Category Archives: Vertenza Autogrill 2013

10 gennaio 2014

Autogrill, a rischio un altro punto di ristorazione in Campania

Desta grave preoccupazione il subentro in concessione nei punti di ristorazione Autogrill dell’aeroporto di Capodichino, previsto per il prossimo 31 gennaio, da parte di una srl di recente costituzione. Ad oggi non trovano infatti ancora conferma le dichiarazioni di Autogrill in base alle quali gli 80 lavoratori, attualmente in forza presso i punti di ristorazione aeroportuali, manterrebbero il posto di lavoro presso la società subentrante. Una nota Autogrill inviata al sindacato è infatti stata smentita dalla nuova società, che ha escluso un suo possibile futuro coinvolgimento nel cambio di gestione.
Un’operazione poco chiara che non convince sindacati e lavoratori, da un paio di giorni in stato di agitazione e in presidio davanti all’aeroporto; il drammatico rischio di rimanere senza posto di lavoro preoccupa fortemente i dipendenti, pronti a continuare la lotta, per mantenere alta l’attenzione sulla vertenza.
E’ la seconda chiusura Autogrill in Campania, con le conseguenti difficoltà e ripercussioni sull’occupazione, in un territorio già fortemente colpito dalla crisi economica.

19 novembre 2013

Autogrill annuncia la chiusura di altri 2 locali a Milano, 52 posti di lavoro a rischio

Venerdì 16 novembre Autogrill ha comunicato l’apertura di una nuova procedura di licenziamento collettivo per 52 lavoratori impiegati presso il Ciao di Corso Europa a Milano (23 dipendenti) e per il punto vendita di Viale delle Industrie a Corsico (29 dipendenti).
Solo il 12 novembre, 6 giorni fa, in Regione Lombardia si è chiusa la procedura di licenziamento collettivo per il personale della sede Autogrill di Rozzano che ha visto la ricollocazione di 29 dei 43 esuberi annunciati a fine giugno in altre posizione lavorative. Altri 11 lavoratori hanno la possibilità di accettare le ricollocazioni offerte entro il 30 novembre, mentre per i restanti 3 lavoratori l’azienda non ha offerto alcuna possibilità di ricollocazione.
Le chiusure del locale storico di Corso Europa e di quello di Corsico vengono motivate con le scadenze dei relativi contratti di affitto.
“Motivazioni analoghe” spiega la Filcams Cgil di Milano “ci sono state presentate in altri casi ove, nei locali lasciati con la scusa di “scadenza locazione”, sono poi subentrate altre attività di ristorazione. Facendo sorgere il fondato sospetto che la cessazione del contratto di affitto venga presa a pretesto per disfarsi del personale presente.”
Autogrill ha appena ristrutturato il locale autostradale di Villoresi, ampliato quello di Duomo e ha aperto in stazione Centrale numerosi punti vendita compreso il nuovo Bistrot.
Ci sono quindi le possibilità di trovare una collocazione lavorativa ai dipendenti di Corso Europa e Corsico. “Dal 16 novembre” conclude il sindacato “partono i 45 giorni previsti dalla legge per trovare un accordo in sede sindacale e noi faremo di tutto affinchè questo si verifichi.”

24 luglio 2013

Autogrill, licenziamento collettivo per 15 dipendenti

Licenziamento collettivo per 15 dipendenti, per la chiusura del locale, è quanto accade ai lavoratori di Autogrill sul tratto autostradale Salerno Napoli all’altezza di Torre Annunziata est. In nottata è iniziata la protesta contro la procedura che dovrebbe essere chiusa entro il prossimo 29 luglio.

5 febbraio 2013

Autogrill, proclamato lo stato di agitazione

Proclamato lo stato di agitazione dei lavoratori Autogrill, dopo la nuova procedura di mobilità avviata dall’azienda che mette a rischio 140 posti di lavoro, di cui 79 lavoratori a tempo pieno e 61 a tempo parziale distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Desta forte perplessità, secondo le organizzazioni sindacali, la modalità di gestione della vertenza attuata dalla società, che nella comunicazione formale di avvio della procedura, ha già individuato unilateralmente possibili soluzioni. Considerato peraltro che tali misure risultano essere rivolte direttamente al lavoratore, posto in un’inevitabile stato di ricattabilità, ciò non può che rendere ancor più grave una situazione già di per sé preoccupante.

La Filcams Cgil, metterà in atto tutte le possibili azioni a tutela degli interessi dei lavoratori.

31 gennaio 2013

Autogrill, avviata una nuova procedura di mobilità, 140 lavoratori a rischio

Di nuovo a rischio i dipendenti Autogrill. Dopo svariate procedure avviate a livello territoriale tra il 2011 e il 2012, l’azienda ha comunicato l’avvio di una nuova procedura di licenziamento collettivo, questa volta a livello nazionale, che coinvolge complessivamente 140 lavoratori in forza presso 60 punti di ristorazione in concessione.
Le ragioni dei licenziamenti secondo Autogrill sarebbero riconducibili alla perdurante situazione di crisi che investe complessivamente il settore della ristorazione commerciale, ed in particolar modo il canale autostradale.

Procedura senza precedenti nella storia dell’azienda, che ha dichiarato 140 esuberi di cui 79 lavoratori a tempo pieno e 61 a tempo parziale distribuiti su tutto il territorio nazionale.

Desta forte perplessità, secondo la Filcams Cgil, la modalità di gestione della vertenza attuata dalla società, che nella comunicazione formale di avvio della procedura, ha già individuato unilateralmente possibili soluzioni.
Autogrill propone, infatti, per una parte dei lavoratori, una riduzione dell’orario contestualmente al trasferimento in altro locale, richiedendo al singolo dipendente di dichiarare la propria disponibilità attraverso una procedura informatica sul sito aziendale.

“Inaccettabile il piano Autogrill, sia nella forma che nei contenuti” afferma la Filcams Cgil; “nessuna azienda si era mai spinta ad avviare una procedura di tale gravità proponendo, senza alcun confronto con il sindacato, una misura alternativa al licenziamento direttamente al
singolo lavoratore, ponendolo in una situazione di forte ricattabilità”.

“Seppur in una situazione di crisi” afferma il segretario generale della Filcams Cgil Franco Martini “dobbiamo essere in grado di affrontare contestualmente al tema della salvaguardia dei posti di lavoro, anche quello della qualità degli stessi, ricorrendo ai diversi strumenti previsti dalla contrattazione integrativa”.

Per queste ragioni, secondo la Filcams Cgil non è più rinviabile un confronto con l’azienda rispetto al complessivo piano industriale e al più ampio sistema delle concessioni nell’ambito della ristorazione commerciale.

Le organizzazioni sindacali nei prossimi giorni, unitariamente, daranno avvio ad un percorso di informazione e mobilitazione a sostegno delle lavoratrici e dei lavoratori.

30 dicembre 2012

Autogrill, il 31 dicembre scioperano i lavoratori

LA Filcams Cgil di Milano ha proclamato uno sciopero del personale di Autogrill per la notte del 31 dicembre. Lo sciopero andrà dalle 6 del mattino di lunedì fino alle 6 del giorno successivo e riguarderà i locali della città di Milano, dei centri commerciali e degli aeroporti. Analoghe iniziative si terranno a Brescia, Cremona e Lecco.
I lavoratori dei locali in autostrada chiedono chiarezza all’azienda circa il mantenimento dell’occupazione nel momento in cui ci dovesse essere un rinnovo di concessione.