rappresentare l’unica forma di riscatto e di emancipazione per intere popolazioni, ma lo siano, invece, certamente la politica con le sue scelte, come lo deve essere però anche l’azione in difesa dei diritti individuali e collettivi e delle condizioni umane, di vita e di lavoro, in cui il movimento sindacale abbia la sua voce in capitolo e produca iniziative concrete e coerenti

Vedete, l’assillo di cercare con puntigliosità e coerenza quale compito spetta al sindacato in ogni campo, non è per limitare la sua azione, ma al contrario è per esaltarne il ruolo.

Inverare nella proposta e nella iniziativa concreta gli ideali e i valori per i quali ci battiamo: la pace, la libertà, la solidarietà, l’emancipazione, i diritti della persona dentro e fuori il luogo di lavoro, far diventare la contrattazione intesa in senso lato, in tutte le sue forme, lo strumento principe del nostro agire, che rende evidente l’affermazione di quei principi e dà la misura delle nostre coerenze, è l’essenza dell’essere un sindacato, che lo fa diverso da altre organizzazioni, è l’essenza dell’essere sindacalisti.

Ed è anche per questo che noi abbiamo scelto di fare questo lavoro.

Questo vale per le grandi vertenze che spostano coscienze, impegnano risorse ingenti, mobilitano migliaia di lavoratori e fanno audience, ma vale altrettanto per le piccole vertenze, spesso sconosciute, delle piccole imprese fino a quelle individuali.

In tutti i congressi territoriali e regionali che hanno preceduto questo congresso nazionale, qualche volta dichiarato, spesso inconsciamente, questo è stato il filo conduttore del congresso stesso e questo perciò definisce l’identità culturale a cui la Filcams tende, ne costituisce i tratti distintivi che noi ci dobbiamo sentire impegnati a consolidare, non più inconsciamente ma in esplicito.

La ragione sta nel fatto che questo ci rende riconoscibili come portatori di contenuti e non di sola ed effimera dialettica nel dibattito interno all’organizzazione è per questa via che il peso politico della nostra organizzazione si afferma nel dibattito interno, rappresenta un punto di riferimento concreto per molti lavoratori che si avvicinano al nostro sindacato, e ci rimangono perché abbiamo una proposta credibile.

È per questa ragione che la nostra organizzazione diventa sempre di più interlocutrice necessaria delle Istituzioni Pubbliche come vedremo quando affronteremo il tema delle politiche settoriali della categoria.

È da tempo che percorriamo questa strada, lenta, senza clamore, ma efficace perché costruisce coscienze.

La percorriamo certamente quando, assieme a tutti gli altri, ci mobilitiamo per la pace, la democrazia, la solidarietà, la difesa dei diritti civili e di civiltà come la difesa della 194, dei PACS e cerchiamo di portare con noi in piazza quanta più gente possiamo.

La percorriamo quando su un problema enorme quale è quello della pace in medioriente, come prima abbiamo tentato, cerchiamo di individuare quale azione del sindacato e in merito a che cosa dovrebbe indirizzare la propria iniziativa.

Ma, soprattutto la percorriamo quando traduciamo nel concreto della contrattazione l’affermazione di quei valori e di quegli ideali.

Questo vale quando in assenza di una politica contrattuale concreta noi avanziamo, non da soli, ma in sintonia con Fisascat e Uiltucs, una proposta a livello europeo di contrattazione nelle multinazionali della distribuzione.

Non ci limitiamo ad analizzare e a denunciare quanto dei diritti dei lavoratori e del sindacato viene negato nelle multinazionali che operano in Europa e soprattutto fuori da essa, nemmeno pensiamo che sia sufficiente il lavoro che fin qui è stato fatto in termini di pressioni e relazioni internazionali, ma riteniamo necessario un vero e proprio salto di qualità nelle relazioni con queste imprese aprendo veri e propri tavoli negoziali, quantomeno a livello europeo, con la partecipazione al tavolo dei sindacati nazionali in cui insiste la società multinazionale e diretto dalla organizzazione sovranazionale dei sindacati di categoria.

E questo con un duplice obiettivo.

In primo luogo la verifica del rispetto degli accordi sottoscritti nei singoli paesi in tema di diritti dei lavoratori, da quelli contrattuali a quelli dell’organizzazione sindacale e in secondo luogo per affrontare, per via negoziale e non di “bon ton” temi possibili di valenza transnazionale, quali potrebbero essere i diritti dei lavoratori che lavorano nella società in franchising, i diritti dei lavoratori delle imprese che lavorano in appalto per le imprese multinazionali e, quindi, a questo riguardo, le responsabilità in solido delle multinazionali stesse.

Su queste basi, la nostra proposta la corrediamo di una scelta precisa e che è quella della nostra disponibilità ad una cessione di pezzi di sovranità nazionale sui temi trattati a livello transnazionale, ovviamente a condizione che la costruzione della piattaforma, la trattativa ed esito del negoziato vedano necessariamente coinvolti i sindacati nazionali interessati.

Questo lo stiamo affermando in tutte le occasioni in cui ci viene data la possibilità, dal congresso mondiale di UNI ai convegni territoriali con la presenza dei maggiori sindacati dell’Europa come quello che si è tenuto in Lombardia, così come al convegno europeo della distribuzione commerciale che si è tenuto quest’anno al CNEL, così nella definizione di un punto specifico nelle tesi confederali della CGIL.

Inverare valori e ideali nella pratica contrattuale là dove si impone una nuova proposta dunque, ma anche là dove la contrattazione si sviluppa già.

Questo vale quando nella contrattazione che facciamo nel comparto del turismo affermiamo che lo sviluppo dello stesso si può dire sostenibile non solo quando rispetta l’ambiente, rispetta l’economia del territorio in cui insiste, ma anche quando rispetta i diritti dei lavoratori e non viola la dignità dei più deboli e, a tal riguardo, facciamo assumere per via negoziale alle imprese codici etici di assoluto contrasto al turismo sessuale e quando questo, diventa anche per le imprese che lo assumono, un valore su cui spendersi.

Questo vale quando, con questo congresso, avanziamo un’idea forza, un’idea programmatica per il futuro della contrattazione di secondo livello aziendale, l’idea di includere gli esclusi, nel luogo di lavoro, con la contrattazione.

Per noi non c’è solo un problema di inclusione per i lavoratori per quanto attiene lo stato sociale, per quanto attiene il lavoro, per quanto attiene il problema più complesso dei migranti.

Questo problema c’è e va affrontato tutti assieme con la politica e l’iniziativa più generale del sindacato, ma c’è una questione che riguarda gli esclusi dal ciclo organizzativo nell’impresa, “gli altri” con meno diritti per i quali se includerli o meno dipende da noi , dalle nostre scelte di politica contrattuale.

Tema questo che abbiamo assunto come logo del nostro congresso e che ha rappresentato, su nostra sollecitazione, un punto importante nelle tesi confederali in merito al modello contrattuale.

E vale ancora quando con determinazione ci battiamo contro i doppi regimi salariali nella stessa impresa che separino strutturalmente vecchi lavoratori dai nuovi assunti come lo sono stati i casi che abbiamo affrontato nella vertenza di Coop Estense e di Carrefour.

La prima risolta con una intesa positiva e unitaria, la seconda nella quale abbiamo chiamato ad un referendum tutti i lavoratori del gruppo.

Un referendum difficile nel quale in modo emblematico, quasi come in un caso di scuola, si doveva declinare l’essenza della solidarietà tra i lavoratori: agli attuali occupati veniva chiesto di respingere l’accordo non in quanto negativo per loro, ma in quanto negativo per quei lavoratori che sarebbero stati assunti successivamente e che, al momento, ovviamente, non potevano esprimere la loro opinione.

Qui noi davamo corpo ad una posizione ferma assunta fin dal precedente congresso nel quale respingevamo con determinazione l’idea, che pure aveva fatto proseliti nell’ambito della sinistra, per la quale l’estensione dei diritti per i lavoratori doveva passare necessariamente con la riduzione di quelli esistenti, come se questi, e in questo caso il salario realizzato contrattualmente, potessero essere considerati dei privilegi.

In quel referendum fummo sconfitti, ma nonostante fossimo soli a sostenere quella tesi, diversamente si esprimevano l’impresa e le altre due organizzazioni sindacali, raccogliemmo un rilevante risultato politico con il 45% dei consensi.

Risultato che ci conforta e ci è da guida sia quando verrà ripresa quella vertenza aziendale e sia come comportamento guida nelle altre vertenze che dovessero porre, in situazioni analoghe, la stessa questione.

Fa parte a pieno titolo di questo cammino che, via via, sto delineando, il nostro comportamento nei rinnovi contrattuali e la assoluta coerenza che abbiamo tenuto con quelle che sono state le battaglie in difesa dei diritti, su cui, ricordiamocelo, abbiamo fatto un congresso intero, il precedente, diritti, non solo minacciati ma violentemente lesi, dall’azione del governo in carica e dalla miope linea delle controparti imprenditoriali.

Noi con molti altri abbiamo partecipato, abbiamo mobilitato lavoratori, creato aspettative di prospettiva per migliaia di lavoratori, spostato coscienze nella direzione della difesa dei diritti nel lavoro e nella società in quanto cittadini.

Il 23 marzo 2002 a Roma si celebrò il momento più alto di questa strategia di difesa e di contrasto di leggi inique che ebbero come portabandiera l’attacco all’art. 18.

Fu il momento più alto perché su un ideale, su un valore condiviso mobilitò giovani nati molto dopo lo statuto dei diritti dei lavoratori e chi con le sue lotte rese possibile questa legge fondamentale, chi per collocazione nel mondo del lavoro e per reddito non ne ha un vantaggio diretto e chi vedeva in essa lo scudo fondamentale per i propri diritti. Chi per tradizione si collocava dentro un ben definito schieramento politico di sinistra e chi no.

Noi sapevamo però, che quello era solo un momento della iniziativa per quanto rilevante, che sarebbe stata indispensabile anche una iniziativa legislativa ma, che aveva bisogno di un comportamento altrettanto coerente nell’azione contrattuale per rendere leggibile il comportamento del sindacato a tutti i lavoratori e in particolare a tutti quei giovani che, con l’entusiasmo che li contraddistingue nelle battaglie ideali, ci avevano dato credito quando li avevamo chiamati alla mobilitazione.

Questo è quanto ci ha guidato nel rinnovo del contratto del turismo in cui per noi centrale ed irrinunciabile era la risposta che dovevamo dare al forte contrasto politico innalzato nei confronti della legge 368 che ha sostanzialmente liberalizzato in modo totale i contratti a temine relegando il ruolo del sindacato a notaio o negoziatore degli aspetti marginali.

Perché di questo ritratta quando si afferma che tutti i contratti a termine di durata inferiore ai sette mesi sono liberi.

L’aver riproposto e realizzato, in alternativa alla legge, il prodotto della contrattazione storicamente determinato in materia di contratti a termine, rende evidente la continuità della battaglia iniziata su di un piano politico e così pure, e forse meglio, evidenzia la coerenza dei comportamenti il risultato realizzato in materia di diritto di precedenza nelle assunzioni per i lavoratori stagionali.

Dicevo che lo dimostra ancor di più perché qui noi esibiamo anche un legittimo orgoglio della categoria in quanto il diritto di precedenza per gli stagionali fu una conquista contrattuale storica dei lavoratori del turismo, poi tradotta in norma di legge con valenza quindi generale, successivamente cancellata dalla legge 30 e poi riconquistata ancora per via contrattuale.

Non mancheremo di riproporla come norma di legge al prossimo governo, questo è un impegno.

Con questo io non voglio dare un giudizio sul contratto in questione, questo lo hanno dato e positivo i lavoratori del settore stesso, ma voglio rendere evidente la scelta che abbiamo compiuto di aver individuato quale erano le priorità per i lavoratori del settore messe in discussione dalle scelte in materia di mercato di lavoro dall’esecutivo, in un settore in cui la precarietà e il lavoro a termine è tanta parte, e la decisione di andare fino in fondo su quelle priorità.

