Category Archives: Cerved Group.

Roma, 15-11-2017

    TESTO UNITARIO

    martedì 14 novembre 2017, presso Confcommercio Milano si è tenuto un incontro tra le OO. SS., le RSA aziendali e Cerved Group. Nel corso dell’incontro il Gruppo ha comunicato di aver iniziato la sperimentazione di modalità di lavoro smart working sottoscrivendo circa 230 accordi individuali, prevalentemente in area tecnica. Tale sperimentazione dovrebbe concludersi entro il mese di marzo 2018. Le OO. SS. ne hanno preso atto, sottolineando come questa sia una iniziativa unilaterale e dichiarando di ritenere necessaria la definizione di un accordo quadro tra le parti. Questa necessità è confermata dalle problematicità che già oggi emergono nella definizione e per il calcolo di alcuni istituti contrattuali e normativi, problematicità che derivano dalla modalità inedita della nuova modalità di prestazione lavorativa. Cerved group si è dichiarato disponibile.

    Al termine della riunione è stato fissato un successivo incontro per il giorno 13 dicembre alle ore 11.00, in modalità di videoconferenza. Tale incontro sarà preceduto, sempre nella stessa data del 13 dicembre, ma alle ore 9.00 da una riunione di coordinamento delle OO.SS. e delle RSA aziendali anch’essa in modalità di videoconferenza.

    A margine della riunione il Gruppo ha comunicato la prossima chiusura della sede di Pandino (CR) e il trasferimento di tutto il personale in forze nella sede di San Donato e l’apertura di un confronto su Treviso e Sassari su questioni relative all’azienda. La questione di Pandino sarà affrontata con le OO.SS. territoriali cremonesi, mentre l’altra tematica sarà oggetto di confronto specifico aziendale d’intesa tra le OO. SS. nazionali e le OO. SS. territoriali di Sassari e Treviso.

                            p. la Filcams CGIL Nazionale
                        Andrea Montagni

    Roma, 19-01-2017

    TESTO UNITARIO

    Il 10 gennaio scorso si è tenuto un incontro con la Direzione del Gruppo Cerved per una prima analisi degli argomenti sul tavolo di confronto. Per quanto riguarda il PdR, l’azienda ha fatto una timida apertura sulla possibilità di inserire parametri aggiuntivi all’incremento dell’EBITDA nel calcolo del premio. Abbiamo ricordato che da tempo la nostra richiesta è di passare da un sistema basato sul solo incremento anno su anno ad uno che preveda il calcolo sul valore aggiunto prodotto complessivo, in quanto gli incrementi di quota di mercato saranno più contenuti.
    Su questo punto i rappresentanti aziendali si sono riservati di approfondire la richiesta, anche se appare chiaro che l’azienda ritiene che l’unica via per incrementare il premio sia quello erogato sotto forma di welfare ( la detassazione comporterebbe un netto maggiore per i lavoratori con una contemporanea riduzione senza variazione di costi per l’azienda). L’azienda ha poi indicato le proprie proposte in tema di chiusure aziendali indicandole nel 24 aprile e in 3 settimane di ferie ad agosto. Valutando che il calendario 2017, a differenza degli anni precedenti, presenta un unico classico “ponte” (il 24 aprile), le OO.SS. hanno ricordato all’azienda che il CIA prevede che entro febbraio i dipendenti del gruppo devono presentare il proprio piano ferie annuale, che deve essere valutato dall’azienda entro il mese successivo. Come previsto dal Ccnl, le ferie vanno determinate sentite le necessità del dipendente in armonia con i periodi di minore attività aziendale, e la normativa prevede almeno 4 settimane di ferie all’anno, di cui 2 continuative, per cui abbiamo proposto all’azienda di indicare 2 settimane ad agosto con la possibilità per il dipendente di agganciare la settimana prima o quella dopo. Anche su questa richiesta l’azienda si è riservata la risposta e pertanto si concordato di aggiornare il prossimo incontro a martedì 7 febbraio p.v. con inizio alle ore 10.00 presso la nuova sede aziendale in Rogoredo, con la possibilità di videoconferenza (compatibilmente con le eventuali problematiche che dovessero sorgere a causa del trasloco della sede di Milano da Famagosta a Rogoredo). E’ stata anche fissata, in preparazione dell’incontro del 7 una riunione delle RSA di FILCAMS CGIL, FISASCAT CISL e UILTUCS e delle organizzazioni sindacali territoriali per il giorno lunedì 6 febbraio p.v. La riunione dovrebbe tenersi in azienda secondo le modalità di videoconferenza. Nel caso si dovessero presentare difficoltà la stessa si svolgerà presso le sedi sindacali. La riunione del 6 febbraio e le sue modalità saranno confermate nei prossimi giorni.

