Category Archives: CeDi-Sisa-Centro-Nord

Roma, 17 dicembre 2015

in data 16 dicembre 2015 si è svolto a Roma presso il Ministero del Lavoro l’incontro con la società Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., relativamente alla fase amministrativa della procedura avviata il 22 ottobre scorso, ai sensi della legge 223/91.

Per quanto riguarda la procedura di ammissione al concordato preventivo, l’azienda ha dichiarato che ad oggi non si hanno notizie in quanto il Giudice non ha ancora emesso la relativa decisione.

Mentre, per quanto concerne le istanze di fallimento presentate da 5 creditori, i rappresentanti aziendali hanno dichiarato che, con molta probabilità, si arriverà a degli accordi, con la conseguenziale desistenza degli stessi. Tutto ciò consentirebbe alla società di presentare una nuova richiesta di concordato.

A fronte dell’attuale situazione, l’incontro ha sostanzialmente determinato un accordo per la concessione di 12 mesi di Cassa Integrazione Straordinaria che ha come oggetto la cessazione dell’attività delle piattaforme di logistica presenti a Milano, Mosciano(TE) e Pomezia.

Tale accordo è stato sottoscritto con la consapevolezza che, qualora si arrivi alla presentazione di un nuovo concordato nel 2016 e a fronte del mutamento normativo in materia di ammortizzatori sociali con decorrenza 1 gennaio prossimo, ci si potrebbe ritrovare con l’impossibilità della fruizione per tutto il periodo concesso della CIGS.

In allegato troverete il verbale di accordo sottoscritto.

                          p. la Filcams Cgil Nazionale
                          Sandro Pagaria

Roma, 2 dicembre 2015

    Testo Unitario

    in data 1 dicembre 2015 si sono svolti a Roma presso il Ministero del Lavoro gli incontri con le società Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A. e Eurosisa Group S.r.l., relativamente alla fase amministrativa delle due procedure avviate il 22 ottobre scorso, ai sensi della legge 223/91.
    Per quanto riguarda Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., i rappresentanti aziendali presenti hanno dichiarato che il 27 novembre scorso, data nella quale era fissata l’udienza presso il Tribunale di Vicenza, nella quale lo stesso doveva pronunciarsi sull’ammissione al concordato, e a fronte della presentazione ufficiale di due offerte da parte di due operatori del settore in cui si manifesta la volontà di acquisire parte della società, il Giudice ha ritenuto di rinviare qualsiasi decisione fissando una nuova udienza il 3 dicembre p.v..
    Il Ministero del Lavoro, nel prendere atto di quanto ha dichiarato l’impresa, ha ritenuto di rinviare la discussione a giorno 11 dicembre 2015 alle ore 11,00, quindi successivamente alla decisione che sarà assunta dal Tribunale, condizione indispensabile per capire quali strumenti mettere in campo per limitare quanto più possibile l’impatto occupazionale.
    Per quanto riguarda Eurosisa Group S.r.l., la società ha dichiarato che la situazione si è notevolmente aggravata rispetto a quanto dichiarato nella comunicazione di avvio della procedura di licenziamento collettivo, costringendo i soci a decidere di avviare il percorso volto alla cessazione dell’intera attività.
    Dopo un approfondito confronto, si è deciso congiuntamente di sottoscrivere un accordo in cui si prevede un periodo di 12 mesi di CIGS, come meglio specificato nel verbale che troverete in allegato.
    In allegato troverete, pertanto, il verbale di rinvio per Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., e il verbale di accordo per Eurosisa Group S.r.l..