Avremmo potuto dividerci, cosa che non è stato, sulla quantità delle cose realizzate, ma non sulla coerenza delle scelte.

Cosi pure per quanto riguarda il rinnovo del contratto di lavoro del terziario in cui volutamente scegliemmo di incentrare le nostre coerenze sul tema del part-time.

La ricostruzione puntigliosa e pedante dei diritti che avevamo nel precedente contratto e nella precedente legge sul part-time prima che arrivasse la sciagura della legge 30, non solo rimette giustizia in una parte importante di lavoratori che purtroppo diventa sempre più rilevante tanto che dovrà diventare uno dei centri della nostra iniziativa nella contrattazione successiva in materia di diritti e di reddito, ma anche qui, marca con nettezza la assoluta coerenza con il contrasto realizzato su di un piano più generale e politico rispetto alle leggi inique emanate in materia di lavoro.

E così è avvenuto nel contratto della vigilanza privata dove siamo riusciti, paradossalmente, a piegare a nostro vantaggio il decreto legislativo sull’orario di lavoro che negli altri contratti noi abbiamo osteggiato e continuiamo a farlo, per i nostri obiettivi di controllo dell’orario di lavoro e di riduzione graduale ed intelligente, perché fatto con il consenso dei lavoratori, del lavoro straordinario.

Ecco, questa impostazione politica, come dicevo, di inverare con l’azione concreta, con la contrattazione, ideali, valori e coerenze con le battaglie più generali che diamo per la loro affermazione, proprio in rapporto ai lavoratori che rappresentiamo e a cui noi dobbiamo rispondere quotidianamente, deve esse il nostro assillo e deve diventare la nostra identità da tutti riconosciuta come tale.

Per un sindacato la contrattazione non è un sottoprodotto della politica come non lo è per un politico la concretizzazione di norme di legge.

L’uno e l’altro parlano con i loro prodotti e con essi impostano, condizionano e modificano il futuro, in una parola, con essi fanno politica, quella vera.

Quanto più questo si afferma nel sindacato tanto più agevole si farà il dibattito al suo interno, e tanto più vera diventerà l’affermazione che il pluralismo delle idee e le diverse sensibilità sono una ricchezza per il sindacato in quanto, le idee e le sensibilità, si devono misurare e, alle volte scontrare, con la concretezza dei fatti.

C’è la consapevolezza, in ogni caso, che sul tema dei disastri compiuti in materia di mercato del lavoro la contrattazione rappresenta si una continuazione coerente e indispensabile dell’iniziativa di contrasto alle leggi inique, ma di per sè non esaustiva del problema.

Sarà necessaria l’iniziativa legislativa che cambi nel profondo le leggi sul lavoro emanate a partire dalla impostazione di fondo che le ispira.

Impostazione che vede nella precarietà, nella negazione dei diritti di chi lavora, nella marginalizzazione del ruolo del sindacato e nella subalternità della contrattazione collettiva il loro fondamento.

La raccolta dei cinque milioni di firme realizzata dalla CGIL sulle proposte di legge di iniziativa popolare che ispira le proposte della confederazione contenute nelle tesi congressuali che condividiamo, rappresentano, per quanto ci riguarda, il progetto su cui misurare i comportamenti del legislatore nella prossima legislatura.

Questo ci porta ad una riflessione, non già di merito sul tema, ma di ordine generale sulla quale ci siamo misurati nei congressi territoriali.

C’è una convinzione comune che una volta vinte le elezioni dal centro sinistra si debba metter mano nel cancellare, abrogare, modificare tutta quella serie di leggi inique, di cui vi risparmio l’elenco completo, ma che hanno investito tutti i campi, dalla giustizia, alla scuola, al mercato del lavoro, al fisco, alla previdenza, l’informazione e le leggi ad personam, che l’attuale governo ha prodotto in questa legislatura.

Ma, intanto, è condizione sine qua non, che il centrosinistra vinca, noi lo auspichiamo pur nella nostra autonomia e distinzione di ruolo non delegabile a nessuno, semplicemente perché il progetto che la Cgil, e noi con essa, con questo congresso mette in campo per il Paese, risulterebbe incompatibile con altri 4 anni di governo del centro destra.

Noi lo auspichiamo, ma non lo diamo per scontato.

La campagna elettorale è ancora lunga è non è dato ancora di sapere quanto danno può fare un potere politico che somma in se un così rilevante potere economico, totalmente a disposizione, e l’occupazione di quasi tutti gli spazi della comunicazione.

Occupazione degli spazi che fa dire a molti di noi che, davvero, non se può più, ma il guaio è che noi abbiamo già una nostra ferma convinzione.

Risolta la precondizione, io credo che si semplifichi troppo ad immaginare che, una volta che il centro sinistra ha vinto, sia sufficiente proporsi di cancellare le leggi sbagliate ed inique che abbiamo contrastato per cambiare in radice le cose.

E non già perché in una coalizione composita l’applicazione di un programma di governo è affare complicato.

E non già perché non è scontato che le istanze che noi rappresentiamo, il progetto che noi faticosamente abbiamo messo in piedi per cambiare il paese, abbia un automatica udienza, anzi di questo ne sono sicuro.

Mi conforta solo il fatto che mi aspetto che per un governo di centro sinistra il confronto di merito e la pratica della concertazione, nel ripristinarli, non rappresentino solamente un atto di cortesia.

Non già per tutto questo, ma perché le politiche e le leggi a sostegno di quelle politiche, hanno cambiato nel profondo il paese e non sarà sufficiente cancellare questa o quella legge per rimontare nella direzione che auspichiamo.

L’assenza di una politica industriale e di orientamento dello sviluppo economico in cui non solo i settori produttivi tradizionali, ma anche quelli innovativi e, per quanto ci riguarda, il terziario commerciale, turistico e dei servizi alle imprese sono stati abbandonati a sé stessi in un momento di forte competizione nel mercato globale e di ridisegno delle posizioni dominanti anche nel mercato europeo.

Questo non per incapacità, ma per pura scelta politica, quella del lasciar fare e di delegare alle imprese ed al sistema delle imprese la politica economica produttiva e semmai toglier alcuni impacci alla loro libertà di impresa con le conseguenze di declino non solo industriale produttivo, di competizioni sui mercati ormai definitivamente perse e di un peggioramento sostanziale delle condizioni di chi lavora, ma quel che è grave, l’assenza di prospettive.

Questa situazione non la si rimonta semplicemente cancellando qualche legge sbagliata.

I guasti compiuti dalla legge 30 sono profondi, ma non tanto per effetto diretto dell’applicazione della legge stessa, anzi posso azzardare di dire che i guasti per suo effetto diretto sono ancora inespressi per i pasticci compiuti dagli estensori della legge e tutte le correzioni introdotte in corso d’opera, per il contrasto che è stato messo in campo dal sindacato all’introduzione delle norme più odiose.

Il guasto vero è l’aver costruito una opinione diffusa nell’imprenditoria che la precarietà nel lavoro, da loro chiamata flessibilità, è la panacea per il costo del lavoro e della competizione e questo elemento ha prodotto un vero e proprio cambiamento culturale, esso si colpevole della diffusione della precarietà strutturale a vita.

Un solo dato, nella distribuzione commerciale dal 2001 al 2004 si sono prodotti 800.000 nuovi posti di lavoro.

Voglio tralasciare la polemica rispetto a quanto ammontano i posti di lavoro regolarizzati e come vengono computati più contratti a termine per un solo soggetto, ma quello che va messo in evidenza è che gli 800.000 posti di lavoro ci sono ma a parità di ore lavorate.

Questa frantumazione del lavoro non è tutto imputabile alla legge 30 e pertanto non lo si rimonta semplicemente cancellando una legge, ma mettendo in pista azioni positive di natura legislativa e scelte di ordine contrattuale che rimontino lo stato delle cose con percorsi credibili di inclusione nella stabilizzazione del rapporto di lavoro, costruendo una cultura diversa tale per cui si possa dire che, prendendo in prestito da altri una parafrasi di un celebre titolo di un libro di Cesare Pavese, “precariare stanca”.

Così come si può dire dei guasti profondi prodotti dalla dissennata politica fiscale.

Anche qui non vi voglio tediare con una analisi approfondita che invece trovate nelle tesi, ma dare un elemento conoscitivo: nel periodo 2001-2005, l’IRPEF pagata da lavoratori dipendenti e pensionati è aumentata del 14% mentre quella degli altri redditi, vale a dire quelli graziati dalla cosiddetta riforma fiscale, è diminuita del 25,4%.

Questo, in pratica significa, contemporaneamente, una insopportabile disuguaglianza sociale con uno squilibrio nella distribuzione del reddito che non ha eguali e una riduzione drastica delle risorse pubbliche.

Non sarà sufficiente modificare l’impostazione di una finanziaria per recuperare questo stato di cose.

Ma ciò che secondo me è ancor più grave è il cambiamento profondo che si è indotto nella cultura e nella coscienza dei cittadini con le scelte che si sono compiute.

Si è indotta l’idea che i servizi essenziali, compresi quelli sociali che dovrebbero fondare su di un carattere universale per cui è la collettività a farsene carico in un sistema solidaristico per il quale tutti concorrono al suo sostegno in rapporto al reddito, possono diventare un fatto privato sostenuto da una ”una tantum” dal governo centrale se ci sono soldi, o meglio, se la campagna elettorale lo consiglia.

Che altro si può dire, se non questo, quando assistiamo al taglio in finanziaria di 500.000.000 euro destinati agli enti locali per i servizi e contemporaneamente la spesa, una tantum, di 600.000.000 euro per dare 1000 euro ad ogni figlio nato nel 2005 con lettera autografa di accompagnamento del Presidente del Consiglio.

Cos’altro possiamo dire quando prendiamo atto della modifica legislativa sulla legittima difesa, forse che ci aspettiamo che si inventino un bonus per comprare la prima Beretta con lettera di accompagnamento autografa del ministro Calderoli.

Beh, si sa, la Beretta è una eccellente fabbrica della Val Trompia in provincia di Brescia.

Queste e molte altre leggi che portano questa impostazione, non sono solo sbagliate, ma inducono cambiamenti culturali tra la gente attratta dalla ingannevole “nuova opportunità” tangibilem, che viene loro offerta e non si chiede se è giusto che lo Stato, le Istituzioni abdichino al loro ruolo e lascino solo il cittadino con in mano un temporaneo bonus.

Questi danni non si recuperano semplicemente cancellando una legge sbagliata.

Ecco perché io la vedo dura anche se, come ci auguriamo, il centro sinistra dovesse vincere le elezioni.

Anche da qui si spiega la giustezza della scelta della Cgil di presentarsi in questo congresso con un sua idea sulla necessità di riprogettare il paese delineando scelte di politica economica e settoriale per superare la crisi, di politica sociale e di redistribuzione della ricchezza, di stato sociale e di lavoro stabile, di politiche contrattuali a cui, ovviamente vi rimando.

Una scelta che molto opportunamente, rispettando le scadenze, fa coincidere l’assunzione di determinazioni del nostro congresso con la costruzione dei programmi di governo, marcando con un atto emblematico l’autonomia del sindacato dalle formazioni politiche proprio in quanto esso, partendo dai valori fondanti, nel nostro caso il lavoro, ha un suo progetto che non cambierà a seconda di come andranno le elezioni.

Non faremo un altro congresso dopo le elezioni.

È in questo quadro che si costruiscono le politiche e le proposte settoriali della Filcams come complemento del progetto della Cgil.

Siamo in grado di farlo perché le politiche settoriali dei comparti che stanno dentro il perimetro di cui ci occupiamo le costruiamo, via via, nel tempo, in rapporto ai processi che si evolvono dentro i settori stessi, in rapporto alla nostra visione di sviluppo, della evoluzione delle stesse nostre controparti, dei diritti dei lavoratori da difendere ed in rapporto alla contrattazione che su questi temi riusciamo o meno a sviluppare.

