Category Archives: Maisons-du-Monde-Italie

Roma 13/06/2018

In occasione dell’incontro tenutosi in data 12 giugno 2018, presso la sede della Uiltucs nazionale, le OO.SS. Filcams- Cgil ,Fisascat-Cisl, Uiltucs e la Direzione di Maisons du Monde Italie SpA hanno proseguito il confronto sui seguenti temi:

a) premio di risultato aziendale;
b) ferie solidali;
c) sistema aziendale delle relazioni sindacali.
d) buono pasto.

In riferimento al PdR, le parti hanno condiviso l’allegato testo finalizzato a riconoscere a tutto il personale di Maisons du Monde Italie S.p.A. il diritto ad un’erogazione salariale legata ad obiettivi di redditività da raggiungere a livello consolidato, vale a dire da parte del Gruppo e non solo della sua articolazione italiana.

Quanto pattuito, analogamente all’anno 2017, decorre dal 1° gennaio 2018 sino al 31 dicembre dello stesso anno.

I beneficiari del PdR sono individuati in tutti i dipendenti aventi un rapporto di lavoro subordinato (a tempo determinato o indeterminato, sia esso part-time o full-time) con decorrenza entro e non oltre il 30 settembre 2018 e che risultino in forza al momento dell’erogazione del salario variabile.

L’ammontare complessivo del Premio – da dividere tra i dipendenti della Società per l’esercizio 2018 – ammonta a 320.000 euro (tale valore è da considerarsi il costo loro che l’azienda sosterrà, pertanto comprende i contributi previdenziali ed assistenziali dovuti, sia a carico del datore di lavoro sia a carico del lavoratore) e, comunque, non potrà in ogni caso superare il 20% del totale delle retribuzioni lorde corrisposte ai dipendenti nell’esercizio 2018.

Gli indicatori per il calcolo del PdR, come per l’anno scorso, sono sia il fatturato consolidato (Vendite) e l’EBITDA di Gruppo (o MOL di Gruppo).

L’ammontare complessivo del PdR è suddiviso in due elementi, che sono calcolati indipendentemente l’uno dall’altro; il primo elemento (S1), il cui importo massimo è pari a 75% dell’ammontare complessivo del PdR (M1), è assoggettato al conseguimento dell’obiettivo del fatturato consolidato, mentre il secondo di questi elementi (S2), il cui importo massimo è pari a 25% dell’ammontare complessivo del PDR (M2), è assoggettato al conseguimento dell’obiettivo del EBITDA di Gruppo.

Per l’attribuzione del salario variabile impegnato varranno le seguenti modalità di calcolo degli elementi S1 e S2 rispetto agli obiettivi di 1, 126 miliardi di euro per il fatturato consolidato (Vendite) e di 152 milioni di euro di EBITDA.

Modalità di calcolo dell’elemento S1
fatturato consolidato (Vendite) maggiore o uguale al 100% dell’obiettivo fatturato consolidato (Vendite) pari al 95% dell’obiettivo f fatturato consolidato (Vendite) superiore al 95% ma inferiore al 100% dell’obiettivo fatturato consolidato inferiore al 95% dell’obiettivo
S1 = M1 S1 = 50% di M1 S1 viene calcolato mediante estrapolazione lineare tra il 50% e il 100% di M1 in base al tasso di raggiungimento dell’obiettivo; quindi, se il fatturato consolidato è pari al 97% dell’obiettivo previsto per l’esercizio, S1 sarà pari al 70% di M1. S1 = 0

Modalità di calcolo dell’elemento S2
EBITDA maggiore o uguale al 100% dell’obiettivo EBITDA pari al 90% dell’obiettivo EBITDA superiore al 90% ma inferiore al 100% dell’obiettivo EBITDA inferiore al 90% dell’obiettivo
S2 = M2 S2 = 50% di M2 S2 viene calcolato mediante estrapolazione lineare tra il 50% e il 100% di M2 in base al tasso di raggiungimento dell’obiettivo; quindi, se l’EBITDA realizzato è pari al 95% dell’obiettivo fissato per l’esercizio, S2 sarà pari al 75% di M2 S2 = 0

La ripartizione del PdR avverrà secondo la seguente modalità:

50% del totale dell’ammontare complessivo del PdR ripartito proporzionalmente alla retribuzione
50% del totale dell’ammontare complessivo del PdR ripartito in proporzione alla presenza effettiva

Rispetto alle cosiddette ferie solidali ex art. 24 del D.Lgs 14 settembre 2015, n 151 all’art 24, la Direzione di Maisons du Monde Italie SpA ha sottoposto alle OO.SS. l’allegata ipotesi di intesa, che ha costituito oggetto di approfondimento e discussione fra le parti.

