Category Archives: INTERNAZIONALE

open corporation ranking 2017

200 multinational companies observed and compared on: transparency, accessibility of information, union and civil rights, social, environmental and financial responsibility,

#OpenCorporationRanking 

Launch press conference November 16th 2017

ITUH, International Auditorium, Boulevard Roi Albert II, 5 – Bruxelles

http://opencorporation.org/en/

200 multinational companies observed and compared on: transparency, accessibility of information, union and civil rights, social, environmental and financial responsibility,

Preview of thematic rankings 

Ambiente/Environment

Joint first: Philips and UniCredit.

On the podium: Salini Impregilo and Accor .

In the top 10 positions: Assicurazioni Generali, Philip Morris International, Industria de Diseño Textil (Inditex-Zara), Pirelli, Air France-KLM, Rentokil Initial, Alphabet Inc., Adecco Group, Autogrill.

Accessibilità/Accessibility 

Air France-KLM “almost” perfect. “Almost” because even though the company ranks first in accessbility, it still suffers from structural limitations regarding web access to company sites.

Excellent performance by Unicredit. Enel on the podium as well.

Ample improvement margins #ForAll, even for those in the Top Ten:

Rentokil, CBC Television, EY, Accor, General Electric Company, Adecco Group, Philip Morris International

Diversità/Diversity

First place for Philip Morris, on the podium Enel and Pirelli as well.

In the Top Ten: Adecco Group, UniCredit, Air France-KLM, Rentokil Initial, Accor, Assicurazioni Generali, Autogrill, Telefónica.

From what sectors? Four from services, three from the food/hotels/restaurants sectors, three from manufacturing, one from transports.

From which countries? Three are Italian, two are French; Switzerland, United Kingdom and Spain are present as well.

Finanza/Finance

More impressive than Unicredit in first place and Assicurazioni Generali in third place, finance is their job after all, is the second place by Salini (Salini Impregilo ranked second in the Ambiente/ Environment ranking)

 

Danish Crown AmbA appears in the top 10 as well:

1          UniCredit S.p.A.

2          Salini Impregilo Spa

3          Assicurazioni Generali (Generali Group SpA)

4          Rentokil Initial plc

5          Accor S.A

6          Autogrill S.p.A

6          Philips – Koninklijke Philips N.V.

7          Danish Crown AmbA

7          ENEL S.p.A.

8          Adecco Group

9          Industria de Diseño Textil S.A.

10        Philip Morris International Inc.

 

RSI/CSR

16 companies for 10 positions.

Norsk Hydro ASA ranks first, and leads the numerous group of companies producing power.

Credit, insurance and services companies are the majority; many companies also from the HORECA sector: Autogrill (5), Sodexo (10) and  Accor (8).

Big commerce and manufacturing companies are present as well, but none from the electronics sector.

 

1          Norsk Hydro ASA

2          Assicurazioni Generali (Generali Group SpA)

3          ENEL S.p.A.

3          Pirelli & C. SpA

4          Air France-KLM S.A.

4          Schneider Electric SE

5          Autogrill S.p.A

5          UniCredit S.p.A.

6          Adecco Group

7          Industria de Diseño Textil S.A.

8          Accor S.A

8          Solvay S.A

8          Telefónica, S.A.

9          Danske Bank A/S

10        Bank of America Corporation

10        Sodexo S.A.

 

Two Korean companies would have ranked in 11th place. But can there be CSR in a country classified in the red band of the “The 2017 ITUC Global Rights   Index”? http://survey.ituc-csi.org

Italian version HERE

Press release PDF 

 

Website: http://www.opencorporation.org/en/

Facebook: https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

Twitter: https://twitter.com/CorporationOpen

open corporation ranking 2017

200 aziende multinazionali in osservazione e in comparazione tra loro anche su: trasparenza, accessibilità dei dati, diritti sindacali e civili, responsabilità sociale, ambientale e finanziaria.

#OpenCorporationRanking 

Launch press conference November 16th 2017

ITUH, International Auditorium, Boulevard Roi Albert II, 5 – a Bruxelles

http://opencorporation.org/en/

 

Anticipazioni sulle classifiche tematiche:

 

Ambiente/ Environment 

Prima posizione a pari merito: Philips e UniCredit.

Sul podio:  Salini Impregilo e Accor .

Nelle prime 10 posizioni: Assicurazioni Generali, Philip Morris International, Industria de Diseño Textil (Inditex-Zara), Pirelli, Air France-KLM, Rentokil Initial, Alphabet Inc., Adecco Group, Autogrill.

Accessibilità/Accessibility 

Air France-KLM “quasi” perfetta, “quasi” perché anche per l’azienda che si posiziona al primo posto sui temi dell’accessibilità pesa il limite strutturale della accessibilità WEB dei portali aziendali.

Benissimo Unicredit. Sul podio anche Enel.

Ampi margini di miglioramento #ForAll anche per chi si posiziona nelle Top Ten: Rentokil, CBC Television, EY, Accor, General Electric Company, Adecco Group, Philip Morris International

Diversità/Diversity

Prima posizione per Philip Morris, sul  podio anche Enel e Pirelli.

Nelle Top Ten: Adecco Group, UniCredit, Air France-KLM, Rentokil Initial, Accor, Assicurazioni Generali, Autogrill, Telefónica.

Di quali settori? Quattro dei servizi, tre della filiera agro-industriale/accoglienza/ristorazione, tre dell’industria, una dei trasporti.

Di quali Paesi? Tre italiane, due francesi; presenti anche Svizzera, Regno Unito e Spagna.

Finanza/Finance

Più che il primo posto di Unicredit e il terzo di assicurazioni generali, del resto la finanza é il mestiere loro; è il secondo posto di Salini che svetta (Salini Impregilo è in seconda posizione anche sul versante Ambiente/ Environment )

Nelle top ten fa capolino Danish Crown AmbA.

1          UniCredit S.p.A.

2          Salini Impregilo Spa

3          Assicurazioni Generali (Generali Group SpA)

4          Rentokil Initial plc

5          Accor S.A

6          Autogrill S.p.A

6          Philips – Koninklijke Philips N.V.

7          Danish Crown AmbA

7          ENEL S.p.A.

8          Adecco Group

9          Industria de Diseño Textil S.A.

10        Philip Morris International Inc.

 

RSI/CSR

16 aziende per 10 posizioni

Norsk Hydro ASA prima, che guida il numeroso drappello delle aziende produttrici di elettricità.

Le aziende di: credito, assicurazioni e servizi sono in maggioranza; numerose anche quelle del settore HORECA: da Autogrill (5) a Sodexo (10) passando per Accor (8).

Anche grandi aziende di industria e commercio ma non di quello elettronico.

1          Norsk Hydro ASA

2          Assicurazioni Generali (Generali Group SpA)

3          ENEL S.p.A.

3          Pirelli & C. SpA

4          Air France-KLM S.A.

4          Schneider Electric SE

5          Autogrill S.p.A

5          UniCredit S.p.A.

6          Adecco Group

7          Industria de Diseño Textil S.A.

8          Accor S.A

8          Solvay S.A

8          Telefónica, S.A.

9          Danske Bank A/S

10        Bank of America Corporation

10        Sodexo S.A.

 

All’undicesima posizione avremmo trovato due aziende coreane. Ma ci può essere CSR in un paese che ha il bollino rosso del “The 2017 ITUC Global Rights   Index”? http://survey.ituc-csi.org

Leggi QUI il Comunicato in Inglese

Scarica il comunicato in PDF

 

Website: http://www.opencorporation.org/

Facebook: https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

Twitter: https://twitter.com/CorporationOpen

 

open corporation ranking 2017

Presso Conference Open Corporation Ranking at 12.00h

in ITUH, International Auditorium, Boulevard Roi Albert II n. 5

http://opencorporation.org/it/

200 multinational companies under observation: from Adecco to Ryanair and Volkswagen, Autogrill, Amazon and Enel; European, South American and Asian companies being compared on: transparency, accessibility of data, civil and union rights, social, environmental and financial responsibility.