Lo dobbiamo fare e lo facciamo perché è cresciuto il peso del terziario di mercato e dei servizi alle imprese, perché questi settori, anche grazie al nostro lavoro, si impongono all’attenzione della politica e del sociale, perché la crescita organizzativa ci impone di presentare ai nostri associati non solo una tutela, ma anche una prospettiva con una nostra capacità progettuale visibile.

Credo che vadano recuperate alcune considerazioni teoriche che svolgemmo un anno fa a Reggio Calabria all’interno della conferenza meridionale della Filcams.

Lì affermammo con ragione che andava superata una visione arretrata dei nostri settori, viziata da una concezione per la quale solo i settori che producono beni materiali, strumentali hanno la possibilità di essere considerati settori produttivi ed essi soli, secondo una vecchia accezione arretrata, concorrono a realizzare ricchezza, valore aggiunto e incremento del Prodotto Interno Lordo.

Oggi, anche determinato dall’evoluzione tecnologica, con l’affermarsi della New Economy, il Terziario e il comparto dei servizi, non fanno più parte di un dio minore rispetto ai settori produttivi tradizionali.

Oggi quello che si afferma è che sono da considerare settori produttivi tutti quelli che producono sia beni materiali che beni immateriali.

L’innovazione, la progettazione, l’informatica sono beni immateriali

Il servizio all’impresa, al sistema economico, al sistema sociale sono beni immateriali.

Le imprese che li producono e li forniscono sono, a tutti gli effetti, imprese produttive.

C’è oggi una ragione in più a suffragio della tesi esposta e riguarda la forte evoluzione delle imprese e del sistema delle imprese, un’evoluzione strutturale, profonda che attraversa tutti i settori di cui ci occupiamo.

Pensiamo ad esempio a quello che capita nel settore delle imprese di pulizie con le loro trasformazioni in imprese multiservizi.

Le Global Services, fra breve, caratterizzeranno in modo strutturale definitivo tutto il settore e la piccola impresa senza capitali e attrezzature avrà un peso residuale.

La commercializzazione del prodotto, la distribuzione è sempre di più un fattore economico rilevante.

La sua arretratezza o la sua innovazione-modernizzazione influisce in maniera determinante nell’economia del paese.

Le stesse dimensioni delle imprese e le loro caratteristiche multinazionali che condizionano pesantemente la produzione dei beni materiali fino a renderla, in alcuni casi, nettamente subalterna alla distribuzione, determinano la natura del comparto.

La stessa evoluzione ad imprese vere degli studi professionali, imprese,cioè, che creano beni immateriali, di ingegno come complementari alla produzione materiale è li a dimostrarlo.

Quando si parla di vigilanza privata nessuno ormai ha in mente la vecchia figura del metronotte che gira in bicicletta con la pila in mano.

La trasformazione stessa dei settori produttivi tradizionali si incarica di rendere più evidenti, più significative, questa nuova configurazione dei nostri settori

In questo senso le terziarizzazioni, le esternalizzazioni di attività di servizio e supporto alla produzione tradizionale, portano a questo.

Insomma, non si può onestamente affermare che una attività di servizio alla produzione di beni materiali, quando si trovi organicamente nell’impresa produttiva tradizionale può essere considerata attività produttiva mentre, come oggi, se è esternalizzata non è più considerata tale, ma semplicemente una attività di servizio.

Ecco, è partendo da qui che noi disegniamo una proposta strategica per i nostri settori e la consegniamo alla confederazione.

Oggi è il 14 febbraio e a Strasburgo si sta svolgendo una manifestazione europea dei sindacati per imporre modifiche sostanziali alla direttiva Bolkestein in discussione domani al Parlamento Europeo in seduta plenaria.

Noi non siamo presenti, come invece lo siamo sempre stati per questo obiettivo, perché impegnati nel nostro congresso nazionale.

Ci auguriamo un ampio successo della lotta, perché se dovesse passare la direttiva nei termini presentata, dobbiamo sapere che rappresenterebbe un colpo tremendo a tutta l’impostazione strategica che diamo ai nostri settori in quanto antitetica a tutto il lavoro svolto e che ci prefiggiamo di continuare.

Basti pensare al comparto dei servizi in appalto, alle imprese di pulizia.

Noi da decenni perseguiamo una strada che ha al centro un sistema di regole di tutela dell’occupazione e dei contratti di lavoro applicati e per questa via, difendendo i lavoratori, lavorare per cambiare la stessa struttura produttiva del settore dando oggettivamente spazio alle imprese che stanno alle regole e competono sulla qualità del servizio e della efficienza produttiva e non con costi ribassati a spese dei lavoratori e dei loro diritti, emarginando le imprese che non rispettano regole definite e diritti conclamati.

Tutto questo, se passa la Bolkstein sarebbe buttato all’aria, e davvero non capisco la freddezza, in merito al problema, di imprese e settori imprenditoriali che si ritengono seri e avanzati, proprio non lo capisco.

Come, non capisco come mai “Il Sole 24 Ore” giovedì scorso nel dare la notizia di un accordo tra il gruppo dei socialisti europei e il gruppo dei popolari che realizza solamente un piccolo passo avanti nella direzione richiesta dal sindacato, titolava il suo commento con: “Una battaglia di retroguardia”.

In ogni caso, noi testardamente costruiamo e soprattutto completiamo il nostro cammino in questo comparto.

Un cammino che è partito molti anni fa con l’individuazione di uno strumento, allora potente, di difesa dei diritti dei lavoratori e di regolazione del mercato quale la conquista contrattuale della garanzia del posto di lavoro in caso di cambio d’appalto che ancora oggi fa scuola in altri settori che lavorano in appalto come il comparto della vigilanza privata.

Una conquista che mostrò la corda quando le imprese, per vanificarla, adottarono il criterio del massimo ribasso nelle gare di appalto e ci obbligarono a innovare la strategia costruendo un complesso di regole, debbo onestamente dire, anche con il contributo delle associazioni e delle imprese più avvedute, per superare il massimo ribasso e impostare le gare sulla base del prezzo economicamente più vantaggioso in cui contratti e diritti fanno parte costitutiva, con la qualità del lavoro e la capacità organizzativa dell’impresa, del prezzo proposto.

Anche forti dell’importante convegno realizzato poco tempo fa ai massimi livelli dell’imprenditoria, del sindacato, con la partecipazione delle forze politiche, possiamo affermare che questa politica settoriale oggi va implementata, da un lato con l’iniziativa rivolta nei confronti di tutto il sindacato per una adeguata assunzione di responsabilità e dall’altro nei confronti di tutte le Amministrazioni Pubbliche, a partire da quella a direzione centro sinistra, perché il massimo ribasso venga espunto dalla prassi e la clausola sociale da rispettare nei lavori che le pubbliche amministrazioni assegnano diventi la normalità.

Altro terreno di iniziativa su cui impegnare tutta l’organizzazione nel comparto degli appalti riguarda il tema della legalità e la sicurezza, estendendo le esperienze positive realizzate in merito agli osservatori sulla legalità e la trasparenza costituiti a livello regionale coinvolgendo anche Inps, Inail, Asl, le autonomie locali, Dia e Guardia di Finanza, con veri poteri ispettivi atti a verificare se esiste o no regolarità nell’appalto in ordine a legalità e sicurezza.

Questa esperienza, dovrebbe assumere una dimensione di rete che copre l’intero territorio nazionale e che per poter avere una cogenza adeguata, successivamente, dovrebbe essere istituita per legge.

Un punto teorico deve essere ancora affrontato e al quale dobbiamo dare un seguito e riguarda gli appalti di servizio in licitazione privata per i quali non è prevista la gara d’appalto e quindi le regole del prezzo economicamente più vantaggioso lì non valgono.

Non credo che estendendo le regole per le gare in tutto il settore pubblico automaticamente si inducano comportamenti virtuosi anche nella licitazione privata.

Si tratta di cercare e trovare per il privato un punto che abbia la valenza delle gare per l’appalto pubblico.

A mio parere nei settori dei servizi di pulizia, di ristorazione collettiva, di vigilanza c’è qualcosa che li accomuna ed è l’interesse generale.

Non è vero che l’interesse in gioco sia solo dell’impresa appaltante e dell’impresa appaltatrice.

Quando si realizza un appalto nei servizi entrano in gioco gli interessi anche di terzi, che sono la salute, l’igiene e la sicurezza.

Non c’è solo l’interesse dell’appaltante e dell’appaltatore, ci sono gli interessi di chi usufruisce del servizio che vanno tutelati con regole definite anche per via legislativa.

Credo, infine, che possiamo completare il quadro riproponendo anche in una sede importante ed impegnativa l’idea unitaria di lavorare nella direzione della costruzione di un contenitore contrattuale nazionale unico per i tre settori del lavoro in appalto: le imprese di pulizia, la ristorazione collettiva e la vigilanza privata che oggi stanno in tre contratti differenti.

Le ragioni le abbiamo più volte spiegate nei convegni che abbiamo realizzato.

Ci sono ragioni strutturali evidenti che legano questi settori, in primo luogo, lavorare in regime di appalto li pone in condizioni strutturali similari anche se differenti, in secondo luogo il settore delle imprese di pulizia è interessato ad una crescita ma è anche attraversato da forti trasformazioni.

Ormai le multiservizi inglobano servizi di ristorazione e vigilanza oltre che il pulimento e quant’altro, in terzo luogo, in questi tre settori, le parti sociali, sindacali e imprenditoriali, hanno costruito pezzi di strategia comune come quella sugli appalti, le regole e il mercato.

Una delle condizioni sine qua non perché l’obiettivo si realizzi è il consenso delle controparti.

Questione che non può essere sottaciuta quando parliamo di appalti di servizio è la questione non risolta del socio lavoratore nella cooperazione di servizio.

Ribadisco doverosamente che la Filcams non demorderà dal perseguire con determinazione la cancellazione della modifica che la legge 30 ha introdotto nella L.142 la quale proponeva un equilibrio fra quello che è la condizione di lavoratore subordinato e la condizione di socio.

Ritorniamo a quell’equilibrio, l’abbiamo costruito con il consenso delle parti sociali per vederlo poi diventare norma di legge, ritorniamo a quello che è stato frutto del lavoro congiunto delle parti sociali.

Se non facciamo questo passerà la convinzione tra i lavoratori che lavorare in una cooperativa è un disvalore in quanto i soci in troppe situazioni avrebbero meno diritti di un lavoratore dipendente.

E quando la scelta di diventare socio è sostanzialmente obbligata questa convinzione è certa.

Da tutta questa riflessione credo che si evinca con serenità, ma senza ombra di dubbio, che le posizioni al tavolo del contratto nazionale tenute dalle controparti siano semplicemente irricevibili in quanto antitetiche a tutta questa impostazione.

Credo che con lealtà non sia difficile prendere atto della indisponibilità della Filcams a percorrere quella strada.

La definizione di linee politiche settoriali che mettano in correlazione sviluppo e trasformazione del settore dato e una coerente politica contrattuale è la chiave di lettura del nostro approccio in tutti i settori della Filcams, lo è nel settore delle imprese di pulizia come nel settore del turismo.

Qui in primo luogo, per non contraddire il nostro tradizionale approccio debbo dire che, non è un punto da ascrivere a nostro successo non aver fatto ancora l’assemblea per la validazione della piattaforma rivendicativa del rinnovo del contratto nazionale di lavoro con il contratto scaduto a fine anno.

Il ritardo è, senza infingimenti, imputabile alle difficoltà incontrate a livello unitario sulla questione della durata del contratto e quindi del salario.

La concomitanza del congresso ci ha messo in difficoltà per sviluppare la nostra capacità di trovare vie di uscita condivise.

Il momento congressuale non è, dal punto di vista produttivo, il più indicato per confrontarsi sul contenzioso, ma per riconfermarci la nostra provata propensione per una intesa utile da ricercare immediatamente dopo il congresso.

Credo di non azzardare se ipotizzo la possibilità di realizzare l’assemblea nazionale entro un mese data.