    p. La Filcams CGIL Nazionale

                        Andrea Montagni

    Roma, 22 settembre 2016

    TESTO UNITARIO

    nella giornata di venerdì 16 settembre si è svolto presso l’Unione Confcommercio di Milano il programmato incontro tra Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTuCS con Cerved Group Spa. All’incontro erano anche presenti le rappresentanze sindacali delle sedi del gruppo di Milano e Cosenza. (Per un disguido mancavano le RSA di altre sedi. Di questo ci scusiamo, per parte nostra, con i lavoratori.) L’azienda ha illustrato gli sviluppi relativamente ai mutamenti dell’assetto del gruppo e della nuova organizzazione societaria e manageriale e rappresentato un quadro positivo testimoniato dalle recenti acquisizioni di aziende incorporate attraverso fusioni, tutte avvenute peraltro coinvolgendo correttamente nelle procedura le organizzazioni sindacali. Inoltre, l’azienda ha condiviso con le OOSS la necessità di procedere in tempi rapidi all’individuazione dei parametri utili alla definizione del premio aziendale.

    Data la composizione della riunione si è ritenuto di aggiornare l’incontro al giorno 27 ottobre prossimo alle ore 11.00 presso la sede aziendale di Milano. Successivamente all’incontro con l’azienda, Filcams CGIL, Fisascat CISL e UILTuCS hanno valutato che la nuova realtà aziendale, quale risulta dal processo di acquisizioni e di allargamento delle attività di fornitura di prodotti e servizi alle imprese e al mercato, richiede di rafforzare la presenza sindacale nelle aziende del gruppo Cerved Group Spa nelle quali verrà applicato l’integrativo aziendale. Preso atto che le RSU elette sono da tempo decadute e che è necessario procedere alla loro rielezione sulla base di un regolamento condiviso nazionalmente (le trattative con Confcommercio sono ancora in corso), le OO.SS. si impegnano a definire unitariamente un regolamento applicabile in tutte le aziende del gruppo e nelle more procederanno a confermare o nominare le RSA di categoria in tutti i territori.

    p. La Filcams Cgil
    A. Montagni

    COMUNICATO UNITARIO

    Il 25 marzo scorso si è tenuto il previsto incontro tra le OO.SS., nazionali e territoriali, le RSU/RSA del gruppo e l’Azienda.

    Sono state elencate tutte le richieste emerse dai passaggi assembleari fatti con le lavoratrici ed i lavoratori delle varie aziende del gruppo Cerved.

    Su alcuni di questi punti l’Azienda ha manifestato la disponibilità ad aprire un tavolo di discussione, su altri ha invece manifestato una chiusura netta.

    In particolare ha confermato la chiusura di 3 settimane ad agosto, ed ha dichiarato la sola disponibilità a parlare di un piano per lo smaltimento delle ferie residue 2015, ed a concordare un piano Ferie per il 2016. A tale proposito ricordiamo che in mancanza di accordi sindacali sullo specifico tema dello smaltimento ferie non sussiste l’obbligo per tutti i lavoratori di presentare un piano Ferie. Per essere il più chiari l’azienda può invitare a farlo, anche ripetutamente, ma non può obbligare nessuno né prendere provvedimenti disciplinari nei confronti di chi non ottempera alla richiesta.

    Abbiamo comunemente deciso, vista la numerosità degli argomenti da trattare, di calendarizzare una serie di incontri, esattamente ne giorni 8,15 e 29 Aprile, per trattare i singoli i punti emersi dalle assemblee.

    Nel primo incontro calendarizzato dell’8 aprile p.v. I temi saranno Ferie e flessibilità oraria ( comprendendo in questo tema la flessibilità oraria propriamente detta, orari settore IT, turni, reperibilità, telelavoro, recupero x eventi atmosferici etc).

    L’azienda ha comunicato che non sarà erogato il PDR 2014 in mancanza dello specifico accordo (rimandiamo al comunicato delle RSU/RSA in merito).