The information regarding every single company will be publicly available from November 16th, including financial and social balances, global and EWC agreements, awards and complaints, data gathered and assessment.

http://opencorporation.org/en/

http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation 

(a test version will be available until November 16th)

Aligns and compares companies, measuring their behavior within a sector and country.

Italian Version 

open corporation ranking 2017

Conferenza stampa alle ore 12.00

Open Corporation Ranking

presso ITUH, International Auditorium, Boulevard Roi Albert II n. 5

http://opencorporation.org/it/

200 aziende multinazionali in osservazione: da Adecco  a Ryanair passando  per Volkswagen, Autogrill, Amazon ed Enel; aziende europee  ma anche americane e asiatiche in comparazione tra loro su: trasparenza, accessibilità dei dati, diritti sindacali e civili, responsabilità sociale, ambientale e finanziaria.

Dal 16 novembre saranno pubblicamente consultabili, la  scheda di ogni singola azienda con, bilanci finanziari e sociali, accordi CAE (Comitati Aziendali Europei) e globali, riconoscimenti, premi e reclami, schede di rilevazione e valutazione.

#OpenCorporationRanking

http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation

(fino al 16 novembre qui è pubblicata la versione test)

mette in fila e compara le aziende, ne misura i comportamenti nel settore e nel Paese.

Leggi il comunicato in inglese

 

opencorporation

The Transparency Index[1] 2017 is available on http://opencorporation.org/en/ .

The list includes 20 more companies than the previous one; multinational companies observed are 200, and all are running for the #OpenCorporationRanking

the trade union ranking that will be presented in Brussels the 16th of November.

Transparency is the precondition for gaining positions in the Open Corporation Ranking, the main aim of this project (see test version published last April, limited to 100 companies http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation ).

The Transparency Index we release today does not represent the behavior of multinational companies, but their degree of “openness” based on amount of “available” data.

Here are some of the effects of the introduction of twenty multinational companies.

Presse release

Read in Italian

opencorporation

Sulla piattaforma http://opencorporation.org/ è disponibile l’indice di Trasparenza 2017 delle Multinazionali.

Dalla precedente pubblicazione, l’elenco è stato ampliato ad ulteriori 20 imprese; le aziende multinazionali in osservatorio sono 200, tutte in corsa per l’ Open Corporation Ranking
il ranking sindacale che sarà presentato a Bruxelles il 16 novembre.

La trasparenza è la precondizione per poter scalare il Ranking Open Corporation, obiettivo principale del progetto (si veda la versione test, pubblicata lo scorso Aprile, limitata a un campione di 100 aziende http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation).
L’indice di trasparenza pubblicato oggi, non rappresenta il comportamento delle Multinazionali ma quanto le stesse aziende risultino “open” per la quantità di dati pubblicati e quindi “accessibili”.

Leggi il comunicato integrale

Leggi il comunicato in inglese

opencorporation

An additional twenty companies were added, representing around two million workers. The observatory has reached the objective of monitoring 200 multinational companies, employing 26.5 million workers. We’ll publish a transparency ranking on Thursdsay September 21st , where will the new entries position themselves?

http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza

 

The #OpenCorporationRanking concerning the 200 companies will be presented publicly in Brussels on November 16th, and will allow comparisons at a country and sector level.

twenty companies

opencorporation

Si aggiungono altre venti aziende che rappresentano circa due milioni di occupati.

L’osservatorio ha raggiunto l’obiettivo delle 200 aziende multinazionali monitorate, 26 milioni e mezzo di occupati. Giovedì 21 settembre sarà pubblicata la classifica di trasparenza, dove si collocheranno i nuovi ingressi?

http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza

Il 16 novembre a Bruxelles sarà reso pubblico l’ #OpenCorporationRanking relativo alle 200 aziende, e che consentirà confronti anche a livello paese e settore.

Visualizza la lista delle nuove aziende

opencorporation

The transparency index of multinational companies updated to September 1st 2017 has been released

The updated version of the transparency index of multinational companies is available at http://opencorporation.org/en/ with the addition of 40 companies; currently, the observed companies amount to 180, by mid September this number will increase to 200, and they will all be running for the #OpenCorporationRanking, the trade union ranking that will presented in Brussels on November 16th.

The transparency index is operationally based on two indicators:

1)     Web transparency index (http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza#!web-transparency-index )  showing the degree of online availability of essential information which may allow to determine the transparency in terms of information of a company;

2)    Social Reporting Transparency Index (http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza#!social-reporting-index ) measuring a set of available information through consultation of various forms of social accounting the company has, or doesn’t have in place.

 The interaction between these two indicators results in the Transparency index: http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza#!transparency-index

 Transparency is a precondition for reaching a higher position in this trade union ranking, the main objective of the project (see test version, released in April, and limited to a group of 100 companies http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation ).

The transparency index, which we release today to the public, is not intended to represent the behavior of multinational companies, but instead is aimed at measuring the degree of “openness” of a company based on the amount of available data, and therefore its “accessibility”.

Here are the results of including an additional forty multinational companies.

Transparency index: the new ranking confirms the first positions of Schneider Electric S.E, ENEL S.p.A., Fiat Chrysler Automobiles N.V., Kering S.A., and Danish Crown Amba, followed by ENI Spa. Among the new entries, it is worth noting Henkel AG & Company, which places itself in 8th position, together with Airbus Group SE and Carrefour S.A., already previously included in the ranking.

Regarding the Web Transparency Index, the Henkel AG & Company places itself 3rd, reaching Volkswagen AG. United Parcel Service (UPS) and Danish Crown Amba maintain the first positions. Among the new entries, a highlight is the good positioning of Petróleo Brasileiro S.A. — Petrobras which places itself side by side with American Express Company and Air France-KLM S.A.

The transparency index referring to “social accounting” (Social Reporting Transparency Index) sees the first positions maintained by Henkel AG & Company and Halliburton. When comparing sectors, it is confirmed that companies operating in the so called “Gig economy” are the least transparent even though they base their added value on accessibility of information.

European multinational companies are more transparent overall, but asymmetrically depending on the country and sector of origin.

For additional information: info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org/en/
https://twitter.com/CorporationOpen
https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

 

 

 

opencorporation

Esce la versione aggiornata al primo settembre 2017 dell’indice di trasparenza delle imprese multinazionali

Sulla piattaforma Open Corporation è disponibile l’aggiornamento al primo settembre 2017 dell’indice di Trasparenza delle Multinazionali ampliato ad ulteriori 40 imprese; oggi le imprese in osservatorio sono 180, a metà di settembre saranno 200 e saranno tutte in corsa per l’ #OpenCorporationRanking, il ranking sindacale che sarà presentato a  Bruxelles il 16 novembre.