I recenti convegni hanno potuto mettere a punto la nostra politica settoriale in questo comparto e a quelli rimando per l’analisi strutturale del comparto.

Quello che in questa sede è importante mettere in luce è che puntualmente viene, a cicli alterni, recuperato dalla politica nazionale il settore come una grande risorsa che produce pil, valore aggiunto ed occupazione, ma mai che si riescano a vedere i comportamenti coerenti conseguenti.

Qui, in campagna elettorale, ciò riappare per bocca del centro sinistra e perciò noi puntigliosamente decliniamo quelle che per noi sono le priorità a partire da quello che è il dato peculiare delle trasformazioni che sono in atto, ovvero la tendenza alla concentrazione, gli ingressi di operatori dall’estero, il processo di concentrazione economica e di direzione finanziaria di filiera del “pacchetto turistico” in una sorta di Impresa Globale immateriale a cui si accompagnano, di converso, i processi di esternalizzazione di servizi e di attività anche caratteristiche come, ad esempio, la ristorazione negli alberghi o i servizi ai piani che, a loro volta, saranno interessati da processi di concentrazione in imprese dedicate.

Uno scomporre e ricomporre del ciclo e dei sistemi di impresa che metteranno a dura prova i nostri assetti contrattuali e la nostra capacità di incidere in positivo in merito alle politiche del turismo nel nostro paese.

Perciò in primo luogo c’è la necessità di avere una visione del settore come un complesso interdisciplinare, o come si usa dire oggi, di “filiera” con gli altri settori produttivi e dei servizi, in quanto esiste una stretta correlazione tra crescita del prodotto turistico e crescita di atri settori produttivi, dall’artigianato, alla ristorazione, alla produzione alimentare ecc.

La viabilità, i trasporti, il sistema di infrastrutture in generale, la sicurezza, la cura e la fruibilità dell’ambiente e la sua accessibilità.

La sostenibilità del prodotto turistico con l’economia del paese o del territorio in cui insiste.

La sostenibilità con l’ambiente evitando gli investimenti di rapina ambientale.

Abbiamo salutato con un respiro di sollievo l’azione svolta dalla giunta Soru in Sardegna quando ha emanato quella legge regionale che è conosciuta come “legge salva coste”.

Inoltre, la sua sostenibilità sociale non intesa semplicemente come attenzione e difesa degli usi dei costumi della storia come alle volte viene inteso, bensì intesa come difesa e valorizzazione dei diritti della persona, delle condizioni di lavoro, dei diritti sindacali.

Un prodotto o un servizio erogato è sostenibile, se crea ricchezza o valore aggiunto, se rispetta l’ambiente non derubandolo ma, anche, se per la sua produzione o per la sua erogazione viene assunto il valore della difesa dei diritti umani, civili, sindacali e delle condizioni di lavoro come un valore in sé e non solo dal sindacato ma, anche, dalle imprese.

In terzo luogo è indispensabile dar rapidamente corso alla gestione della legge di riforma del turismo, la legge 135 attuando i “sistemi turistici locali” i quali sono lo strumento adatto a valorizzare il territorio in tutti i suoi aspetti.

L’annoso problema di una regia nazionale sia per imporre standard verificabili in tutto il territorio che promuovere all’estero il prodotto turistico italiano in quanto tale con risorse adeguate, come d’altronde fanno tutti gli altri paesi europei eccetto noi, è ancora lì: tutti si dicono d’accordo a partire dalle associazioni imprenditoriali del settore, ma una vera volontà politica manca.

E per finire quello che è il cuore del nostro agire.

La valorizzazione del lavoro nel comparto che è da considerarsi fra i principali fattori di successo di una attività turistica.

Questo si declina brevemente, ma in modo inequivocabile in quanto la qualità del lavoro, nel comparto turistico è speculare alla qualità del servizio e, la qualità del servizio è in Italia il fattore di successo per una impresa turistica che voglia durare nel tempo.

Sono i cinque punti che meglio declinano la nostra linea contrattuale.

Analoga impostazione per il comparto del commercio.

Due sono le questioni di struttura che hanno per noi una valenza centrale.

C’è la necessità di riprendere l’analisi rispetto alla gestione della Bersani nei territori, ma nella realtà mutata, tenendo conto di quanto è cambiato dal 1998 ad oggi sia dal punto di vista del tessuto produttivo che dal punto di vista del nuovo quadro economico di riferimento.

Noi avevamo salutato l’avvento della Bersani con favore in quanto rappresentava l’obiettivo, da noi condiviso, di governare i processi di trasformazione che già allora erano in atto anche per realizzare un equilibrio diverso tra le diverse tipologie commerciali, i centri commerciali, gli ipermercati, i supermercati e i negozi tradizionali a vantaggio della distribuzione moderna, come abbiamo condiviso l’obiettivo della valorizzazione delle attività commerciali specialistiche nei centri storici delle città individuandone scelte di sostegno.

Era significativamente importante, e da noi apprezzato, che la legge si proponesse l’individuazione della difesa dei livelli occupazionali, il recupero delle piccole e medie imprese, quali indicatori per scegliere tra un progetto e un altro in un nuovo investimento perché ci dava la possibilità di affermare la scelta dell’inclusione, nelle intese che si potevano definire sul territorio, della clausola sociale.

Il consuntivo è deludente, eccetto rari e felici casi, l’applicazione sul territorio è talmente difforme come se non se ne fosse tenuto conto.

Passiamo da leggi regionali applicative che la negano in radice a leggi regionali che la confermano tout court salvo consentire il Far West nella gestione quotidiana.

Occorre ripensare non alla legge, ma alla sua applicazione territorio per territorio, tenendo conto che questa è la prima vera legge federalista il cui carattere, al di là dei risultati, secondo me, va difeso.

I confronti regionali devono intanto riconquistare un ruolo del sindacato dei lavoratori dipendenti e del sindacato confederale, per la correlazione dell’ attività commerciale con il territorio, con le sue attività produttive e di servizio infrastrutturale; ruolo di interlocutori rispetto la redazione dei piani commerciali e di portatori di esigenze legittime del mondo del lavoro affermando il rispetto della “clausola sociale”.

Dobbiamo essere consapevoli che questi confronti si aprono in una fase economica di crisi dei consumi che investono tutte le tipologie commerciali, e non come nel passato, solo quelle più marginali con proposte meno aggressive sul piano dell’offerta e del prezzo e questo dà la misura della crisi economica che attraversiamo.

Altro che “società del benessere” perché abbiamo più telefonini di altri paesi.

Crisi che ha le caratteristiche di essere strutturale e non legata ad un momento specifico.

E in ragione di ciò vanno riconsiderate le aperture a go go che abbiamo registrato in alcuni territori e le strutture faraoniche, che come unico scopo hanno quello di sopravvivere meglio delle attuali grandi strutture in crisi e, semmai, a loro spese

Proprio in questa fase si evidenzia il processo di sbriciolamento della imprenditoria italiana presente nella distribuzione moderna a vantaggio dei competitori stranieri, in particolare francesi, aprendo in termini pesanti un problema in rapporto alla filiera dei prodotti italiani, come si apre in maniera pesante la tenuta della contrattazione e delle relazioni sindacali consolidate in decenni della nostra storia.

E in ragione di ciò dobbiamo ripensare in termini progettuali nuovi alla contrattazione di secondo livello nella distribuzione organizzata le cui basi vanno ancorate a quanto abbiamo definito in un recente Comitato Direttivo dedicato proprio a questo tema e che si muovono in due direzioni.

Una direzione necessariamente obbligata di difesa dei diritti contrattuali realizzati rispetto l’assalto che viene dato alla passata contrattazione e l’altra verso una nuova progettualità del sistema delle relazioni sindacali con al centro il valore lavoro, la sua qualità, la sua stabilità, la sua disponibilità consapevole, la sua remunerazione.

Questa nuova progettualità che ruota attorno al tema della partecipazione ai processi organizzativi e che realizza nuove libertà e autonomie dall’organizzazione del lavoro noi la immaginiamo coerente con programmi e processi di sviluppo delle imprese e la proponiamo in primo luogo a imprese e a settori che fanno della socialità e della partecipazione il loro tratto distintivo, mi riferisco al mondo della cooperazione, ma lo proponiamo anche a tutte le altre imprese della distribuzione come alternativo al loro modello che fa della precarietà e della partecipazione “obbligata” il loro tratto distintivo.

E proprio in questa fase si fanno più acute le problematiche che riguardano il mercato del lavoro.

L’occupazione dipendente cresce, ma crescono in termini esponenziali, il lavoro precario, saltuario, cresce il part – time nelle sue più varie tipologie, i contratti a termine, il lavoro interinale, il lavoro coordinato più o meno continuativo vero e falso, crescono i promoters e i merchandising, anche qui, quelli veri e quelli falsi e ora gli apprendisti.

Si consolidano gli orari di lavoro disagiati per i quali vengono assunti da hoc lavoratori assegnati perennemente a quel turno, ci troviamo di fronte a lavoratori impiegati perennemente per il lavoro festivo e le condizioni normative e remunerative spesso sono differenti dagli altri e gli ultimi che arrivano sono quelli che trovano le condizioni peggiori e gli ultimi sono quasi sempre i più deboli e tra i più deboli la maggioranza sono i migranti con il loro portato aggiuntivo di problemi.

In sintesi cresce la precarietà, la frantumazione delle tipologie e degli orari, si consolidano in modo strutturato le differenze tra i lavoratori nello stesso luogo di lavoro, questo per le scelte organizzative delle imprese ma, in molte occasioni, anche per nostra colpa, perché abbiamo abdicato al nostro compito di contrattazione o, una volta sconfitti, abbiamo alzato le mani.

Ed è in ragione di ciò che noi avanziamo la nostra forte proposta di riprendere con slancio la contrattazione dell’organizzazione del lavoro che, ricomponendo la frantumazione che si è realizzata, costruisca percorsi di inclusioni nel processo organizzativo di tutte quelle tipologie di impiego che sono ai margini del nucleo fisso dei lavoratori stabili, dove il concetto della programmazione porti ad equità le condizioni di lavoro e, quindi, dei trattamenti e si individuino percorsi di stabilizzazione dell’occupazione con un reddito meno evanescente.

Non si tratta di cambiare in un giorno le cose ma di invertire una tendenza e imboccare un processo positivo, si tratta di riscoprire nell’azione concreta il significato di solidarietà e della necessità di farla diventare un valore unificante, giorno per giorno nel rapporto con i lavoratori.

Ed è, in fine, in questa fase che, a mio parere, possiamo noi, con la nostra iniziativa, rendere meno opprimente la questione delle questioni: le aperture domenicali e festive.

E’ storica l’ostilità dei lavoratori del commercio al lavoro domenicale e festivo come vengono da lontano le iniziative attuate per contenerlo.

La condizione di crisi e la relativa improduttività, che alle volte diventa una perdita vera e propria, nell’eccesso delle aperture domenicali; il processo di dominanza, in molti territori, della distribuzione organizzata e quindi la loro possibilità di realizzare, tra loro, intese di cartello, tutto questo può realizzare le condizioni per intese più equilibrate per le aperture domenicali a partire dalla esclusione delle aperture nelle festività religiose e civili.

La sede istituzionale del confronto, utilmente la regione, deve anche servire per portare come questione complementare la tematica degli orari dei servizi delle città.

Lavorare fino alle 22 o alle 23 in un ipermercato in periferia è gravoso ma, lo diventa di più se non ci sono adeguati servizi di trasporto che riportino a casa i lavoratori addetti.

Modificare la distribuzione delle ore di lavoro nella settimana mette in crisi l’organizzazione del lavoro di cura se non ci sono orari dei servizi scolastici che lo possano supportare.

Non possiamo dimenticare che l’occupazione nella distribuzione è composta per l’80% da donne.

La questione che rispunta con forza all’ordine del giorno è quella del coordinamento degli orari commerciali, dei servizi pubblici al fine di, come riprende la legge di riforma, “armonizzare l’espletamento dei servizi alle esigenze complessive e generali degli utenti.”

