Category Archives: Starhotels

Roma, 4 dicembre 2017

    Testo unitario

    Il 1 dicembre a Firenze è ripresa la trattativa per il rinnovo del contratto integrativo Starhotels.
    L’azienda ha illustrato una possibile bozza di intesa che però non è stata consegnata alle organizzazioni sindacali in quanto non ancora formalmente approvata dalla presidenza.

    Nel ribadire l’impianto del CIA del 2011, Starhotels ha avanzato alcune proposte di integrazione e modifica rispetto all’attuale articolato, tenendo in parte conto delle richieste sindacali presenti nel documento a suo tempo consegnato alla impresa.
    Su capitoli quali: relazioni sindacali e materie del confronto decentrato, formazione, anticipo tfr, flessibilità d’ingresso e uscita per i dipendenti di sede, si è registrata una sostanziale convergenza; anche sull’importante tema delle misure di conciliazione tempi di vita e di lavoro, le distanze non sono apparse incolmabili.
    E’ stata avanzata la richiesta di elevare a 30% la percentuale massima di assunzione su base annua dei contratti a tempo determinato.
    Sul premio di risultato l’azienda ha riconfermato gli attuali tre indicatori (mol, revpar e qualità) e ha proposto un importo massimo di 1100 euro che potrà diventare di 1300 qualora il lavoratore optasse per la sua trasformazione in welfare; non essendo però a ancora stata individuata una piattaforma di benefit e servizi, la direzione ha proposto di prevedere una commissione tecnica finalizzata a definirne i contenuti.
    I correttivi sulla presenza rimarrebbero invariati, mentre è stato proposto di elevare a quota 84% il raggiungimento del parametro della qualità, attualmente all’82%.
    Riguardo la nostra richiesta di definire meglio il tema "esternalizzazioni", la direzione aziendale ha proposto l’individuazione di una procedura di confronto e l’applicazione dell’articolo 2112 CPC., qualora si arrivasse infine alla loro introduzione.
    Infine è stata richiesta la formalizzazione di una sorta di "clausola di raffreddamento" attivabile a fronte di eventuali situazioni di conflitto a livello decentrato, derivanti da controversie che secondo l’opinione della direzione, i livelli superiori sarebbero chiamati a dirimere.
    Le maggiori criticità sono state rilevate proprio su questo ultimo punto, nonché su struttura e importo del premio, esternalizzazioni e richiesta di deroga al limite di utilizzo dei contratti a termine, per i quali abbiamo altresì chiesto concreti percorsi di stabilizzazione.
    L’azienda si è impegnato a produrre e anticipare un testo che raccolga le nostre ultime osservazioni e che possa essere discusso durante la prossima riunione di modo da imprimere una accelerazione decisiva al negoziato.
    Il prossimo incontro si terrà a Bologna il 19 gennaio con inizio alle ore 11.00

    p. la Segreteria Filcams Nazionale
    Cristian Sesena

    Roma, 27 ottobre 2017

    Testo unitario

    Nel corso dell’incontro tenutosi a Roma in data 25 ottobre scorso è proseguito il confronto con la Direzione di Starhotels finalizzato al rinnovo del contratto integrativo aziendale.

    L’azienda ha giudicato “utile”, in relazione all’evoluzione del negoziato, il documento elaborato dalle segreterie nazionali in cui sono state sintetizzate le richieste illustrate negli incontri precedenti; tale documento aveva infatti l’obiettivo di far entrare nel vivo la trattativa.

    Sulle richieste del documento relative alla conciliazione tempi di vita e di lavoro, anticipo del trattamento di fine rapporto, contrattazione di unità produttiva e formazione STARHOTELS ha dichiarato di non rilevare significative problematicità, riservandosi per il proseguo una più articolata analisi.

    Prima di affrontare i temi del premio di risultato e delle esternalizzazioni, Starhotels ha illustrato un piano di investimenti che prevede:

      -una ristrutturazione incisiva dell’albergo Inghilterra a Roma, con necessità di chiudere temporaneamente la struttura per i tempi necessari alla realizzazione dei lavori a partire dall’autunno del 2018;

      -la ristrutturazione a blocchi, senza chiusura, dell’Helvetia Bristol di Firenze con contemporanea acquisizione di nuovi spazi adiacenti da adibire a servizi alberghieri;

      -l’inizio dei lavori di ristrutturazione dell’hotel President di Genova, sempre a blocchi e senza chiusura, a partire dalla fine del 2018.

      -L’apertura nel 2019 di un albergo a Bologna nell’ambito del progetto FiCo.

    Secondo l’azienda tale piano comporterà per il prossimo biennio maggiori spese (impegno finanziario) e un minore volume di ricavi, a fronte delle chiusure parziali o totali previste.

    In virtù di ciò STARHOTELS ha dichiarato di non avere molti margini per riconoscere un aumento del premio di risultato. Inoltre ha ipotizzato la conversione del premio di risultato in un piano di welfare aziendale, articolato in un paniere di servizi e prestazioni, su base collettiva, come condizione per liberare, attraverso i benefici fiscali e contributivi, vantaggi per il personale.

    Sulle esternalizzazioni l’azienda ha dichiarato di non voler pattuire “divieti”, ma alla stesso tempo di non perseguirle e di essere disponibile a definire “procedure” nel caso si determinassero e di essere pronta a definire le garanzie per i lavoratori.

    Da parte nostra abbiamo ribadito che l’introduzione del welfare aziendale, da noi richiesta, deve avvenire secondo le modalità della volontaria scelta in capo al lavoratore, salvaguardando il salario variabile; va colta inoltre la nostra richiesta di ridiscutere le soglie di accesso al premio, con attenzione a parametri trasparenti di qualità.

    Sul tema delle esternalizzazioni va salvaguardato quanto previsto dal vigente integrativo, ovvero il perimetro sul quale l’azienda si è impegnata a non effettuarle; alla stesso tempo, come avvenuto di recente, è centrale la costruzione di un sistema di garanzie che devono operare in ogni caso, come l’applicazione del contratto nazionale di riferimento e le tutele sui licenziamenti.

    Riscontrato l’impegno da parte di STARHOTELS a presentare un proprio elaborato su questi temi, abbiamo fissato la prossima riunione per venerdì 1 dicembre, a Firenze, a partire dalle ore 10, presso l’Hotel Michelangelo.

    p. la Segreteria Filcams Nazionale
    Cristian Sesena

    Roma, 22 settembre 2017

    Testo Unitario

    Il 21 settembre è ripreso il confronto con Starhotels finalizzato al rinnovo del contratto integrativo aziendale.