L’indice di  trasparenza delle Multinazionali è costruito operativamente su due indicatori:

1)     Web Transparency Index (http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza#!web-transparency-index)  che testimonia il grado di reperibilità “on line” delle informazioni essenziali che consentono di determinare la trasparenza informativa di un’impresa;

2)     Social Reporting Transparency Index (http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza#!social-reporting-index ), che misura un set di informazioni reperibili attraverso la consultazione delle diverse forme di rendicontazione sociale di cui l’impresa si é, o non si é, dotata.

La sintesi dei due indicatori fornisce il Transparency-index:

http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza#!transparency-index

La trasparenza è la precondizione per poter scalare il ranking sindacale, obiettivo principale del progetto (si veda la versione test, pubblicata lo scorso Aprile, limitata a un campione di 100 aziende http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation).

L’indice di trasparenza, che rendiamo pubblico oggi, non intende rappresentare il comportamento delle Multinazionali ma quanto le stesse aziende  risultino “open” per la quantità di dati pubblicati e quindi “accessibili”.

Ecco cosa ha comportato l’ingresso delle ulteriori quaranta  Multinazionali.

Indice di trasparenza (Transparency-index): la nuova classifica conferma le prime posizioni di Schneider Electric S.E, ENEL S.p.A., Fiat Chrysler Automobiles N.V., Kering S.A.,e Danish Crown Amba seguita immediatamente da ENI Spa). Tra le nuove entrate si distingue Henkel AG & Company che si posiziona in 8° posizione insieme a Airbus Group SE e Carrefour S.A., già inserite nelle precedenti graduatorie.

La Trasparenza riferita al “web”  (Web Transparency Index)  vede l’ingresso in 3° posizione di Henkel AG & Company che raggiunge Volkswagen AG. Si confermano alle prime posizioni United Parcel Service (UPS) e Danish Crown Amba. Tra i nuovi ingressi si segnala il buon posizionamento di Petróleo Brasileiro S.A. — Petrobras che  affianca American Express Company e Air France-KLM S.A.

La trasparenza riferita alla “rendicontazione sociale (Social Reporting Transparency Index) conferma  nelle prime posizioni ENEL Spa ed EDF e tra le new entry Henkel AG & Company e Halliburton.

In una comparazione settoriale si conferma come le imprese della cosiddetta “Gig Economy risultino le meno trasparenti nonostante costruiscano il proprio valore aggiunto sulla accessibilità delle informazioni.

Le multinazionali europee risultano complessivamente più trasparenti ma con livelli asimmetrici sia riferiti al Paese che al “settore” di appartenenza.

Per ogni ulteriore informazione: info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org
https://twitter.com/CorporationOpen
https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

 

opencorporation

Here are the 40 companies that will join the other 140 already included in the #OpenCorporationRanking

http://opencorporation.org/en/

The new 40 companies

Half are European; equally divided among the industrial and services sectors: public, private and operating through digital platforms. These 40 companies employ around 3.250.000 workers; the total workers employed by the observed companies now reaches 24.700.000.

 

For any further information:
info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

Press release in italian

opencorporation

Ecco le 40 aziende che si aggiungono alle 140 già inserite nel #OpenCorporationRanking

http://opencorporation.org/en/

La metà sono europee; equamente divise fra settori industriali e dei servizi: pubblici, privati ed esercitati tramite piattaforme digitali. Queste 40 aziende occupano circa 3 milioni 250 mila dipendenti; ad oggi la platea complessiva degli occupati nelle 180 imprese multinazionali in osservatorio sale a 24 milioni e settecentomila.

Scopri le nuove 40 aziende inserite nella classifica sulla trasparenza delle imprese multinazionali

Per ogni ulteriore informazione: info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

Leggi il comunicato in inglese

opencorporation

# OpenCoprporationRanking, The new updated version on transparency of multinational companies is out, here is the top five: #Schneider Electric S.E #ENEL S.p.A. #Fiat Chrysler Automobiles N.V. #Kering S.A.

The OpenCorporation  project (http://opencorporation.org/en/  )  has just launched its new ranking on multinational companies’ transparency, enlarging its scope from 100 to 140 observed companies, with the aim of reaching 200 by mid September.

Transparency of multinational companies is operationally based on two indicators:

1)      Web transparency index, meaning the availability of online information considered by the projects’ partners to be key to determine transparency of information in a company;

2)     Social Reporting Transparency Index, or the availability of a specific set of information obtainable by consulting the companies’ social accounting.

Transparency is  a precondition to obtain an improved position in the trade union ranking, which is the main objective of the OpenCorporation (http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation) that will be presented the 16th of November in Brussels and will concern a total of 200multinational companies.

The inclusion of an additional 40 multinational companies  (http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza ) has modified the previous ranking and strengthened some interpretation modalities. Regarding general transparency, the new ranking confirms the first positions to Schneider Electric S.E, ENEL S.p.A., Fiat Chrysler Automobiles N.V. and Kering S.A., and witnesses the entrance in the top five by Danish Crown Amba immediately followed by ENI Spa (with scores always above 50).

The new web transparency ranking has witnessed a large number of new entries in the top five, in particular we’d like to highlight the position of United Parcel Service (UPS), American Express Company, Air France-KLM S.A., Heineken N.V. and Barclays PLC, while the first positions are held by Volkswagen AG and Schneider Electric S.E, and the Italian ENI Spa e Autogrill Spa.

Transparency is tied to social accounting

(http://opencorporation.org/en/indice-trasparenza)  doesn’t report any important change in the first positions, and confirms  ENEL Spa and EDF as the highest ranked.

In a sector comparison, transparency is at its highest in production and energy distribution, fashion and finance (with indicators close to 50) while it is at its minimum in activities tied to the so called #gig_economy (scores below 30).

A comparison by country shows how multinational companies with its HQ in the EU (average score 40) are more transparent of their competitors from the U.S.A (average score 35) and Asian (average score 31). In the EU, Danish and Italian companies are the most transparent, the least transparent ones are the German companies.

The comparison between two different transparency indicators confirms that, even on a wider sample, companies on the web tend to show a set of information that is homogeneous in terms of volume and quality. While transparency based on social reporting is inevitably more heterogeneous due to different modalities of social accounting, and therefore the comparison is not homogeneous.

For any further information: info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

_______________

Download HERE pdf opencorporationranking press release

Read this communication in ITALIAN - HERE

 

opencorporation

E’ uscita la versione aggiornata sulla “trasparenza” delle imprese multinazionali, # OpenCorporationRanking;  nella top five troviamo Schneider Electric S.E, ENEL S.p.A., Fiat Chrysler Automobiles N.V., Kering S.A.

Il progetto OpenCorporation  (http://opencorporation.org/it/ )  lancia la nuova classifica sulla trasparenza delle Multinazionali allargando il proprio sguardo da 100 a 140 imprese osservate e con l’obiettivo di arrivare a 200 entro la metà di settembre.

La trasparenza delle Multinazionali è costruita operativamente su due indicatori:

1)      Web Transparency Index, ovvero il grado di reperibilità on line di alcune informazioni che la partnership di progetto ha ritenuto essere essenziale per determinare la trasparenza informativa di un’impresa;

2)     Social Reporting Transparency Index ovvero la reperibilità di un determinato set di informazioni attraverso la consultazione delle diverse forme di rendicontazione sociale di cui le stesse imprese si sono dotate.