Dobbiamo sapere che questo è un compito assegnato dalla legge ai sindaci i quali devono non solo assolverlo ma, per farlo, devono sentire tutte le parti sociali.

Il filo conduttore che ci guida per la costruzione di una progettualità nei settori di nostra pertinenza in cui l’individuazione degli elementi strutturali di riforma, la politica contrattuale che li aggredisce, la coerenza con le battaglie più generali che abbiamo condotto è una costante anche per valutare la sostanziale chiusura del contratto della vigilanza privata realizzata mercoledì scorso.

Oltre a quanto ho già detto all’inizio in merito all’orario di lavoro, qui, nell’avviso comune delle parti sociali al Ministero degli Interni che, ragionevolmente, pensiamo possa esprimere il suo consenso, marchiamo un pezzo importante di riforma da noi richiesto includendo attività di vigilanza che non necessitano dell’uso dell’arma.

Non dobbiamo dimenticare che nella lunga vertenza avevamo respinto una operazione esattamente contraria che le controparti avrebbero gradito usando impropriamente le contraddizioni che il decreto n. 66 sull’orario di lavoro poteva mettere loro a disposizione.

Le nostre coerenze qui le misuriamo sul tema del mercato del lavoro quando, indicando le tipologie di impiego che in via esclusiva si possono utilizzare, escludiamo il lavoro somministrato a tempo indeterminato e il lavoro a chiamata.

Si potrà dire che questo è un settore speciale, ma nessuno può negare questo risultato politico.

Così pure non si può non tener conto degli avanzamenti apportati in rapporto al tema della garanzia del posto di lavoro in caso di cambio di appalto.

La nostra marcia può essere lenta ma va sempre nella stessa direzione.

Io mi rammarico che nel congresso precedente avevamo assunto l’impegno di realizzare, dentro quel mandato congressuale, il progetto di riforma del settore che attende da sempre.

Non ce l’abbiamo fatta, il governo c’ha messo del suo, le imprese pure, ma questo per noi non è un alibi, continueremo a perseguirla perché per noi è un impegno assunto con i lavoratori.

Per quanto ci riguarda, la riforma continuerà ad avere come capisaldi:

Stessa nostra impostazione per quelli che generalmente vengono definiti i settori minori quale ad esempio quello delle collaboratrici familiari.

Io mi chiedo e chiedo a tutta la Cgil se è possibile chiamare settore minore un settore che, mal contato, occupa due milioni di lavoratori dei quali, secondo le stime, un milione e seicento mila sono stranieri con tutta la loro problematica aggiuntiva a partire dal fatto che se per una lavoratrice la perdita del lavoro è spesso un dramma, per loro è un dramma doppio perché in base alla Bossi–Fini sono obbligati a rimpatriare o entrare in clandestinità.

Settore nel quale le questioni dell’evasione o elusione dei contributi previdenziali, dell’evasione dei diritti contrattuali, di regolarizzazione, coinvolge la maggioranza di questi lavoratori e, quand’ anche ci fosse la regolarizzazione dei contributi questi si risolvono in un vantaggio per l’Inps, cosa che va anche bene, ma zero, o vicino allo zero vantaggi per i lavoratori.

Al Meeting Internazionale Antirazzista di Cecina lo definimmo “un settore dai diritti approssimativi”.

Lì individuammo, oltre alla conferma dell’obiettivo del contratto nazionale di lavoro, la necessità di affrontare i nodi strutturali del settore.

È evidente l’impossibilità di realizzare risultati soddisfacenti fintanto che il rapporto tra sindacato e lavoratrice rimane ad un livello individuale.

Questo ci induce a lavorare perché si promuovano forme associate, cooperative o meno, forme di impresa partecipate anche dagli enti locali che, salvando l’elemento distintivo che è il rapporto di fiducia tra utente del servizio, la famiglia e la collaboratrice, identifichi soggetti collettivi in grado di affrontare tematiche, non solo contrattuali, ma anche della formazione per la crescita professionale e per l’inserimento nella società italiana nel caso delle lavoratrici straniere.

La seconda questione sorge quando si mette in evidenza l’innegabile valore sociale che assume il lavoro della assistente famigliare nel lavoro di cura, quella figura che con un termine da questura, negli atti pubblici, viene definita “badante”.

Questo tira in ballo il soggetto pubblico per la sua responsabilità sociale sui temi dell’assistenza, le risorse di sostegno, le attività formative per la crescita professionale e di inserimento per le lavoratrici straniere e i modelli organizzativi.

Un campo di cui vogliamo e dobbiamo occuparci.

Lungo questo canovaccio si dipana la nostra iniziativa nel settore termale in cui oltre al doveroso rinnovo del contratto di lavoro, ci impegna a fronteggiare la crisi che lo investe anche in rapporto alle scelte sciagurate che sono state poste nell’ultima finanziaria.

A Dicembre siamo stati costretti a mobilitare i lavoratori in una manifestazione a Roma con la quale siamo riusciti solamente a limitare il danno della riduzione del personale in tre realtà territoriali ma altri problemi occupazionali sono aperti come ad esempio nel territorio toscano.

Quello che più ci fa arrabbiare è che il settore termale con risorse mirate all’applicazione della legge sul riordino del sistema termale, rafforzando l’offerta di servizi idonei a soddisfare una domanda in crescita come l’alimentazione e nutrizione, l’antistress, i massaggi e cura del corpo, i trattamenti estetici, sarebbe un settore per nuova occupazione e nuova ricchezza.

E sempre secondo questa linea che cerca di affrontare i nodi strutturali del settore per darne, anche per via negoziale una risposta seppur parziale, e alle volte, purtroppo parzialissima per l’estrema esiguità dei rapporti di forza e spesso l’indifferenza, se non ottusità delle forze politiche, ci muoviamo negli altri settori come quello dei portieri che occupa quasi 50.000 lavoratori minacciati dai processi di dismissioni del patrimonio immobiliare, il settore degli agenti rappresentanti settore in cui 250.000 lavoratori vivono una sorta di limbo sospeso tra la condizione sostanziale di lavoratori dipendenti e una ufficiale di lavoratori autonomi, padroni, si fa per dire, del loro destino.

Riconfermiamo per costoro il nostro impegno al rinnovo dell’accordo collettivo scaduto nel 2002; vi ricordo che per rinnovare il precedente ci vollero 10 anni e riconfermiamo la nostra impostazione in rapporto al loro Ente pensionistico, l’Enasarco.

Il nostro obiettivo di sempre è l’elezione democratica degli Organi di gestione dell’Ente per dare finalmente corpo ad un vecchio slogan ovvero l’ente degli agenti gestito dagli agenti perché la partecipazione non sia una finzione.

Lo stesso settore acconciatura estetica che gravita nel mondo dell’artigianato e occupa circa 300.000 lavoratori sparsi in 120.000 aziende ci impegna oltre che nel rinnovo del loro contratto nell’ambito delle regole dell’artigianato, ad essere attori sia a livello europeo che nazionale nella evoluzione e modernizzazione del settore dove il tema della formazione ha una sua collocazione importante.

Con tenacia rinnoviamo i contratti delle farmacie private e delle farmacie pubbliche e, quasi sorprendentemente, riusciamo, in questo settore, a sviluppare una contrattazione regionale di secondo livello.

Qui affronteremo la questione all’ordine del giorno in merito alla liberalizzazione della vendita dei farmaci da banco nella distribuzione commerciale e le contraddizioni che questo potrebbe aprire.

Per affrontare il capitolo importante della contrattazione, un capitolo che ha visto una articolazione nel dibattito congressuale anche con due tesi che si sono misurate dialetticamente, dico subito che, volutamente, ho dipanato in tutto il percorso fin qui svolto una parte importante di strategie contrattuali e contenuti della contrattazione proprio in stretto rapporto con le problematiche strutturali dei settori e degli obiettivi che ci si pone.

Questo lo ritengo l’unico modo valido per evitare discussioni astratte, di principio senza riscontri, ma rapportate strettamente al merito.

Ciò non di meno c’è né una parte che va vista sé stante e tra questa c’è il tema del modello contrattuale e quello delle regole che lo uniformano.

Per affrontalo, e per non smentirmi, parto dal considerare che nel il settore degli studi professionali quattro anni fa realizzammo un storico contratto che dopo 20 anni vedeva la firma contestuale delle tre associazioni datoriali; quest’anno potrebbe essere l’anno del Testo Unico contrattuale del settore.

Nel frattempo si è dato vita nel settore al fondo per la formazione continua a cui hanno aderito 20.000 studi per un totale di 75.000 lavoratori; si è dato vita alla cassa di assistenza sanitaria integrativa che associa 61.000 lavoratori.

Sono maturate altresì le condizioni per un confronto politico ampio sul riassetto del settore e la riforma delle professioni.

Molte sono le ragioni di questi risultati, ma risultò determinante il protocollo del ’93.

Un sistema di regole condivise dalle parti sociali a cui legittimamente appellarsi e dalle quali non si poteva prescindere pena una delegittimazione delle controparti rispetto alla problematica politica del settore, fu determinante per il contratto e, di conseguenza per lo sviluppo successivo.

I rapporti di forza per realizzare buoni contratti sono necessari ma, soprattutto la dove non ci sono o sono deboli, il sistema di regole condiviso è necessario e non inficia le potenzialità la dove i rapporti di forza sono elevati.

È da questa considerazione che può iniziare un percorso per una sintesi unitaria sulla contrattazione.

Il modello contrattuale a cui noi guardiamo non può che essere impostato su due livelli contrattuali in cui la preminenza è del contratto nazionale che deve continuare ad avere autorità salariale e normativa.

La questione salariale non può che essere affrontata superando il concetto di inflazione programmata per l’inflazione reale o attesa, come del resto abbiamo già cominciato a praticare e che quote economiche derivanti dall’andamento del settore non possono che essere destinate nelle priorità individuate settore per settore tra le quali non c’è ragione per escludere a priori la priorità economica

D’altronde, dalla faticosa analisi dei settori prima fatta, sono evidenti le differenze e quindi le priorità a cui fare affidamento.

Il secondo livello di contrattazione è da confermare e da estendere e dove lo si colloca dipende dalle condizioni strutturali e oggettive dei settori e dipende dagli obiettivi che ci si prefigge di raggiungere con la contrattazione di secondo livello.

Se l’obiettivo è affrontare l’organizzazione del lavoro e ruolo delle RSU, il luogo non può che essere quello aziendale e se si tratta di gruppo nazionale si impongono scelte di merito contrattuale proiettate nella direzione del decentramento.

Se l’obiettivo principale è il tema dell’occupazione e dei diritti collettivi come negli appalti e quando si è di fronte al polverizzato, il luogo non può che essere quello territoriale a meno che i mutamenti strutturali del settore, come nel caso della ristorazione collettiva e delle mense aziendali, non consigli il livello nazionale di gruppo.

La scarsa realizzazione di risultati in questo livello e stante il fatto che non abbiamo alternative, ci deve indurre a concordare con Fisascat e Uiltucs scelte operative che forzino la situazione quali ad esempio scegliere alcuni territori a campione su cui investire risorse e il peso della direzione nazionale del sindacato in un progetto definito per realizzare gli accordi territoriali.

Entro questa impostazione, la durata del contratto nazionale deve essere solo funzionale alla difesa dei salari, alla certezza delle scadenze contrattuali, alla possibilità di svolgere la contrattazione di secondo livello: l’esperienza realizzata con i due bienni soggetti a negoziati distinti sacrificano quest’ultimo obiettivo.

Sulle altre questioni rimando ai lavori del comitato direttivo che abbiamo svolto sul capitolo complesso della contrattazione.

Sul tema della democrazia possiamo dire con semplicità alcune cose chiare utili per realizzare un orientamento unitario.

In primo luogo, anche su questo tema, non possiamo prescindere dalla nostra realtà organizzata e rispetto a questa dobbiamo adattare le regole della democrazia al fine di renderle praticabili e cogenti.