    Vi terremo informati sull’andamento degli incontri.

    OO.SS. Nazionali

    Roma, 27 marzo 2015

    TESTO UNITARIO

    Il 17 dicembre scorso si è tenuto l’incontro con la Direzione del Personale di Cerved Group. L’azienda ha presentato il piano "career architecture" che prevede l’attivazione di job posting interno al gruppo con un sistema di valutazione delle competenze personali e dei fabbisogni formativi per promuovere percorsi di sviluppo di carriera interno. Si è poi proseguito in merito all’operazione di scissione da Cerved Group di CRA (Cerved Rating Agency) al fine di rispettare le indicazioni date da ESMA ( ente di controllo delle agenzie di rating) e che vedrà lo spostamento di 135 persone da Cerved Group a CRA che pero’ rimarranno fisicamente nel loro attuale posto di lavoro (Milano, Brescia, Torino, Vercelli, Mangone, e Roma). La nuova società CRA è stata costituita e il trasferimento previsto per il 01 febbraio 2013.

    Alla nuova società continuerà ad essere applicato sia il ccnl del terziario, distribuzione e servizi che il contratto integrativo di Cerved Group. In allegato il testo del verbale di esperita procedura siglato dalle parti. L’azienda ha poi comunicato che le indagini fatte anche con l’INPS riguardo il codice di attività attribuito a tutte le aziende del gruppo conferma l’impossibilità di attribuire un codice diverso che possa dare obbligo al versamento relativo alla cosiddetta "CIG a regime". Dal 2014, stante la cosiddetta "riforma Fornero", l’azienda verserà la prevista quota dovuta per le aziende non soggette al versamento CIG. Viste le trasformazioni che continuano ad interessare il gruppo abbiamo chiesto all’azienda di fornire un organigramma completo di tutte le aziende del gruppo e di prevedere trattamenti uniformi in termini di contratti integrativi, comprese le agibilità sindacali. L’azienda ha dichiarato la propria disponibilità a fornire tali dati e ad avviare un confronto in merito, e a tal fine si è convenuto di aggiornarsi ad un nuovo incontro da tenersi presso la Confcommercio di Milano martedì 21 gennaio 2014.


    p. la Filcams Cgil Nazionale
    Marco Rossi

    Roma, 26 marzo 2013

    Testo unitario

    Il 20 marzo scorso è proseguito il confronto con la Direzione Cerved in merito al Premio di Risultato ed alla gestione delle chiusure collettive.

    Per quanto riguarda il PdR il risultato finale si attesta una fascia sotto al preventivato (9% rispetto al 9,5%). Questo comporta che la quantità complessiva del premio sarà di circa €431.000,00, circa €50.000,00 in meno rispetto l’anno scorso, e sarà suddivisa tra gli 824 dipendenti Cerved Group del 2012 (nel 2011 erano 748).

    A fronte della dichiarazione delle OO.SS. di rivedere l’impianto del PdR, essendo il secondo anno consecutivo che ci si pone, seppur di poco, sotto gli obiettivi previsti, l’azienda ha dichiarato la sua disponibilità a valutarne integrazioni e modifiche.

    In tema di chiusure collettive, dopo lungo confronto, le OO.SS. hanno fatto
    richiesta alla società di avere, suddivise per aree lavorative e reparti, i
    numeri di presidio organico minimo che l’azienda abbisogna durante il periodo
    feriale. Questo per permettere una programmazione delle ferie più equilibrata.


    L’azienda si è dichiarata disponibile a fornire un planning aziendale su base
    settimanale suddiviso per aree ed ambito geografico nel quale sia riportato il
    numero minimo di personale ritenuto necessario per lo svolgimento


    dell’attività.

    Questa informazione sarà funzionale alla stesura del piano ferie individuale, in modo da far coincidere il più possibile le necessità individuali con le necessità aziendali. Inoltre durante il prossimo incontro aziendale l’azienda fornirà tale dato, utile per la discussione.

    L’azienda ha dichiarato che il residuo di ferie e permessi accumulati negli anni precedenti abbia ormai un valore così elevato che è necessario un piano di riduzione.