La trasparenza è la precondizione per poter scalare il ranking sindacale, obiettivo principale del progetto OpenCorporation (http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation ) che  sarà presentato il 16 Novembre a Bruxelles su un totale di 200 Multinazionali.

L’ingresso di ulteriori 40 Multinazionali (http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza)  ha modificato la classifica precedente e ha rafforzato alcune linee interpretative. Rispetto alla trasparenza generale, la nuova classifica conferma le prime posizioni di Schneider Electric S.E, ENEL S.p.A., Fiat Chrysler Automobiles N.V. e Kering S.A. e vede l’ingresso tra le top five di  Danish Crown Amba seguita immediatamente da ENI Spa (sempre con punteggi superiori a 50).

La classifica sulla trasparenza web vede un numero predominante di new entry nelle top five ed in particolare si segnala la posizione di United Parcel Service (UPS), American Express Company, Air France-KLM S.A., Heineken N.V. e Barclays PLC e la conferma ai primi posti di Volkswagen AG e Schneider Electric S.E e delle italiane ENI Spa e Autogrill Spa. La trasparenza legata alla rendicontazione sociale (http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza)  non riporta cambiamenti importanti nelle prime posizioni con la conferma di ENEL Spa ed EDF nelle prime posizioni.

In una comparazione per settore, la trasparenza è massima nella produzione e distribuzione di energia, nella moda e nella finanza (con indicatori prossimi a 50) mentre è minima in quelle attività riconducibili alla #gig_economy (con punteggi al di sotto di 30).

Un confronto per Paese mostra come le Multinazionali con sede in EU (con un valore medio di circa 40) siano più trasparenti delle concorrenti statunitensi (punteggio medio di 35) e asiatiche (punteggio medio di 31). In EU sono più trasparenti le Multinazionali danesi ed italiane e meno trasparenti quelle tedesche.

Il raffronto tra i due diversi indicatori di trasparenza conferma, anche su una campione più ampio, come sul web le Multinazionali tendano, sostanzialmente, a mostrarsi utilizzando un set di informazioni omogeneo nel volume e nella qualità. Diversamente, la trasparenza attraverso il social reporting sconta, inevitabilmente, l’eterogeneità dei percorsi di rendicontazione sociale, rendendo il confronto alquanto disomogeneo.

Per ogni ulteriore informazione: info@opencorporation.org

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

____________

Scarica QUI il Comunicato in PDF

Leggi QUI il comunicato in INGLESE

opencorporation

http://opencorporation.org/en/   has entered its final phase. During the course of the next weeks, 100 companies will receive the invitation to participate to the #OpenCorporationRanking è which will be published on November 16 2017.

Here is what the ranking looks like as of today:  http://opencorporation.org/en/

100 multinational corporations are being observed, in alphabetical order from ABB Ltd. to Volkswagen AG. The following data is available:

-         Financial and social balance

-         EWC agreements

-         Data collection sheets precompiled by the staff

http://opencorporation.org/en/documenti

Other rankings on different aspects are available concerning the first 100 companies currently included in the test phase:

http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation

Seven rankings on specific aspects:

Social Responsability http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!social-responsibility

Social Dialogue http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!social-dialogue

Working Conditions http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!working-conditions

Finance http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!finance           

Diversity http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!diversity        

Accessibility for disabled people http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!accessibility-for-the-disabled

Environment http://opencorporation.org/en/ranking-opencorporation#!environment

In addition to three Transparency indexeshttp://opencorporation.org/en/indice-trasparenza 

Each of these rankings is publicly available. Users may access and download them, and sort them out by position or score, alphabetical order or country of origin. ( N.A.C.E classification http://bit.ly/2v7n9II )

Out of 100 multinational companies being observed, we have selected the first three (podium) out of each of the eleven published rankings.

This initial sample is composed primarily by European TNCs (transnational companies) amounting to roughly two-thirds of the sample. It is interesting to note that no Asian companies are on the podium, and only a very little amount of American ones:

Region                        Tot                  Podium %

UE                   66                   94

Americas        26                      6

ASIA               8                       0

In the three transparency rankings: web transparency, transparency of social balance, synthesis of the two previous rankings, at least six companies make it to the podium

TNC Transparency                            Events

ENEL S.p.A.                                      2

Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2

Schneider Electric S.E                     2

Adecco Group                                               1

Autogrill Spa                                     1

Kering S.A.                                        1

Tot                                                     9

While at least thirteen companies make it to the podium in one of the eleven general rankings: #Adecco #Allianz_SE #Assicurazioni_Generali  #Autogrill_Spa #CBC_Television #ENEL_Spa #Fiat_Chrysler_Automobiles #Kering S.A. #Marriott International_Inc. #Salini_Impregilo_Spa #Schneider_Electric S.E #Telefónica_S.A.  #UniCredit_Spa

TNC                                                   Events

UniCredit S.p.A.                                8

Adecco Group                                   4

Autogrill Spa                                     4

Schneider Electric S.E                     4

Salini Impregilo Spa                         3

ENEL S.p.A.                                      2

Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2

Allianz SE                                         1

Assicurazioni Generali SpA             1

CBC Television                                  1

Kering S.A.                                        1

Marriott International Inc.              1

Telefónica, S.A.                                 1

“11 Ranking”                                      33

A look at the macro-sectors. Some sectors (mining, transportation and legal services, accounting) and Conglomerates don’t make it to the podium; the industrial and commerce sectors rarely make it to the first positions; while it seems Finance, utilities, services and telecommunications, constructions and tourism obtain better positions in proportion to other participants

For any further information: info@opencorporation.org

 

http://www.opencorporation.org

https://twitter.com/CorporationOpen

https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/

_________________

Download HERE pdf opencorporationranking press release with charts.

Read this communication in ITALIAN - HERE 

opencorporation

#OpenCorporationRanking: in costante sviluppo la classifica sulla trasparenza delle imprese multinazionali

http://opencorporation.org/it/  è entrato nella fase conclusiva. Nelle prossime settimane ulteriori 100 aziende riceveranno la richiesta a partecipare  nel  # OpenCorporationRanking che sarà pubblicato il 16 novembre 2017. Ecco ad oggi cosa è: http://opencorporation.org/it/ 100 aziende multinazionali in osservazione, in ordine alfabetico da ABB Ltd. a Volkswagen AG, delle quali sono disponibili, quando pubblicati: -         Bilanci finanziari e sociali -         Accordi CAE -         Schede di rilevazione pre-compilate dallo staff

http://opencorporation.org/it/documenti

Per tali 100 aziende, nell’attuale fase test, sono pubblicate, oltre a quella principale,

