Category Archives: Airest

Roma, 17 novembre 2014

Testo unitario

Il giorno 11 novembre 2014 si è tenuto a Roma un incontro con la direzione di AIREST Spa in riferimento alla comunicazione aziendale di data 5 novembre (che alleghiamo) nella quale venivano esposte le operazioni finalizzate alla riorganizzazione del gruppo.

L’incontro si è svolto ai sensi dell’ articolo 2112 del Codice Civile e dell’articolo 47 della legge n. 428/1990.

Airest (attraverso le due società SRL e SPA), che svolge attività di ristorazione e travel retail nell’ambito di aeroporti, stazioni, autostrade e centri commerciali e che all’atto della procedura occupa complessivamente in Italia 962 dipendenti, ha realizzato ad aprile del 2014 una partnership industriale con il Gruppo Lagardère, uno dei leader a livello mondiale di travel retail. La partnership nasce anche dall’esigenza di SAVE (il gruppo che gestisce gli aeroporti sopraelencati) di ridimensionare l’impegno nelle attività di retail per concentrarsi sul business principale. In virtù di questi accordi il 50% delle azioni di Airest Spa è passato a LSTR Food Services Srl (appartenente al Gruppo Lagardère). Inoltre Lagardere potrà esercitare un’opzione di acquisto della totalità delle due società di nuova costituzione al termine della procedura, ad eccezione delle attività svolte presso gli aeroporti di Venezia, Treviso e Verona, per le quali che passeranno a Airest SRL (attualmente quest’ultima gestisce solo le attività di Travel Retail).

L’accordo, dichiara l’azienda, serve a rafforzare e sviluppare i marchi del Gruppo Airest a livello internazionale. Sotto il profilo “industriale” il Gruppo Lagardère unisce il proprio punto di forza, cioè il travel retail, con il punto di forza di Airest, cioè la ristorazione.

Tale operazione consentirà l’acquisizione di una maggiore competitività a livello internazionale, da esercitare in occasione delle gare per l’aggiudicazione dei servizi soprattutto negli aeroporti.

Il piano prevede una serie di operazioni societarie finalizzate alla riorganizzazione del Gruppo Airest, in virtù della quale nasceranno 3 distinte società attraverso trasferimento di rami d’azienda.

Le 3 distinte società saranno così costituite ed articolate:

1. conferimento delle attività di ristorazione degli aeroporti di Venezia, Treviso e Verona da Airest Spa ad Airest Retail Srl; tale società, di cui SAVA manterrà il 50% delle azioni, gestirà le attività di ristorazione e travel retail degli esclusivamente in questi tre siti; per Venezia in particolare, il piano di sviluppo dell’aeroporto ne prevede un ampliamento delle dimensioni e della qualità dei servizi offerti; Airest parla di un preciso “modello di gestione” dei servizi negli aeroporti veneti; il conferimento si effettuerà entro il 10 dicembre 2014 e sarà operativo dal 1° gennaio 2015. A seguito della procedura Airest srl avrà un organico di 274 dipendenti;

2. costituzione di una nuova società (newco A) nella quale confluiranno le attività di travel retail degli aeroporti di Bari e Palermo; l’operazione verrà realizzata entro il 30 aprile 2015. La nuova società avrà un organico di 20 dipendenti;

3. costituzione di una nuova società (newco B) nella quale confluiranno tutte le altre attività del gruppo, compresi gli uffici della sede di Marcon (Venezia); il trasferimento di questo ramo d’azienda avverrà entro il 30 aprile 2015. La nuova società avrà un organico di 564 dipendenti (di cui 104 della sede di Marcon);

Tutto il personale occupato attualmente in Airest sarà trasferito con passaggio diretto alle dipendenze delle tre nuove società, con mantenimento delle condizioni economiche e normative.

L’incontro per il perfezionamento della procedura è stato aggiornato a giovedì 20 novembre p.v. a Roma, presso la sede della FIPE, p.zza G. Belli, 2 alle ore 10,30.

