Category Archives: WELCOME-TRAVEL-GROUP

Roma 10 marzo 2014

Welcome Travel, catena di agenzie di viaggio del gruppo Alpitour, ma partecipata al 50% da Costa crociere, ha avviato una procedura di mobilità che ristruttura pesantemente l’azienda.
Già lo scorso anno erano state chiuse numerose agenzie, e si era proceduto ad un accordo di Cigs con mobilità volontaria, per le agenzie cessate, ed alla Cigs a rotazione per le restanti.
L’attuale procedura era in parte attesa per la gestione degli esuberi residui delle agenzie già interessate dalla cessazione, ed in parte coinvolge numerose altre agenzie ed il personale amministrativo, per un totale di 72 esuberi. Le agenzie che resteranno aperte sono solo 7. L’azienda intende sviluppare il modello del franchising e delle affiliazioni.
Nell’incontro del 05 marzo, sono emerse tutte le difficoltà che vi saranno per poter raggiungere un’intesa. Infatti, non sarà possibile un ulteriore ricorso alla Cigs, poiché tutto il personale e’ già stato coinvolto dalla Cigs. Non saranno possibili ricollocazioni, dato che le agenzie che resteranno aperte sono un numero molto esiguo, e l’azienda e’ disponibile ad investire scarsissime risorse sull’incentivazione all’esodo.
Si è parlato di cifre che si attestano intorno ai 3000 € per i lavoratori che già hanno beneficiato di un anno di Cigs a zero ore, e di 5000 per coloro che sono coinvolti nelle nuove cessazioni. Per altro l’aggiunta di 2000, in questo ultimo caso, può essere utilizzata per l’outplacement.
Abbiamo contestato l’inadeguatezza della proposta e ci siamo riservati di rispondere successivamente rispetto alla prospettata diversificazione degli incentivi.
Il successivo incontro si terrà il giorno 27 marzo, alle ore 10.30, presso la sede di Confindustria Torino, Via Vincenzo Vela 21/b.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Roma, 21 Marzo 2013

Oggetto: Welcome Travel – esito incontro del 19 marzo

Il 19 marzo si è conclusa, presso il Ministero del Lavoro, la trattativa per la chiusura di parte delle agenzie Welcome Travel (gruppo Alpitour).
Non è stato possibile concludere con la Cigs per cessazione parziale (durata 24 mesi) in quanto il Ministero, diversamente da quanto fatto solo alcuni mesi fa, ha richiesto, in premessa, una dichiarazione da parte dell’azienda che affermasse la piena autonomia di ciascuna agenzia, sia sul piano organizzativo e funzionale, che su quello amministrativo e finanziario. È del tutto evidente che le aziende organizzate in filiali, e/o agenzie, e/o punti vendita, non sono in grado di sottoscrivere tali dichiarazioni e che la novità introdotta dal Ministero ha lo scopo proprio di limitare il ricorso ad ammortizzatori sociali.
A questo si è aggiunta una ulteriore difficoltà. Infatti, uno dei requisiti richiesti alle aziende per accedere alla Cigs per crisi, è che non siano intervenute modifiche sugli assetti societari negli ultimi 24 mesi. Proprio 23 mesi fa, il gruppo Alpitour cedette il 50 % di Welcome Travel, alla Costa Crociere.
Per i suddetti motivi, abbiamo sottoscritto l’accordo, che trovate in allegato, che prevede:

- Cigs a zero ore per 12 mesi a partire dal 22 aprile per le agenzie in chiusura;
- Cigs a rotazione per le altre agenzie, con una riduzione massima dell’orario di lavoro del 50%;
- anticipazione del trattamento di Cigs;
- mobilità volontaria incentivata fino al 21 gennaio 2013.

A causa della data di inizio della Cigs sarà necessario protrarre l’utilizzo dei permessi non retribuiti e/o aspettativa fino al 22 aprile. L’azienda si è resa disponibile ad anticipare acconti sul TFR a quei lavoratori che ne facessero richiesta.
A latere dell’accordo Ministeriale, abbiamo sottoscritto un accordo di gestione della Cigs e della mobilità volontaria che prevede:

- coinvolgimento di tutti i lavoratori, ivi compresi i responsabili delle agenzie;
- equa distribuzione sia della riduzione che della rotazione;
- incontri su richiesta delle OO.SS territoriali e/o RSA sulla gestione della Cigs e sulla organizzazione del lavoro;
- incentivi sulla mobilità volontaria graduati a seconda del tempo di permanenza in Cigs, a partire da 5000€ lordi.

Pur non avendo concluso la trattativa come ipotizzato inizialmente, non possiamo che sottolineare che in molti territori dove le agenzie hanno chiuso, i requisiti numerici sono tali che avrebbero consentito il semplice licenziamento individuale, senza ricorrere alla 223.