Ranking OpenCorporation (test 1.0)

http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation

Sette classifiche sugli specifici temi monitorati: Responsabilità sociale http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!social-responsibility Dialogo sociale http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!social-dialogue Condizioni di lavoro  http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!working-conditions Finanza http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!finance Diversità http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!diversity Accessibilità per disabili  http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!accessibility-for-the-disabled Ambiente   http://opencorporation.org/it/ranking-opencorporation#!environment Oltre a tre Indici di trasparenza  http://opencorporation.org/it/indice-trasparenza Ognuna di queste classifiche è pubblica, l’utente può consultarle e scaricarle; come può ordinarle, oltre che per posizione in classifica e punteggio acquisito, anche in ordine alfabetico, per Paese e per settore di appartenenza (classificazione N.A.C.Ehttp://bit.ly/2v7n9II ) Sul campione delle 100 aziende multinazionali in osservatorio abbiamo estrapolato le prime tre posizioni (podio) di ognuna delle 11 classifiche (test) pubblicate. La composizione del campione è prevalentemente rappresentato da TNC (Trans National Companies) europee: pari a circa due terzi è da notare però che sul podio non salgono imprese del continente asiatico ed in minima parte di quello americano. Regione          Tot                  Podio % UE                   66                   94 Americhe       26                    6 ASIA               8                     0 Nelle tre classifiche di trasparenza: Trasparenza Web, Trasparenza nei Bilanci sociali, sintesi delle due classifiche precedenti, su almeno uno dei podi salgono sei aziende: Trasparenza TNC                         Ricorrenze ENEL S.p.A.                                      2 Fiat Chrysler Automobiles N.V.      2 Schneider Electric S.E                     2 Adecco Group                                               1 Autogrill Spa                                     1 Kering S.A.                                        1 Totale                                                9 Mentre in almeno uno dei podi delle 11 classifiche complessive salgono tredici aziende: Adecco, Allianz_SE, Assicurazioni_Generali,  Autogrill_Spa, CBC_Television, ENEL_Spa, Fiat_Chrysler_Automobiles, Kering S.A., Marriott International_Inc., Salini_Impregilo_Spa, Schneider_Electric S.E, Telefónica_S.A., UniCredit_Spa: TNC                                                              Ricorrenze UniCredit S.p.A.                                           8 Adecco Group                                              4 Autogrill Spa                                                 4 Schneider Electric S.E                                 4 Salini Impregilo Spa                                    3 ENEL S.p.A.                                                  2 Fiat Chrysler Automobiles N.V.                  2 Allianz SE                                                      1 Assicurazioni Generali SpA                         1 CBC Television                                              1 Kering S.A.                                                    1 Marriott International Inc.                         1 Telefónica, S.A.                                            1 “11 Ranking totali”                                              33 Uno sguardo sui “macro-settori”. Alcuni settori (minerario, trasporti e servizi legali, contabili) e le Conglomerate non raggiungono alcun podio; il settore industriale e quello del commercio raramente salgono fra le prime tre posizioni;  mentre positive, cioè più podi in proporzione alle partecipanti sono le aziende della Finanza, delle utilities, dei servizi e telecomunicazioni,  delle costruzioni e del turismo. Per ogni ulteriore informazione: info@opencorporation.org http://www.opencorporation.org https://twitter.com/CorporationOpen https://www.facebook.com/OpenCorporationRanking/ _______________ Scarica QUI il Comunicato in PDF con i grafici. Leggi QUI il comunicato in INGLESE.

opencorporation

Se su 100 aziende interpellate, solo in 10 rispondono, abbiamo un problema!” Lo afferma Gabriele Guglielmi Project Coordinator del Progetto Europeo: Open EWC (European Works Council) uno studio che mira a redigere la prima graduatoria delle imprese multinazionali, basata sulla loro attenzione a una serie di temi sindacali e sociali: rispetto dei diritti dei lavoratori, attenzione per le diversità; trasparenza e accessibilità di dati e informazioni, sostenibilità anche ambientale.

“Ciononostante” sostiene Davide Dazzi che coordina il team di ricerca, “siamo in grado di pubblicare le Top Ten della trasparenza. Ciò è stato possibile perché, per confrontare le dichiarazioni con i comportamenti, il team di progetto ha predisposto una scheda di rilevazione dei dati e, nel periodo dicembre 2016 febbraio 2017 ha monitorato le 100 imprese. Sulla base delle informazioni reperibili pubblicamente: es. sito internet aziendale, bilancio di sostenibilità, ha svolto la pre-compilazione”. Con tali informazioni è stato sviluppato:

Le analisi, le risposte ottenute, i risultati rilevati, gli elenchi e le graduatorie che indicano, se non un dato certo, almeno le tendenze, in questa “fase test” si stanno via via sovrapponendo, e, in vista della pubblicazione del “Primo Ranking Open Corporation” prevista per l’autunno 2017, assumono una doppia valenza:

I rappresentanti di queste cento aziende, come delle altre che man mano saranno aggiunte dallo staff di progetto o si autocandideranno per partecipare al ranking, dal CEO al Responsabile CSR, dal Responsabile delle risorse umane a quello della Comunicazione, continuano ad avere l’opportunità di valorizzare quanto l’azienda sta facendo in materia di: rispetto dei diritti dei lavoratori, attenzione per le diversità; trasparenza e accessibilità di dati e informazioni, sostenibilità.

Berlino_big

Dal 17 al 19 gennaio si è tenuta a Berlino una Conference interamente dedicata al futuro del Terziario Avanzato e del nuovo mondo del lavoro, organizzata da Uniglobal Union, la Federazione internazionale del commercio e dei Servizi, cui Filcams Cgil è affiliata.

Si è trattato di una tre giorni di seminari di approfondimento e workshop, durante i quali il Sindacato tutto, europeo ed internazionale, si è interrogato sulle evoluzioni (o involuzioni) che si stanno manifestando nel ICT, talvolta con rappresentazioni che farebbero impallidire Philip Dick, il famoso autore di fantascienza.

Il futuro è già in corso di svolgimento: Social, Mobile, analytics, Cloud, Stampa 3D, Biotech e Nanotechnology sono una realtà che sta guidando anche la rivoluzione nel mondo dei cosiddetti lavoratori digitali.

Le ricerche analizzate, palesano una nuova economia industriale caratterizzata dalla frammentazione della catena del valore. Un’economia all’insegna dei low cost aziendali, risultato di una finanziarizzazione estrema e dell’applicazione di modelli organizzativi aziendali Ultra Lean (ultra snelli).
I problemi che emergono sono quelli di un mercato dove i grandi attori imprenditoriali si suddividono tra Stati Uniti e Cina, in un regime di oligopolio dove il potere contrattuale dei lavoratori ne risulta estremamente frammentato.
La protezione dei dati personali, il controllo sociale di queste multinazionali, il problema della tassazione dei loro redditi di impresa, pongono un’altra serie di complessi interrogativi.
Tutto a discapito di lavoratrici e lavoratori e l’emersione di una nuova classe sociale, quella che nelle dibattiti berlinesi è stata etichettata dagli esperti come il “Real Geek Proletariato”.

Il prof. Charles Heckscher, accademico dell’Università di Harvard, ha posto l’accento sull’epoca di trasformazione che sta vivendo il mercato del lavoro e con esso il Sindacato, illustrando su come sia già mutato ad esempio il concetto di solidarietà tra i lavoratori.

“L’accelerazione spinta che sta avendo la GIG economy pone in questione anche il ruolo che il Pubblico dovrebbe avere all’interno del panorama digitale”, dichiara Massimo Mensi, rappresentante della Filcams Cgil nazionale. “Panorama che porta con sé inevitabilmente nuovi scenari per il Sindacato, che, come dimostrano i dibattiti di queste giornate, è tutt’altro che un vecchio pezzo del Novecento, come alcuni vorrebbero dipingere”.

opencorporation

Le TNC (Transnational Company) sono davvero delle Case di Vetro, dentro cui tutti possono guardare? Open Corporation chiede che siano trasparenti per vederci chiaro.

Open Corporation è un progetto co-finanziato dalla Commissione Europea, nato con l’obiettivo di rendere le imprese multinazionali più trasparenti, inclusive ed accessibili al coinvolgimento dei lavoratori.
Ne sono state coinvolte 50, le prime del nostro Ranking: diverse per settore economico e per Paesi, europei e non.

A Roma, dal 23 al 25 Gennaio 2017 in Cgil nazionale, Sindacati italiani ed europei, centri di ricerca, esperti e docenti universitari,  si confronteranno sulle situazioni attuali e gli scenari futuri europei e globali.
Una volta contattate,  alle singole TNC, viene chiesto di compilare un questionario on-line, che i nostri Centri di Ricerca hanno parzialmente compilato con le informazioni rese pubbliche dall’azienda ad es. sul proprio sito.

Le TNC che risponderanno al questionario saranno comparate tra loro e valutate in base a:

I progetti TRANSFORMERS e DRESS CODE daranno seguito al progetto del RANKING OPEN CORPORATION, in quanto forniranno ulteriori lenti per interpretare, comparare e valutare il comportamento delle imprese multinazionali.
Produrranno strumenti per:

Tali strumenti “vestiranno” le imprese in ottemperanza al “ Dress code”, inteso come insieme di regole e standard di comportamento, che le rende sostenibili e responsabili.

Le 50 Multinazionali coinvolte

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2017-2020
(Legenda: Corsivo Incontri di Dialogo Sociale; sottolineato: progetti; Blu: ultimi aggiornamenti al 1.01.2017)

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2017

GENNAIO

12 EFFAT Tourism for Growth and Jobs Manifesto – Extraordinary General Assembly
23-25Open Corporation, Dress Code, Trasformers Projects – Roma
27UNI Property Services General Assembly in Madrid

FEBBRAIO

06EFFAT-FoodServiceEurope Social Dialogue Contract Catering Steering Committee
09-10Workplace organising for young IT workers, 9 – 10 February 2017

20 European social dialogue on temp agency work for 2017

21-22UNI Commerce Global Committee meeting, Nyon
20-24 ILO Meeting on Decent Work and Socially Responsible Tourism

MARZO
07Open Corporation- Budapest
13ETLC Meeting (tbc)
24EFFAT-HOTREC Social Dialogue Hotels & Restaurants Steering Committee
UNI World Women’s Committee meeting (tbc)
APRILE

18EFFAT General Assembly Tourism
27-28 European Dialogue 2017 ETUI Brussels.

MAGGIO

GIUGNO
07-09UNI Europa ICTS Conference in Zagreb
19Sectoral Social Dialogue Committee for the Commerce –WG meeting
20 European social dialogue on temp agency work for 2017
22EFFAT-FSE Social Dialogue Contract Catering Steering Committee

LUGLIO
01 Regno Unito: inizio semestre Presidenza Unione Europea Estonia

AGOSTO

IUF 27th World Congress 29.08.-01.09. Geneva, Switzerland (tbc)

SETTEMBRE

12EFFAT-FSE Social Dialogue Contract Catering Steering Committee
29EFFAT-HOTREC Social Dialogue Hotels & Restaurants Steering Committee

OTTOBRE
11Sectoral Social Dialogue Committee for the Commerce –WG meeting

NOVEMBRE
19 European social dialogue on temp agency work for 2017

DICEMBRE
04EFFAT-HOTREC Social Dialogue Hotels & Restaurants Steering Committee
05 EFFAT TOURISM Sector Board

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2018

2018
GENNAIO
01Estonia: inizio semestre Presidenza Unione Europea Bulgaria

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO
01 Bulgaria: inizio semestre Presidenza Unione Europea Austria

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

UK to host 5th UNI World Congress in 2018: Liverpool
It will be the turn of UNI Americas to host the 2022 World Congress.

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2019

GENNAIO
01Austria: inizio semestre Presidenza Unione Europea Romania

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO
01 Romania: inizio semestre Presidenza Unione Europea Finlandia

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meetings 2020

GENNAIO
01Finlandia: inizio semestre Presidenza Unione Europea Croazia

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE


• Malta: 1 gennaio 2017 – 30 giugno 2017
Regno Unito: 1 luglio 2017 – 31 dicembre 2017
• Estonia: 1 gennaio 2018 – 30 giugno 2018
• Bulgaria: 1 luglio 2018 – 31 dicembre 2018
• Austria: 1 gennaio 2019 – 30 giugno 2019
• Romania: 1 luglio 2019 – 31 dicembre 2019

• Finlandia: 1 gennaio 2020 – 30 giugno 2020

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2015-2020
(Legenda: Corsivo Incontri di Dialogo Sociale; sottolineato: progetti; Blu: ultimi aggiornamenti al 1.12.2016) FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2016

DICEMBRE
01SSDC (Hair and Beauty)
08EFFAT TOURISM SECTOR BOARD
09EFFAT.HOTREC SD
13UNI ICTS Project

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2017
GENNAIO

27UNI Property Services General Assembly in Madrid

FEBBRAIO
01Sectoral Social Dialogue Committee for the Commerce Sector. Plenary meeting
09-10Workplace organising for young IT workers, 9 – 10 February 2017

20 European social dialogue on temp agency work for 2017

21-22UNI Commerce Global Committee meeting, Nyon
MARZO

UNI World Women’s Committee meeting (tbc)
APRILE

MAGGIO

GIUGNO
07-09UNI Europa ICTS Conference in Zagreb
19Sectoral Social Dialogue Committee for the Commerce –WG meeting
11/10 –WG meeting

20 European social dialogue on temp agency work for 2017

LUGLIO
01 Regno Unito: inizio semestre Presidenza Unione Europea

AGOSTO

IUF 27th World Congress 29.08.-01.09. Geneva, Switzerland (tbc)

SETTEMBRE

OTTOBRE
11Sectoral Social Dialogue Committee for the Commerce –WG meeting

NOVEMBRE
19 European social dialogue on temp agency work for 2017

DICEMBRE

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2018

2018
GENNAIO
01Estonia: inizio semestre Presidenza Unione Europea

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO
01 Bulgaria: inizio semestre Presidenza Unione Europea

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

UK to host 5th UNI World Congress in 2018: Liverpool
It will be the turn of UNI Americas to host the 2022 World Congress.

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meeting 2019

GENNAIO
01Austria: inizio semestre Presidenza Unione Europea

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO
01 Romania: inizio semestre Presidenza Unione Europea

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

FILCAMS CGIL- Dipartimento Politiche Globali: Calendario Meetings 2020

GENNAIO
01Finlandia: inizio semestre Presidenza Unione Europea

FEBBRAIO

MARZO

APRILE

MAGGIO

GIUGNO

LUGLIO

AGOSTO

SETTEMBRE

OTTOBRE

NOVEMBRE

DICEMBRE

opencorporation_big

È in corso a Milano il workshop del progetto europeo della Filcams Cgil, finalizzato a costruire un ranking sindacale delle imprese multinazionali. L’obiettivo è quello di “liberare” e rendere realmente accessibile una massa di informazioni sull’operato delle multinazionali su temi di estremo interesse per i lavoratori e le lavoratrici: qualità dell’occupazione, dialogo sociale e relazioni sindacali, responsabilità sociale, trasparenza finanziaria, valorizzazione delle differenze, tutela dell’accessibilità, impatto ambientale.

Informazioni utili, in primis, al sindacato per rivendicare in sede negoziale migliori condizioni di lavoro; ma utili, altresì, alle imprese e ai cittadini: alle prime, affinché possano comparare le proprie pratiche e trarre stimoli per  emularsi e competere sul terreno della qualità; ai secondi affinché possano essere consumatori consapevoli e possano agire la propria forza per orientare le scelte delle imprese.

