Category Archives: PROGETTI

opencorporation

http://opencorporation.org/en/   has entered its final phase. During the course of the next weeks, 100 companies will receive the invitation to participate to the #OpenCorporationRanking è which will be published on November 16 2017.

Here is what the ranking looks like as of today:  http://opencorporation.org/en/

100 multinational corporations are being observed, in alphabetical order from ABB Ltd. to Volkswagen AG. The following data is available:

-         Financial and social balance

-         EWC agreements

-         Data collection sheets precompiled by the staff

http://opencorporation.org/en/documenti

Other rankings on different aspects are available concerning the first 100 companies currently included in the test phase:

http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation

Seven rankings on specific aspects:

Social Responsability http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!social-responsibility

Social Dialogue http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!social-dialogue

Working Conditions http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!working-conditions

Finance http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!finance           

Diversity http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!diversity        

Accessibility for disabled people http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!accessibility-for-the-disabled

Environment http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!environment

In addition to three Transparency indexeshttp://opencorporation.org/en/indice-trasparenza 

Each of these rankings is publicly available. Users may access and download them, and sort them out by position or score, alphabetical order or country of origin. ( N.A.C.E classification http://bit.ly/2v7n9II )

Out of 100 multinational companies being observed, we have selected the first three (podium) out of each of the eleven published rankings.

This initial sample is composed primarily by European TNCs (transnational companies) amounting to roughly two-thirds of the sample. It is interesting to note that no Asian companies are on the podium, and only a very little amount of American ones:

Region                        Tot                  Podium %

UE                   66                   94

Americas        26                      6

ASIA               8                       0

In the three transparency rankings: web transparency, transparency of social balance, synthesis of the two previous rankings, at least six companies make it to the podium

TNC Transparency                            Events

ENEL S.p.A.                                      2

Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2

Schneider Electric S.E                     2

Adecco Group                                               1

Autogrill Spa                                     1

Kering S.A.                                        1

Tot                                                     9

While at least thirteen companies make it to the podium in one of the eleven general rankings: #Adecco #Allianz_SE #Assicurazioni_Generali  #Autogrill_Spa #CBC_Television #ENEL_Spa #Fiat_Chrysler_Automobiles #Kering S.A. #Marriott International_Inc. #Salini_Impregilo_Spa #Schneider_Electric S.E #Telefónica_S.A.  #UniCredit_Spa

TNC                                                   Events

UniCredit S.p.A.                                8

Adecco Group                                   4

Autogrill Spa                                     4

Schneider Electric S.E                     4

Salini Impregilo Spa                         3

ENEL S.p.A.                                      2

Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2

Allianz SE                                         1

Assicurazioni Generali SpA             1

CBC Television                                  1

Kering S.A.                                        1

Marriott International Inc.              1

Telefónica, S.A.                                 1

“11 Ranking”                                      33

A look at the macro-sectors. Some sectors (mining, transportation and legal services, accounting) and Conglomerates don’t make it to the podium; the industrial and commerce sectors rarely make it to the first positions; while it seems Finance, utilities, services and telecommunications, constructions and tourism obtain better positions in proportion to other participants

For any further information: info@opencorporation.org

 

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

_________________

Download HERE pdf opencorporationranking press release with charts.

Read this communication in ITALIAN - HERE 

opencorporation

#OpenCorporationRanking: in costante sviluppo la classifica sulla trasparenza delle imprese multinazionali

http://opencorporation.org/it/  è entrato nella fase conclusiva. Nelle prossime settimane ulteriori 100 aziende riceveranno la richiesta a partecipare  nel  # OpenCorporationRanking che sarà pubblicato il 16 novembre 2017. Ecco ad oggi cosa è: http://opencorporation.org/it/ 100 aziende multinazionali in osservazione, in ordine alfabetico da ABB Ltd. a Volkswagen AG, delle quali sono disponibili, quando pubblicati: -         Bilanci finanziari e sociali -         Accordi CAE -         Schede di rilevazione pre-compilate dallo staff

http://opencorporation.org/it/documenti

Per tali 100 aziende, nell’attuale fase test, sono pubblicate, oltre a quella principale,