    In apertura l’azienda ha manifestato preoccupazione per il risultato economico di chiusura dell’anno che, stante le previsioni, potrebbe registrare uno scostamento rilevante rispetto agli obbiettivi di budget.

    In merito al rinnovo del CIA, la direzione aziendale ha fornito disponibilità a trattare i temi della conciliazione tempi di vita e di lavoro (tutela della maternità e della paternità), della introduzione della opzione welfare per il premio di risultato e di alcuni diritti individuali come il miglioramento delle condizioni di accesso all’anticipo del TFR.

    Pur apprezzando queste aperture di carattere "sociale", abbiamo ribadito la necessità di affrontare importanti capitoli normativi quali quello delle terziarizzazioni (introducendo nuove tutele per i lavoratori interessati), nonché di potenziare il confronto di unità produttiva.

    Sul premio abbiamo chiarito che l’opzione welfare deve essere volontaria così come prevede la legge, che indicatori e struttura generale debbono essere migliorati e, ovviamente, gli importi aumentati.

    Starhotels ha invitato le OOSS alla predisposizione di un documento che raccolga ed espliciti nel dettaglio tutte richieste di modo da velocizzare il negoziato.

    Filcams, Fisascat e Uiltucs nell’accogliere questa istanza aziendale hanno comunque preteso ed ottenuto che l’attuale contratto integrativo venga mantenuto in essere indipendentemente dall’esito della trattativa.

    Il prossimo incontro si terrà a Roma il 25 ottobre con inizio alle ore 14.30.

    p. la Segreteria Filcams Nazionale
    Cristian Sesena

    Roma, 15 giugno 2017

    Il 13 giugno 2017 abbiamo incontrato la direzione di Starhotels in merito alla possibilità di attivare un percorso di rinegoziazione del contratto integrativo aziendale.

    In apertura, Starhotels ha informato le OOSS. Nazionali che il servizio ristorazione degli alberghi Helvetia Bristol eGrand Hotel Continental Siena passerà da Lilium ad un nuovo gestore rispettivamente il 1 luglio e il 26 giugno.
    Le comunicazioni previste dalla procedura ex articolo 47 legge 428 sono state già inviare alle organizzazioni sindacali territoriali di riferimento.
    Suddetto nuovo operatore, F&DE Srl, subentrerà al vecchio gestore anche nel contratto di servizi all’ hotel Inghilterra di Roma.
    L’azienda sta ipotizzando di affidare ad un unico operatore del settore la ristorazione di tutte le sue strutture, non ritenendo tale servizio sufficientemente profittevole se gestito direttamente.

    Sul piano occupazionale, Starhotels, negli ultimi due anni, ha ripreso ad assumere anche attraverso la stabilizzazione di contratti a tempo determinato.
    Rispetto al premio di risultato 2016 in pagamento a giugno, l’indicatore nazionale MOL non è stato traguardato a causa delle negative performance degli alberghi presenti nelle città d’arte (Venezia, Firenze e Roma).
    Il Revpar è stato raggiunto in circa il 50% degli alberghi mentre la qualità percepita in quasi tutte le realtà. L’erogazione media sarà pertanto di 475 euro.

    Come Filcams, Fisascat e Uiltucs abbiamo poi avanzato le nostre osservazioni rispetto al rinnovo del CIA, pur in assenza di una vera e propria piattaforma rivendicativa.
    Nel ribadire la volontà di innovare e migliorare i contenuti dell’attuale Contratto, abbiamo posto all’attenzione della controparte l’esigenza di intervenire sulla struttura e sugli importi del premio di risultato sfruttando anche le opportunità offerte in materia di welfare dalla normativa vigente.

    Abbiamo chiesto di ragionare di limiti alle esternalizzazioni, di garanzie occupazionali e di applicazione contrattuale per i lavoratori in appalto in caso di subentro di nuovi operatori.
    Infine abbiamo chiesto di potenziare il confronto sulla organizzazione del lavoro a livello territoriale e di prevedere un ampliamento dei diritti individuali (genitorialita’, malattia etc) anche in ottica di migliorare la conciliazione tempi di vita e di lavoro.

    Starhotels si è resa disponibile ad entrare nel merito dei singoli punti, condividendo l’impostazione data al negoziato dalle Organizzazioni Sindacali
    Il prossimo incontro si terrà a Firenze il 6 luglio con inizio alle 14.30.

    In allegato:
    Dati sull’occupazione e sulle esternalizzazioni

    p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale
    Cristian Sesena

    Roma, 20 Gennaio 2017

    Testo unitario

    In data 19 gennaio 2017 abbiamo incontrato Starhotels per effettuare la riunione annuale sull’esercizio del diritto di informazione contrattualmente previsto.

    Pur non essendo in possesso di dati consolidati, la direzione aziendale ha comunicato che il 2016 è stato un anno complesso che ha visto la catena non raggiungere i budget che si era prefissata. Tale mancato raggiungimento è stato in parte mitigato da una incisiva azione di contenimento dei costi.

    Le piazze che hanno ottenuto i risultati migliori sono risultate essere quelle “periferiche”: Bologna, Torino, Genova, mentre quelle più a vocazione turistica come Roma e Venezia, hanno registrato performance negative.

    Starhotels resta comunque economicamente solida e intenzionata a proseguire una decisa azione di sviluppo, non escludendo per il futuro nuove aperture e acquisizioni.

    A Novembre 2016 il fatturato complessivo si attestava a 130 milioni di euro contro un obbiettivo di 135 milioni; il tasso medio di occupazione camere al 74% contro il 76%, mentre il ricavo per camera era in media di 100 euro contro un obbiettivo di 102 euro.
    Il perimetro aziendale è costituito da 29 alberghi (3 all’estero) di cui 4 (Hotel Helvetia e Bristol Firenze, Grand Hotel Continetal Siena, Hotel d’ Inghilterra Roma, Hotel Villa Michelangelo Vicenza) sono stati nella seconda metà del 2016, acquisiti dalla catena TCL Spa.
    Tale operazione, che ha visto giocare un ruolo importante alle OOSS Nazionali e Territoriali coinvolte, ha permesso di potenziare il segmento “5 stelle” dell’impresa e di salvare in toto i livelli occupazionali all’atto del passaggio.
    Gran parte delle criticità derivanti dalla suddetta acquisizione, dall’affitto del ramo di ristorazione a Lilium srl, e dai processi di outsourcing dei servizi ai piani ad essa collegati, paiono aver trovato adeguate soluzioni in ambito territoriale.
    Risulta ancora fortemente problematico il posizionamento commerciale della struttura vicentina che attualmente è chiusa (con conseguente ricorso alla cassa integrazione in deroga per i 12 addetti) e che pare risentire di una forte variabilità stagionale della domanda.
    Starhotels ha annunciato di aver avviato un processo di riclassificazione organizzativa degli alberghi che verranno suddivisi in tre categorie:

    Tale riorganizzazione potrà prevedere un incremento delle assunzioni soprattutto negli alberghi rivolti ad un target elevato di clientela, nonché un corposo investimento formativo per le attuali risorse.
    L’occupazione rimane stabile: al 31 dicembre 2016 gli addetti erano 771 di cui 71 part time e 114 a tempo determinato.

