Category Archives: Pellegrini

Roma 29.09.2015

Nella giornata del 28 u.s. si è svolto svolto il previsto incontro con le Società.; Pellegrini S.p.a;. Sodexo Italia S.p.a e Compass Group Italia S.p.a. e le Segreterie di Filcams – Fisascat- Uiltucs, in applicazione di quanto disposto dal CCNL di categoria in materia di cambio d’appalto riguardante il servizio di ristorazione sedi Eni.
Durante la riunione e dopo aver esaminato gli elenchi forniti dalla società uscente, la società subentrante, Compass Group Italia S.p.a. ha dichiarato la propria indisponibilità ad garantire i livelli occupazionali di tutto il personale presente sull’appalto, escludendo dal passaggio le figure “apicali”. Da parte delle OO.SS. è stato più volte evidenziato che il personale presente oggi sugli impianti è quello riveniente dai precedenti appalti e che quindi avevano diritto alla conservazione del posto di lavoro. Le posizioni sostenute dalla società subentrante sono per noi del tutto infondate e immotivate ed inaccettabili anche in ragione degli effetti che le mancate assunzioni produrrebbero in termini di mancato servizio (es. per la sede di Taranto non sarebbero assunti i due cuochi!!!).
Pertanto in virtù dell’impossibilità di raggiungere nessun tipo d’accordo con la società che a partire dal 01 ottobre 2015 dovrebbero assumere il servizio di ristorazione, vi chiediamo, nonostante i tempi brevissimi di convocare la società presso le Direzioni Provinciali del Lavoro per il proseguo della vertenza.
Inoltre come OO.SS. abbiamo chiesto un urgente incontro al committente ove possibile, la sospensione della partenza del servizio.

p.la Filcams Cgil Nazionale
Giovanni Dalò

      DENUNCIA DI PELLEGRINI ALL’ANTITRUST: IRREGOLARE L’APPALTO DEI BUONI PASTO STATALI

      (AGRA) 15 Aprile 2001 – Il gruppo Pellegrini ha denunciato all’Antitrust e alla
      Commissione europea la presunta irregolarità della gara d’appalto per i
      buoni pasto statali, un appalto di durata biennale suddiviso in cinque
      lotti che ha un valore di circa 810 miliardi.
      Secondo Pellegrini la Confip, società del ministero del Tesoro che cura
      le gare d’appalto per la pubblica amministrazione, avrebbe permesso
      intese restrittive della concorrenza che oltre a generare un abuso di posizione
      dominante arriverebbero anche a costare all’erario circa 50 miliardi
      in più. L’appalto per la fornitura di buoni pasto ai dipendenti statali è
      stato vinto da una cordata costituita da Gemeaz Cusin, Ristoservice,
      Ristomat e Sodexho Pass, un “cartello’ secondo Pellegrini.
      Alla Confip il gruppo Pellegrini aveva fatto presente che – beneficiando di
      una contestata clausola che basa sulla quantità degli esercizi convenzionati
      l’anno precedente la gara l’aggiudicazione dei punti attribuibili (46 su
      50) per determinare la migliore offerta – l’azienda leader del settore o
      diverse aziende associate tra loro sarebbero partite con un vantaggio
      incolmabile per i concorrenti. In concreto, influenzando l’assegnazione del
      punteggio, secondo il punto di vista del gruppo Pellegrini, un pool di aziende
      ha prima partecipato all’aggiudicazione di tutti e cinque i lotti e poi
      ognuno dei “soci’ ha presentato la propria singola offerta. c
      (D174)

Addì 12 dicembre 2000 in Roma

TRA

la PELLEGRINI NORD S.P.A .

LA PELLEGRINI CENTRO SUD S.P.A .

LA PELLEGRINI S.P.A .

rappresentate dal Dott. Giovanni Gamna

e le segreterie nazionali della Filcams Cgil nella persona del signor Gabriele Guglielmi, la Fisascat Cisl nella persona del Sig. Pietro Giordano e della Uiltucs Uil nella persona del sig. Renzo Frau;

si è tenuto l’incontro di cui all’art. 47 legge 29/12/1990 n. 428 con riferimento alla fusione per incorporazione delle società Pellegrini Nord S.p.A e Pellegrini Centro Sud S.p.A nella società Pellegrini S.p.A. a seguito della procedura attivata con lettere del 23 e 24 novembre 2000.

Nel corso dell’incontro le Società hanno fornito le informazioni contemplate dalla legge stessa illustrando le ragioni dell’operazione.

E’ stato, inoltre, precisato che la fusione non comporterà conseguenze giuridiche, economiche e sociali per i lavoratori interessati i quali passeranno senza soluzione di continuità alle dipendenze della Società incorporante con il medesimo trattamento economico e normativo.

