Category Archives: Btv

Il 04 novembre si è tenuto l’incontro programmato con BTV e Rangers per proseguire il confronto sulla procedura di licenziamento collettivo avviata dall’azienda, nel primo caso, ed avviarlo invece per quanto riguarda la Rangers la cui procedura ci è pervenuta in tempi successivi.

Sulla procedura BTV il confronto non ha fatto registrare alcun passo avanti, in particolare per quanto riguarda la maggiore criticità relativa alla terziarizzazione della sala conta di Milano. Anche nell’incontro a livello territoriale precedente non si è registrato alcun avanzamento. Tuttavia, l’azienda ha manifestato l’intenzione di non procedere a licenziamenti senza l’accordo con le OO.SS, proponendo perciò una proroga dei termini previsti dalla legge per il confronto sindacale, ed aggiornandolo al giorno 02 dicembre e successivamente al giorno 09 dicembre.

Per quanto riguarda la procedura Rangers l’azienda ci ha illustrato brevemente le motivazioni che sono più o meno di carattere organizzativo, come nel caso BTV. In particolare vi sono 10 esuberi nel personale operativo, ancora una volta su Milano, che l’azienda ritiene essere strutturali ed alcuni su Grosseto che potranno essere volontari perché legati a prepensionamenti.

Anche per quanto riguarda la procedura Rangers il confronto è stato aggiornato alle date su indicate.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Sabina Bigazzi

Roma 14 ottobre ’13

Lo scorso 11 ottobre si è tenuto il primo incontro nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo avviata da BTV.L’azienda ci ha illustrato le motivazioni della procedura che, per quanto attiene alle figure impiegatizie e/o amministrative, rientrerebbe in una razionalizzazione dei costi e dei servizi. Non ha dato, però, risposte esaustive alla nostra richiesta di chiarimenti sulla futura organizzazione dei servizi coinvolti, come ad esempio la fatturazione.

Per quanto, invece, riguarda gli esuberi che insistono su Milano e che riguardano la sala conta, l’azienda ci ha dichiarato che procederà all’esternalizzazione del servizio. Su questo punto in particolare abbiamo unitariamente dichiarato la nostra contrarietà al percorso così intrapreso, sottolineando la necessità di un confronto specifico sul territorio, al fine di individuare soluzioni alternative.

Per quanto riguarda gli altri esuberi abbiamo chiesto di procedere prioritariamente con la ricollocazione del personale sia sull’operativo (alcuni, pur svolgendo mansioni impiegatizie sono muniti di decreto) sia nelle sale conta, dove il decreto non è necessario. Inoltre, abbiamo chiesto di valutare il ricorso ai Cds.

L’azienda ha dato la disponibilità a procedere in tal senso.

Ci siamo quindi aggiornati al giorno 22 ottobre, alle ore 10.30 a Roma, in luogo da definire. In quella occasione l’azienda dovrebbe presentarci una proposta articolata che tenga conto delle nostre richieste.

p/FILCAMS Cgil Nazionale

Sabina Bigazzi