    Per ottenere un quadro più completo ed esaustivo abbiamo richiesto ci sia fornito il numero degli addetti che operano in regime di outsourcing e di conoscere tutte le aziende fornitrici.
    Abbiamo infine affrontato il tema del contratto integrativo aziendale sottoscritto nel 2011 e attualmente in regime di ultravigenza.

    Nel manifestare la nostra volontà di non procrastinarne ulteriormente il rinnovo, abbiamo proposto a Starhotels di partire dall’esistente e di aprire un confronto che porti a introdurre capitoli innovativi, anche tenuto conto di quanto previsto dalle recenti normative in materia di produttività e welfare aziendale.

    L’azienda si è resa disponibile a condividere questo metodo di lavoro chiarendo però di non poter produrre aumenti sensibili del costo complessivo del lavoro.

    Il prossimo incontro è stato calendarizzato per il 19 Aprile 2017 a Roma presso lo Starhotel Metropole, con inizio alle ore 11.00.

    p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale

    Cristian Sesena

    Roma, 11 luglio 2016

    Testo Unitario

    Il giorno 8 luglio 2016 a Firenze è proseguito il confronto con Starhotels e Lilium Ristorazione Srl in ordine all’acquisizione a far data dal 1 luglio 2016 degli alberghi :

    di proprietà di TCL SpA, da parte della catena Starhotels, e alla successiva operazione di affitto del ramo Food and Beverage da Starhotels a Lilium Ristorazione Srl.
    La prima parte dell’incontro è stato utile per verificare le condizioni economiche e normative derivanti dalla contrattazione nazionale e integrativa dei lavoratori coinvolti da questi passaggi. L’analisi è stata resa più complicata dal fatto che il cedente (TCL) non ha fornito dettagli rispetto agli accordi collettivi applicati; fortunatamente come OOSS avevamo compiuto autonomamente una ricognizione assieme alle nostre strutture provinciali, che ci ha consentito di avere sufficienti dettagli per procedere alla armonizzazione dei trattamenti.

    Ai lavoratori transitati dal 1 luglio 2016 a Starhotels, verrà applicato il contratto integrativo aziendale del gruppo acquirente e il CCNL della Industria Turistica.
    I lavoratori che entro il 31 luglio 2016 passeranno alle dipendenze di Lilium Ristorazione continuerà ad essere applicata la contrattazione integrativa territoriale/aziendale in essere fino all’eventuale definizione di un accordo collettivo aziendale nazionale.
    Starhotels ha anche anticipato che, riguardo al futuro dei lavoratori attualmente occupati nell’amministrazione, oltre a ribadire la disponibilità al trasferimento presso la sede di Firenze e al confronto territoriale, metterà a disposizione un incentivo all’esodo pari a 10 mensilità.

    Si è infine affrontata la spinosa questione delle annunciate terziarizzazioni del servizio ai piani degli alberghi di Firenze e Siena. Assieme alle rappresentanze aziendali si è convenuto di dare seguito in questa sede alla procedura prevista dal CCNL industria turistica. Ne è scaturita una intesa che introduce garanzie importanti e non scontate.

    Nel passaggio all’appaltatore i lavoratori conserveranno le tutele ex articolo 18 legge 300/70.

    Il CCNL dell’Industria Turistica troverà piena applicazione per i lavoratori interessati e per le eventuali nuove assunzioni. L’occupazione verrà salvaguardata in toto e il perimetro entro il quale effettuare trasferimenti sarà limitato alla sole “piazze” fiorentina e senese.
    Il confronto territoriale proseguirà comunque sulla organizzazione del lavoro.

    p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale
    Cristian Sesena

    Link Correlati
         Accordo 08-07-2016

    Roma, 22 giugno 2016

    Testo unitario

    Il 20 giugno a Roma si è tenuto l’incontro nazionale per l’esperimento dell’esame congiunto riguardante l’acquisizione a far data dal 1 luglio 2016 degli alberghi :

    · Hotel Helvetia e Bristol Firenze

    · Grand Hotel Continental Siena

    · Hotel d’Inghilterra Roma

    · Hotel Villa Michelangelo Vicenza

    di proprietà di TCL SPA, da parte della catena Starhotels.

    L’incontro è stato utile anche per definire gli estremi del passaggio, in regime di affitto annunciato in procedura, del ramo Food and Beverage , che avverrà entro i primi dieci giorni di luglio a favore della impresa Lilium Ristorazione Srl.

    I lavoratori coinvolti dalla complessa operazione societaria sono 167 che a far data dal 1 luglio e senza soluzione di continuità passeranno alle dipendenze di Starhotels; di questi 69 transiteranno successivamente alle dipendenze della Lilium per effetto di una ulteriore operazione societaria di affittanza.

    Starhotels applica il CCNL Turismo Confindustria mentre TCL e Lilium quello Federalberghi Confcommercio.

    L’acquirente ha una contratto integrativo aziendale tuttora vigente, l’affittuario applica il solo contratto nazionale, mentre non è stato possibile appurare se gli alberghi oggetto della acquisizione hanno trattamenti in essere derivanti da contrattazione aziendale e/o territoriale.

    Starhotels ha annunciato che le figure amministrative attualmente operanti in loco verranno trasferite presso la sede di Firenze. Abbiamo chiesto che prima di procedere in tal senso si attivino tavoli territoriali finalizzati a valutare l’impatto di tale processo riorganizzativo sui lavoratori interessati e eventualmente ad esplorare alternative al trasferimento.