Dobbiamo valorizzare l’intesa unitaria, fin tanto che unitariamente non riusciremo a realizzare regole più avanzate e universalmente riconosciute, che prevede un percorso democratico nella costruzione della piattaforma rivendicativa, che vede il coinvolgimento dei lavoratori e delle RSU con ruoli emendativi sull’ipotesi di piattaforma e l’assemblea nazionale delle RSU e delle Strutture con un ruolo validante della piattaforma definitiva.

Gli accordi che si sottoscrivono per essere validi devono essere validati democraticamente dai lavoratori destinatari degli accordi con metodi certificati.

Il referendum è uno di questi metodi come d’altronde la nostra esperienza già ci consegna.

Dobbiamo confermare che in caso di dissenso tra le organizzazioni sindacali il ricorso al responso dei lavoratori è praticabile come d’altronde abbiamo già sperimentato e, in ogni caso va prevista la possibilità di una pausa di riflessione per consentire all’organizzazione che lo ritiene di svolgere un suo percorso democratico prima di assumere decisioni definitive.

Voglio ora affrontare doverosamente un punto.

Voglio affrontare il tema della legalità, della sicurezza nel luogo di lavoro, dell’evasione contrattuale.

Finora ho parlato di contrattazione, diritti, democrazia, partecipazione.

Ma c’è un mondo intero, diffuso, tra i nostri settori in cui l’illegalità l’assenza di diritti e le prevaricazioni fino all’umiliazione dei singoli si consumano quotidianamente.

Non ho intenzione di riprendere temi che costantemente affrontiamo nei convegni a questo titolo dedicati.

Uno molto importante a carattere nazionale si tenne proprio qui a Palermo non molto tempo fa contro le mafie, al quale anche noi partecipammo.

Non voglio parlare di idee, proposte per battere criminalità, lavoro nero, anche di questo i convegni fatti sono prodighi.

Voglio parlare di una idea, di una proposta, più piccola.

Per i nostri compagni del Mezzogiorno fare sindacato, difendere i lavoratori, i loro diritti, la loro dignità, è molto più difficile di quanto lo possa essere in altri territori del nostro paese.

L’ostilità del padrone e dell’ambiente, il ricatto, la violenza, la mortificazione delle proprie idealità, l’isolamento che spesso si costruisce attorno a chi si ribella rende molto più difficile fare il sindacalista che in tante altre parti d’Italia.

Noi abbiamo intenzione di realizzare un progetto che, anche forti delle esperienze che già in alcuni territori del Mezzogiorno si sono fatte, avendo come orizzonte la lotta alla illegalità, al lavoro nero e alla esclusione dai diritti nel mondo del lavoro, marchi una presenza visibile e certa del nostro sindacato in questi territori e, credetemi, celebrare il nostro congresso nazionale qui a Palermo ha un suo significato preciso.

Questo servirà affinché nell’azione quotidiana i nostri compagni non abbiano come unica compagnia il loro coraggio e i loro ideali

Non sconfiggeremo l’illegalità, ma renderemo meno soli questi nostri compagni nella battaglia per farlo.

Nell’affrontare il tema della bilateralità mi limito ad alcune considerazioni che ritengo essenziali.

La nostra bilateralità, tutta di filiazione contrattuale, ad esclusione dei fondi per la formazione continua e dei fondi per la previdenza complementare, ha assunto una diffusione e un peso rilevantissimo.

Sia il peso che la sua diffusione non potrà che aumentare nel prossimo futuro.

Credo che ormai sia urgente che le tre Organizzazioni Sindacali di categoria e tutte le controparti con le quali stipuliamo contratti si pongano almeno tre questioni proprio per difendere e qualificare il sistema di bilateralità che abbiamo.

La prima è la necessità di procedere rapidamente ad un progetto di semplificazione che riduca il numero degli enti bilaterali di cui noi siamo titolari.

C’e un problema di sostenibilità dell’organizzazione, c’è un problema di operatività e di incidenza rispetto gli obiettivi teorici, c’è un problema di qualificazione.

La proliferazione plurima di enti bilaterali per lo stesso settore in rapporto alla varianza delle controparti firmatarie e la stessa pluralità di enti figliati dallo stesso CCNL va rivista come va rivista l’eccessiva diffusione sul territorio.

Le scatole semi vuote non sono solo inutili, diventano, alla lunga, dannose.

Sentiremo qualche grido di dolore per qualche consiglio di amministrazione che cessa, ma lo facciamo a fin di bene.

La seconda riguarda gli organismi di gestione.

Abbiamo, ormai, una esperienza consolidata nella gestione di questi enti, è giunto il momento, a mio parere, di fare un salto di qualità nella direzione della democratizzazione della gestione e di una più netta distinzione di essa dalla Parti Sociali che hanno dato vita alla bilateralità, passando da organismi nominati ad organismi eletti dai soci, intendendo per soci le imprese ed i lavoratori, riservando alle parti sociali il ruolo di indirizzo che a loro compete.

L’autoreferenzialità, alla lunga, diventata dannosa.

La terza è quella della qualificazione degli interventi selezionando le priorità.

Tra le priorità degli enti bilaterali contrattuali individuo il sostegno al reddito in caso di crisi o difficoltà nel settore che comportino problemi di natura occupazionale.

Mentre per quel che riguarda i fondi paritetici interprofessionali, avendo a più riprese sostenuto che questi fondi sono una occasione da non perdere anche per sostenere la contrattazione, è necessario che gli accordi a sostegno dei piani formativi evidenzino impostazioni coerenti con le nostre scelte di merito, allargando nei prossimi avvisi spazi per piani e progetti che favoriscano un raccordo più stretto con lo sviluppo territoriale (filiera, distretti, incentivi all’aggregazione di PMI nel territorio) e attivandosi per la predisposizione di piani formativi strettamente agganciati alla contrattazione dell’organizzazione del lavoro.

Per quanto riguarda i rapporti unitari, oltre a quanto ho già affermato parlando delle regole per la democrazia di mandato voglio aggiungere che, proprio partendo dalla capacità che abbiamo avuto, magari con qualche asperità, ma i dati caratteriali si prendono per quello che sono, di superare momenti complicati nel passato recente riuscendo a venirne a capo avendo da un lato, rispetto e considerazione delle reciproche posizioni e quelle delle rispettive organizzazioni e dall’altro avendo sempre di fronte, come priorità, la nostra realtà organizzata, proprio partendo da qui vi propongo che i temi della contrattazione e i temi della bilateralità trovino un approfondimento vero al nostro interno.

Credo che noi abbiamo bisogno di riprendere un vecchio metodo di lavoro che di volta in volta su questioni specifiche portava alla discussione in collettivo i temi prima che finissero per assumere posizioni rigide di organizzazione.

Questo è un buon metodo di lavoro.

Credo inoltre che, dopo aver risolto l’annoso problema con la Confcommercio sulle RSU e le RSA che ci ha consentito, tra le altre cose, di stampare con l’ultimo contratto del terziario fatto, anche il precedente contratto, dovremo assumere l’impegno per una grande campagna di rinnovamento e diffusione delle RSU in tutti i posti di lavoro in cui noi siamo organizzati.

Infine voglio parlare sobriamente di noi.

La Filcams è cresciuta, è cresciuta come forza organizzata, chiudiamo il 2005 con 321002 iscritti con un incremento di 56448 rispetto al precedente congresso del 2002.

Siamo ormai la quarta categoria della Cgil e in diverse realtà territoriali di Camere del Lavoro o di Regionali diventiamo la prima o la seconda categoria fra gli attivi.

Ma cresciamo per il peso politico, che via via assumiamo sia per l’aumentato peso economico dei settori produttivi e di servizio di cui noi ci occupiamo e sia, soprattutto per il lavoro, le idee, e i risultati contrattuali che realizziamo in comparti davvero molto difficili.

Cresciamo perché la Filcams con il suo lavoro e nel suo lavoro costruisce il suo profilo, la sua identità, come ho cercato di descrivere all’inizio della relazione e questo viene percepito dai lavoratori che si avvicinano a noi e consolida il loro rapporto con il sindacato, come d’altronde, viene percepito dall’insieme dell’organizzazione sindacale.

La mia lunga militanza in questa categoria mi permette di fare queste considerazioni senza paura di essere smentito.

Con lo spirito di sempre sappiamo che più che guardare quello che abbiamo fatto dobbiamo prepararci per le sfide di domani e per farlo adeguatamente dobbiamo riprogettare noi stessi, la nostra organizzazione per renderla all’altezza.

In primo luogo è opportuno rafforzare il centro nazionale con nuove risorse.

C’è da attendere alla crescita del lavoro contrattuale che registriamo, c’è da liberare energie per consentire ai compagni della segreteria di spostare parte del proprio tempo in direzione delle politiche settoriali in rapporto alla Confederazione, in rapporto alle istituzioni locali e governative oltre che di supporto alle Filcams territoriali sullo stesso tema.

Dobbiamo rafforzare l’iniziativa a ridosso delle attività di servizio promuovendo nuovi quadri.

Il progetto Filcams-CdL-INCA che ha formato 19 coordinatori interregionali che faranno cresce altri 100 coordinatori distribuiti nei territori sui temi della previdenza pubblica e complementare, della sanità integrativa, della Cigs, mobilità, disoccupazione, infortunistica, malattie professionali è un esempio significativo.

Rafforzeremo il sistema informativo digitale.

Avere un sito che registra 10.000.000 di pagine visitate dal 2002 ad oggi con una media ormai consolidata di 300.000 pagine visitate al mese è un fatto di successo come è un successo il sistema messo in piedi di SMS che, seppur adottato dal 76% ha veicolato nei territori 56.000 messaggi in sei mesi.

Ma il campo nel quale ci vogliamo impegnare con più determinazione con un progetto strutturato e risorse adeguate è il campo della formazione.

Il tema della formazione ci ha comunque impegnati in questo ultimo periodo coinvolgendo 360 corsisti e i compagni dei territori ne hanno avuto un riscontro.

Il punto è che vogliamo impegnarci in modo più massiccio e più esteso.

Il 27% dei nostri iscritti è al disotto dei 30 anni e ben il 20% è al disotto dei 25 anni e i nostri delegati, RSU o RSA sono oltre 12.000.

Questi numeri sono di per sé sufficienti per motivare percorsi formativi come d’altronde vengono motivati dalla richiesta di formazione, specifica e di approfondimento, che ci viene rivolta dai dirigenti sindacali.

Infine in questa riprogettazione dobbiamo rendere più fluido il processo democratico nella direzione del sindacato per valorizzare al meglio esperienze, lavoro, capacità che sono diffuse in tutte le nostre Filcams.

Ci sono due direttrici su cui lavorare, una è quella della associazione ai momenti di direzione nazionale dei gruppi dirigenti territoriali e l’altra tornare a coinvolgere nei momenti importanti e altamente formativi della contrattazione nazionale un numero sempre più ampio di RSU o RSA.

In questa seconda, convenendo percorsi unitari e, in ogni caso, di organizzazione.

Vogliamo continuare ad impegnarci per promuovere quadri e dirigenti donne nella nostra categoria, qualcosa abbiamo fatto e non ci lasceremo sfuggire le occasioni che ancora ci capiteranno, altre le promuoveremo se ce ne saranno le condizioni.

Attualmente la Filcams impegna 29 compagne nelle Segreterie Generali delle Filcams territoriali o regionali pari al 21,4% del totale in una parte del territorio a cui fa riferimento il 28,5% degli iscritti e nessuna è lì perché donna, ma tutte perché sono dirigenti riconosciute

Nelle segreterie abbiamo la presenza del 42% delle donne mentre tra gli iscritti la presenza delle donne è del 59%; di converso registriamo il 62% di donne nei comitati direttivi.

Prima di chiudere voglio ringraziare tutte le compagne dell’apparato tecnico per il loro lavoro prezioso, un lavoro che alle volte non si vede, ma che ce ne accorgiamo subito quando non c’è.