In estrema sintesi, condividendo la necessità di prevedere per via contrattuale un istituto solidaristico senz’altro di primaria importanza, Filcams-Cgil, Fisascat-cisl e Uiltucs hanno avanzato delle proposte migliorative tese ad accrescerne la portata sociale.

Abbiamo, infatti, richiesto alla Direzione aziendale di riconoscere per ciascuna ora donata dai lavoratori un’analoga disponibilità di astensione retribuita dal lavoro per le lavoratrici ed i lavoratori beneficiari a carico di Maisons du Monde, nonché di rendere maggiormente fruibile l’istituto implementando il bacino dei potenziali beneficiari (anche a coloro i quali svolgono assistenza nei confronti di genitori e familiari conviventi diversi dai figli minori).

I nostri interlocutori di parte aziendale si sono riservati di approfondire le diverse proposte avanzate da parte sindacale e di rimetterci, nei prossimi giorni, un nuovo testo.

Infine l’incontro si è anche concentrato sulla necessità – sollevata dalle OO.SS. – di strutturare un sistema aziendale di relazioni sindacali, al fine di rendere maggiormente definito l’assetto dei rapporti intercorrenti fra OO.SS., Direzione aziendale e RSA/RSU. Anche in ordine a questo tema, abbiamo fornito diversi spunti di riflessione che auspichiamo possano essere ripresi ed approfonditi nel corso delle prossime occasioni di confronto.

Nel corso dell’incontro è stato anche sottoscritto l’allegato verbale di accordo sulla distribuzione provvisoria degli RLS.

Infine le organizzazioni sindacali hanno riproposto il tema dell’erogazione di un buono pasto per tutti i dipendenti.
L’azienda, nel mentre si è dichiarata disponibile ad affrontare il tema, ha fatto intendere di volere escludere i tempi parziali che non lavorino almeno 6 ore al giorno. Ovviamente questa impostazione è stata fortemente criticata dalle organizzazioni sindacali.
Per quanto riguarda i tempi della discussione (e della decisione nel merito) l’azienda ha escluso un’erogazione nel corso dell’anno, in quanto il costo dovrà essere messo a bilancio. Un eventuale accordo dovrà partire dal 2019. Nel frattempo le organizzazioni sindacali hanno chiesto di conoscere il numero dei tempi parziali, articolato anche rispetto al loro orario giornaliero, in modo che ci si possa rendere conto della portata delle future proposte aziendali in tema di buono pasto.

p.Filcams CGIL Nazionale
Vanessa Caccerini

Roma 04/05/2018

Lo scorso 2 maggio si è svolto l’incontro tra Organizzazioni Sindacali e Maisons du Monde per fare il punto sulla situazione produttiva dell’azienda e sullo stato dei rapporti tra le parti, anche alla luce degli ultimi passi in avanti fatti con riferimento sia alla contrattualizzazione del premio di produzione nazionale e al relativo accordo di detassazione (luglio 2017) sia all’accordo sugli Rls (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza), cui è seguita l’elezione da parte dei lavoratori, nelle sette “zone” in cui sono stati suddivisi i punti vendita, dei candidati inseriti nella lista unitaria concordata tra Filcams Cgil Fisascat Cisl e Uiltucs.

L’azienda, dopo aver confermato i dati positivi relativi al premio per l’anno 2017, ha messo a conoscenza i dati di budget 2018, che prevedono un incremento di fatturato del 9% (!) sulla scorta dei buoni andamenti registrati negli ultimi anni, l’obiettivo di EBTDA fissato a 150 milioni di euro e l’ampliamento della quota da distribuire ai lavoratori –nel caso di raggiungimento degli obiettivi- da 190 mila euro a 300 mila euro.

Le organizzazioni sindacali, anche sulla scorta di quanto concordato nel corso del coordinamento nazionale delle strutture e dei delegati tenutosi in mattinata, dopo aver convenuto sulle novità relative al premio nazionale, hanno riproposto all’azienda la richiesta di un contratto integrativo aziendale, che definisse il quadro generale dei rapporti tra azienda ed organizzazioni sindacali e affrontasse una serie di problemi e di richieste venute direttamente dai lavoratori. L’azienda, però, si è detta indisponibile, almeno per il momento, ad affrontare una trattativa che considera molto complessa. A questo le organizzazioni sindacali hanno replicato presentando alcune richieste ritenute comunque urgenti.

Innanzitutto sarebbe bene sottoscrivere un accordo per gestire le relazioni sindacali, sia a livello nazionale che territoriale: questo non comporterebbe alcun aggravio di costi, ma aiuterebbe a prevenire e risolvere problemi di rapporti tra azienda organizzazioni sindacali e lavoratori. In secondo luogo ci sembra ormai assolutamente necessario affrontare il tema dell’introduzione di un buono pasto, che sappiamo essere presente anche in Francia.