    In merito al delicato passaggio della terziarizzazione dei servizi ai piani per due dei quattro alberghi coinvolti, Starhotels ha garantito che ciò avverrà nel rispetto delle procedure e delle regole previste dal CCNL Industria turistica, anticipando come sia sua intenzione applicare agli addetti eventualmente coinvolti il CCNL del Turismo e condizioni di miglior favore già previste per i dipendenti diretti ( ticket restaurant). Come OOSS, ribadendo che debbano essere fatti tutti gli sforzi possibili per evitare l’appalto di servizio, abbiamo comunque indicato, nel rispetto della disciplina contrattuale di riferimento, la sede territoriale come quella idonea ad attivare un confronto di merito.

    Nella oggettiva impossibilità di procedere ad una compiuta verifica dei trattamenti economici e delle condizioni normative (ivi compreso il servizio mensa) applicate ai lavoratori di TCL, abbiamo previsto di incontrarci nuovamente l’8 luglio 2016 alle 13 a Firenze per effettuare l’armonizzazione degli stessi rispetto a quanto applicato attualmente in Starhotels.

    p. La Segreteria Filcams Cgil Nazionale

    Cristian Sesena

    Link Correlati
         verbale di accordo 20-06-2016

    Roma, 8 giugno 2015

    Testo unitario

    in data 4 giugno si è svolto a Roma l’incontro annuale con STARHOTELS relativo ai diritti di informazione previsti dal contratto integrativo Aziendale.

    La Catena alberghiera in oggetto composta da 20 strutture alberghiere sul territorio nazionale più una a Parigi e due a Londra ci ha informati che l’anno 2014, in particolare per Starhotels Italia, ha avuto nel complesso un andamento positivo.

    Il MOL aziendale ha raggiunto infatti il + 1%. Ciò grazie al buon risultato di alcuni alberghi che ha equilibrato quello di altri più problematici, ma soprattutto questo risultato è stato raggiunto grazie ad una politica aziendale di contenimento dei costi. Ciò è rappresentato anche dal fatto che a fronte di un risultato positivo di cui sopra, si è registrato un meno 1% nei ricavi.

    Ci sono state segnalate alcune performances più problematiche soprattutto sulla Piazza di Roma (Metropol e Michelangelo); in queste strutture si cercherà di affrontare tale criticità con una diversa politica del prezzo camera nel tentativo di riallinearle con l’ andamento aziendale italiano.

    A Napoli , invece, dopo due anni di risultati negativi il 2014 è stato positivo.

    Per il 2015 l’Azienda ha dichiarato che, pur verificando punti in percentuale in più rispetto ai ricavi dell’anno precedente, al momento, non sono stati raggiunti i budgets stabiliti tenuto conto delle potenzialità di business offerte da EXPO soprattutto per la realtà di Milano. L’evento come è noto è comunque iniziato solo da un mese e pertanto è difficile comprendere ora quale sarà il suo reale effetto in termini di ricavi.

    I dati forniti sull’organico (all a) vedono nel 2014 un totale dipendenti Stahotels Italia pari a 661 lavoratori di cui 64 P.T e 83 a tempo determinato.

    A tale proposito l’azienda ha dichiarato la propria volontà di stabilizzare alcuni di quest’ultimi cogliendo l’opportunità fornita dalla recente legislazione (Jobs act).

    Su specifica richiesta della delegazione Sindacale l’azienda ha poi fornito dettagli sul progetto STARFOOD che rappresenta un modello di partnership tutto italiano con EATALY, sottolineandone il carattere sperimentale.

    Inoltre, a completamento del diritto di informazione, ci sono stati forniti anche i risultati degli alberghi situati in altre nazioni (Francia e Regno Unito) che sono rimasti ancora sotto il budget previsto per il 2014.

    Il premio di risultato risulta quindi erogato a tutti per quanto riguarda il raggiungimento del M.O.L. alberghiero Aziendale.

    Al contrario, la quota di salario legata al raggiungimento del REV PAR. è erogata a 8 Alberghi su 20.

    Per quanto riguarda il criterio di qualità recentemente modificato è stato raggiunto da tutte le strutture con arrotondamenti effettuati anche alla luce dell’applicazione mista delle vecchie e nuove (Market Metrix) modalità.

    Ciò produce un risultato di salario variabile pro-capite legato agli andamenti del 2014 che va da un minimo di 650 € a un massimo di 1000 €. ( All. b,c,d,d1).

    Filcams, Fisascat e Uiltucs Nazionali hanno espresso soddisfazione per l’andamento dell’impresa che rappresenta una catena Alberghiera "Italiana" che è sempre indirizzata verso lo sviluppo e che non ha mai avuto la necessità di utilizzare ammortizzatori sociali per mantenere l’occupazione.

    Anche per questa caratteristica è stata chiesta dal Sindacato e confermata dalla Azienda la ultra vigenza del CIA anche per il 2016.

    Infine, la delegazione Sindacale ha chiesto ulteriori dati relativi all’organico e l’attuale mappature dei servizi alberghieri dati a terzi

    In ogni caso le OO.SS di categoria hanno concordato un nuovo incontro con l’azienda entro la fine dell’anno 2015 al fine di continuare la verifica dell’andamento occupazionale e economico dell’impresa anche alla luce dei due eventi che caratterizzeranno il corrente anno quali l’EXPO a Milano e il Giubileo a Roma.

    Le OOSS, qualora a fine anno si registrassero risultati pari alle attese, hanno chiesto di poter valutare la possibilità di prevedere e concordare forme aggiuntive di gratifica per i dipendenti. Starhotels si è resa disponibile ad effettuare una valutazione congiunta appena in possesso di dati certi.

