Category Archives: Zeis Excelsa

Roma, 30 settembre 2016

    Testo Unitario

    Si è svolto il 28 settembre u.s tra le OO.SS. e l’azienda in oggetto, l’incontro per l’esperimento della procedura ex artt. 4 e 24 L. 223/91 aperta in data 6 luglio scorso.
    Dopo ampio confronto abbiamo sottoscritto un accordo con la finalità di diventare la linea guida in occasione dell’incontro che si terrà presso il Ministero del Lavoro e Politiche Sociali.
    A fronte degli esuberi dichiarati pari a 43 dipendenti occupati presso i punti vendita già chiusi o in fase di chiusura, l’intesa, come misure volte a contenere l’impatto occupazionale, prevede i seguenti punti concordati
    :

    · utilizzo della mobilità ordinaria per n. 43 lavoratori occupati presso i punti vendita già chiusi o in fase di chiusura;
    · collocamento in mobilità del personale con l’esclusivo criterio della non opposizione incentivata;
    · incentivo economico all’esodo pari a 6 mensilità medie di retribuzione;
    · conseguenziale accesso all’indennità di mobilità ordinaria;
    · Trasferimento nei punti vendita aperti ad una distanza sostenibile.

    Potete leggere ulteriori dettagli nella copia del verbale che troverete in allegato.

    Non appena riceveremo la convocazione da parte del Ministero del Lavoro, sarà nostra cura informarvi tempestivamente della data dell’incontro.

    In attesa di tale appuntamento, vi chiediamo di segnalarci eventuali criticità derivate dalle proposte che l’azienda farà ai dipendenti coinvolti in merito a trasferimenti o a percorsi di outplacement.

                            p. la Filcams Cgil Nazionale
                            Sandro Pagaria

    Roma, 19 settembre 2016

    Testo Unitario

    il giorno 16 settembre 2016 si è tenuto il secondo incontro relativo alla procedura di licenziamento collettivo per cessazione di attività di 10 negozi, avviata dalla società Zeis Excelsa S.p.a., il 6 luglio scorso, ai sensi degli articoli. 4 e 24 L. 223/91.

    Sostanzialmente è stato confermato quanto già emerso in occasione del precedente incontro, non consentendo, pertanto, di raggiungere un accordo che preveda un percorso condiviso nella gestione degli esuberi dichiarati. In ragione di ciò, anche alla luce del superamento dei 45 giorni previsti per la fase sindacale della procedura di licenziamento collettivo, abbiamo sottoscritto un verbale di mancato accordo, che troverete in allegato.

    Abbiamo concluso l’incontro, in attesa della convocazione da parte del Ministero del Lavoro, programmando un nuovo appuntamento che si terrà il 28 settembre p.v. alle ore 15,00, a Roma, in Via dei Mille,56, presso la Fisascat Nazionale.

                            p. la Filcams Cgil Nazionale
                            Sandro Pagaria

    Roma, 28 luglio 2016

    Testo Unitario

    il giorno 28 luglio 2016 si è tenuto il primo incontro relativo alla procedura di licenziamento collettivo per cessazione di attività di 10 negozi, avviata dalla società Zeis Excelsa S.p.a., il 6 luglio scorso, ai sensi degli articoli. 4 e 24 L. 223/91.

    L’impresa, ha sostanzialmente confermato quanto contenuto nella comunicazione di avvio della procedura, sottolineando che, oltre alla crisi generale dovuta alla diminuzione dei consumi, l’elemento che aggrava notevolmente la situazione economica, è dettato dalla non volontà dei titolari degli immobili a ricontrattare sui canoni di affitto attuali.

    Come OO.SS. abbiamo chiesto di mettere in campo tutte le alternative possibili per limitare l’impatto occupazionale, a partire da una ricollocazione nei 13 negozi che rimarranno aperti. Inoltre, al fine di avere una fotografia reale della situazione aziendale ed occupazionale, abbiamo chiesto, ad integrazione di quanto contenuto nella comunicazione, l’elenco dettagliato di tutti e 23 i punti vendita attualmente aperti con i dati relativi all’anzianità aziendale di tutti i dipendenti coinvolti nell’esubero.