                            p. la Filcams Cgil Nazionale
                            Sandro Pagaria

    - Cedi Sisa Centro Nord – verbale di rinvio
    - Eurosisa Group – verbale accordo

    Roma, 17 novembre 2015


    Testo Unitario

    in data 13 novembre 2015 si è svolto a Roma il secondo incontro con le società Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A. e Eurosisa Group S.r.l., relativamente alle procedure avviate il 22 ottobre scorso, ai sensi della legge 223/91.
    La società Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., ha dichiarato che non è riuscita a presentare il piano concordatario entro il termine che era previsto per il 12 novembre, pertanto la situazione si è aggravata ulteriormente.
    I rappresentanti aziendali presenti, ci ha informati che il 27 novembre prossimo si terrà l’udienza presso il tribunale di Vicenza. Data nella quale è prevista la decisione sull’ammissione al concordato, e a fronte di assenza del relativo piano, l’esito non può che essere negativo, andando, quindi, verso il fallimento.
    Per Eurosisa Group S.r.l. in queste ultime settimane la situazione si è notevolmente aggravata, in quanto è emerso un debito di circa € 27.000.000,00 con Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., ed una grande difficoltà nel rifornimento dei punti vendita, in quanto trova indisponibilità dagli altri fornitori ad intraprendere un rapporto commerciale a causa del grande di rischio d’insolvenza.
    Come OO.SS. nel prendere atto di quanto emerso, abbiamo ribadito la necessità di individuare tutti gli eventuali strumenti a disposizione, per cercare di limitare quanto più possibile l’impatto occupazionale, nella consapevolezza del quadro critico in merito alle norme di accesso agli Ammortizzatori Sociali.
    In ragione di ciò, abbiamo sottoscritto, sia per Eurosisa Group S.r.l. che per Cedi Sisa Centro-Nord S.p.A., un verbale di mancato accordo, che trovate in allegato, con il quale si chiude la fase sindacale delle rispettive procedure di licenziamento collettivo, rinviando al Ministero del Lavoro la prosecuzione del confronto.
    Non appena riceveremo la convocazione da parte del Ministero del Lavoro, sarà nostra cura informarvi tempestivamente.


                            p. la Filcams Cgil Nazionale
                            Sandro Pagaria

    - Cedi Sisa Centro-Nord – Verbale mancato accordo 13/11/2015
    - Eurosisa Group – Verbale mancato accordo 13/11/2015

    Roma, 30 ottobre 2015

    Testo Unitario

    in data 26 ottobre 2015 si è svolto a Roma il primo incontro con le società Sisa Cedi Centro-Nord S.p.A. e Eurosisa Group S.r.l., relativamente alle procedure avviate ex artt. 4 e 24 della legge 223/91.
    La società Sisa Cedi Centro-Nord S.p.A., ha sostanzialmente confermato quanto già dichiarato nella comunicazione di procedura di licenziamento collettivo.
    Inoltre, ha fatto presente che la decisione di presentare il concordato preventivo si è reso necessario a fronte di una pesantissima situazione debitoria, confermando di aver ricevuto anche due istanze di fallimento, ed entro il 15 novembre dovrà presentare il relativo piano concordatario che attualmente è in fase di costruzione.
    Come OO.SS. nel prendere atto di quanto dichiarato, abbiamo chiesto di individuare insieme tutti gli strumenti possibili per cercare di limitare quanto più possibile l’impatto occupazionale.
    Seppur in uno stato di crisi, la situazione per Eurosisa Group S.r.l., appare meno drammatica, tenuto conto che il tutto è riconducibile a quanto sta vivendo Sisa Cedi Centro-Nord S.p.A. avendo determinato un rallentamento dell’’approvvigionamento necessario per rispondere alla richiesta della clientela, la società ha dichiarato che ha già intrapreso trattative con altri fornitori.
    Anche per Eurosisa Group S.r.l., tenuto conto di tale progetto di rilancio, abbiamo chiesto di rivedere il numero degli esuberi dichiarato affinché, adottando uno strumento di ammortizzatore sociale, si possa salvaguardare l’intero livello occupazionale.
    Abbiamo concluso l’incontro condividendo la necessità di fare ulteriori e opportuni approfondimenti, dandoci appuntamento per il 10 novembre p.v. alle ore 11,30 a Roma, in Via dei Mille,56, presso la Fisascat Nazionale.