Ranking OpenCorporation (test 1.0)

http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation

Sette classifiche sugli specifici temi monitorati: Responsabilità sociale http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!social-responsibility Dialogo sociale http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!social-dialogue Condizioni di lavoro  http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!working-conditions Finanza http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!finance Diversità http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!diversity Accessibilità per disabili  http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!accessibility-for-the-disabled Ambiente   http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!environment Oltre a tre Indici di trasparenza  http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza Ognuna di queste classifiche è pubblica, l’utente può consultarle e scaricarle; come può ordinarle, oltre che per posizione in classifica e punteggio acquisito, anche in ordine alfabetico, per Paese e per settore di appartenenza (classificazione N.A.C.Ehttp://bit.ly/2v7n9II ) Sul campione delle 100 aziende multinazionali in osservatorio abbiamo estrapolato le prime tre posizioni (podio) di ognuna delle 11 classifiche (test) pubblicate. La composizione del campione è prevalentemente rappresentato da TNC (Trans National Companies) europee: pari a circa due terzi è da notare però che sul podio non salgono imprese del continente asiatico ed in minima parte di quello americano. Regione          Tot                  Podio % UE                   66                   94 Americhe       26                    6 ASIA               8                     0 Nelle tre classifiche di trasparenza: Trasparenza Web, Trasparenza nei Bilanci sociali, sintesi delle due classifiche precedenti, su almeno uno dei podi salgono sei aziende: Trasparenza TNC                         Ricorrenze ENEL S.p.A.                                      2 Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2 Schneider Electric S.E                     2 Adecco Group                                               1 Autogrill Spa                                     1 Kering S.A.                                        1 Totale                                                9 Mentre in almeno uno dei podi delle 11 classifiche complessive salgono tredici aziende: Adecco, Allianz_SE, Assicurazioni_Generali,  Autogrill_Spa, CBC_Television, ENEL_Spa, Fiat_Chrysler_Automobiles, Kering S.A., Marriott International_Inc., Salini_Impregilo_Spa, Schneider_Electric S.E, Telefónica_S.A., UniCredit_Spa: TNC                                                              Ricorrenze UniCredit S.p.A.                                           8 Adecco Group                                              4 Autogrill Spa                                                 4 Schneider Electric S.E                                 4 Salini Impregilo Spa                                    3 ENEL S.p.A.                                                  2 Fiat Chrysler Automobiles N.V.                  2 Allianz SE                                                      1 Assicurazioni Generali SpA                         1 CBC Television                                              1 Kering S.A.                                                    1 Marriott International Inc.                         1 Telefónica, S.A.                                            1 “11 Ranking totali”                                              33 Uno sguardo sui “macro-settori”. Alcuni settori (minerario, trasporti e servizi legali, contabili) e le Conglomerate non raggiungono alcun podio; il settore industriale e quello del commercio raramente salgono fra le prime tre posizioni;  mentre positive, cioè più podi in proporzione alle partecipanti sono le aziende della Finanza, delle utilities, dei servizi e telecomunicazioni,  delle costruzioni e del turismo. Per ogni ulteriore informazione: info@opencorporation.org http://www.opencorporation.org https://twitter.com/CorporationOpen https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/ _______________ Scarica QUI il Comunicato in PDF con i grafici. Leggi QUI il comunicato in INGLESE.

Progetto europeo

Il settore dell’industria alimentare verso la strategia Europe 2020

Promuovere l’empowerment dei componenti del Comitato Aziendale Europeo di Conserve Italia

Il progetto, promosso da Flai-CGIL e dalla Fondazione Metes, ha l’obiettivo di dotare i soggetti coinvolti nei processi di informazione e consultazione transnazionale di conoscenze e competenze utili ad esercitare in maniera appropriata i diritti e i doveri derivanti dalla normativa europea sui Comitati Aziendali Europei e in tal modo favorire la piena attuazione della Strategia Europa 2020 nel settore dell’agroindustria.

Il progetto si rivolge sia ad esponenti dei lavoratori che dell’impresa facenti parte di CAE e mira a realizzare un’analisi dei fabbisogni formativi al fine di progettare un corso FAD di 40 ore, da realizzare tra marzo e giugno 2016.

Il progetto collezionerà una serie di buone pratiche ed esperienze positive nella gestione di Comitati Aziendali Europei appartenenti a diversi settori economici, promuovendo in tal modo un’analisi dei punti di forza e di debolezza degli stessi tesa a migliorarne l’azione nell’anticipazione e nella gestione dei cambiamenti. A tal fine sarà creato un forum di discussione online per la scambio di opinioni tra i partecipanti.

