Category Archives: Hp-Italy

COMUNICATO


Il 25/07/2006 si è svolto l’incontro nazionale per la verifica dell’andamento del piano incentivi 2006 e le prospettive occupazionali per il 2007. L’Azienda ha comunicato che rispetto ai 171 esodi previsti dal piano, restano ancora 22 situazioni non risolte.Inoltre per il 2007 ha ufficializzato che il nuovo piano a livello europeo prevedeva 84 esuberi per il primo semestre e 40 per il secondo semestre. Tuttavia l’Italia avrebbe ottenuto di ridurre l’eccedenza complessiva per il 2007 da 124 a 80 lavoratori, attraverso la proposta di possibili percorsi di recupero. A fronte di questa pesante comunicazione, pur prendendo atto dello sforzo compiuto dal management italiano per ridurre gli esuberi, il sindacato e le RSU hanno richiamato l’azienda al rispetto dell’Accordo che prevedeva un impegno a salvaguardare l’occupazione per il 2007, ed a recuperare occupazione anche per il 2006.

E’ stata quindi ribadita una ferma contrarietà a ratificare anno per anno gli esuberi che l’Azienda dichiara, precisando che non è più possibile utilizzare il solo strumento degli incentivi per ottenere gli esodi dei lavoratori, ma è necessario un piano per offrire occasioni di lavoro, prioritariamente all’interno di HP. Resta quindi quanto mai indispensabile, per proseguire un confronto costruttivo, conoscere le strategie alla base della riorganizzazione di HP Italia per i prossimi anni.

Conoscere su quale disegno sono basate le eventuali esternalizzazioni e/o acquisizioni e quale collocazione troveranno i lavoratori HP nei cambiamenti organizzativi in atto. l sindacato e le RSU intendono difendere innanzitutto il lavoro, il patrimonio professionale, la tranquillità dei lavoratori presenti in Azienda perché questa è la condizione per consolidare la stessa ed offrire in futuro lavoro anche per i giovani. Per approfondire tutte queste delicate problematiche l’incontro è stato aggiornato al 15 settembre 2006 con l’impegno da parte dell’Azienda di fare un confronto reale e fornirci le informazioni necessarie.

Roma 26 luglio 2006

          p/la FILCAMS-Cgil p/la FISASCAT-Cisl

L. Carlini D. Campeotto

Roma 12 ottobre 2005

Il 10 ottobre u.s. si è svolto il secondo incontro nazionale tra OO.SS. Nazionali e Territoriali, RSU e Azienda per approfondire il piano di riorganizzazione riguardante HP Italia presentato il 26 settembre 2005. Nell’incontro, come OO.SS ed RSU, abbiamo sottolineato i dubbi, le perplessità e le preoccupazioni, emerse anche dalle assemblee dei Lavoratori circa la strategia complessiva della Corporate e le sue ricadute in Italia, con particolare riferimento ai progetti di delocalizzazione e terziarizzazione. Inoltre è stata rimarcata l’esigenza che il piano di recupero costi non si basi sulla scorciatoia dei tagli occupazionali, bensì sul recupero dell’efficienza complessivamente intesa attraverso un’analisi del dettaglio dei costi aziendali dei quali sono state chieste informazioni precise.
In merito all’eccedenza occupazionale che l’Azienda ha confermato essere di 204 unità comprensive di 10 Dirigenti e al netto di 27 contratti a termine,abbiamo ribadito che per quanto ci riguarda, questi numeri sono da verificare in relazione a un piano credibile e trasparente oltrechè a una verifica del turn-over aziendale.

A fronte delle nostre richieste e precisazioni, l’Azienda ha fornito risposte parziali e insufficienti, tuttavia si è impegnata a dare informazioni per un confronto più puntuale nel prossimo incontro. I nostri obbiettivi irrinunciabili sono: un piano idoneo a garantire il futuro di HP Italia nella salvaguardia dell’occupazione; un piano sociale per tutelare i lavoratori nel periodo transitorio di riorganizzazione. Nell’incontro aggiornato al 24 ottobre p.v., presso l’Unione Commercianti di Milano – Corso Venezia, 49 ore 11.00, valuteremo se esistono effettive disponibilità dell’Azienda a trovare soluzioni che affrontino i problemi aziendali nel pieno rispetto dei problemi dei Lavoratori e, secondo l’evolversi del negoziato verranno decise le eventuali iniziative da prendere.

p/la FILCAMSp/la FISASCAT

      L. Carlini D. Rondinelli