    Le OO.SS. hanno chiesto che la società fornisca, suddivisi per area lavorativa e reparto, il residuo di ferie ed i permessi accumulati negli anni precedenti, segnalando le situazioni in negativo, ed il monte ore straordinari per poter svolgere un’analisi attenta della problematica, invitando l’azienda a trovare una soluzione che possa coniugare le esigenze personali con quelle aziendali.

    Le OO.SS. inoltre hanno suggerito che il godimento di tutte le ferie ed i permessi maturati in corso dell’anno da parte del dipendente sia un parametro da inserire nel PdR.

    Il confronto in merito proseguirà il 5 aprile prossimo con inizio alle ore 10.30, e l’incontro si è chiuso con la definizione del 26 aprile prossimo come chiusura collettiva.

    p. la Filcams Cgil Nazionale

    Marco Rossi

    Roma, 19 marzo 2012

    Testo Unitario

    Il 13 marzo scorso si é tenuto l’incontro con la direzione di Cerved Group. L’ordine del giorno inizialmente previsto (risultato del PdR 2011, confronto sul PdR 2012, phone e car policy, chiusure collettive annuali) ha dovuto essere modificato rimandando la discussione su tali argomenti al prossimo incontro a causa della priorità di aprire il confronto in merito alla procedura di mobilità per 30 persone (13 su Milano e 17 su Brescia) che Cerved Group ha aperto lunedì 5 marzo scorso.

    La prima richiesta che le OO.SS. unitariamente, insieme a tutte le RSU presenti, hanno fatto all’azienda é stata quella di poter eleggere una rappresentanza sindacale per la sede di Brescia (inizialmente RSA) e che questa potesse partecipare ai futuri incontri, l’azienda ha accettato la richiesta ed ha anche permesso ai due lavoratori della sede di Brescia di partecipare all’assemblea del 14 marzo nella sede di Milano.

    In merito alla procedura di mobilità abbiamo chiesto ulteriori dati, propedeutici alla ricerca di soluzioni alternative all’esodo del personale dichiarato. In particolare abbiamo chiesto il turn-over negli ultimi sei mesi, la quantità di straordinario sviluppato e la distribuzione dei carichi di lavoro dal periodo precedente l’incorporazione di MF Honyvem ad oggi, tutte le tipologie contrattuali presenti in CERVED. A fronte della nostra richiesta di valutare strumenti alternativi alla messa in mobilità (CIGS, Contratto di Solidarietà, trasformazioni del rapporto di lavoro in part-time), l’azienda pur ribadendo che le motivazioni dell’apertura della mobilità sono strutturali, e non dovute a cause economiche o di contrazione del mercato, si è comunque dichiarata disponibile a valutare congiuntamente le soluzioni meno traumatiche possibili per il personale coinvolto.

    È stato quindi fissato un calendario di incontri nei quali affrontare i temi dell’ordine del giorno originario e continuare il confronto in merito alla procedura di mobilità avviata.

    Le date e gli argomenti dei prossimi incontri sono:

    Lunedì 19 marzo h. 14.00 presso la sede aziendale di Milano per quanto riguarda il risultato del PdR 2011, l’avvio del confronto sul PdR 2012, phone e car policy, chiusure collettive annuali, agibilità delle RSU, estensione a tutte le sedi dell’accordo "sugli eventi straordinari atmosferici" firmato per la sede di Mangone, La determinazione di un calendario di incontri territoriali riguardo l’orario di lavoro (così come previsto dal Cia vigente).

    Lunedì 26 marzo h. 10.30 e mercoledì 4 aprile h. 10.30 presso Confcommercio Milano per continuare il confronto sulla procedura di mobilità avviata.

    L’andamento della trattativa sarà oggetto delle nostre prossime comunicazioni a riguardo.

    p. la Filcams Cgil Nazionale

    Marco Rossi

    Roma, 23 dicembre 2010

    TESTO UNITARIO

    Si è svolto il 17 dicembre u.s. il previsto incontro per proseguo del confronto sulla gestione del CIA.

    Le parti hanno discusso dei seguenti argomenti:

    · INCONTRI PERIODICI PER LA DISCUSSIONE DEL CIA: le parti hanno concordato di prevedere incontri biennali per la verifica dell’andamento dell’ accordo integrativo e per il suo eventuale riesame, ferma restando la scadenza annuale della parte relativa al premio di risultato”.