Airest ha inoltre accolto la nostra richiesta di effettuare un incontro specificamente dedicato al piano industriale e alle prospettive del gruppo; tale incontro è già stato fissato per martedì 13 gennaio 2015 a Venezia, in luogo che verrà successivamente individuato.

p. la Filcams Cgil Nazionale

Luca De Zolt

Roma, 16 luglio 2009

Oggetto: CIA AIREST

TESTO UNITARIO

Il giorno 8 luglio 2009, a Venezia, è stato raggiunto l’accordo Integrativo Aziendale con la Soc. AIREST srl già Ristop ed AIRPORT ELITE che in allegato alla presente trasmettiamo .

L’obiettivo di arrivare ad un unico contratto integrativo per le imprese facenti capo al Gruppo Airest è stato raggiunto garantendo il mantenimento delle contrattazioni collettive preesistenti ed estendendo la contrattazione di secondo livello anche alle unità di vendita ed ai lavoratori che non ne godevano e che oggi rientrano a pieno titolo nel perimetro aziendale.

Va inoltre sottolineato che con il CIA Airest si completa la contrattazione integrativa delle principali aziende di ristorazione presenti sulla rete autostradale e si fissano importanti diritti per i lavoratori occupati nelle altre attività in concessione quali stazioni ed aeroporti, oltre che per la rete urbana.

Il CIA estendono a tutti i lavoratori, pur con alcune gradualità, le condizioni normative e salariali degli altri CIA stipulati in ambito autostradale, ad es.: integrazione malattia per periodi a rischio di mancata contribuzione, prolungamento del periodo di comporto, anticipo indennità infortunio, superminimo collettivo pari 120,77 euro mensili al 4′ livello per 14 mensilità; pausa retribuita per pasto e "cambio tuta" di 30 minuti giornalieri; indennità aggiuntiva di 20 euro mensili per l’operatore multiservizio; definizione del premio di risultato per l’intera azienda.

Il nuovo premio di salario variabile a valere per tutti i lavoratori di Airest è pari a 450 euro nel 2010, a salire, come da schema riportato; per coloro che avevano maturato, relativamente all’anno 2007, importi superiori a 450 euro, la differenza tra il maggior importo e 450 euro viene considerata un assegno individuale non assorbibile e suddivisa in dodicesimi (12 mensilità).

Sono state inoltre codificate percentuali di maggiorazione più alte rispetto al CCNL:

Lavoro Domenicale +15%
Lavoro notturno (22:00-06:00) + 30%
Festivo + 25%
Supplementare + 35%
Tutti gli istituti verranno applicati anche ai punti vendita non autostradali;
I rapporti a tempo determinato saranno utili a maturare l’anzianità di servizio.

Vanno altresì evidenziati i seguenti ulteriori aspetti:

procedura negoziale in caso di modifica del perimetro aziendale;
applicazione integrale del CCNL Confcommercio anche in riferimento alla bilateralità;
rafforzamento delle relazioni industriali a livello nazionale e territoriale, con anche l’istituzione di coordinamenti funzionali messi in condizione di operare meglio grazie all’incremento delle ore di permessi retribuiti (anche sul fronte salute e sicurezza) e di agibilità delle ore di assemblea retribuita;
definizione concordata dell’organizzazione del lavoro, dei turni, delle ferie e del diritto a un minimo di domeniche libere;
informazione con congruo anticipo dei turni;
facilitazione per raggiungere il posto di lavoro, nell’uso dei propri mezzi di locomozione e delle soluzione per il parcheggio.

In considerazione del fatto che, specie nell’ultima fase della trattativa, la maggiore difficoltà è stata determinata dal mancato riconoscimento da parte dell’impresa dell’ultravigenza di un precedente accordo, vale la pena di segnalare il punto 7 dell’accordo che prevede l’ultravigenza sia della parte normativa che di quella salariale.

Il CIA avrà validità fino al 31-12-2012 e prevede l’erogazione di un premio anche per i lavoratori ai quali era applicato il CIA ex Ristopper i lavoratori dei locali dell’aeroporto di Catania e della Stazione di Pescara. La Copertura parziale del 2009 maturata nel 2008 è descritta nell’allegato.

L’ipotesi di accordo siglata dalle segreterie nazionali è stata ratificata da una delegazione trattante ampiamente rappresentativa, oltre che delle singole organizzazioni sindacali sia di struttura che di RSA-RSU, anche sul piano geografico e delle diverse aziende che man mano sono rientrate nel perimetro Airest.

p.La Filcams Cgil
G. Guglielmi

All.1- accordo secondo livello

Link Correlati
     NOTA ESLICATIVA