Pertanto, non possiamo che ritenere positivo l’accordo sottoscritto.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Allegati 2 Verbali

Roma, 15 Marzo 2013

Oggetto: Welcome Travel – esito incontro del 13 Marzo 2013

si è tenuto il 13 marzo il programmato incontro con Welcome Travel. Come già comunicato nella precedente nota, l’esame congiunto in sede ministeriale è stato aggiornato al 19 marzo, in seguito alla richiesta, da parte del Ministero, di una dichiarazione di parte aziendale, in premessa all’accordo, che dichiari “l’autonomia organizzativa, ammnistrativa e finanziaria” delle singole agenzie. Tale presupposto, secondo il Ministero, sarebbe necessario al fine dell’ottenimento del secondo anno di Cigs per cessazione parziale di attività. L’azienda non si è resa disponibile a tale dichiarazione dato che è del tutto evidente che almeno sul piano amministrativo e finanziario le singole agenzie non sono autonome, quanto meno rispetto alla sede.

Nell’incontro del 13 marzo Welcome Travel ha confermato la posizione già espressa al Ministero. Si è proceduto per tanto ad individuare altri strumenti. si intende richiedere una Cigs per crisi aziendale della durata di 12 mesi, che sarà a zero ore per le agenzie che cessano, ed a rotazione per le restanti, con una riduzione massima del 50% per una sola agenzia di Cuneo, e del 30% per le restanti. La mobilità resterà attiva per i primi 9 mesi con l’esclusivo criterio della non opposizione, per le sole agenzie in chiusura. Esclusivamente per queste si prevede un incentivo pari ad euro 3000, a cui si somma una ulteriore quota mensile (per ore l’azienda ha proposto 150 euro, ma tenteremo di innalzarla) per ciascun mese di minor permanenza in Cigs.

La tenuta dell’accordo, che va ancora perfezionato, dipenderà anche da quanto il Ministero richiederà, ai fini della concessione della Cigs. E’ del tutto evidente, che il Ministero ha indicazioni precise per limitare l’accesso agli ammortizzatori sociali. Solo alcuni mesi fa, infatti, non erano richieste dichiarazioni come quelle suddette. Ai fini dell’ottenimento del secondo anno di Cigs, le aziende dovevano presentare un piano di investimenti e ricollocare almeno il 30% degli esuberi.

Nei nostri settori, organizzati, prevalentemente in filiali e/o punti vendita, chiedere alle aziende di dichiarare l’autonomia “amministrativa e finanziaria” di ciascuno di essi, significa, di fatto, limitare l’accesso ad alcune tipologie di ammortizzatori sociali.

In allegato vi inviamo le bozze degli accordi che abbiamo elaborato, su proposta aziendale, su cui mi sono comunque riservata di apportare alcune modifiche, in particolare per quanto attiene l’organizzazione del lavoro derivante dalla rotazione in Cigs. Inoltre ho chiesto di aumentare la quota mensile dell’incentivo. Vi chiedo comunque di segnalarmi eventuali suggerimenti e/o correzioni.

Il 19 marzo, alle ore 11.00, si terrà l’incontro presso il Ministero del Lavoro, Via Fornovo 8, in Roma. Vi informeremo tempestivamente sull’esito dell’incontro, che speriamo possa condurre alla conclusione positiva della vertenza.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Roma, 5 Marzo 2013

Oggetto: Welcome Travel – esito convocazione Ministero del 4 Marzo 2013

si è tenuto ieri il programmato incontro con Welcome Travel presso il Ministero del Lavoro, che si è concluso con un rinvio al giorno 19 in sede Ministeriale.
Come era prevedibile, e come avevamo più volte ribadito anche all’Unione Industriali di Torino, il Ministero non può recepire la messa in mobilità di tutti i lavoratori eventualmente restanti al termine della Cigs.
Il problema più grosso, tuttavia è che il Ministero, inaspettatamente ha richiesto la dichiarazione che ciascuna agenzia è autonoma, anche sul piano amministrativo, ai fini della concessione del secondo anno di Cigs. E’ evidente che questa richiesta del Ministero, non scritta e non prevista formalmente in alcuna norma e/o circolare, ha messo in difficoltà l’azienda, che mal sosterrebbe l’autonomia anche amministrativa di ciascuna agenzia, soprattutto rispetto alla sede, qualora fosse oggetto di ispezioni.
Per tale motivo ci siamo aggiornati al 19 marzo in sede ministeriale, ed al 13 marzo in sede sindacale. In quella occasione l’azienda, dopo gli approfondimenti del caso, anche con lo stesso Ministero, formulerà una ulteriore proposta.
L’incontro si terrà presso l’Unione Industriali di Torino, Via Vela 21, alle ore 09.00

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Allegato Verbale Ministeriale di rinvio

Roma 26 febbraio 2013

Oggetto: Welcome Travel – esito incontro 25 febbraio


il 25 febbraio si è’ tenuto il programmato incontro con Welcome Travel per proseguire il confronto sulla procedura di mobilità. Detta procedura riguarda il personale di 15 agenzie che sono state o saranno chiuse a breve, ed alcuni esuberi nelle agenzie restanti.