Altra questione, anche questa senza oneri aggiuntivi per l’azienda, è quella relativa alle trasferte: oggi non è più accettabile che i lavoratori debbano anticipare le spese vive (mezzi di trasporto e pasti) quando si mettono a disposizione di altri negozi, salvo poi a ricevere il rimborso anche dopo alcuni mesi. Su questi punti l’azienda, dopo essersi dichiarata disponibile a verificare il meccanismo tecnico con cui poter erogare l’anticipazione delle spese di trasferta, ha dichiarato che ha necessità di capire gli spazi economici a disposizione per affrontare il problema dei buoni pasto, per cui si riserva di darci risposte più precise in un prossimo incontro.

Le OO.SS., dopo aver sottolineato l’importanza di tale richiesta per i lavoratori, hanno concordato un prossimo incontro per il giorno 12 giugno p.v. alle ore 10.00 c/o la sede della Uiltucs Nazionale, Via Nizza 128 Roma.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Vanessa Caccerini

Roma, 9-03-2018

TESTO UNITARIO

nella giornata dello scorso 08 Marzo, le OO.SS. Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e Uiltucs hanno incontrato la direzione di Maison du Monde Italia SpA, che ha comunicato i risultati di bilancio del 2017, utili per quantificare il raggiungimento degli obiettivi definiti dall’accordo del Premio di risultato siglato il 04 luglio 2017.Il fatturato del gruppo Maison du Monde ha raggiunto i 1.011 milioni di euro, mentre l’Ebitda conta 139 milioni di euro. Ne risulta una quota complessiva di premio pari a 190.000 euro, che verrà
distribuito tra i lavoratori in funzione degli orari (full time-part time), delle presenze ecc. e che sarà erogato al 100% fra i lavoratori con la busta paga del mese di Maggio 2018.
Per comprendere quanto spetterà ad ogni singolo lavoratore presente in azienda precedentemente al settembre 2017, abbiamo concordato con l’azienda che ci sarà fornito uno schema dettagliato sulle spettanze, che vi invieremo appena in Ns possesso. Visti tali risultati, ossia che l’Italia conta il 20% del fatturato del Gruppo Maison du Monde, abbiamo
chiesto all’azienda di poter valutare e iniziare ad intraprendere una discussione su un contratto Integrativo Aziendale. Al momento le risposte sono positive e per avviare tale fase abbiamo concordato un nuovo incontro per il giorno 02 Maggio 2018 ore 15.00 c/o la sede della Fisascat Via dei Mille, 56- Roma che sarà preceduto, sempre nella stessa sede ma alle ore 10.30, da un Coordinamento Unitario Filcams, Fisascat e Uiltucs. Chiediamo massima partecipazione vista la discussione importante che andremo ad intraprende.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Vanessa Caccerini

Roma, 18-01-2018

TESTO UNITARIO

nella giornata dello scorso 18 gennaio, le OO.SS. Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil e Uiltucs hanno incontrato la direzione di Maison du Monde Italia SpA per proseguire il confronto in essere, sul tema delle elezioni dei rappresentanti dei lavoratori per la Sicurezza e per le agibilità da riconoscere loro.

In conclusione del confronto – del quale nella presente comunicazione si rassegna l’esito – è stato sottoscritto l’allegato accordo sindacale afferente

Preliminarmente ad una esplicitazione dei contenuti di merito condivisi nell’intesa, si rende necessario un chiarimento: attualmente, l’azienda, che ha aperto il suo primo negozio in Italia nel 2007, è presente sul territorio nazionale italiano con 42 punti vendita, non fa parte di alcuna associazione d’imprese, impiega 898 dipendenti e fa registrare tassi di sindacalizzazione certamente non ottimali; a tal proposito, si tenga conto che Fisascat, Filcams e Uiltucs esprimono, complessivamente, 12 RSA (nei pdv di Caserta, Pescara, Fiumicino (RM), Perugia, Macerata, Pisa, Prato, Savignano (FC), La Spezia, Cesano Boscone (MI) e Mestre (VE).

La situazione di fatto summenzionata concernente lo stato della nostra presenza organizzativa in seno a questa Società, il relativamente recente insediamento di quest’ultima in Italia, nonché la sua scelta di non associarsi ad uno dei soggetti di rappresentanza di parte datoriale coi quali abbiamo comuni riferimenti interconfederali, ci ha fatto propendere per la sottoscrizione di una soluzione negoziale in tema di RLS che, sia pure maturata in un contesto di relazioni sindacali non del tutto strutturato, indubbiamente introduce riferimenti contrattuali significativi che possono contribuire ad accrescere il ruolo degli RLS.

