Category Archives: Convegno appalti 24 novembre 2010

24 novembre 2010

Sistema Appalti: l’avvio di un percorso confederale

Si è svolta a Roma l’iniziativa “Una nuova cultura nel sistema degli appalti” organizzata dalla Filcams Cgil per rilanciare il tema degli appalti e dare l’allarme sui tagli previsti dal ddl stabilità per gli appalti di pulizie nei servizi pubblici. Una giornata intesa, ricca di contributi, alla quale alla presenza di più di 300 persone, ha partecipato Susanna Camusso segretaria generale della Cgil.

Ad aprire i lavori della prima parte denominata “Trasparenza, Qualità, Legalità, Dignità: regole e diritti negli appalti”; dopo un breve video introduttivo, ha preso la parola Elisa Camellini Responsabile nazionale Appalti e Servizi della Filcams Cgil; e successivamente Ivan Cicconi, Direttore Itaca; Riccardo Nencini Assessore Regionale Bilancio e rapporti istituzionali della Regione Toscana e Giuseppe Gherardelli, Rappresentante TAIIS.

La seconda parte della giornata – “Un progetto confederale per unire le differenze”; gestita da Franco Martini segretario generale della Filcams Cgil ha visto gli interventi dei segretari delle categorie della Cgil che rappresentano i settori interessati dalla problematica: Stefania Crogi segretaria fenerale FLAI; Cecilia Taranto, segretaria nazionale FP, Emilio Miceli segretario generale SLC, Franco Nasso segretario generale FILT, Mimmo Pantaleo segretario generale FLC, Walter Schiavella segretario generale FILLEA.

Le conclusioni sono state affidate a Susanna Camusso, segretaria generale della Cgil, che ha definito i tagli agli appalti nei servizi pubblici previsti inaccettabili per la Cgil: “È incivile che un Paese possa pensare che le scuole possano essere un luogo che non viene accuratamente pulito.”

“Il primo passo da fare, è riconoscere che non c’è una gerarchia tra i lavori, chi fa le pulizie non è meno importante di chi sta dietro una scrivania” ha affermato la Camusso “Ogni lavoro ha un valore” un concetto indispensabile per dare dignità al lavoro.

Un concetto che, tra l’altro, secondo la neo segretaria deve essere messo anche al centro della contrattazione, per farsi che “categorie con contrattazione più forte possano far rientrare nella contrattazione anche altre categorie a margine”, lavoratori che si sentono invisibili.

23 novembre 2010

Una nuova cultura nel sistema degli appalti

Una nuova cultura nel sistema degli appalti” è l’iniziativa organizzata dalla Filcams Cgil Nazionale che si terrà a Roma il 24 novembre prossimo a partire dalle ore 10.00, presso il Best Western Hotel Universo – Via Principe Amedeo 5/B.

“L’iniziativa intende mettere al centro le problematiche connesse alle politiche degli appalti” afferma Franco Martini segretario generale Filcams Cgil Nazionale “partendo dalla denuncia dei principali problemi che ne accompagnano la loro gestione sul territorio e nei diversi settori, per porre con forza la necessità di trasparenza e di legalità.”

Cambio appalto, gare al massimo ribasso, diffusione dell’illegalità e mancanza di regole ben definite; il sistema degli appalti è diventato l’escamotage di aziende e imprese per ridurre costi, e l’assenza di investimenti sta seriamente incidendo sulla qualità del lavoro e sull’occupazione.

Le imprese pur di aggiudicarsi la gara per il conferimento degli appalti, fanno offerte economiche sempre più basse, proponendo i servizi a prezzi ridotti, e le stazioni appaltanti, avendo sempre meno fondi a disposizione, accettano l’offerta, senza verificare la reale fattibilità dell’opera e le reali garanzie di qualità delle prestazione.

La mancanza di regole ben definite e l’assenza di un reale controllo sull’attuazione dei contratti sta dando vita a fenomeni di irregolarità, gare viziate dalla mancanza di elementi imprescindibili e sempre meno garanzie e tutele per i lavoratori.

Trasparenza e legalità, sono condizioni che si possono attuare solo dando regole certe ed esigibili” prosegue il segretario “attraverso la rivendicazione di nuove clausole normative e legislative in grado di restituire più dignità e migliori condizioni alle lavoratrici ed ai lavoratori dei settori interessati”.

Per questo è necessario individuare una linea generale del sindacato sui processi di esternalizzazione e definire un progetto confederale che abbia finalità condivise.
“Gli obiettivi che ci poniamo non vanno solo nel senso di arginare i fenomeni distorsivi a cui assistiamo” conclude Martini “ma si propongono un vero e proprio
cambiamento culturale, che parte innanzitutto da noi. Se partiamo dalla presa di coscienza di un problema così importante, la Filcams e la Cgil, debbono agire per cambiare le regole del “gioco”, attraverso iniziative e proposte mirate, rivolte alle altre confederazioni, nonché alle controparti, alle istituzioni e a tutti gli altri soggetti che guardano a questo mercato.”

All’iniziativa parteciperanno: Ivan CICCONI Direttore Itaca, Riccardo NENCINI Ass.re Bilancio e rapporti istituzionali Regione Toscana, Giuseppe GHERARDELLI Rappresentante TAIIS; i segretari generali di alcuni settori della Cgil: Agroalimentare (Flai) Funzione Pubblica (FP), Edili (Fillea), Trasporti (FILT), Comunicazione (SLC ), Conoscenza, FLC. Conclude l’iniziativa l’intervento della segretaria generale Cgil Susanna Camusso.