    Abbiamo concluso l’incontro programmando un nuovo appuntamento che si terrà il 16 settembre p.v. alle ore 9,30, a Roma, in Via dei Mille,56, presso la Fisascat Nazionale.

    p. la Filcams Cgil Nazionale
    Sandro Pagaria

    Roma 9 Maggio 2013

    Oggetto:ZEIS Excelsa S.p.a. – esito incontro 9 maggio

    nella giornata odierna si è svolto il programmato incontro presso il Ministro del Lavoro in Roma, durante la riunione si è esaminata la richiesta promossa dalla società di attivare la Cassa Integrazioni Guadagni Straordinaria per i dipendenti della Società Zeis Excelsa S.p.a. del settore commercio occupati presso i punti vendita.
    L’ammortizzatore sociale interesserà un massimo di 44 unità lavorative a rotazione su base verticale con una riduzione massima dell’orario di lavoro del 100% a partire dal 13 Maggio 2013 per un totale di 12 mensilità, il trattamento di Cassa Integrazione Guadagni Straordinaria sarà anticipata dalla società.
    Ai lavoratori interessati dalla procedura sarà offerta la possibilità di ricollocazione all’interno di altri punti vendita ricadenti nella compagine aziendale.L’azienda inoltre attiverà una procedura di licenziamento collettivo finalizzata alla collocazione in mobilità dei lavoratori che manifestano la non opposizione al licenziamento.
    Le parti hanno inoltre concordato che entro tre mesi si rincontreranno per verificare l’andamento aziendale.

    p.la Filcams Nazionale
    Giovanni Dalò

    - Verbale accordo

    Roma, 5 Aprile 2013

    Oggetto: Zeis Excelsa SpA – esito incontro

    TESTO UNITARIO

    come previsto il 4 aprile scorso si è svolto il primo incontro con la Società Zeis Excelsa Spa, azienda di produzione e commercializzazione di calzature dei marchi Docksteps, Cult, Samsonite, Merrell, Bikkembergs, Virtus Palestre.

    L’azienda è presente sul tutto il territorio nazionale con una rete di 54 pdv che occupano in totale 231 addetti in negozi monomarca situati prevalentemente nei centri commerciali o outlet plurimarca.

    La crisi aziendale è iniziata sin dal 2011 con il crollo delle vendite nei mercati esteri di Spagna, Portogallo e Grecia, inoltre si è aggiunto un calo del fatturato fino al 40% in numerosi pdv in Italia; infatti solo 11 pvd sono in attivo sui 54.

    Pur nella decisione di uscire dai centri commerciali dove gli affitti non sono più sostenibili, l’azienda intende limitare quanto più possibile le chiusure e prevede nel piano commerciale l’apertura dei i corner all’interno di Coin (Milano e Verona) e un piano di sviluppo sul mercato russo e cinese le cui prime aperture stanno dando risultati molto positivi.

    l’azienda durante l’incontro ha dichiarato che attualmente 16 negozi sul territorio nazionale non riescono a coprire i costi di gestione e sono in continua perdita di fatturato; a questa situazione si è aggiunta l’impossibilità dell’azienda di ritrattare i canoni di affitto con i centri commerciali, che incidono fino al 39% del fatturato del singolo negozio.

    Quindi la Società ha dichiarato che sono prossimi alla chiusura i negozi di Ancona (3 dipendenti), Civitanova Marche (3 dipendenti), Antegrate (2 dipendenti), Orio al Serio (2 dipendenti ), Rozzano (3 dipendenti), Franciacorta (3 dipendenti), Biella (3 dipendenti), Novara (3 dipendenti ), Roma Via Tuscolana (3 dipendenti), Bologna (3 dipendenti), Modena (3 dipendenti), Parma (1 dipendente), Riccione (1 dipendente), Rimini (3 dipendente), Napoli Scarlatti (3 dipendente), Napoli Filangeri (3 dipendenti), per un totale di 41 lavoratori di cui 4 a contratto a tempo determinato, i punti vendita di Montegranaro (13 dipendenti), Bari (4 dipendenti) e Perugia (2 dipendenti) avranno bisogno del ricorso alla Cassa Integrazione Guadagni Straordinari.

    Il personale occupato presso i pvd è prevalentemente femminile, di giovane età anagrafica e con contratti a tempo indeterminato di tipo Full Time o part-time a 30 ore.

    L’azienda ha messo a disposizione, quale piano di gestione degli esuberi, la possibilità di ricollocazioni nei pdv nell’ambito dello stesso comune, o ove ci fosse la disponibilità del lavoratore/lavoratrice anche al di fuori del comune di residenza. Sarà quindi necessario incrociare la disponibilità dei dipendenti al trasferimento con le possibilità nei diversi punti vendita.

    Tuttavia come parti sociali abbiamo concordato sulla possibilità di ricorrere alla CIGS ed eventualmente ad una procedure di mobilità con il criterio esclusivo della volontaria incentivata.

    In attesa della convocazione presso il Ministero del lavoro, si è concordata un’ulteriore data d’incontro per il prossimo 19 aprile alle 9:30 presso la FISASCAT Nazionale – Via Livenza 7 Roma, per il proseguo dell’analisi di richiesta di CIGS

    Raccomandiamo le strutture territoriali di prendere contatto con i lavoratori e indire assemblee poiché sarà necessario avviare confronti a livello territoriale per garantire le giuste tutele e ricollocazioni ai dipendenti.

    p. la Filcams Cgil Nazionale
    Giovanni Dalò