Voglio ringraziare in particolare i compagni e le compagne della Filcams di Palermo e della Sicilia oltre che la Camera del Lavoro di Palermo e la Cgil siciliana per la loro cortesia di ospitarci e per lo sforzo organizzativo che si sobbarcano per far riuscire al meglio questo congresso.

Un ringraziamento in anticipo a tutti i lavoratori di questo albergo e quelli degli altri due alberghi che ci ospitano e chiedo loro di essere un po’ pazienti con noi.

Compagne e compagni stiamo per svolgere l’atto finale del nostro percorso congressuale, un percorso di dibattito e confronto con i lavoratori che ha visto intrecciare la proposta della Cgil e le tematiche categoriali e ha visto misurarsi, nella loro articolazione, opinioni e sensibilità politiche.

I risultati dei congressi di base sono questi: 6.001 assemblee hanno coinvolto al voto 113.357 iscritti pari al 36,83 % dei 307.769 iscritti al 31.12.2004, il documento generale ha raccolto il 99,34% dei consensi.

Per quanto riguarda le tesi:

La tesi n.8, primo firmatario Epifani il 93,87%, primo firmatario Rinaldini il 4,91%.

La tesi n.9, primo firmatario Epifani l’ 83,08%, primo firmatario Patta l’11,73%, rimo firmatario Rinaldini il 4,49%.

In Tutti i congressi territoriali e regionali abbiamo saputo sviluppare la discussione di merito concludendoli con documenti unitari e componendo gli organismi con scelte unitarie, questo è un buon viatico per lo sviluppo dei lavori di questo congresso ed è giusto che questo sia un impegno di tutti ed io credo di aver fatto la mia parte con la relazione che vi ho presentato.

Chiudo ricordando che quest’anno celebriamo il centenario della CGIL.

Noi ci siamo impegnati nel ricostruire la storia del nostro bel sindacato fin dalle primissime origini che risalgono al 1880.

Per ora ci siamo fermati al 1925, ma completeremo l’opera fino ad anni storicamente accettabili.

Io credo che dobbiamo essere orgogliosi di militare in un grande sindacato e di partecipare così alla grande storia della vita in modo pieno, pieno di valori e di sentimenti, consapevoli di contribuire, seppur in piccola parte, a quella storia ma, avendo sempre, nonostante il lungo cammino compiuto, il rammarico di non poter fare anche “quell’altra cosa” che pure avevamo intuito.

Il programma dei lavori
La relazione di Ivano Corraini – Segretario generale FILCAMS CGIL
Il documento politico approvato
"Primo rapporto IRES sui comparti di Area Filcams"
I filmati degli interventi
Immagini dal Congresso
Documenti Congressuali

Comunicati stampa
(28/01/2002) Congresso Filcams: Conclusione Unitaria
(23/01/2002) Xi Congresso Filcams: Ricerca Ires Sulla Federazione Del Terziario. . .
(22/01/2002) Congresso Filcams: Corraini: Per Difendere Il Contratto Nazionale,. . .
(18/01/2002) Congresso Cgil: Martedi’ Al Via L’assise Filcams

Rassegna stampa
(24/01/2002) Il Sole 24 Ore – “Brevi” Indagine Ires Su Terziario
(23/01/2002) L’Unità – Congresso Filcams: Commercio, No Alla Deregulation

Il congresso nazionale della Filcams, tenutosi a Roma nei giorni 22-24 gennaio ’02, approva la relazione del segretario generale uscente Ivano Corraini e le conclusioni della compagna C. Cantone della segreteria confederale, a conclusione di un ricco ed appassionato dibattito.

Il congresso si svolge in una fase di crisi internazionale assai acuta, determinata dai tragici attentati terroristici dell’11 settembre “01: si confermano con forza le valutazioni dei CD della CGIL del 22/23 settembre, in cui netta è stata la condanna del terrorismo, dei suoi atti, del disegno infame di farsi falsamente paladino di masse di diseredati cui offre solo una prospettiva di morte e distruzione, e quindi ferma la determinazione di colpirlo e di contrastarlo con forza e contestualmente si ribadisce la condanna di interventi militari che, per la stessa modalità d’ intervento, colpiscano i civili. Le cause che hanno contribuito al terrorismo di impiantarsi e fare adepti si risolvono con la politica. Tanto più ora, dopo la caduta del regime talebano, appare urgente un’iniziativa che contribuisca a fondare una società libera in Afganistan, rispettosa dei diritti umani e sociali fondamentali.

Occorre rafforzare e democratizzare l’azione delle strutture (ONU in primo luogo) che il mondo si è dato all’indomani del secondo conflitto mondiale.. Allo stesso tempo va altresì espressa la più ferma esigenza di cambiare profondamente gli indirizzi del FMI e della Banca Mondiale, fautori di un credo monetarista imposto a molti Paesi, tra cui l’ ;Argentina, e responsabili non secondari delle diverse crisi monetarie e sociali di molti Paesi in via di sviluppo. Non è secondario in tale contesto rendere sempre più efficace il nesso fra liberalizzazione degli scambi e rispetto dei diritti umani e sociali in ogni parte del mondo, chiedendo alla UE di sostenere anche un esplicito confronto con gli USA e le imprese multinazionali. La UE deve assumere su di sé il compito di agire come soggetto politico, non soltanto economico, a partire dal M.O., e sempre più in tutte le aree del mondo, a difesa dei diritti e per l’ affermazione dello sviluppo ecocompatibile. Il congresso impegna la Filcams ad operare in tal senso nelle strutture sindacali sovranazionali alle quali aderisce.

In questo contesto il conflitto in Palestina deve essere bloccato, innanzitutto con l’invio di forze d’interposizione tra le parti, e poi facendo sì che sia la comunità internazionale a promuovere una nuova conferenza sul M.O. che rilanci il processo di pace, da troppo tempo sabotato dal governo israeliano, a partire dal mancato rispetto delle intese volta a volta conseguite, e dall’agire criminale del terrorismo. A tale proposito si esprime la condanna più ferma per la condizione di sostanziale confino cui è costretto il Presidente Arafat e si esprime l’ auspicio che la comunità internazionale sappia trovare le forme più efficaci perché i Territori siano sgombrati dall’ esercito israeliano e che sia garantito il diritto ai due popoli di vivere in due stati sicuri e dai confini riconosciuti.

Lo sbandierare, da parte del governo italiano, un europeismo di facciata, considerando l’UE nulla più che un’area di libero scambio, ma contemporaneamente disattendendo gli impegni della Carta di Nizza, o mercanteggiando sulla sede delle autorità, o ancora rivendicando una natura “religiosa e cristiana” della costruzione europea, non è ; altro che la conferma di un approccio propagandistico ed aziendalista alla politica, che rappresenta, come sulle questioni della giustizia o del lavoro, una vera rottura operata dall’attuale governo italiano con le tradizioni culturali popolari italiane, condensate nella feconda sintesi rappresentata dalla Costituzione nata dalla Resistenza: non si può soltanto irridere, si deve comprendere il fenomeno rappresentato dal venir meno della mediazione politica degli interessi che l’attuale governo rappresenta, e calibrare di conseguenza un’iniziativa non solo di breve periodo. In questo senso la difesa dell’indipendenza della magistratura, dell’ obbligatorietà dell’azione penale, così come la natura pubblica della sanità, della scuola e la laicità dello stato repubblicano sono altrettanti elementi di un confronto con un disegno di restaurazione autoritario e populista contro cui il sindacato confederale deve impegnare se stesso, coinvolgendo l’intero schieramento democratico e il movimento antiglobalizzazione.

In discussione, infatti, non c’è solo un insieme di misure antipopolari: c’è la voglia di segnare un punto di non ritorno negli equilibri sociali determinatisi negli anni. Anche da qui si coglie la necessità per l’attuale governo di “doppi regimi”: sia per ragioni di furbesco aggiramento delle possibili opposizioni, ma anche e forse soprattutto per rivendicare una discontinuità radicale con la storia pregressa.

Non a caso si sceglie di negare il ruolo contrattuale del sindacato, suggerendo piuttosto quello di fornitore poliforme di servizi ad un mondo del lavoro che si vuole profondamente segmentato tra chi è organico all’impresa, e al cui capitale potrebbe essere allettato a partecipare, e chi invece dovrebbe essere solo utilizzato quando serve, per poi essere dismesso e affidato ai servizi che spetterebbe appunto al sindacato occuparsi di fornire.

La Filcams afferma con forza la natura inscindibilmente confederale e contrattualistica del sindacato italiano, e respinge con forza queste suggestioni, contenute nel Libro bianco del ministro Maroni e nella delega al governo sul mdl, e impegna la Cgil a continuare il confronto con Cisl e Uil su questi temi.

E’ importante aver recuperato il consenso unitario sulle modifiche da rivendicare ai provvedimenti governativi, superando distinzioni che pure avevano contribuito a far deteriorare i rapporti unitari anche al di fuori delle Confederazioni; è pertanto importante rafforzare ulteriormente l’unità sindacale a tutti i livelli, badando sempre al merito dei problemi, non rinunciando a sostenere le ragioni dei lavoratori, in primo luogo quella di poter dire l’ultima parola in caso di controversie tra le organizzazioni sindacali. In tal senso si ribadisce la necessità, per tutta la Cgil, di una regolamentazione legislativa della rappresentanza, anche per sconfiggere definitivamente le intese “pirata”, che dall’ azione governativa potrebbero ricevere nuova linfa. Intese di metodo vanno perseguite anche a livello sindacale con Fisascat e Uiltucs, compresa la questione delle RSU, dove, registrato il blocco verificatosi al tavolo con la Confcommercio, va ripresa la discussione unitaria per l’estensione generalizzata della rappresentanza elettiva dei lavoratori. Per la Filcams rimane decisivo il pronunciamento dei lavoratori sul varo delle piattaforme e sulle conclusioni contrattuali. Inoltre, anche per respingere l’ideologia profusa a piene mani sulla fine del lavoro subordinato, è necessario riprendere la battaglia per la conquista di diritti per i lavoratori attualmente non coperti da garanzie legali e contrattuali, in particolare per definire il diritto alla formazione, pagata dai committenti, che è il vero strumento per evitare che l’assenza di vincoli di dipendenza si cristallizzi in precarietà, e affinché si possa determinare per questi lavoratori un futuro di crescente professionalizzazione e conseguente forza contrattuale nel mercato del lavoro.

Le deleghe sul mdl e sulla previdenza, nonché quelle sul fisco, contengono proponimenti, in primis quelli sull’inefficacia dell’art. 18, sull’estensione dell’arbitrato secondo equità anche in caso di licenziamenti e sulla decontribuzione previdenziale per i nuovi assunti, che unitariamente si è valutato essere inaccettabili: la Filcams impegna i propri iscritti e militanti a partecipare alle iniziative di lotta programmate a sostegno delle proposte di Cgil, Cisl e Uil e impegna i propri componenti negli organismi confederali a tutti i livelli a sostenere tutte le iniziative ulteriori, compreso lo sciopero generale nazionale, che si renderanno necessarie per far rimuovere quei provvedimenti. E’ comune la consapevolezza che non si può agire con una spallata, ma che è necessario un lavoro di lunga lena e durata per conseguire questi obiettivi. La riuscita e la partecipazione anche di giovani generazioni, specie di giovani donne, alle iniziative fin qui poste in campo sono un segnale davvero importante sulla rispondenza della linea intrapresa ai loro bisogni di dignità.

La Filcams è in buona salute. Ciò è dovuto, oltreché ; dall’evidente sviluppo dei settori da noi organizzati, anche e soprattutto dal lavoro paziente e faticoso di tanti funzionari, delegati e semplici iscritti cui l’organizzazione rivolge il ringraziamento più ; sincero. Ma anche da iniziative poste in campo, a tutti i livelli, di formazione mirata – per i nuovi funzionari, per le dirigenti femminili, per i delegati dei gruppi, che il congresso chiede al nuovo gruppo dirigente di proseguire ed affinare ulteriormente, compreso il ricorso creativo e diffuso della comunicazione informatica in atto e da potenziare. Inoltre la formazione va mirata anche alla costruzione di un collettivo di formatori, con l’ obiettivo di dotarsi di una funzione permanente per assicurare una politica dei quadri, specie di dirigenti donne, che garantiscano un ricambio di direzione politica all’altezza dei compiti che sono davanti all’organizzazione. Attenzione va altresì posta all’azione per garantire agli immigrati un percorso formativo e sindacale che li porti a ruoli di direzione politica nella categoria. In materia di riparti economici, si dichiara il proprio orientamento a favore di una politica che privilegi il livello comprensoriale.