    p. la Segreteria Filcams Nazionale

    Cristian Sesena

    Roma , 22 luglio 2014

    Si è svolto nella giornata del 17 luglio a Roma, l’incontro annuale con Starhotels: all’ordine del giorno I Diritti di informazione contrattualmente previsti..
    All’inizio del confronto le Segreterie Nazionali FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS hanno stigmatizzato la decisione unilaterale di Confindustria di sospendere unilateralmente il versamento del contributo all’ente bilaterale per il sostegno al reddito. Hanno di fatto chiesto a Starhotels di non percorrere questa direzione almeno in attesa del confronto previsto prossimamente nel corso delle prossime trattative per il rinnovo del Contratto Nazionale dell’industria Turistica.
    La Direzione Starhotels ha presentato alla delegazione Sindacale un sunto del premio di risultato 2013 previsto dalla Contrattazione Integrativa Aziendale vigente. Risulta che mentre non è stato raggiunto l’obbiettivo legato al M.O.L. visto il risultato negativo del 2013 (-1% con un budget ricavi previsto DI126 milioni di euro e un consuntivo ricavi di 121 milioni di €), l’obiettivo legato alla qualità è stato centrato in tutti gli Alberghi; solo 7 alberghi su 20 hanno invece positivamente raggiunto il parametro legato alla redditività.
    A tale proposito l’azienda ci ha preannunciato alcune innovazioni relative al parametro della qualità che ci verranno presentate in Autunno, ma che non appaiono destinate a stravolgere l’impianto a suo tempo concordato.
    Starhotel ha riscontrato un primo trimestre 2014 molto critico dal punto di vista economico, nel quale sono stati persi quasi un milione di € sul budget . Il secondo trimestre dell’anno corrente ha invece avuto un andamento decisamente migliore e ciò fa sperare , a detta dell’Impresa, IN un buon recupero anche in concomitanza col semestre Italiano di presidenza europea , che preannuncia un potenziale aumento di occupazione camere.
    Le ristrutturazioni in atto come quella del Hotel Rosa sono state terminate e visto l’andamento non si prevedono importanti nuovi interventi se non dopo il 2015.
    L’organico si mantiene stabile con un tasso di turn over normale.
    La Direzione Aziendale su sollecitazione della delegazione sindacale ha confermato l’acquisizione di due piccoli alberghi a Londra che si aggiungono ai 20 italiani e a quello francese.
    Le Segreterie Sindacali nazionali unitamente alla delegazione delle strutture sindacali territoriali hanno chiesto di riaggiornare l’incontro nella giornata del 8 ottobre 2014 per approfondire i dati presentati in particolare relativi all’organico e al Budget 2014 e all’andamento economico e anche per conoscere il piano di programmazione e di sviluppo 2014/2015 in particolare in relazione all’EXPO’ nonché gli interventi programmati per attirare la clientela in occasione dei prossimi avvenimenti internazionali.
    Le Parti hanno concordato che visto la complessa situazione economica del settore e la fase di criticità sul tavolo delle trattative per il rinnovo del CCNL a partire dal 1 ottobre 2014 il C.I.A continuerà a produrre i suoi effetti per un altro anno nel rispetto delle clausole di ultravigenza in esso contenute. E’ stato infine sottoscritto un accordo per la detassazione (che alleghiamo) che consentirà ai dipendenti di poter godere dei benefici fiscali previsti dall’attuale normativa.

    P.Segreteria Filcams Nazionale
    Cristian Sesena

    All. accordo detassazione

    Roma, 5 novembre 2013

    Oggetto: Starhotels- scadenza contratto integrativo aziendale.

    l’accordo Integrativo aziendale Starhotels scade il 31 dicembre 2013. E’ sottoposto ad una clausola di ultra vigenza “spuria” che per comodità citiamo integralmente:

    “ Questo accordo salvo quanto disposto in singoli punti dello stesso, avrà durata dall’1/1/2011 al 31/12/2013. Almeno tre mesi prima dalla sua scadenza le OOSS presenteranno una piattaforma per il rinnovo della contrattazione. Le parti dovranno incontrarsi per contrattare un nuovo accordo entro 30 giorni dalla ricezione della piattaforma. Ove le parti non raggiungessero un nuovo accordo entro 18 mesi dalla scadenza del contratto, questo accordo cesserà ogni effetto. Ove ciascuna delle parti comunichi all’altra che questo contratto andrà a cessare alla sua prima naturale scadenza del 31/12/2013, saranno garantiti, ove non si raggiunga prima un nuovo accordo, i 18 mesi di ultravigenza di cui al periodo precedente. Successivamente alla scadenza del 31/12/2013 questo accordo sarà prorogato di anno in anno salvo disdetta da comunicare all’altra parte entro il 30 settembre di ciascun anno.”

    Come è facile evincere, non avendo presentato una piattaforma rivendicativa “almeno tre mesi prima” dalla sua naturale scadenza, l’accordo é entra in regime di proroga annuale.
    Riteniamo quella di non aver presentato (a fronte delle vicissitudini che i CCNL di settore stanno attraversando) una piattaforma di rinnovo nei tempi canonici, rappresenti l’unica scelta praticabile e di “buon senso” in questa fase.
    E’ noto a tutti infatti cosa sta accadendo alla contrattazione di secondo livello nella nostra categoria, contrassegnata da disdette pressoché giornaliere, e atteggiamenti spesso strumentali delle controparti volti ad utilizzare i rinnovi per intraprendere percorsi di mera restituzione e taglio del costo del lavoro.
    L’accordo Starhotels, il primo a livello nazionale, nacque proprio in un contesto di recesso unilaterale di contrattazioni territoriali.
    Infine non va trascurato il tema della sovrapposizione delle tempistiche di rinnovo fra CCNL Industria Turistica e Contratto Integrativo, che avrebbe potuto comportare il rischio di “bruciare” inutilmente parte dei 18 mesi di ultravigenza garantita dall’intesa.
    Invitiamo pertanto le strutture interessate a portare queste argomentazioni all’attenzione della RSA/RSU e nel contempo a rassicurarle che comunque con l’inizio del 2014 ci attiveremo con l’azienda per fissare un incontro in cui discutere oltre che della situazione economica della stessa anche delle prospettive della contrattazione di secondo livello.

    p. la Segreteria Filcams Nazionale
    Cristian Sesena

    Roma, 25 luglio 2012

    Testo Unitario

    in data 23 luglio 2012 si è tenuto il previsto incontro di informativa nazionale con la Direzione di Star Hotels. Il 2011 è stato un anno molto positivo che ha visto l’ azienda superare tutti gli obbiettivi di budget del 2010. Ciò si è riverberato positivamente sulle erogazioni del nuovo sistema incentivante definito nell’ Accordo Quadro del 30 dicembre 2011.

    Solo quattro alberghi (Terminus Napoli, Gran Milan Saronno, Michelangelo Roma, Cristallo Palace Bergamo) , infatti, non hanno raggiunto appieno tutti i parametri.

    I primi 6 mesi del 2012 registrano però un andamento opposto che si auspica possa essere riportato in equilibrio entro la fine dell’anno. Le realtà interessate da ristrutturazione (Napoli e Roma) hanno raggiunto intese locali con la RSA che salvaguardano l’occupazione e l’organizzazione del lavoro, e mirano a concludersi con il rilancio delle strutture in oggetto.

    Star Hotels ha poi presentato la propria proposta in merito al parametro qualitativo del premio aziendale.