Inoltre verranno mantenuti gli eventuali accordi collettivi in essere.

Fermo restando l’espletamento della procedura a livello locale, in occasione degli incontri già calendarizzati; con la sottoscrizione del presente verbale le Parti si danno atto di aver espletato ed esaurito la procedura di cui all’art. 47 legge 29/12/1990 n. 428.

Le parti, al fine di definire un sistema di relazioni sindacali a livello nazionale e decentrato, nonché con lo scopo di valutare gli aspetti applicativi e gli eventuali processi di armonizzazione si incontreranno entro il mese di marzo 2001.

Letto, confermato e sottoscritto

La Pellegrini Nord S.p.A. Le Segreterie Nazionali

La Pellegrini Centro Sud S.p.AFilcams Cgil

La Pellegrini SpAFisascat Cisl

Uiltucs – Uil

Da IlSole24Ore

Pellegrini apre una catena di ristoranti

MILANOTutto è pronto per il via ufficiale alla nuova struttura del gruppo Pellegrini di Milano, marchio storico in Italia nella gestione del catering alimentare collettivo (oltre mille ristoranti gestiti con 4.200 dipendenti e 680 miliardi di fatturato quest’anno). E prossimo competitor nazionale nella ristorazione commerciale con un marchio ancora segreto, nonchè candidato a diventare distributore di carni fresche preparate e altri cibi lavorati.

Il presidente e unico azionista del gruppo, Ernesto Pellegrini, ha infatti dato il proprio assenso al piano di revisione dell’attuale compagine aziendale. Un piano che in un paio di mesi porterà all’annullamento della finanziaria Pefin Spa e delle società operative Pellegrini Nord, Centro Sud e Central food, le cui attività verranno accorpate nella costituenda Pellegrini Spa e il cui bilancio verrà certificato dalla Kpmg. Alla nuova holding di famiglia faranno capo quattro direzioni generali e due società: Pellegrini Catering Overseas, che già esiste ed è operativa in diversi Paesi africani e da pochi giorni anche in Romania; e Pellegrini Gran Taglio, che è di nuova costituzione e si occuperà di produzione, lavorazione e distribuzione di carni e cibi preparati.

«Già oggi il gruppo svolge questo tipo di servizio — dice al Sole-24 Ore l’imprenditore milanese, che in un recente passato è stato anche patron della squadra di calcio Inter —, ma con la nuova società il business è destinato ad assumere un’importanza maggiore e, soprattutto, disporrà di un marchio ben preciso». La novità più "intrigante" per questo gruppo che da 35 anni si occupa di mense aziendali, di buoni pasto e servizi alle comunità, è la decisione di allargare lo scenario operativo investendo nella ristorazione commerciale.

«Questo nuovo business — dichiara Pellegrini — potrebbe apparire lontano dalla nostra consueta attività; in realtà si tratta di una logica evolutiva dei campi operativi che si integrano perfettamente con il core business del gruppo». L’iniziativa partirà a breve con l’apertura di alcuni punti vendita test nel Nord Italia, dopo di che si passerà alla realizzazione di una rete commerciale vera e propria su tutto il territorio.

Questo processo di diversificazione procede di pari passo ai nuovi investimenti nel settore tradizionale delle mense collettive, sviluppando nuovi canali e nicchie di mercato quali le comunità scolastiche e religiose: nel primo caso Pellegrini si è aggiudicata la gestione di due dei quattro lotti di servizi che il Comune di Milano ha di recente assegnato e, per quanto riguarda il secondo business, il gruppo milanese ha appena firmato l’acquisizione della rete Domus che gestisce servizi per 2mila istituti religiosi per un giro d’affari di 40 miliardi.

VERBALE DI ACCORDO

Addì 7 dicembre 1999, presso la sede della società Pellegrini Centro Sud S.p.A. sita in Roma viale dell’Oceano Atlantico 222 si sono incontrati, a seguito di regolare informativa aziendale e della successiva richiesta di convocazione da parte delle Organizzazioni Sindacali, La Pellegrini Centro Sud S.p.A., la Domus Service SrI,

La F.P. CGIL Roma Ovest, la FILCAMS CGIL, la FISASCAT CISL, la UILTUCS UIL, la RSA Domus Service.

Le parti riunite discutono ai sensi e per gli effetti dell’art. 47 legge 29/12/90 n. 428 la procedura relativa alla cessione ed acquisizione di un ramo d’azienda.
Infatti la Domus Service SrI trasferirà con decorrenza i gennaio 2000 alla Pellegrini Centro Sud S.p.A. il ramo d’azienda dedicato alle attività di ristorazione, sanificazione degli ambienti ed assistenza personale.