L’evento finale, a luglio 2015, si svolgerà a San Lazzaro di Savena (Bologna), nel quartier generale di Conserve Italia, e avrà l’obiettivo di condividere le principali sfide per il settore dell’agroindustria a livello europeo; il ruolo dei CAE e lo stato di attuazione della Direttiva europea in materia; l’identificazione dei punti di forza e di debolezza nella gestione dei CAE nel settore dell’agroindustria; la presentazione di buone pratiche in seno ai CAE di altri settori.

La Filcams-CGIL collabora al progetto al fine di favorire una cooperazione sindacale lungo tutta la filiera alimentare, dalla produzione fino alla distribuzione attraverso i canali del turismo e del commercio. Componenti CAE di aziende seguite dalla Filcams prenderanno parte alla Formazione A Distanza e all’evento finale, e condivideranno buone pratiche ed esperienze positive che li hanno visti coinvolti.

Roma 01-02-2016

La Filcams nazionale è promotrice e partner di un progetto europeo in tema di Aziende multinazionali e Comitati Aziendali Europei, co-finanziato dalla Commissione Europea. L’azione, dal titolo “ITEM – Promuovere i processi di partecipazione dei lavoratori a livello aziendale formando i principali attori che operano all’interno di multinazionali e/o ne gestiscono le relazioni industriali” vede la realizzazione di tre corsi di formazione sul livello nazionale destinati: il primo a funzionari che si occupano di multinazionali, il secondo a delegati sindacali di aziende multinazionali e il terzo a componenti CAE.
I tre corsi vogliono essere un modello sperimentale al fine dell’elaborazione di standard formativi replicabili sul territorio per gli attori coinvolti nelle relazioni industriali delle aziende multinazionali a diversi livelli, per permettere la diffusione di conoscenze e competenze utili a funzionari e delegati che intendano avviare la negoziazione per un CAE o ne sono parte, oltre a metterli nelle condizioni di rafforzare la cooperazione sindacale con quei paesi in cui operano le multinazionali dei propri settori, per una maggiore capacità di intervento sindacale nell’anticipazione e nella gestione dei cambiamenti.
In questo quadro, nei giorni 20-21-22 Gennaio 2016 si è tenuto il secondo dei percorsi formativi previsti, che ha visto coinvolti i delegati sindacali di aziende multinazionali, presenti sul territorio italiano. Hanno partecipato 13 delegati provenienti da McDonald’s Italia, Jungheinrich, Volkswagen Italia, H&M, Carrefour, Altran, Obi, Mondoffice, Bosch Rexroth, Alten, Ricoh, RS Components spa e Arval. Il corso ha fatto seguito ad un primo intervento formativo rivolto ai funzionari territoriali e nazionali che si occupano di multinazionali, tenutosi il 27-28-29 Ottobre scorso.
I risultati ed i riscontri ottenuti a conclusione dei primi due interventi hanno fatto emergere interesse, necessità e volontà di approfondimento: capire il contesto in cui si muovono le multinazionali, conoscere ed utilizzare strumenti di comunicazione 2.0 e possedere una “cassetta degli attrezzi” per agire al meglio la sindacalizzazione all’interno delle aziende transnazionali (TNC) sono risultati elementi essenziali al lavoro di un sindacalista.
A chiusura del ciclo di formazione-informazione è, dunque, previsto un terzo intervento dedicato ai componenti dei Comitati Aziendali Europei nei giorni 30-31 Marzo e 1 Aprile 2016, di cui a breve sarà inviata circolare apposita.

Vi invitiamo fin da ora ad informare i/le delegate/i CAE potenzialmente interessate/i comunicando la disponibilità a partecipare al corso di formazione all’indirizzo internazionale@filcams.cgil.it.

Per ulteriori informazioni, potete scrivere a Federica Cochi (federica.cochi@filcams.cgil.it).

Scheda Progetto ITA
Project outline ENG

Roma 26-01-2016

La Filcams nazionale è capofila di un nuovo progetto europeo in tema di Aziende multinazionali e Comitati Aziendali Europei. L’azione avrà la durata di due anni, da dicembre 2015 a dicembre 2017, e si avvale del co-finanziamento della Commissione Europea.