    · AGIBILITA’ SINDACALE: le OOSS hanno proposto di prevedere la costituzione di un coordinamento nazionale, con spese a carico dell’azienda e con la disponibilità di un monte ore permessi ad hoc. In previsione del rinnovo delle RSU, le OOSS hanno proposto di ampliare i confini di agibilità sindacale in modo da poter prevedere la copertura anche delle filiali più piccole e a questo scopo si valuterà l’ipotesi di prevedere 5 distretti territoriali così composti: 1) Roma . Prato . Bari . Palermo. Napoli 2) Milano. Genova. Vercelli 3) Padova. Ancona. Bologna. Verona 4) Cosenza 5) Torino. Anche in questo caso le OOSS hanno proposto di prevedere un monte ore di permessi sindacali aggiuntivi in modo da garantire la possibilità di occuparsi dell’insieme delle filiali del distretto di riferimento. Non essendo a disposizione del dettaglio numerico delle filiali, le parti faranno in seguito una discussione sui numeri di rsu eleggibili per ogni distretto. Discorso analogo dovrebbe valere anche per gli RLS.

    L’azienda inoltre, su richiesta delle OSS, ha dichiarato la propria disponibilità all’utilizzo di una bacheca sindacale elettronica visibile da tutti i dipendenti sulla intranet aziendale. Ha invece rifiutato l’uso delle mail aziendali per comunicazioni di carattere sindacale, salvo casi particolari come l’elezione degli RSU.

    · TRASFERTE: le OOSS hanno ribadito la richiesta di un riconoscimento economico delle ore di viaggio. L’azienda ha proposto una soluzione sperimentale da febbraio a luglio in cui riconoscere per ogni ora di viaggio mezza ora di permesso da usufruire successivamente in accordo con i responsabili di riferimento. Le OOSS hanno fatto presente che, pur potendo ragionare in termini di ore di permesso, non è accettabile il riconoscimento di sola mezza ora.

    · COMITATO MENSA: è di fatto stato istituito una commissione di valutazione del servizio mensa della sede di Milano, per cui le parti hanno condiviso una composizione paritetica e un report di aggiornamento periodico sulle attività svolte dalla commissione.

    · ORARIO DI LAVORO: è stato chiesto dalle OOSS un chiarimento circa l’orario di lavoro in quanto alcune indicazioni aziendali non corrispondevano al testo condiviso nell’accordo integrativo. Si è chiesto di chiarire che non esiste un orario minimo da svolgere nella giornata del venerdì, fermo restando il rispetto delle 40 ore settimanali e la flessibilità in entrata e uscita della giornata stessa. A tale proposito l’azienda farà una comunicazione ai responsabili in questo sento.

    Le parti hanno infine concordato l’incontro di inizio anno per la presentazione dei dati aziendali che si svolgerà

    Lunedì 31 gennaio ore 14.30

    c/o Unione del commercio di Milano

    Corso Venezia 47

    Per l’occasione l’azienda sta verificando la possibilità di svolgere l’incontro anche in modalità video conferenza. Vi comunicheremo eventuali disponibilità di tale strumento.

    p. La Filcams – CGIL Nazionale

    Daria Banchieri

    TESTO UNITARIO

    si è svolto il 26 il previsto incontro per la definizione dell’orario di lavoro che verrà applicato a decorrere dal 1 febbraio 2010 ai dipendenti di Cerved Group Srl.
    Come da accordo allegato (allegato 1) è prevista l’applicazione di 40 ore settimanali con una modulazione flessibile che prevede l’ingresso del mattino tra le 8.15 e le 9.30, la pausa pranzo con una durata tra i 30 e i 60 minuti, e la conseguente uscita nei giorni dal lunedì al giovedì tra le 17 e le 18.30, il venerdì tra le 16 e le 18.30.
    Avendo così concluso definitivamente l’armonizzazione dei contratti nazionali (allegato 2) precedentemente applicati dalle aziende interessate dalla fusione in Cerved Group, nei prossimi incontri ci si confronterà con l’azienda sull’armonizzazione dei trattamenti integrativi in essere.

    Il prossimo incontro si terrà:

    MARTEDI’ 9 FEBBRAIO 2010
    c/o Unione del Commercio, Corso Venezia 47 – Milano

    Alle ore 10 ci troveremo per un piccolo coordinamento tra delegati, mentre alle ore 11 inizierà l’incontro con l’azienda.

    p. La Filcams – CGIL Nazionale