Abbiamo convenuto sul ricorso alla Cigs che sarà articolato diversamente:

- Cigs per cessazione parziale per 24 mesi per le agenzie in chiusura. Durante il periodo di Cigs verrà mantenuta la mobilità con il criterio della volontarietà, con un incentivo, se pur modesto, cui si è appena accennato. Inizialmente l’azienda ha proposto di utilizzare il preavviso a tal scopo. Abbiamo ovviamente respinto la proposta dato che comunque il preavviso e’ dovuto. Inoltre, per le mensilità di preavviso devono essere versati anche i contributi. L’azienda ha proposto quindi di utilizzare i ratei di TFR che verranno maturati nel periodo di Cigs ed il risparmio contributivo derivante dalla eventuale firma dell’accordo.
- La mobilità per le agenzie che resteranno aperte verrà ritirata e trasformata in Cigs a rotazione per crisi, per 12 mesi. La Cigs sarà articolata in modo diverso a seconda del personale presente nelle singole agenzie. Parte di esse, in cui sono presenti 2/3 dipendenti non saranno coinvolte, parte vedranno una sospensore pari al 30%, probabilmente settimanale, solo in una agenzia di Cuneo, dove sono presenti 10 dipendenti, si farà ricorso ad una sospensione pari al 50%. La verifica sull’organizzazione del lavoro derivante dall’applicazione della Cigs sarà demandata ai territori;
- l’indennita’ di Cigs sarà anticipata dall’azienda.

Ci siamo quindi aggiornati a domani, 27 febbraio, in occasione dell’incontro che si terrà per Alpitour. Pertanto la giornata di domani sarà così articolata: ore 10.30 incontro per Welcome Travel, ore 11.30 proseguimento per Alpitour. Al fine di ottimizzare i tempi l’azienda dovrebbe inviarci una bozza di testo già entro questa sera. Vi terremo aggiornati.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Roma, 15 febbraio 2013


Oggetto: esito incontro Welcome Travel/Alpitour 8 febbraio

il giorno 8 febbraio si è tenuto il programmato incontro con il gruppo Alpitour in relazione all’apertura della procedura di mobilità aperta da Welcome Travel, ed alla possibilità di accedere alla Cigs per Alpitour.
Welcome Travel ha avviato una procedura di mobilità relativamente alla chiusura di 15 agenzie e ad alcuni esuberi sulle restanti agenzie. La procedura di mobilità è finalizzata all’ottenimento della Cigs per cessazione parziale di attività per le agenzie in chiusura, per 24 mesi, ed alla Cigs a rotazione per le altre.
A tale scopo abbiamo proceduto alla firma del Verbale di Mancato Accordo che trovate in allegato che è stato inviato al Ministero del Lavoro, che ci convocherà in tempi brevi. Per proseguire il confronto sulla gestione della Cigs e della mobilità volontaria nello stesso periodo, ci siamo aggiornati al giorno 25 febbraio alle ore 11.00, presso la sede dell’Unione degli Industriali di Torino, via Vela 21. Si raccomanda la partecipazione.
Si è poi affrontato il tema della Cigs per Alpitour. Alla conclusione dell’accordo per il trasferimento delle lavoratrici e dei lavoratori dalla sede di Cuneo a Torino, si era convenuto che il ricorso alla Cigs potesse costituire uno strumento utile per quelle lavoratrici e quei lavoratori che comunque non volessero o non potessero accettare il trasferimento a Torino. Inoltre, Alpitour ha proceduto alla chiusura della sede di Bologna, dove erano impiegati 5 lavoratori, per i quali è fondamentale il ricorso alla Cigs.
Con nostra grande sorpresa l’azienda ci ha informato che i lavoratori interessati ad oggi sarebbero 19, ma che non intende chiedere il ricorso alla Cigs, per un numero inferiore a 30. Abbiamo contestato con forza l’imposizione di un limite numerico che mai era emerso al tavolo di trattativa nazionale, e che, data la funzione sociale della Cigs, non ha motivazione alcuna. L’azienda si è riservata di approfondire ulteriormente la questione e ci siamo quindi aggiornati al giorno 25 febbraio, presso la sede dell’Unione Industriali di Torino.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi


- Verbale mancato accordo

Roma, 30 Novembre 2012

Abbiamo ricevuto comunicazione da Welcome Travel che per il mese di dicembre sospenderà le iniziative intraprese nei territori finalizzate al contenimento dei costi (smaltimento ferie e permessi, permessi non retribuiti, ecc.).

Inoltre, l’azienda comunica di avere la necessità di alcuni approfondimenti tecnici, non meglio esplicitati, sul ricorso alla Cigs. La decisione e’ stata assunta, così comunica l’azienda, per tentare di cogliere il mese di dicembre quale occasione per rilanciare l’attività delle agenzie.

Contestualmente ci viene richiesto un incontro per i primi giorni di gennaio 2013. Pur accogliendo con soddisfazione il ritorno ad una regolare attività lavorativa che non penalizzi lavoratrici e lavoratori, l’azienda sembra essere comunque in una situazione incerta e confusa. Sarà pertanto importante programmare l’incontro, come richiesto, per avere un quadro certo sull’attuale situazione e sulle prospettive.

Vi informerò tempestivamente, non appena concordate data e luogo dell’incontro.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi