Category Archives: Cit Italia

DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO
DIVISIONE VIII

VERBALE DI ACCORDO

Il giorno 26 Novembre 2003, presso la sede del Ministero del Lavoro e delle politiche sociali alla presenza della dr.ssa Erminia Viggiani si sono incontrati, nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo avviata dalla VACANZE ITALIANE TOUR & TRAVEL S.r.l. (di seguito la Società) ai sensi degli artt. 24 e 4, L. 223/1991

·la FILCAMS – CGIL nella persona del Sig. Guglielmi Gabriele
·la FISASCAT – CISL nella persona del Sig Ricciardi Roberto e il signor Politesi Luigi;
·la UILTUCS – UIL nella persona della Sig.ra Fulciniti Caterina
·Una folta rappresentanza della RSA delle varie sedi interessate sul territorio nazionale

e

VACANZE ITALIANE TOUR & TRAVEL S.r.l. nella persona del dott. Gino Pellizzari- direttore generale e il dott. Adriano Ceruti – direttore del personale

Premesso che

·in data 03 Novembre 2003 la VACANZE ITALIANE TOUR & TRAVEL S.r.l. ha avviato una procedura di licenziamento collettivo del personale ai sensi e per gli effetti degli artt. 4 e 24, legge n. 223/91 relativamente a tutti i 72 dipendenti occupati presso le sedi di Torino – Piazza Lagrange n. 2, Varese – Via Sanvito Silvestro n. 80/a e Roma – Via Nazionale n. 196;

·i motivi tecnici, organizzativi e produttivi che hanno determinato la necessità di cessare ogni attività commerciale della Società, nonché i motivi e le ragioni che hanno comportato la situazione di eccedenza e che, pertanto, non consentono alternative alla collocazione in mobilità degli esuberi denunciati sono stati specificatamente illustrati nella comunicazione di avvio della procedura che si allega al presente verbale (All. 1) ed hanno costituito oggetto di ulteriore approfondimento nei vari incontri avvenuti tra le parti;

·la Società, le O.O.S.S. e la RSA hanno condotto una trattativa intensa e travagliata, al fine di ridurre le conseguenze economiche e sociali connesse alla cessazione dell’ attività della Società. Durante tale trattativa sono state formulate diverse ipotesi alternative alla collocazione in mobilità della totalità del personale, alcune delle quali si sono dimostrate non percorribili ed altre che hanno, al termine della discussione, consentito di ridurre a 44 il numero dei lavoratori in esubero di cui 43 verranno collocati in mobilità ed 1 cesserà il rapporto di lavoro per scadenza del termine nel Novembre 2003. Difatti, dopo attenta e accurata analisi si sono concretizzate la possibilità di ricollocare presso Società facenti parte del gruppo Cit un totale di 17 lavoratori e la possibilità che altre Società facenti capo al gruppo Progetto Italiano assorbano un totale di 11 lavoratori. In entrambi i casi viene garantito il mantenimento delle attuali condizioni normative e contrattuali. I passaggi avverranno senza soluzione di continuità entro il termine di 120 giorni dalla conclusione della procedura come previsto dalla legge 223/91.

·La Società, peraltro, anche in accoglimento delle richieste avanzate da parte sindacale, si è resa disponibile al fine di ridurre le conseguenze economiche e sociali connesse alla cessazione della propria attività, a corrispondere un incentivo all’esodo ai propri dipendenti, secondo i termini e le modalità specificatamente indicate in un verbale di incontro sindacale che si allega al presente verbale (All. 2) e che costituisce parte integrante dello stesso.

Tutto ciò premesso

Si conviene quanto segue

1.Le premesse fanno parte integrante del presente accordo

2.La FILCAMS – CGIL, la FISASCAT – CISL, la UILTUCS – UIL e la rappresentanza Sindacale Unitaria, rilevata la strutturalità dell’esubero denunciato e l’impossibilità di ricorrere a soluzioni alternative ai licenziamenti, illustrate dalla Società nella comunicazione di apertura della procedura, nonché nel corso delle successive riunioni, concordano, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 5 Legge 223/91, la chiusura della procedura di mobilità iniziata il 03 Novembre 2003 con il licenziamento dei 43 dipendenti i cui profili professionali sono tra quelli indicati nella comunicazione di avvio della procedura

3.La Società nell’intento di diminuire le conseguenze economiche e sociali della decisione adottata si impegna a corrispondere a ciascuno dei lavoratori che verranno collocati in mobilità, corrispettivamente alla rinunzia all’impugnazione del licenziamento che verrà loro intimato, nell’ambito di una generale transazione novativa ex. art. 1975 cod. civ. ed al fine di evitare l’insorgere di controversie e per favorirne l’esodo, così come disposto dall’art. 12, L. 30 aprile 1969, n. 153, come modificato dal D.lgs 2 settembre 1997, n. 314, un importo la cui entità è determinata in un separato accordo raggiunto in data odierna tra le parti.

4.Oltre ai pagamenti di cui sopra, la Società si impegna a corrispondere, nei termini di legge e di contratto, a ciascun lavoratore licenziato il trattamento di fine rapporto ex art. 2120 cod. civ., l’eventuale indennità per ferie e permessi non goduti, i ratei di 13a e 14a mensilità e quant’altro maturato alla data di cessazione del rapporto di lavoro, oltre all’indennità sostitutiva del preavviso per coloro che verranno esonerati dal rendere la prestazione lavorativa nel periodo suddetto, così come verrà disciplinato nei singoli accordi individuali.

5.Il pagamento dell’importo pattuito a titolo di incentivazione all’esodo avverrà contestualmente e subordinatamente alla sottoscrizione dinanzi alle competenti commissioni di conciliazione di accordi individuali di transazione generale novativa relativi all’esecuzione nonché alla cessazione degli intercorsi rapporti di lavoro, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 2113 cod. civ., 410 e 411 c.p.c.

6.Le parti, pertanto, dato atto del raggiunto accordo, e ciò ai fini e per gli effetti di cui alla legge n. 223 del 1991, dichiarano regolarmente svolta e definitivamente esaurita, per quanto di loro competenza, la procedura di cui alla stessa legge.

VACANZE ITALIANE TOUR & TRAVELFILCAMS –CGIL
FISASCAT – CISL
UILTUCS – UIL
R.S.U.

NOTA A VERBALE

Le parti concordano quanto segue:

1)incentivo all’esodo: verrà erogato l’importo corrispondente a 12 mensilità di retribuzione netta a tutte le lavoratrici ed i lavoratori inseriti nelle liste di mobilità a patto che gli stessi sottoscrivano presso i competenti Uffici Provinciali del Lavoro accordi invidiali di transazione generale, novativa, relativi alla esecuzione nonché alla cessazione degli intercorsi rapporti di lavoro, ai sensi e per gli effetti degli artt. 2113cc,410 e 411 cpc;

2)in deroga a quanto previsto al punto precedente, la Società erogherà ai lavoratori collocati in mobilità, che maturino i requisiti per il diritto alla pensione di anzianità, entro il periodo di godimento del diritto alla indennità di mobilità ed esclusivamente per il periodo che intercorre tra la messa in mobilità e il raggiungimento del requisito pensionabile, la differenza tra quanto erogato dall’istituto competente, a titolo di indennità di mobilità e lo stipendio netto percepito all’atto del licenziamento;

3)le parti si impegnano ad incontrarsi entro 90giorni per verificare le modalità applicative del contratto integrativo aziendale del 01/08/2001 e successiva modifica del 06/03/2003;

4)le parti, altresì, concordano la calendarizzazione di un piano di incontri tra le parti firmatarie del presente accordo al fine di verificare la piena attuazione di quanto previsto nei precedenti punti 1 e 2.

CIT
S.p.A

FISASCAT CISL
UILtUCS UIL
FILCAMS CGIL
RSA

DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO
DIVISIONE VIII

VERBALE DI ACCORDO

    Il giorno 26 Novembre 2003, presso il Ministero del Lavoro e delle politiche sociali alla presenza della dr.ssa Erminia Viggiani si sono incontrati, nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo avviata dalla CIT – COMPAGNIA ITALIANA TURISMO S.p.A. (di seguito la Società) ai sensi degli artt. 24 e 4, L. 223/1991

·la FILCAMS – CGIL nella persona del Sig. Guglielmi Gabriele
·la FISASCAT – CISL nella persona del Sig. Ricciardi Roberto e il sig. Polinesi Luigi
·la UILTUCS – UIL nella persona della Sig.ra Fulciniti Caterina

    Una folta rappresentanza delle RSA delle varie sedi interessate sul territorio nazionale.
e

    CIT – COMPAGNIA ITALIANA TURISMO S.p.A. nella persona del dr. Gino Pellizzari – Direttore Generale e il dr. Adriano Ceruti – Direttore del personale
Premesso che