    Dopo aver abbandonato il sistema del mistery guest, ritenuto non esaustivo, l’azienda ha scelto una nuova modalità di misurazione della qualità percepita denominata Market Matrix e che vede l’utilizzo di una società di rilevazione esterna. Ai clienti che rilasciano il proprio consenso, viene somministrato via mail un questionario molto articolato, per testarne il livello di soddisfazione alla fine del soggiorno. Del questionario sola una serie di risposte vengono utilizzate per la determinazione del premio, in quanto più cogenti all’apporto partecipativo dei lavoratori, vedi allegato.

    Abbiamo espresso la necessità di una approfondita valutazione perché l’indicatore qualitativo è l’unico svincolato da parametri economici, e pertanto fortemente sentito dai lavoratori che lo vorrebbero, nei fatti, condiviso e partecipato.

    Ci siamo riservati di fare una controproposta che comunque non trascuri il non secondario aspetto che l’attuale sistema aziendale comunque già garantisce buoni risultati in termini di raggiungibilità e quindi di erogazione della quota/premio prevista dal CIA.

    Dai delegati presenti sono subito emerse osservazioni interessanti quali ad esempio su come sia possibile influire sul contributo dell’apporto dei lavoratori in outsourcing, e critiche ad alcune voci del questionario che risulterebbero non facilmente riconducibili all’attività lavorativa dei dipendenti e al loro impegno in caso di guasti di attrezzature od altro.

    Su nostra proposta, l’azienda si è resa disponibile ad un confronto aperto sull’argomento, già accettando la proposta di parte sindacale, di effettuare periodiche riunioni informative con le rappresentanze dei lavoratori, finalizzate al monitoraggio dell’andamento dell’indicatore qualitativo nel corso dell’anno, e ad intervenire congiuntamente per quei parametri non governabili.

    Infine sono state poste all’attenzione della direzione alcune criticità emerse nell’erogazione del premio di garanzia, riguardanti il capitolo 8 del CIA ( Nuovi Assunti), che parrebbe per questa voce, essere stato erroneamente condizionato dal criterio della presenza, e la definizione del quantum economico per i part time verticali calcolato in maniera peggiorativa; è stata formulata anche la richiesta limitatamente all’anno 2011, di riconsiderare eventuali mancati raggiungimenti del premio per pochi giorni di assenza derivanti da ferie imposte, che risulterebbero troppo penalizzanti stante anche la novità dei criteri di determinazione del sistema premiante.

    La direzione ha espresso apertura ad effettuare tutte le verifiche del caso, a fronte di segnalazioni precise da parte di OOSS Territoriali ed RSA.

    Il prossimo incontro si terrà il 27 settembre a Roma con inizio alle ore 15.00.

    p. la Filcams Cgil Nazionale

    Cristian Sesena

    Roma, 02 gennaio 2012

    in allegato vi inoltriamo copia dell’accordo relativo al progetto formativo “Sviluppo delle Competenze Starhotels 2012”, a far valere sul conto formazione individuale di Starhotels presso il Fondo di Formazione Interprofessionale FONDIMPRESA.
    Contrariamente a quanto dichiarato in premessa, abbiamo riscontrato che la condivisione dei contenuti e delle modalità della formazione è stata effettuata in modo approssimativo; pertanto abbiamo concordato che la Direzione Aziendale effettuerà un nuovo giro di illustrazione del presente progetto formativo, coinvolgendo TUTTE le RSU/RSA.
    Rispetto alla bozza originaria abbiamo ottenuto che le lezioni di diritto sindacale saranno organizzate e tenute dalle strutture sindacali territoriali, pertanto invitiamo tutte le strutture ad attivarsi presso le relative unità alberghiere al fine di concordare le date per esercitare quanto sopra.
    Da ultimo c’è l’impegno della Direzione di Starhotels di valutare piani formativi proposti dalle OO.SS.

    p. la Filcams Cgil Nazionale
    Massimo Frattini

    verbale accordo Fondimpresa

    Testo Unitario

    Il giorno 20/6/2011 si è tenuto a Roma il previsto incontro con la Direzione di Starhotels.
    Il confronto con l’azienda si è però concentrato sul tema dell’impostazione dell’impianto del premio variabile da definire all’interno dell’eventuale Contratto Integrativo Aziendale; su tale tema sono emerse delle criticità che non ci hanno ancora consentito di individuare un punto di equilibrio condiviso.
    Anche alla luce del fatto che, secondo Starhotels, la natura del salario aziendale è dirimente ai fini del buon esito o meno del negoziato, abbiamo deciso di aggiornarci in una riunione ristretta da effettuare tra l’azienda e le sole Segreterie Nazionali per il giorno 14 luglio 2011.
    Nel frattempo, anche al fine di consentire una riflessione al nostro interno, Vi facciamo un sintetico riepilogo dello stato della trattativa con Starhotels quale è emerso dalle ultime due riunioni del 9 e del 20 giugno. La sintesi concerne i temi principali.
    Contatto Integrativo Aziendale – Attraverso numerosi incontri, successivi e conseguenti alla disdetta di tutti gli accordi integrativi esistenti da parte dell’Azienda nel corso del 2010, abbiamo cercato di definire un accordo quadro nazionale contenente regole e principi per tutte le strutture di Starhotels, ovvero il primo contratto integrativo aziendale per tutti i dipendenti dell’azienda.
    Contratti territoriali – Tutti i contratti territoriali sono stati disdettati nel corso del 2010 da parte dell’azienda.
    Il nuovo contratto aziendale unico manterrebbe vive alcune specificità, ovvero le parti normative, che potranno essere oggetto di confronto e contrattazione a livello territoriale, salvo quanto già definito e disciplinato a livello di C.I.A. Nazionale.
    Relazioni sindacali – Individuazione di un sistema di relazioni sindacali “strutturato” ed articolato su 2 livelli, nazionale e territoriale, ciascuno con compiti e materie specifici.
    Salario aziendale – Individuazione di un unico premio variabile per tutto il personale dipendente di Starhotels, in sostituzione di tutti i meccanismi salariali in essere fino al 2010 sulla base degli accordi esistenti.
    Valore massimo del premio variabile, a conseguimento di obiettivi e parametri condivisi, pari a €1.900 (millenovecento). Il premio variabile, che beneficerebbe del regime contributivo e fiscale agevolato, sarebbe articolato sulla base dei seguenti principi:

    Per l’azienda questo meccanismo sostituisce ogni altro premio in essere derivante dai contratti integrativi precedenti, compreso il premio neoassunti laddove esistente.
    Abbiamo sottolineato la problematicità relativa al superamento dell’indennità neoassunti, anche se essa riguarda una parte soltanto del personale Starhotels (Milano e una struttura di Roma). L’azienda ha dichiarato imprescindibile il nuovo impianto di salario variabile e condizione necessaria per il buon esito del negoziato. In assenza, non vi sarebbe accordo e rimarrebbero le disdette.
    Starhotels si è però dichiarata disponibile – a seguito di nostra richiesta – a discutere ancora l’articolazione del premio, ovvero il peso da attribuire ai singoli obiettivi/parametri, spostando più valore sul parametro aziendale generale e/o sui primi parametri (quelli più facilmente raggiungibili) di unità alberghiera.
    Abbiamo ribadito la criticità del superamento del premio neoassunti da un lato, apprezzando, per altro verso, l’estensione a tutto il personale Starhotels del premio aziendale e dell’aumento delle quote di premio, riservandoci comunque ulteriore confronto e valutazione complessiva al prossimo incontro.
    Premio 2010 – Pagamento di un importo pari a 2/3 di quanto previsto dagli accordi integrativi di struttura/territorio (variabile e anche neoassunti). Noi continuiamo a chiedere saldo del 100% del premio 2010.
    Terziarizzazioni – A fronte della nostra richiesta insistente di regole e garanzie rispetto alle terziarizzazioni, c’è impegno se si arriva a fare l’accordo, a non fare esternalizzazioni che coinvolgano il personale in essere durante la vigenza dell’eventuale accordo aziendale. In caso di apertura di nuovi alberghi, c’è impegno ad effettuare incontri con le OO.SS.
    Su questo tema noi ancora chiediamo che, nell’ambito dei servizi terziarizzati, vi sia l’applicazione integrale del trattamento economico/normativo del turismo (CCNL Turismo).
    Durata contratto – Dal 1/1/2011 al 31/12/2013: preavviso di recesso tre mesi prima della scadenza, con presentazione della piattaforma e obbligo di incontro; ultravigenza massima 30/06/2014. Su questo punto l’obiettivo è di ottenere la piena ultravigenza.
    Vi invitiamo ad effettuare delle assemblee con i lavoratori, fornendoci il vostro giudizio in merito prima del prossimo incontro con l’azienda.

    Alleghiamo la bozza di Ipotesi di Accordo Quadro inviataci oggi da Starhotels.

    p. la Filcams Nazionale
    M.Frattini


    Roma, 2 maggio 2011

    Testo unitario

    Il 12 aprile u.s. si è tenuto l’incontro con la Direzione Starhotels; l’incontro seguiva quello del 14 gennaio in quanto la data del 9 febbraio è servita a effettuare una riflessione circa quale impianto dare alla contrattazione del gruppo. Considerata la difficoltà nel procedere con un accordo che definisca tutti i temi a livello nazionale per la storia della contrattazione in Starhotels e per le differenze che esistono nelle strutture presenti su tutto il territorio nazionale, si è convenuto unitariamente di proporre un accordo “quadro” che definisca alcuni temi di carattere generale (es. Relazioni Sindacali, Terziarizzazioni, Premio di produttività, etc.) e demandare alla contrattazione territoriale i temi più classici dell’organizzazione del lavoro: orari, turni di lavoro.
    Questa impostazione è stata esposta alla Direzione Starhotels, chiarendo che quanto attualmente in essere nei vari contratti integrativi dovrà essere valorizzato e non disperso.

    L’Azienda ha accettato lo schema di contrattazione, avanzando la proposta di inviare alle parti una bozza per la discussione nei prossimi giorni e di aggiornare la trattativa alla prima data utile.

    In attesa di ricevere e inoltrare tale bozza, comunichiamo che la trattativa è convocata per venerdì 13 maggio alle ore 10.30 presso lo Starhotel Metropole di Roma, Via Principe Amedeo, 3 – Roma.

    p. La FILCAMS-CGIL NAZIONALE
    Massimo Frattini

    Roma, 17 settembre 2010

    TESTO UNITARIO

    Il 7 settembre u.s. si è tenuta la trattativa con la Direzione Starhotels. L’incontro seguiva quello del 29 luglio u.s., durante il quale si era esaminata la situazione aziendale e la Direzione di Starhotels aveva giudicato gli assetti contrattuali esistenti (a cominciare dalla parte economica) non più rispondenti all’evoluzione dell’azienda. Ricordiamo anche che oggetto della discussione era stata l’erogazione delle quote di premio del 2010 considerato che il congelamento dei premi riguardava il solo 2009. La pausa si era resa necessaria per convocare il coordinamento dei delegati e delle strutture per discutere delle posizioni aziendali.

    Il coordinamento unitario, convocato per la mattina del 7 settembre, aveva ribadito che la condizione primaria per continuare la discussione fosse l’applicazione degli accordi e il pagamento delle quote di premio laddove previste, nei tempi e con le modalità degli accordi in essere. In avvio d’incontro, la Direzione aziendale, pur affermando la validità meramente giuridica delle richieste sindacali, sosteneva l’impossibilità ad erogare quote di premio nelle somme e nei meccanismi previsti negli accordi passati a fronte delle difficili condizioni economiche e dell’evoluzione aziendale e si rendeva disponibile alla discussione di un accordo sul premio di produzione, che comprendesse anche il 2010, ma con nuovi meccanismi di premio.

    A fronte della determinazione sindacale di veder riconosciuto il premio del 2010, la Direzione aziendale dapprima affermava che ciò avrebbe comportato la disdetta degli accordi integrativi per il 2011 poi tentava una mediazione, proponendo il pagamento delle quote maturate al settembre 2010, ove ciò fosse stato previsto nei contratti integrativi aziendali, e di procedere al rinnovo dei contratti integrativi definendo nuovi meccanismi di premio. L’azienda ribadiva inoltre che il nuovo accordo dovrebbe essere retroattivo al 1 gennaio 2010 e che, pertanto, le suddette erogazioni dovrebbero andare a conguaglio.

    Alla ripresa della trattativa, dopo una sospensione per consentire una discussione all’interno della delegazione trattante, la parte sindacale ribadiva la propria posizione e la necessità di riaggiornarsi al fine di effettuare un giro di assemblee informative.

    L’azienda concludeva comunicando che, a fronte della indisponibilità delle OO.SS. a negoziare, del tutto o parzialmente, gli integrativi in essere a cominciare dal tema del premio, avrebbe provveduto ad effettuare la disdetta dei contratti integrativi; a detta dell’azienda “tale disdetta sarebbe da considerarsi solamente tecnica, in quanto permetterebbe di continuare le trattative senza l’onere di dover pagare premi di produzione per il 2011 secondo i meccanismi in vigore”.

    Invitiamo pertanto tutte le strutture ad effettuare assemblee informative nei luoghi di lavoro nel più breve tempo possibile in vista della ripresa della trattativa, pur non essendo in grado al momento di comunicare la data dell’incontro.

    p. La Filcams CGIL Nazionale
    (Massimo Frattini )

    Roma, 5 agosto 2010

    Testo Unitario

    il 29 luglio u.s. con la Direzione Generale Starhotels si è tenuto l’incontro richiesto dalle Segreterie Nazionali per dar seguito a quanto previsto dal verbale di accordo del 4 agosto 2009: in tale verbale a fronte del congelamento della parte economica degli integrativi aziendali per il 2009 a fronte del momento di crisi, l’azienda ritirava le disdette ai contratti integrativi e fermava le procedure di terziarizzazione; le parti nel 2010 avrebbero effettuato un’analisi congiunta della situazione.

    L’incontro era presieduto dal nuovo Direttore Generale, Fabrizio Gaggio, che ha sostituito Enrico Balloni nella gestione delle relazioni sindacali.

    L’azienda ha comunicato i dati economici del 2009 che vedono una perdita di 3,5 Mil/€.

    Nel 2010 l’andamento del mercato ha reazioni diverse in base alle singole piazze: più sostenuto a Milano e Roma, più debole a Firenze e Venezia.

    L’occupazione delle camere è passato dal 61,3% del 2009 al 64,% del 2010, mentre il Ricavo Medio Camere è di 126€ rispetto ai 128€ del 2009; l’indicatore del REVPAR è in crescita del 4,2% rispetto al 2009.

    Sono stati accennati i piani di sviluppo dei prossimi anni, che vedono l’azienda impegnata nella ricerca di nuove strutture in Italia ma principalmente nelle capitali europee mediante contratti d’affitto o management contract.

    Affrontando il tema dei contratti integrativi aziendali, la cui parte economica ricordiamo era stata congelata per il solo 2009, le OO.SS. hanno ricordato che nel 2010 questa doveva essere ripristinata, seppur con una sorta di coordinamento a livello nazionale. Starhotels ritiene che i meccanismi di premio previsti nei vecchi accordi non rispondono più ai criteri di efficienza dell’azienda e ha già fatto alcune proposte a livello territoriale.

    Starhotels si è resa però disponibile ad un’armonizzazione degli accordi di secondo livello e della sua riconduzione ad un livello nazionale.
    Ritenendo che il tema non potesse essere affrontato in quella sede abbiamo proposto di riconvocare l’incontro subito dopo il periodo feriale, evitando iniziative unilaterali di qualsiasi tipo.

    Pertanto il coordinamento unitario delle strutture e delegati è convocato per il giorno 7 settembre al mattino mentre l’incontro con la Direzione Starhotels è programmato alle 15.00 in luogo ancora da definire.

    Nell’attesa di comunicare orari e luoghi di tali incontri, desideriamo augurare a tutti buone ferie.


    Testo unitario

    Oggetto: Esito incontro Starhotels 4 agosto 2009

    Care compagne, cari compagni,

    si è tenuto il giorno 4 agosto u.s. il programmato incontro con Starhotels, con la presenza delle strutture e dei delegati.

    Al fine di rispondere alle difficoltà ed alla crisi in cui versa la Società Starhotels, ed ad fine di salvaguardare l’occupazione in essere, dopo 3 incontri di trattativa, abbiamo sottoscritto un accordo che prevede, da una parte il ritiro della procedura di terziarizzazione e di disdetta degli Accordi integrativi e dall’altra la sospensione del salario di 2° livello così come definito dagli accordi integrativi per l’anno 2009 convenendo un incontro entro marzo 2010 per la definizione della ripresa dell’erogazione economica di 2° livello.

    Pur cogliendo con grande soddisfazione la chiusura della vertenza, va sottolineato che l’azienda ha dichiarato che ci sono ancora alcuni problemi da affrontare su Milano e su Genova, a cui, dal nostro punto di vista, va aggiunto il delicato problema dell’hotel di Napoli, che sarà, a breve, chiuso per ristrutturazione per due anni.

    Un cordiale saluto

    p. La Filcams CGIL Nazionale
    (Sabina Bigazzi)

    1 Allegato

    PREMIO DI RISULTATO

    TotaleRedditivitàQualità

    Monginevro1.231.200967.600263.600
    Michelangelo (4°)2.400.4891.220.5881.179.901
    Tourist2.264.1111.874.387389.724
    Splendido2.264.1111.874.387389.724
    Rosa2.264.1111.874.387389.724
    Ritz2.264.1111.874.387389.724
    Anderson2.264.1111.874.387389.724
    Business2.264.1111.874.387389.724
    Metropole 2.194.671 1.698.005 496.666
    Majestic3.620.0252.861.680758.345
    Splendid Suisse4.752.9003.910.500662.400
    Savoia Exc.P. 1.213.945 1.099.525 114.420
    President2.135.9891.688.529447.460
    Cristallo P.2.414.4081.690.085724.323
    Miche. Roma 1.500.000 1.258.333 241.667
    Terminus 1.201.788 841.251 360.537

    Media 2.265 630 1.780 151 474.229

    VERBALE DI ACCORDO

    Per le OO.SS. Per l’azienda

    Link Correlati
         Nota esplicativa

    VERBALE DI RIUNIONE

    Il giorno 29 gennaio 2001 presso la sede dell’Associazione degli Industriali della Provincia di Firenze si sono incontrati:

    Le parti si sono incontrate al fine di dare seguito a quanto previsto dall’art.3 e successive modifiche del CCNL AICA ed hanno affrontato ampiamente i seguenti temi:

    4. Politiche strategiche di sviluppo e di investimento dell’azienda

    Le parti si danno atto di aver esaurito la fase di informazione e consultazione e si impegnano ad incontrarsi a breve scadenza per approfondire e definire gli argomenti soprariportati; in previsione degli incontri suddetti e, in caso di necessità, le parti, attraverso propri rappresentati con competenza tecnica, si incontreranno sulle singole tematiche per gli approfondimenti del caso.

    PER L’AZIENDA

    PER ASSINDUSTRIA PER LE OO.SS.