Il progetto, dal titolo: “OPEN EWC – rendere le multinazionali più trasparenti, inclusive ed accessibili al coinvolgimento dei lavoratori”, ha l’obiettivo di creare un Osservatorio per monitorare e misurare la condotta delle multinazionali in funzione dei livelli di trasparenza, finanziaria e politica, rispetto delle diversità e della dignità umana, tutela delle comunità locali e dei territori lungo cui si dirama la filiera di produzione e distribuzione, accessibilità, intesa sia come attenzione alle persone con disabilità che nell’accezione di accesso alle informazioni di interesse per i lavoratori. Il progetto stilerà una graduatoria di almeno 100 multinazionali, per poi introdurre meccanismi automatici di rilevazione dati che consentiranno all’Osservatorio di sopravvivere al di là del progetto e di prendere in esame ulteriori multinazionali. Il progetto offrirà spunti e sollecitazioni utili alla contrattazione, nazionale e sovranazionale, con l’obiettivo di promuovere migliori performance aziendali e migliori condizioni di lavoro per via negoziale e in tal modo contribuire allo sviluppo di un modello di produzione e consumo più sostenibile e responsabile.

Inoltre, nell’ottica che non si può pretendere trasparenza, inclusione ed accessibilità se prima non si è in grado di attuarle e praticarle all’interno delle organizzazioni sindacali e dei Comitati aziendali europei di cui siamo parte, il progetto consentirà di mettere in discussione e migliorare il nostro modo di agire, per essere realmente inclusivi e rispettosi dell’ambiente circostante.

Lunedì 18 e martedì 19 gennaio, alla presenza della Segretaria Generale Maria Grazia Gabrielli (di cui alleghiamo l’intervento), si è svolta la riunione di apertura, durante la quale è stato presentato il campione di multinazionali da prendere in esame e la metodologia per la raccolta delle informazioni, che coinvolgerà sia esponenti del management centrale e locale che rappresentanti dei lavoratori e componenti CAE.

Il comunicato della due-giorni è consultabile cliccando QUI.

Nel corso del progetto si chiederà la partecipazione di delegati Filcams che fanno parte di un CAE, funzionari che seguono imprese multinazionali e delegati di aziende multinazionali, sia che abbiano costituito il CAE sia che siano in procinto di farlo.

Si trasmette in allegato la scheda dettagliata del progetto.

Vi invitiamo fin da ora ad informare le/i dirigenti e delegate/i sindacali potenzialmente interessate/i comunicando la disponibilità a partecipare al progetto all’indirizzo internazionale@filcams.cgil.it.

Per ulteriori informazioni, potete scrivere a Stefania Radici (stefania.radici@filcams.cgil.it) e Federica Cochi (federica.cochi@filcams.cgil.it).

Comunica stampa ITA
Comunicato stampa ENG

Roma 19.01 2015

La Filcams partecipa a due nuovi Progetti su Aziende multinazionali e Comitati Aziendali Europei, la durata sarà di due anni, 2015-2016, è stato ottenuto il co-finanziamento della Commissione Europea.
Il primo: “To BE e EWC” ha l’obiettivo di rendere disponibili dei manuali sul ruolo di sindacalisti e delegati nelle diverse fasi del processo di negoziazione, costituzione e partecipazione nei CAE; il secondo: “ITEM” ha l’obiettivo di mettere a punto un modello di corso di formazione specificatamente rivolto a tre gruppi:

Entrambi i progetti svolgeranno indagini per avere il quadro delle conoscenze attuali e dei fabbisogni formativi; in entrambi i progetti si svolgeranno riunioni alla quali saranno invitati a partecipare delegati Filcams che fanno parte di un CAE, ma anche funzionari che seguono imprese multinazionali e delegati di aziende multinazionali, sia che abbiano costituito il CAE sia che siano in procinto di farlo.
A un primo gruppo di:

sarà chiesto di partecipare ai primi corsi di ITEM che serviranno a testare il “modello” del corso che potrà essere successivamente replicato all’intera platea degli interessati.
Prossimamente saranno disponibili on line le schede dettagliate dei progetti.
Vi invitiamo fin da ora a informare i/le dirigenti e delegati/e sindacali potenzialmente interessati comunicando la disponibilità a partecipare ai progetti all’indirizzo: internazionale@filcams.cgil.it

p. il Dipartimento Politiche Globali
Giuliana Mesina e Gabriele Guglielmi

Al 4° Congresso dii EFFAT é stato illustrato il Progetto Safe Host http://www.safehostfilcams.org/ ed è stata presentata la Campagna di comunicazione

EN (IT below/sotto)

Dear Colleagues,

As already announced in the email below, the kick off meeting of our project will take place in Rome on 15 January 2014, from 9.30 to 16.00.

Interpretation will be provided in English, Italian and Spanish.

Please find enclosed the invitation letter and the draft agenda. You will also find attached the enrolment form, that should be filled in and sent back to me by 10 January 2014 at the latest.
Further documents will follow in the near future.

***

IT

Cari colleghi,

come annunciato nella email in basso, la riunione di lancio del nostro progetto si terrà a Roma il 15 Gennaio 2014, dalle 9.30 alle 16.00.

Sarà disponibile un servizio di interpretariato in Inglese, Italiano e Spagnolo.

In allegato troverete la lettera di invito e la bozza di agenda dei lavori. Troverete, altresì, la scheda di registrazione, che deve essere compilata e reinviata a me entro e non oltre il 10 Gennaio 2014. Ulteriori documenti seguiranno nei prossimi giorni.

EN (IT below/sotto)

Dear partners,
we are pleased to inform you that our project "The development of the local site bargaining according to a territorial and corporate social responsibility: challenges for trade union" has been approved by the European Commission.

In the work programme we had planned the kick off meeting in December in Rome. However due to the time we have heard of the approval of the project and to the proximity of the holiday season, we have asked the European Commission to allow us to move the meeting to the 15th of January 2014. We kindly ask you to save that date. The meeting will take place in Rome, from 9.30 to 16.00. We will send you the invitation letter and the draft agenda in the near future.

Looking forward to cooperating with you on this project.

Best regards and best wishes,
Stefania Radici

***
IT

Cari partner,
abbiamo il piacere di informarvi che il nostro progetto "Lo sviluppo di una contrattazione di sito in ragione di una responsabilità territoriale e sociale d’impresa: sfide per il sindacato" è stato approvato dalla Commissione Europea.

Nel programma di lavoro avevamo previsto la riunione d’avvio a Dicembre a Roma. Tuttavia, considerando i tempi con cui abbiamo appreso dell’approvazione del progetto e la vicinanza delle festività di fine anno, abbiamo chiesto alla Commissione europea di consentirci di spostare la riunione al 15 Gennaio 2014. Vi chiediamo gentilmente di bloccare la vostra agenda. La riunione si terrà a Roma, dalle 9.30 alle 16.00. Vi invieremo la lettera di invito e la bozza di agenda nei prossimi giorni.

In attesa di cooperare con voi su questo progetto, vi inviamo cari saluti e i migliori auguri.
Stefania Radici

Ai compagni e alle compagne della Filcams nazionale e delle Filcams Regionali e Territoriali.

Cari compagni e care compagne,
vi inoltro la comunicazione che abbiamo inviato ai partner del progetto MuMMIA perché può essere un utile strumento IN-Formativo per delegati e funzionari che si occupano di aziende multinazionali..

Il progetto, che si è appena concluso, ha affrontato le problematiche sindacali della costituzione e gestione dei Comitati Aziendali Europei focalizzando le esperienze nelle imprese che, oltre ad essere multinazionali, coprono settori diversi tra loro; la Filcams si trova spessissimo in questa situazione in tutte quelle aziende che vendono merci, o erogano servizi, prodotti dal altri, si pensi ad es. al settore auto, all’informatica o ai servizi alle imprese.

Il documento allegato consente di accedere agilmente tramite link, oltre che al sito internet, direttamente ai documenti, alle presentazioni e ai filmati multilingue frutto di un anno di lavoro della Filcams e dei partner. Strumenti questi che consentono di dare continuità al progetto stesso e che sono già oggi un momento di aggregazione anche per i delegati CAE e per i funzionari Filcams che hanno a che fare con le imprese multinazionali.

Vi invito pertanto a trasmettere questa documentazione, oltre che ai funzionari del vostro territorio, ai Delegati CAE e/o di imprese multi-nazionali del vostro settore.

Un abbraccio.


Gabriele Guglielmi
Coordinatore delle Politiche Internazional
i

Ai Partner del Progetto MuMMIA
e.p.c.
Alla Commissione Europea
A tutti coloro che hanno partecipato ai lavori del progetto

Cari partner,
il progetto MuMMIA si è concluso; ringraziamo tutti voi, lo staff del progetto, i collaboratori interni ed esterni e tutti coloro che hanno partecipato ai nostri lavori con l’auspicio che quanto insieme abbiamo seminato produca nuovi frutti che ci portino a sviluppare nuove iniziative comuni.

Nell’augurarvi i migliori auguri di buone feste, speriamo in un 2014 di uscita dalla crisi e agiamo tutti insieme perché il nuovo Parlamento Europeo accolga le richieste dei lavoratori.

Cogliamo l’occasione per fornire a tutti noi questo agile manuale interattivo per una migliore utilizzazione e diffusione dei risultati del progetto.

Se vorrete inserirlo sul vostro sito, questo è il banner con il link al sito e il QR-Code:

INCLUDEPICTURE "http://mummia.filcams.it/wp-content/uploads/2012/10/Logo-Mummia-2013_oriz2.png" \* MERGEFORMATINET

Sul Canale YouTube MuMMIA.Project:

HYPERLINK "https://www.youtube.com/channel/UCs3fpJlrhDtNwdEL9VvS6Qw" https://www.youtube.com/channel/UCs3fpJlrhDtNwdEL9VvS6Qw

sono visibili e scaricabili in 4 lingue: EN, ES, FR, IT gli oltre 110 filmati di tutti gli interventi della Conferenza del Progetto.

Ad oggi, le presentazioni e le relazioni pubblicate su Slide Share, sono state viste oltre 1.300 volte:

http://www.slideshare.net/mummiaproject/presentations

Dal sito web: http://mummia.filcams.it/ (alla pagina Download)
o accedendo attraverso questo QR-code:
potete scaricare: i documenti finali del progetto, la brochure e l’agenda for action.

Il quadro completo, e costantemente implementato, di: filmati, documenti, presentazioni ecc. è alla pagina:

https://app.box.com/s/mhrqwt17zi1ds4zv1tsn

Un Abbraccio in solidarietà.
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici

Roma 17 dicembre 2013


EN
Please find enclosed the letter in English and Italian.
Best regards,
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici
FILCAMS CGIL Nazionale (The Italian Commerce, Tourism and Services Workers’ Federation)

***

IT
Trovate in allegato la lettera in Inglese e Italiano.
Cordiali Saluti,
Gabriele Guglielmi e Stefania Radici
FILCAMS CGIL Nazionale (Federazione Italiana Lavoratori/trici Commercio, Alberghi, Mense e Servizi)

Al Comitato Esecutivo di EFFAT del 5 e 6 dicembre é stato presentato il Progetto Safe Host http://www.safehostfilcams.org/

Il 20 novembre, a Bruxelles, si svolto l’ultimo incontro del progetto, in tale occasione è stato presentato il percorso di InFormazione per gli adetti del settore turistico.

Il 18 ottobre 2013 a Vilnius, il progetto Safe Host è stato inserito nell’agenda dei lavori e, per conto dell’EFFAT, é stato presentato da Stefania Radici della Filcams.

Le relazioni e le comunicazioni presentate al Forum
http://www.ukmin.lt/web/lt/turizmas/tur_renginiai/12_pranesimai

Il filmato con la presentazione di Stefania
http://youtu.be/iaW0Z_1eAo0

Bruxelles, 7 ottobre 2013

Si è svolta oggi, a Bruxelles, la riunione del dialogo sociale europeo del settore della ristorazione collettiva alla presenza della Commissione europea e dei rappresentanti delle organizzazioni sindacali e datoriali del settore, a livello europeo (EFFAT e FoodServiceEurope, già FERCO) e nazionale (Italia, Spagna, Francia, Austria, Finlandia, Ungheria e Belgio).

Durante la riunione, i compagni spagnoli di UGT, hanno presentato un progetto europeo che vede la FILCAMS co-promotrice: si tratta del progetto DOTEC, un’iniziativa nata per promuovere le esperienze positive e le buone pratiche di contrattazione e dialogo sociale nel settore della ristorazione collettiva e del turismo, nonché convergere su proposte concrete da sottoporre alla controparte datoriale e alle istituzioni nazionali ed europee affinché il lavoro torni ad essere al centro di ogni politica di sviluppo e la contrattazione, lungi dall’essere un privilegio del passato, sia lo strumento attraverso cui si stabiliscono le condizioni di lavoro, i diritti e le tutele di tutti i lavoratori e le lavoratrici, senza esclusioni né deroghe. Sia in Spagna che in Italia la contrattazione collettiva è oggetto di attacchi feroci. In Spagna secondo la riforma del lavoro targata Rajoy, se le negoziazioni per il rinnovo di un contratto collettivo in scadenza non si concludono entro un anno, quel contratto decade con la conseguente cancellazione delle sue previsioni economiche e normative e il ritorno agli standard minimi previsti dalla legge.

La riunione di oggi è stata anche l’occasione per confrontarsi sulle politiche di responsabilità sociale d’impresa e per condividere quanto è stato fatto in tema di eguaglianza di genere nei singoli paesi attraverso il dialogo tra le parti sociali, nonché quanto si può ancora fare attraverso questo strumento, ad es. in tema di salute e sicurezza.

A cura di Stefania Radici

Durante la Conferenza del Progetto Europeo PRAXIS durante la quale sono state messe a confronto le esperienze di 4 Paesi: Grecia, Francia, Italia e Romania in merito all’applicazione della Direttiva 2002/14 su Informazione e Consultazione; Gabriele Guglielmi ha portato i saluti: del Segretariato Europa della CGIL e della Filcams; l’Avv.Giorgio Verrecchia ha illustrato la situazione italiana nella sua evoluzione.

Ulteriori informazioni possono essere scaricate dal sito internet del Progetto PRAXIS.

In allegato il programma del Seminario e della Conferenza conclusiva, il documento presentato dalla CGIL (Giulia Barbucci), alcune foto della Conferenza; il filmato in due parti (prima parte seconda parte) dell’intervento di Giorgio Verrecchia; e la testimonianza di solidarietà nei confronti delle lavoratrici della Catena di negozi FOKAS in lotta per salvaguardare i posti di lavoro.


Gabriele Guglielmi presenta lo stato di avanzamento del progetto Safe Host

Il Link al sito del progetto Safe Host

Il Comitato del Settore Turismo di EFFAT che si é tenuto a Bruxelles il 5 giungo 2013, ha messo in agenda il progetto Safe Host che é stato presentato da Gabriele Guglielmi e Stefania Radici; il progetto continua a riscuotere successo e apprezzamenti dagli affiliati di EFFAT; il prossimo Comitato di Pilotaggio del Progetto è confermato 16 ottobre a Vilnius dove dal giorno dopo si terrà il 12° Forum Europeo del Turismo; come é stata confermata la Conferenza del 20 novembre di lancio del progetto che si terrà a Bruxelles per consentire la puù ampia partecipazione delle Istituzioni, delle Federazioni Sindacali e delle Associazioni imprenditoriali Europee. Maggiori informazioni e aggiornamenti su: http://safehost.filcams.it/

L’intervento di Stefania Radici (video)

Il 5 Giugno 2013 a Bruxelles si é riunito per l’ultima volta il comitato di pilotaggio del Progetto:

Mu.M.M.I.A.

Multisectoral Multinationals Managing Information & Consultation Agreements.

Questo ultimo Comitato aveva anche il compito di fare una valutazione su quanto fatto e su quali obiettivi sono stati raggiunti; aveva altresì il compito di proporre possibili ulteriori approfondimenti e percorsi utili a raggiungere l’obiettivo di: facilitare la costruzione di organi di informazione, consultazione e negoziare accordi in imprese multinazionali aventi la caratteristica della pluri-settorialità. Oltre ai rappresentanti dei partner e alle ospiti di UNI Europa: Birte Dedden e Anna Harvey hanno partecipato:Aline Hoffmann e Romuald-Jagodzinski di ETUI

Il progetto ha l’obiettivo di indicare strumenti per rendere più agevole la comunicazione fra partner sindacali impegnati in settori economici diversi tra loro; e di facilitare l’esercizio di informazione, consultazione e contrattazione in imprese che, oltre ad essere multinazionali, sono anche multi-settoriali.