Nel corso del workshop i partecipanti provenienti da Istituti di ricerca e federazione sindacali di categoria di Italia, Francia, Bulgaria ed Ungheria, di Imprese multinazionali di Unicredit ed Autogrill, dei Comitati Aziendali Europei di Gucci-Kering, Unicredit, Autogrill, Nielsen ed esperti sulle tematiche oggetto di indagine, sono chiamati a condividere proposte, osservazioni, suggestioni volte a migliorare l’efficacia degli strumenti di cui il progetto si sta dotando per perseguire i suoi obiettivi, in particolare gli strumenti per il reperimento e la misurazione degli indicatori utili alla classificazione e alla comparazione delle imprese.

Il workshop ospiterà altresì una tavola rotonda in programma mercoledì 26 ottobre, dal titolo “Trasparenza, fondamento di un’effettiva responsabilità sociale d’impresa”, a cui parteciperanno rappresentanti di Imprese, del sindacato e di associazioni, quali OXFAM e OPENPOLIS, e sarà conclusa dalla Segretaria Generale della Filcams Cgil nazionale, Maria Grazia Gabrielli.

A marzo 2017, saranno disponibili i primi risultati su multinazionali target afferenti a settori diversi, nonché un toolkit (vademecum, check-list e altri strumenti operativi) per dotare tutti gli stakeholder di lenti per leggere ed interpretare l’operato delle multinazionali (sito in fase di costruzione: http://opencorporation.org/it/ ).

slide-abbattiamo-i-muri_SitoBIG

Un appuntamento a cui la Filcams non può mancare. Finché ci saranno guerre e disuguaglianze, soprusi e violenze, ognuno dovrebbe sentire l’obbligo di impegnarsi testimoniando la volontà forte di lottare per far cessare ogni conflitto, in ogni angolo del mondo.

La Filcams scende a Perugia accanto alla Cgil, parte attiva della manifestazione con l’allestimento di quattro punti d’incontro lungo il percorso e l’organizzazione di una tavola rotonda (in collaborazione con Cisl e Uil) di riflessione sulle politiche europee e sui problemi della regione del Mediterraneo, in programma sabato 8 ottobre.

“L’Europa deve scegliere tra essere protagonista ed interlocutore credibile per la soluzione dei conflitti, delle guerre e delle povertà per le popolazioni del Mediterraneo – si legge nella presentazione della tavola rotonda – oppure essere parte responsabile dei disastri che incombono e che non si fermano alle frontiere ed ai muri, vecchi e nuovi. La conferenza, attraverso tre sessioni a tema e testimonianze, metterà a confronto le voci dell’Europa con le voci del Mediterraneo”.

La Marcia Perugiassisi è stata presentata a Roma, dai promotori della Tavola della Pace, della Rete della Pace, dalle associazioni noprofit e pacifiste impegnate da decenni per far partire un messaggio di pace da Assisi al mondo.

“Non tutti sono indifferenti alle stragi di civili ad Aleppo. Non tutti ignorano le grida di aiuto dei migranti che lottano contro la morte nel Mediterraneo. Non tutti respingono, alzano muri, spargono odio e divisioni”: questo l’appello degli organizzatori che hanno invitato a partecipare alla manifestazione le persone che indipendentemente dall’orientamento politico o religioso si sentono di poter dare un contributo alla pace.

Domenica 9 ottobre, tra Perugia e Assisi si snoderà un lunghissimo corteo di decine di migliaia di persone, con l’obiettivo di rompere il silenzio inquietante che circonda le tante, troppe, tragedie vicine e lontane dei nostri giorni. Un cammino lungo 24 chilometri per dare voce a chi non ha voce, per scuotere i responsabili della politica ma anche per rafforzare ed estendere l’impegno di chi non è rassegnato.

KeisukeFuse_Zenroren_4ott2016_BIG

Filcams Cgil ha ospitato oggi a Roma Keisuke Fuse direttore del Dipartimento internazionale di Zenroren, National Confederation of Trade Unions, una delle due Confederazioni sindacali giapponesi.

Zenroren ha appoggiato la campagna globale sui fast food per il salario minimo a 15 dollari, per la quale anche Filcams Cgil ha promosso alcune iniziative.

E le iniziative di inclusione e il coinvolgimento nella vita del sindacato dei lavoratori dei fast food e deii precari del turismo sono stati al centro dell’incontro con Gabriele Guglielmi, responsabile delle politiche globali di Filcams Cgil.

“Il mio sindacato confederale, Zenroren – ha detto Keisuko Fuse –  rappresenta 1,1 milioni di lavoratori, e negli ultimi anni è stato impegnato in un’azione globale per il riconoscimento dei 15 dollari di salario minimo nei fast food. Con la Cgil vorremmo instaurare un rapporto di collaborazione per provare ad applicare anche in Giappone le strategie di mobilitazione attuate con successo in Italia”.

I rappresentanti Filcams e Zenroren si sono lasciati con l’impegno di trovare forme concrete di collaborazione per attivare scambi di esperienze anche tra lavoratori italiani e giapponesi di settori affini.

Cae_big

Si è tenuta il 30 settembre a Bruxelles, la conferenza ha visto la partecipazione di delegati ed esperti CAE provenienti da diversi Paesi d’Europa, tra cui i partner di progetto (FNV – Olanda, Handels – Svezia, FSAB – Romania e MUBE – Malta). 

L’obiettivo del progetto europeo è di migliorare il coinvolgimento dei lavoratori nelle imprese multinazionali, e dei ruoli e dei compiti degli attori coinvolti nei processi di costituzione e funzionamento dei CAE” in cui la Filcams Cgil Nazionale è partner e promotore, insieme alla FABI.

Per la Filcams hanno partecipato, oltre a Gabriele Guglielmi, coordinatore del Dipartimento Internazionale, Stefania Radici (dip. Int.) Bianca Marinari (delegata CAE IKEA), Norman Di Lieto (delegato CAE GUCCI-KERING), Mario Adinolfi (delegato CAE ALTRAN). Presente anche UNI EUROPA (partner di progetto), attraverso Nicola Kostantinou (EWC policies and guidelines).

“Scopo dell’incontro – evidenzia Gabriele Guglielmi, responsabile del progetto per la Filcams – la presentazione dei micromanuali multimediali a disposizione degli attori coinvolti a diverso titolo nei processi di negoziazione, costituzione e funzionamento dei Comitati Aziendali Europei e il lancio del sito, strumento di messa a disposizione di una “cassetta degli attrezzi” navigabile, in sette lingue (Inglese, Italiano, Rumeno, Svedese, Olandese, Spagnolo e Francese).

Ha partecipato alla Conferenza Bruno Demaître – ETUI Education officer, responsabile per la formazione e il supporto alle organizzazioni e rappresentanti dei sindacati italiani in tema di CAE, il quale ha evidenziato il valore dell’iniziativa e sottolineato l’importanza della collaborazione, dichiarando la disponibilità all’inserimento dei micromanuali all’interno del sito web di ETUI.