Il congresso conferma la centralità dello sviluppo del Mezzogiorno, nella legalità e nel rispetto dei diritti; impegna il futuro gruppo dirigente a dedicare un’iniziativa specifica, da definire con le proprie strutture meridionali, alle problematiche della qualità dello sviluppo realizzato in questi anni nei nostri settori nel Mezzogiorno, ai riflessi sulle tipologie d’impiego, agli effetti della programmazione negoziata e dei contratti di riallineamento.

La categoria è impegnata a rinnovare gli integrativi dei grandi gruppi commerciali, in base a piattaforme definite unitariamente, e che hanno dovuto misurarsi con un tentativo assai aggressivo delle controparti di scambiare la conferma delle condizioni normative e salariali degli attuali occupati con trattamenti inferiori per i nuovi assunti: la Filcams riafferma la sua contrarietà ad ipotesi di “doppi regimi” contrattuali e rivendica il fatto di aver determinato le condizioni unitarie affinché queste impostazioni non siano state accolte nelle trattative tuttora aperte. Il lavoro che ci attende è comunque ancora lungo: si tratta infatti di cogliere l’occasione dei rinnovi contrattuali di 2° livello per conferire potestà contrattuale sulle materie del mdl, dell’odl e sugli elementi salariali ad esse connessi ai livelli territoriali e di unità produttiva, garantendo per questa via la tenuta nazionale degli accordi di gruppo. E’ evidente, qualora un simile risultato fosse conseguito, che andranno affrontati i riflessi che ciò comporterebbe nella direzione politica dell’organizzazione, a partire da seminari dei gruppi dirigenti e delegati nei territori.

Il congresso riafferma la centralità del CCNL, vero baluardo della tutela dei diritti e del potere d’acquisto dei salari rispetto all’ inflazione reale. I CCNL dovranno essere rinnovati anche utilizzando l’ andamento economico del settore e valutando i risultati della contrattazione di 2° livello. Infatti, il congresso ritiene che solo estendendo e cogliendo le differenze di condizione esistenti fra i diversi mercati nell’ esercizio del 2° livello di contrattazione, la cui esigibilità e cogenza va comunque rafforzata, sarà possibile difendere e migliorare il ruolo dei CCNL, che da parte governativa e di Confindustria, con l’ improvvido ausilio del governatore della Banca d’Italia, si vorrebbe invece declassare ad asfittiche “cornici”, da cui peraltro poter derogare in pejus. Il rinnovo del CCNL del turismo, la cui piattaforma verrà definita entro pochi giorni, rappresenterà il primo banco di prova di una strategia che vuole cogliere – anche nei rinnovi nazionali – le specificità settoriali e professionali per meglio rispondere alle esigenze di tenuta solidale del settore che è il compito precipuo dei CCNL.

Molta parte della crescita anche organizzativa della Filcams è avvenuta in settori caratterizzati dal lavoro in appalto. La categoria è fortemente impegnata a sostenere e migliorare le normative legislative e contrattuali introdotte, compresa le nuove disposizioni riguardanti i soci lavoratori, per impedire che i diritti dei lavoratori siano le vittime di una concorrenza giocata sulla strada del massimo ribasso, così come nel proseguire la lotta contro fenomeni corruttivi che coinvolgono pezzi della P.A. e imprese che utilizzano il settore anche per operazioni di riciclaggio, falsando, come molti episodi anche recenti stanno a dimostrare, il processo di aggiudicazione delle commesse. Particolare attenzione, in questo contesto, va dedicata alle problematiche della sicurezza e del rispetto del D.Lgs. 626/94 a partire dalle forme di aggiudicazione della commessa. Una riflessione va compiuta anche rispetto a settori in cui la pratica del ricorso all’ appalto è recente e quindi necessitano di iniziative mirate e specifiche. Compito della categoria nei settori tradizionalmente caratterizzati dal ricorso all’appalto sarà di implementare, anche attraverso le contrattazioni di 2° livello, la difesa dei diritti e l’incremento anche salariale delle tutele sul lavoro. A tal fine si ritiene utile impegnare la Cgil ad attivare, ai vari livelli, strumenti di coordinamento con le categorie delle imprese coinvolte, sia utilizzatrici sia committenti.

Nell’ambito della partita previdenziale e fermo restando il primario obiettivo di battere le proposte del governo, il sindacato confederale dovrà porre attenzione alle condizioni previdenziali dei lavoratori stagionali, precari, a termine, a part-time ecc., le cui prospettive previdenziali dovranno essere migliorate secondo proposte che la categoria, unitamente a Flai e Fillea aveva già preparato e posto all’ attenzione della Cgil, e che andranno debitamente aggiornate, tenendo conto delle novità intervenute in questi anni. Contestualmente si rivendica l’estensione all’intero settore turismo degli ammortizzatori sociali. Nell’ambito della problematica delle tutele, il rispetto e l’ implementazione del D.Lgs 626/94 assume rilevanza importantissima.

Si auspica che la conclusione del congresso confederale possa vedere l’ unità della Cgil vieppiù rafforzata a tutti i livelli, anche tenuto conto dei gravi impegni che attendono l’organizzazione: il congresso esprime l’auspicio che la discussione interna, che è certamente fonte di ricchezza per l’intera organizzazione, sia sempre più fondata sul merito dei problemi e eviti per quanto possibile la forma delle posizioni organizzativamente cristallizzate, che al contrario soffocano la libera espressione degli iscritti e determinano spesso fenomeni di afasia o di scoraggiamento alla partecipazione dei lavoratori e degli iscritti.

NB: I filmati e gli spezzoni audio si possono ascoltare/visualizzare con Real Player 8. Se sul tuo computer non e’ installato Real Player 8 puoi scaricarlo dal sito Internet http://www.real.com/products/player: se non vuoi acquistare una licenza di Real Player 8, cerca nel sito www.real.com la versione freeware (‘Real Player 8 Basic’). Gli interventi sono stati frammentati in spezzoni da circa 5′ ciascuno per permettere un caricamento agile anche a chi non ha connessioni internet veloci.


Filmati / Audio

Relazione
di Ivano Corraini
(Segretario Generale FILCAMS CGIL)

Intervento
di Brunetto Boco
(Segretario Generale UILTUCS UIL)
1 2 3 4

Intervento
di Gianni Baratta
(Segretario Generale FISASCAT CISL)
1 2 3 4 5

Intervento
di Jacqueline Baroncini
(Direzione UITA)
1 2 3

Presentazione del libro
"Il terziario privato in Italia"
Introduzione Gabriele Guglielmi (FILCAMS CGIL Nazionale)
Interventi
Agostino Megale (Presidente IRES)
Lorenzo Birindelli (Ricercatore IRES)
1 2 3 4 5

Intervento
di Luigi Coppini
(FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4

Intervento
di Cristina Castellani
(FILCAMS Lazio – Ufficio Vertenze Latina)

Intervento
di Ramona Campari
(FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4

Intervento
di Emilio Viafora
(Coordinatore Nazionale NIdiL)
1 2 3

Intervento
di Marco Bacci
(Delegato Coop Adriatica Bologna)

Intervento
di Giovanni Deiana
(Segretario FILCAMS CGIL Olbia)
1 2 3 4

Intervento
di Giovanni Carpino
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Campania)
1 2 3

Intervento
di Giuseppe Scognamillo
(Segretario FILCAMS CGIL Bari)
1 2 3

Intervento
di Orfeo Cecchini
(Direttore EBT Roma)
1 2 3

Intervento
di Davide Fellini
(Segretario FILCAMS CGIL Parma)

Intervento
di Adriana Merola
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Friuli V.G.)

Intervento
di Cinzia Giaccherini
(Delegata Imprese di Pulizia Firenze)

Intervento
di Gianfranco Mancini
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Rimini)

Intervento
di Mara Gattoni
(Presidente ECPAT)

Intervento
di Piergiorgio Forti
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Trento)

Intervento
di Marinella Meschieri
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Rita Cecchetti
(Delegata Multiservizi Roma Spa)

Intervento
di Walter Sgargi
(Segretario FILCAMS CGIL Emilia Romagna)
1 2 3 4

Intervento
di Anna Erbante
(FILCAMS CGIL Milano)

Intervento
di Antonio Terenzi
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Abruzzo)

Intervento
di Luciano Nascinovich
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Toscana)

Intervento
di Lucia Merlo
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Molise)
1 2 3

Intervento
di Dino Tartaglia
(Delegato Hotel Excelsior Napoli)

Intervento
di Marco Roverano
(Segretario FILCAMS CGIL Genova)
1 2 3

Intervento
di Sergio Pestelli
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Firenze)
1 2 3

Intervento
di Virgilio Biscaro
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Treviso)

Intervento
di Claudio Treves
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Vito Caffaro
(Delegato Carrefour Milano)

Intervento
di Salvatore Castrignano
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Foggia)
1 2 3

Intervento
di Federica Cattaneo
(FILCAMS CGIL Milano)

Intervento
di Giuseppe Ricci
(Coord.to Naz.le Agenti e Rappresentanti)
1 2 3

Intervento
di Carmelo Romeo
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4

Intervento
di Ennio Bianchi
(Delegato PAM Napoli)
1 2 3

Intervento
di Luigi Corazzesi
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Roma/Lazio)
1 2 3

Intervento
di Stefania Ferrari
(R.S.U. Coop Estense Modena)

Intervento
di Giancarlo Marchi
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Ravenna)
1 2 3

Intervento
di Massimo Nozzi
(FILCAMS CGIL Nazionale)

Intervento
di Wioletta Sardyko
(Segretario FILCAMS CGIL Napoli)

Intervento
di Cono Minnì
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Catania/Sicilia)

Intervento
di Nino Tripodi
(FILCAMS CGIL Torino)

Intervento
di Giampiero Bellusci
(Delegato Guardie Giurate Napoli)
1 2 3

Intervento
di Cosimo Francavilla
(FILCAMS CGIL Genova)

Intervento
di Claudio Minelli
(FILCAMS CGIL Ferrara)

Intervento
di Mario Mangili
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Brianza)

Intervento
di Dora Maffezzoli
(Segretario FILCAMS CGIL Milano/Lombardia)
1 2 3

Intervento
di Guido Zanardi
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Valle d’Aosta)

Intervento
di Nadia D’Amely
(Delegata La Rinascente Duomo Milano)
1 2 3

Intervento
di Agostino Arguto
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Salerno)
1 2 3

Intervento
di Manuela Taratufolo
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Matera)

Intervento
di Fabio Sormanni
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Lombardia)
1 2 3

Intervento
di Antonia Franceschini
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Intervento
di Christine Waltz
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Alto Adige)

Intervento
di Sergio Franceschini
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Veneto)

Intervento
di Michele Presta
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Calabria)

Intervento
di Marco Bertolotti
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Piemonte)
1 2 3

Intervento
di Giuliano Calvani
(Segretario Generale FILCAMS CGIL Frosinone)

Intervento
di Bruno Rastelli
(Presidente Comitato Direttivo FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3 4

Conclusioni
di Carla Cantone
(Segretario CGIL Nazionale)
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Resoconto Commissione Verifica Poteri
di Monica Dido’

Lettura documento finale
Claudio Treves
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)
1 2 3

Proposta di composizione del Comitato Direttivo
di Bruno Perin
(Segretario FILCAMS CGIL Nazionale)

Risultato votazioni sul Comitato Direttivo
di Gianni Boerio
(Presidente Scrutatori)