Abbiamo, pertanto, convenuto – per gli anni 2018/2019/2020 – di procedere all’elezione di numero 7 (sette) RLS a livello nazionale tra i membri delle RSA per la copertura di tutti i punti di vendita/stabilimenti/unità/sedi in Italia; tale elezione avverrà per il tramite della presentazione di un’unica lista unitaria indicante un candidato per ciascuna delle seguenti zone:

• ZONA 1 (Faenza; Bologna Centro, Bologna Navile, Fidenza, Ravenna, Savignano) 6 negozi;

• ZONA 2 (Roma, Teramo, Milazzo, Catania) 4 negozi;

• ZONA 3 (Cremona, Brescia, Vicenza, Mestre, Conegliano, Udine, Trento, Bolzano) 8 negozi;

• ZONA 4 (Castelletto, Arese, Cesano Boscone, Rescaldina, San Giuliano, Segrate, Busnago) 7 negozi;

• ZONA 5 (Torino, Nichelino, Serravalle, Genova, Savona, Novara) 6 negozi;

• ZONA 6 (Pisa, Sarzana, Prato, Macerata, Perugia) 5 negozi.

• ZONA 7 (Pescara, Napoli, Salerno, Taranto, Bari Santa Caterina, Bari Casamassima) 6 negozi.

Nell’intesa si è stabilito, altresì, che la Società:

- metterà a disposizione per le operazioni di voto il locale mensa/sala riunioni presso tutti i punti vendita/unità produttive;

- durante la fase assembleare e delle elezioni, riconoscerà agli RSA 16 ore di permessi aggiuntivi per l’espletamento delle attività di voto, delle funzioni connesse e ai membri nominati per la commissione elettorale, ore retribuite coincidenti le elezioni.

- riconoscerà ai Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza 50 ore annue di permesso retribuito oltre a quelle previste dal D. Lgs 81/2008.

Relativamente alle operazioni di voto, che, salvo casi particolari, dovranno avvenire in un unico giorno tra le ore 12.30 e le ore 13.30, si svolgeranno a suffragio universale diretto ed a scrutinio segreto e dovranno concludersi entro e non oltre il 10 febbraio 2018.

Nei prossimi giorni, provvederemo a trasmettervi la lista unitaria dei candidati, nonché il materiale utile per le attività delle commissioni elettorali da insediare presso i seggi.

p.La Filcams Cgil
V. Caccerini

Link Correlati
     Maisons du Monde Italie, Accordo RLS 18/01/2018

Roma, 21 settembre 2017

oggi, 21 settembre 2017 si è svolto a Roma il primo Coordinamento Maisons du Monde alle presenza dei territori di Venezia, La Spezia, Perugia e Macerata con le rispettive Rsa/Rls.

Ci siamo confrontati positivamente sul testo siglato il 04 luglio 2017, premio produzione che verrà riconosciuto ai dipendenti presenti al 30/09/2017. Per sintetizzare i contenuti del coordinamento vi elenco i punti discussi che hanno trovato congruenza in tutti i negozi e se condivisi da tutti i territori, proveremo ad affrontarli nell’incontro che chiederemo unitariamente con le altre OO.SS. a Novembre 2017:

Ringrazio i territori per la partecipazione e confido nella partecipazione di quelli assenti.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Vanessa Caccerini

Roma, 5-07-2017

TESTO UNITARIO

il 04 luglio 2017, si è tenuto l’incontro, nella sede della Fisascat Nazionale, con l’azienda Maisons du Monde alla presenza del consulente Nicolas luis Beny Le Noir ed è stato redatto il primo Accordo Collettivo Aziendale in materia di Premio di Risultato Aziendale considerando i risultati economici del gruppo Maisons du Monde in Europa.

Si è sviluppata una discussione volta a migliorare il testo che ci era stato fornito in precedenza per ciò che riguarda la presenza effettiva da calcolare per il 50% del premio ( punto 6) ampliando ai permessi ex L. 104/92 e ai permessi per ore di studio ex art. 10 L.300 e aggiungendo il punto 15 innescando un rapporto tra azienda e OO.SS. con tempistica di risposta. Filcams-Fisascat e Uiltucs, unitariamente, infatti hanno approfondito il tema di costruire delle relazioni sindacali più strutturate e nel merito l’azienda ha dichiarato che a dicembre 2017 scadono i 3 Rls eletti nei territori di Roma, Milano e Venezia e si è resa disponibile ad affrontare tale tema sul tutto il territorio Nazionale.

Ad oggi l’azienda conta 62 negozi in tutta Italia con oltre 1000 e sembra che la volontà sia quella di continuare a crescere con l’apertura di altri punti vendita nel 2017. Abbiamo concordato di rincontrarci nei primi quindici giorni del mese di novembre 2017.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Vanessa Caccerini