Elemento di rilevanza su cui ha posto l’accento Angelo Di Cristo, Head of the UNI Global Finance, infine, la realizzazione di pillole di comunicazione tramite video veicolati su canali social e in particolare youtube. Entro dicembre la presentazione in Italia dei risultati e degli strumenti di approfondimento e conoscenza realizzati con il progetto.

awidforum_big

Si terrà a Bahia, in Brasile la prima conferenza internazionale delle donne (Awid Forum 2016) organizzata da Awid. Quasi tremila partecipanti sono attese alla conferenza: lavoratrici, sindacaliste, delegate, appartenenti ad associazioni femministe e migranti.

Per tre giorni a partire dall’8 settembre, un programma fitto di appuntamenti e workshop per confrontarsi, raccontare le proprie esperienze e costruire alleanze per il futuro; insieme per i diritti delle donne.

Tante le tematiche affrontate nelle diverse giornate. Il 9 settembre, sarà la volta delle lavoratrici domestiche, che in tanti paesi combattono per ottenere giustizia e il riconoscimento dei loro diritti. L’incontro vuole individuare una strategia per le tante e differenti realtà, una linea comune per migliorare le condizioni di lavoro in tutto il mondo. Wendy Galarza della Filcams Cgil di Perugia, parteciperà alla presentazione della sessione e, in qualità di rappresentante della Filcams Cgil Nazionale, a tutta l’iniziativa.

SI è tenuta il 28 giugno scorso a Sofia la prima riunione del Comitato di Pilotaggio del progetto europeo “OPEN CORPORATION”, promosso dalla Filcams Cgil per rendere accessibili e trasparenti, informazioni che attengono alla condotta sociale delle multinazionali, con l’obiettivo di consentire ai lavoratori di esercitare un controllo effettivo e consapevole sul loro operato .

Attraverso il progetto, verrà creato un ranking di multinazionali, unico nel suo genere, che classifichi le multinazionali in funzione di indicatori di interesse dal punto di vista dei lavoratori e del sindacato. Tali indicatori, oggettivamente verificabili, forniranno informazioni in merito alla qualità delle relazioni industriali, alle condizioni di lavoro, alla trasparenza finanziaria e fiscale, alle azioni positive contro ogni forma di discriminazione, alle azioni a tutela dei lavoratori con disabilità permanenti e/o temporanee, alle misure volte a ridurre l’impatto ambientale.

Variabili qualitative inerenti gli aspetti sindacali e la responsabilità sociale verranno tradotte in numeri, al fine di renderle misurabili e confrontabili attraverso una metodologia trasparente e fondata su open data.

Durante la riunione, IRES-CGIL Emilia Romagna, partner di progetto, ha illustrato la scheda di rilevazione dati, che consentirà di acquisire informazioni sulle materie oggetto di indagine. L’Istituto di ricerca del sindacato bulgaro – ISTUR-CITUB – e l’Istituto di ricerca del sindacato ungherese – SZGTI – collaboreranno al reperimento e alla lettura dei dati

La scheda, in parte precompilata attraverso informazioni reperite sul sito web della multinazionale e su altre fonti pubbliche, verrà somministrata alla direzione aziendale della casa madre affinché fornisca i dati mancanti, poi, in seguito, sarà verificata dal Comitato Aziendale Europeo e/o dalla Federazione sindacale di categoria.

 

Il Comitato di Pilotaggio ha identificato una lista di 28 multinazionali, tra di esse, figurano: Autogrill, Auchan, Zara, H&M, Metro, Elior, Gucci.

A fine ottobre, a Milano, a conclusione della fase sperimentale, verranno presentati i risultati delle indagini e la versione beta del ranking. Successivamente, si avvierà una fase strutturale finalizzata a censire almeno 100 multinazionali entro la fine del progetto (dicembre 2018).

Un Comitato Scientifico curerà l’aggiornamento annuale dei dati e l’identificazione di ulteriori multinazionali da inserire in graduatoria.

Il progetto prenderà in esame anche l’operato dei Comitati Aziendali Europei, con l’obiettivo di sollecitarli a condividere e far fluire le informazioni acquisite dalle multinazionali e a promuovere la rendicontazione delle loro attività nei confronti dei lavoratori che rappresentano.

Continua il percorso intrapreso dalla Filcams Cgil Nazionale per i delegati di multinazionali, al fine di fornire loro conoscenze, strumenti e tecniche di organising e sindacato 2.0 per operare all’interno delle proprie aziende multinazionali, con una visione europea e globale.

Il progetto “Re-Act: Strumenti e tecniche di Organising e Sindacato 2.0 per i delegati di multinazionali” è giunto infatti al suo terzo appuntamento, dopo le edizioni di Bologna di Aprile e Maggio 2016 dedicate ai delegati Auchan e Carrefour: nei giorni 29 e 30 giugno si sono incontrati a Milano delegati METRO provenienti da tutto il territorio nazionale, allo scopo di accrescere la consapevolezza del ruolo del delegato sindacale in una multinazionale. “Approfondire caratteristiche, funzionamento e relazioni in una azienda transnazionale (TNC) e apprendere strumenti e tecniche per acquisire e gestire le informazioni. Promuovere ruolo e funzionamento dei CAE e potenziarne l’efficacia attraverso una conoscenza consapevole degli strumenti e dei loro ambiti di intervento a supporto dell’azione sindacale nel perimetro delle multinazionali: questi gli obiettivi dei percorsi formativi implementati”, afferma Massimo Mensi, funzionario e formatore Filcams Cgil Nazionale.

Parte da lontano la volontà e la necessità ravvisata dalla Filcams sul terreno della formazione per i delegati delle multinazionali. “Nasce e si sviluppa grazie alla realizzazione di progetti europei volti a creare reti con altre categorie e strutture a livello europeo (dalla FABI, alla Fondazione di Vittorio, ai sindacati presenti in Svezia, Olanda, Romania, Bulgaria, Spagna e Irlanda)” spiega Gabriele Guglielmi, Coordinatore Politiche Globali Filcams “che hanno permesso di identificare strumenti concreti di azione e informazione per gli attori sindacali a livello europeo, attraverso la realizzazione di micro-manuali e toolkit operativi (progetto ToBeeEwc – realizzato insieme alla FABI) e la creazione di standard formativi per sindacalisti e delegati sindacali che si occupano di multinazionali e componenti CAE (progetto ITEM – realizzato insieme alla Fondazione Di Vittorio) Anna Maria Romano, Dipartimento Internazionale CGIL Toscana e docente, nel suo intervento coglie l’obiettivo dell’azione Filcams in questo campo: “Capire il contesto in cui si muovono le multinazionali, conoscere ed utilizzare strumenti di comunicazione 2.0 e possedere una cassetta degli attrezzi per agire al meglio la sindacalizzazione all’interno delle TNC sono elementi essenziali al lavoro di un sindacalista”. La Filcams Cgil è consapevole del ruolo giocato dai delegati sul territorio e vuole fornire loro strumenti operativi e l’opportunità di creare reti per far crescere sindacalizzazione e consapevolezza del ruolo esercitato a livello europeo dal Sindacato.

• Slovacchia: 1 luglio 2016 -31 dicembre 2016
• Malta: 1 gennaio 2017 – 30 giugno 2017
• Regno Unito: 1 luglio 2017 – 31 dicembre 2017
• Estonia: 1 gennaio 2018 – 30 giugno 2018
• Bulgaria: 1 luglio 2018 – 31 dicembre 2018
• Austria: 1 gennaio 2019 – 30 giugno 2019
• Romania: 1 luglio 2019 – 31 dicembre 2019

• Finlandia: 1 gennaio 2020 – 30 giugno 2020