Iniziato il 20 settembre 2012 con il meeting di avvio che si è tenuto a Bruxelles, nei tre mesi successivi il Progetto si è sviluppato con 5 workshop nazionali: Italia, Belgio, Spagna, Turchia e Francia; i partecipanti sono stati oltre 100, 30 le aziende coinvolte, 4 le lingue dei questionari distribuiti, una cinquantina quelli raccolti.

Alla Conferenza del 17 e 18 maggio a Firenze i partecipanti sono stati 88; gli oltre 30 interventi presentati sono pubblicati sul sito del progetto http://mummia.filcams.it

Il Comitato di Pilotaggio ha indicato quali azioni completare entro la data finale del Progetto (19 settembre 2013) e quali percorsi intraprendere per dare continuità di ricerca su un tema, quello della multi-settorialità di tante imprese multinazionali e delle conseguenti relazioni industriali che coinvolgono partner sindacali operanti su più settori, che ha destato interesse sempre maggiore fra i partner sindacali e negli istituti di ricerca.

La Patnership di MuMMIA

Capofila FILCAMS-CGIL ITALY
PARTNER LBC-NVK
FSC-CCOO
CHTJ-UGT
FGA-CFDT
KOOP-IS
CGIL-Lombardia
IRES CGIL Emilia-Romagna
National TU – BELGIUM
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – FRANCE
National TU – TURKEY
Local TU – ITALY
Research Institute – ITALY
SUPPORTER ETUC
EFFAT
UNI-Europa
EMF
FECOHT-CCOO
COMFIA-CCOO
CTUC
FIOM-CGIL
Filcams CGIL-Piemonte
European TU Confederation
European TU Federation
European TU Federation
European TU Federation
National TU – SPAIN
National TU – SPAIN
National TU – CROATIA
National TU – ITALY
Local TU – ITALY

Dal 29 al 30 maggio 2013 a Ginevra il Comitato Esecutivo di IUF-UITA, ha adottato l’aggiornamento del documento sulla "policy" della UITA nel turismo; tale documento implementa anche le iniziative di natura sindacale nella lotta allo sfruttamento sessuale dei minori nel turismo e, in particolare, fornisce agli affiliati un modello di Accordo collettivo da sottoscrivere nei singoli alberghi; questo documento fa già parte delle buone prassi da diffondere anche con il progetto Safe Host ed è scaricabile nelle diverse lingue, compresa la lingua italiana, all’indirizzo:

http://safehost.filcams.it?p=263

In allegato il programma del seminario: Lotta contro lo sfruttamento sessuale dei minori nelle filiere turistiche, che si é tenuto il 28 maggio 2013 all’interno di IT.A.Cà Festival del turismo responsabile http://www.festivalitaca.net/
Il seminario ha rappresentato anche una tappa nella disseminazione del Progetto Safe Host http://safehost.filcams.it/

L’evento, che ha avuto quale moderatrice la giornalista Daniela Campora, e’ iniziato con il saluto del Prof. Giovanni Pieretti il quale ha descritto varie forme di derive sociali.
L’affermazione: "la vita non e’ più sufficiente alla vita" delinea le varie forme di dipendenza, non solo da droghe, ma anche quelle riconducibili al turismo sessuale quando si manifesta nelle sue forme peggiori; é un fenomeno in preoccupante aumento e che ha risvolti di tipo economico, specie per i profitti legati a traffici illeciti e malavitosi, ma che trovano fertile terreno nella logica del capitalismo liberista e "tollerante" verso un mercato stimato in tre milioni di viaggiatori che fanno turismo a scopo sessuale.
Si allegano le relazioni di:
Gabriele Guglielmi, Coordinatore Politiche Globali Filcams CGIL, http://www.slideshare.net/gabrieleguglielmi57/2013-05-28-safe-host-it-acabolognaguglielmiita?utm_source=slideshow02&utm_medium=ssemail&utm_campaign=share_slideshow_loggedout
e Manuel Finelli, Consulente internazionale per la tutela dei minori

E’ in programma il 18 e 19 maggio a Firenze la conferenza del progetto Safe Host, http://safehost.filcams.it/
In allegato il programma della conferenza

2013 05 18 Conferenza MuMMIA_Firenze_partecipanti.jpg2013 05 18 Conferenza MuMMIA_Firenze_partecipanti.jpg

http://mummia.filcams.it/