·in data 03 Novembre 2003 la CIT – COMPAGNIA ITALIANA TURISMO S.p.A. ha avviato una procedura di licenziamento collettivo del personale ai sensi e per gli effetti degli artt. 4 e 24, legge n. 223/91 relativamente a 15 dipendenti occupati presso le sedi di Scanzano Jonico – Loc. Torre del Faro, Varese – Via Sanvito Silvestro n. 80/a e Roma – Via Nazionale n. 196;

·i motivi tecnici, organizzativi e produttivi e le ragioni che hanno comportato la situazione di eccedenza e che, pertanto, non consentono alternative alla collocazione in mobilità degli esuberi denunciati sono stati specificatamente illustrati nella comunicazione di avvio della procedura che si allega al presente verbale (All. 1) ed hanno costituito oggetto di ulteriore approfondimento nei vari incontri avvenuti tra le parti;

·la Società, le O.O.S.S. e la RSA hanno condotto una trattativa intensa e travagliata, al fine di ridurre le conseguenze economiche e sociali connesse alla collocazione in mobilità dei lavoratori. Durante tale trattativa sono state formulate diverse ipotesi alternative alla collocazione in mobilità del personale che hanno, al termine della discussione, consentito di ridurre a 5 il numero dei lavoratori in esubero che verranno collocati in mobilità. Difatti, successivamente all’apertura della procedura per 2 dipendenti è stata trovata una ricollocazione nell’ambito dell’azienda e dopo attenta e accurata analisi si è concretizzata la possibilità che altre Società facenti capo al gruppo Progetto Italiano assorbano un totale di 8 lavoratori. Verrà garantito il mantenimento delle attuali condizioni normative e contrattuali. I passaggi avverranno senza soluzione di continuità entro il termine di 120 giorni dalla conclusione della procedura come previsto dalla legge 223/91.

·La Società, peraltro, anche in accoglimento delle richieste avanzate da parte sindacale, si è resa disponibile al fine di ridurre le conseguenze economiche e sociali, a corrispondere un incentivo all’esodo ai propri dipendenti, secondo i termini e le modalità specificatamente indicate in un verbale di incontro sindacale che si allega al presente verbale (All. 2) e che costituisce parte integrante dello stesso.

Tutto ciò premesso

Si conviene quanto segue

1.Le premesse fanno parte integrante del presente accordo

2.La FILCAMS – CGIL, la FISASCAT – CISL, la UILTUCS – UIL e la rappresentanza Sindacale Unitaria, rilevata la strutturalità dell’esubero denunciato e l’impossibilità di ricorrere a soluzioni alternative ai licenziamenti, illustrate dalla Società nella comunicazione di apertura della procedura, nonché nel corso delle successive riunioni, concordano, ai sensi e per gli effetti di cui all’art. 5 Legge 223/91, la chiusura della procedura di mobilità iniziata il 03 Novembre 2003 con il licenziamento dei 5 dipendenti i cui profili professionali sono tra quelli indicati nella comunicazione di avvio della procedura.

3.La Società nell’intento di diminuire le conseguenze economiche e sociali della decisione adottata si impegna a corrispondere a ciascuno dei lavoratori che verranno collocati in mobilità, corrispettivamente alla rinunzia all’impugnazione del licenziamento che verrà loro intimato, nell’ambito di una generale transazione novativa ex. art. 1975 cod. civ. ed al fine di evitare l’insorgere di controversie e per favorirne l’esodo, così come disposto dall’art. 12, L. 30 aprile 1969, n. 153, come modificato dal D.lgs 2 settembre 1997, n. 314, un importo la cui entità è determinata in un separato accordo raggiunto in data odierna tra le parti.

4.Oltre ai pagamenti di cui sopra, la Società si impegna a corrispondere, nei termini di legge e di contratto a ciascun lavoratore licenziato il trattamento di fine rapporto ex art. 2120 cod. civ., l’eventuale indennità per ferie e permessi non goduti, i ratei di 13a e 14a mensilità e quant’altro maturato alla data di cessazione del rapporto di lavoro, oltre all’indennità sostitutiva del preavviso per coloro che verranno esonerati dal rendere la prestazione lavorativa nel periodo suddetto, così come verrà disciplinato nei singoli accordi individuali.

5.Il pagamento dell’importo pattuito a titolo di incentivazione all’esodo avverrà contestualmente e subordinatamente alla sottoscrizione dinanzi alle competenti commissioni di conciliazione di accordi individuali di transazione generale novativa relativi all’esecuzione nonché alla cessazione degli intercorsi rapporti di lavoro, ai sensi e per gli effetti di cui agli artt. 2113 cod. civ., 410 e 411 c.p.c.

