Category Archives: Gucci-e-Gucci

VERBALE DI RIUNIONE

Addì, 27 giugno 1994, presso la Confcommercio di Firenze, si sono incontrate:

-La Gucci e Gucci S.p.A., rappresentata dai sigg. Mario Fontana, Marco Franchini, Luciano Peldi, renato Rini, ferruccio Tinghi;

e

-La Filcams Cgil, rappresentata del sig. Luigi Coppini;
-La Fisascat Cisl, rappresentata dal sig. Antonio Michelagnoli;
-La Uiltucs Uil, rappresentata dal sig. Michele Malerba;

      unitamente al CdA del

-Negozio di Roma, rappresentata dai sigg. Luigi Puletto e Silvana Conti;
-Negozio di Milano, rappresentato dai sigg. Roberto di Giovanni e Fabrizio Fenotti;
-Negozio di Firenze, rappresentata dal sig. Ivo Giacomelli

Nell’incontro l’Azienda ha confermato l’impegni precedentemente assunti nell’ambito degli accordi sin qui stipulati e quanto è emerso negli ultimi recenti incontri, con particolare riferimento ad un sistema di relazioni sindacali, volte alla partecipazione sia in materia di organizzazione sia in materia di programmi di formazione.

Il gruppo di lavoro, a tale scopo costituito nella precedente riunione, ha presentato un documento sulla “nuova organizzazione” dei negozi, con i relativi profili professionali.

Le parti, dopo ampia e dettagliata esamina del documento che ha determinato piccole modifiche, hanno recepito tale documento quale parte integrante del presente verbale.

In aggiunta a quanto definito dal gruppo di lavoro, l’Azienda ha proposto, considerando la peculiarità della mansione del “venditore Gucci”, un’area professionale con la quale si identificano tre livelli di professionalità, cui corrisponderanno diversi trattamenti economici.

A tale fine, la parti ritengono opportuno costituire un nuovo “gruppo di lavoro”, che definirà i criteri e le modalità di conseguimento dei livelli, tenendo conto dei tre parametri seguenti:
-Conoscenza delle Lingue,
-Conoscenza dei settori merceologici,
-Gestione del patrimonio cliente.

L’Azienda ha comunque dichiarato che strumenti e mezzi idonei a conseguire i livelli di cui sopra saranno resi disponibili nei confronti di ciascun dipendente, nei tempi e nei modi di volta in volta pianificati.

Per quanto concerne il sistema di incentivazione, le parti, dopo approfondita discussione se ripartire il “monte” di incentivi tra tutto il personale o proseguire per una diversificazione risultante dai livelli di vendita individuali, hanno concordato di sperimentare fino al 31 dicembre 1994 il seguente sistema, organizzato su:
-Obiettivi mensili di vendita totali e per merceologia;
-Incentivi percentuali diversificati al conseguimento degli obiettivi, totali e per settore, articolati nell’80% e nel 100%;
-Premi aggiuntivi al raggiungimento congiunto e combinato di obiettivi di settori merceologici diversi;
-Ripartizione uniforme su tutto il personale, sulla base delle effettive prestazioni.

Le parti concordano inoltre che per tutta la durata della fase sperimentale saranno confrontati i risultati economici per il personale dipendente conseguenti dai due sistemi, con l’intendimento che il premio finale erogato non sarà inferiore al 90% rispetto al calcolato con il precedente sistema, né superiore al 120%.

Al ulteriore chiarimento del nuovo sistema di incentivazione si allega schema dettagliato a parte.

Per quanto concerne il ticket, le parti concordano di aumentarlo a £ 9.000 giornaliere, per giorno di effettiva presenza e riproporzionato per le prestazioni di durata giornaliera inferiore (Part-Time).

Con decorrenza 1° agosto 94, l’Azienda si impegna a uniformare al regime di Firenze la regolamentazione della materia “visite mediche”.

Per quanto concerne l’inquadramento, con effetto 1° settembre 1994, sarà realizzato il passaggio di livello per i venditori ancora inquadrati al 4° livello; si conviene altresì di esaminare a livello di negozio eventuali casi da risolvere nell’area dei servizi.

Le parti infine ritengono opportuno prevedere un nuovo incontro entro il 31 gennaio 1995.

Letto, confermato e sottoscritto.