6.Le parti, pertanto, dato atto del raggiunto accordo, e ciò ai fini e per gli effetti di cui alla legge n. 223 del 1991, dichiarano regolarmente svolta e definitivamente esaurita, per quanto di loro competenza, la procedura di cui alla stessa legge.

CIT – COMPAGNIA ITALIANA TURISMO S.p.A. FILCAMS –CGIL

FISASCAT – CISL

UILTUCS – UIL

R.S.U.

Roma, 6 marzo 2003

Nell’incontro odierno, oltre a verificare l’applicazione della procedura ex art. 47 già esperita in merito all’acquisizione da parte della società del gruppo, la CIAT S.r.l. delle strutture alberghiere di :

CIT Hotels S.p.A.:

      - VillaggioHotel Sansicario, sito nel Comune di Cesana Torinese, località Clos de la Chapelle

- Hotel Sorgente Roveta, sito nel Comune di Scandicci, località Roveta

      - Hotel Rio Envers, sito nel Comune di Cesana Torinese, località Clos de la Chapelle

e di GESAL SrL:

Albergo e Ristorante Locanda delle Arti situata in località Cunardo (Varese)
Abbiamo definito un accordo (All. 1) con il quale il Gruppo CIT si impegna ad applicare il contratto integrativo vigente ed il CCNL Federturismo a tutte le realtà aziendali controllate dal gruppo stesso riconducibili al comparto turistico; ciò da valersi sia per le imprese attuali sia per nuove acquisizioni.

Abbiamo poi svolto il confronto in merito agli andamenti del Gruppo, ai progetti di sviluppo, alle relazioni industriali e alle modalità applicative della contrattazione collettiva; e si è convenuto quanto segue:

- Le aree a maggior sviluppo del Gruppo CIT saranno nelle seguenti Regioni: Piemonte. Puglia. Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia; pertanto, oltre a continuare il confronto nazionale in essere, verrà sviluppato anche il confronto a livello delle singole regioni;
- A partire dal prossimo incontro calendarizzato per mercoledì 16 aprile alle ore 10 presso la sede CIT di Roma in Via Nazionale, si definiranno le priorità applicative del contratto integrativo partendo dai temi inerenti la salute e sicurezza

- In merito ai tardati pagamenti del TFR di parte del personale dei Villaggi, l’azienda si è impegnata a effettuare i pagamenti entro il 15 marzo 2003; l’Amministratore Delegato, Giovanni Natali, ha inoltre ribadito la volontà aziendale di risolvere il prima possibile i problemi riguardanti i ritardi nell’accredito degli stipendi ed in proposito si è impegnato a inviare comunicazione ufficiale ai dipendenti.

p/la FILCAMS-CGIL p/la FISASCAT-CISL p/la UILTuCS-UIL
Guglielmi Michelagnoli Fulciniti

ACCORDO INTEGRATIVO AL CONTRATTO INTEGRATIVO
AZIENDALE DEL 01.08.2001

A conferma e in applicazione di quanto già contenuto nel vigente Contratto Integrativo all’Art.1 –“ Premessa” e all’Art. 15 – “Ambito di Applicazione e Durata” e per rispondere all’esigenza di armonizzazione del trattamento economico e normativo dei dipendenti delle Società appartenenti al settore del Turismo nonché per una maggiore rappresentatività delle Società stesse in seno alle Associazioni Imprenditoriali, si conviene quanto segue:

Con la sottoscrizione del presente accordo si ribadisce l’applicazione alle società controllate dal Gruppo CIT e operanti nel settore del Turismo: del Contratto Integrativo del Gruppo Cit del 01.08.2001 Nonché del CCNL vigente Federturismo del 10.02.1999 e loro successive modifiche.

Allo stato attuale saranno pertanto regolati dal suddetto CCNL, i dipendenti delle seguenti Società:
CIAT Srl
CIT Hotels Spa
CIT Viaggi Spa (già CIT Italia Spa)
Vacanze Italiane Tour & Travel (già Tour& Travel Italia Spa e Vacanze Italiane T.O. Srl)
CIT Spa
CIT Invest Spa
International Transport Srl
Cit on Line Srl

Ulteriori acquisizioni di società operanti nel comparto turistico saranno comunicate alle OOSS e comporteranno l’inserimento delle stesse nell’ambito delle suddette regolamentazioni.

Roma, 06.03.2003

Letto, approvato e sottoscritto.