Category Archives: RISTOP

VERBALE DI INCONTRO

Il giorno 19 luglio 2007 presso la Sede di Confindustria Roma si sono incontrati:

· La Società RISTOP s.r.l. , rappresentata da Umberto Zannier

· la Società AIRPORT ELITE s.r.l. , rappresentata da Diego Valsecchi

assistite da Unindustria Venezia , in persona di Giuliano Da Rozze

e

· la FILCAMS CGIL in persona di Gabriele Guglielmi

· la FISASCAT CISL in persona di Alfredo Magnifico

· la UILTUCS UIL in persona di Gabriele Fiorino

in attuazione della procedura prevista dall’art. 47 della legge 29.12.1990 n. 428 avviata da RISTOP s.r.l. con lettera datata 2 luglio 2007, per il tramite di UNINDUSTRIA VENEZIA.

Premesso che

– nel corso dell’incontro sono stati illustrati ed approfonditi i motivi che hanno determinato la decisione di procedere alla fusione per incorporazione della Società RISTOP s.r.l. con sede in Tessera (VE) Viale Galileo Galilei n. 30/1 nella Società AIRPORT ELITE S.r.l con Sede in Tessera (VE) Viale Galileo Galilei n. 30/1

- che tali motivi sono di seguito ribaditi:

a) economici ed organizzativi perché attraverso la concentrazione del personale e dei servizi nella Società incorporante si ottengono le sinergie strutturali indispensabili per una migliore efficienza delle attività ;

b) tecnico – produttivi perché con la centralizzazione e riorganizzazione dei settori produttivo e commerciale si realizza una razionalizzazione delle attività.;

- la fusione per incorporazione nella Società AIRPORT ELITE s.r.l. avverrà in data 1 ottobre 2007 ed interesserà tutti i dipendenti che a tale data saranno a ruolo RISTOP s.r.l. nelle unità di cui all’allegato elenco;

Tutto ciò premesso le parti convengono quanto segue:

a – le premesse costituiscono parte integrante del presente verbale di incontro;

b – nei confronti dei dipendenti di RISTOP s.r.l., di cui in premessa, che passeranno in AIRPORT ELITE s.r.l. troverà applicazione il CCNL Turismo – Pubblici esercizi e gli accordi collettivi in vigore;

b – il personale trasferito conserverà a tutti gli effetti l’anzianità maturata ;

c- al personale trasferito sarà garantito il mantenimento delle condizioni normative in essere e della retribuzione annua, con le modalità di erogazione fino ad oggi applicate, riconosciuta al momento del trasferimento, fatta salva la corresponsione della retribuzione mensile che con decorrenza dal mese di ottobre 2007 verrà uniformata al 27 del mese;

d – il trasferimento del personale avrà luogo senza soluzione di continuità e senza che ricorrano i presupposti per l’erogazione del preavviso;

e – il Trattamento di fine rapporto maturato sarà trasferito alla AIRPORT ELITE s.r.l. che subentrerà altresì negli obblighi in essere di legge e contrattuali relativi a:

- fondi di assistenza sanitaria

- previdenza integrativa

- riconoscimento della continuità di incarichi, iscrizioni sindacali e R.L.S.;

f – la fusione per incorporazione avrà effetto dal 1 ottobre 2007.

g – Le parti nel corso del mese di settembre 2007 si incontreranno per affrontare i temi relativi alla contrattazione di secondo livello.

Con la sottoscrizione del presente verbale, le parti si danno atto dell’avvenuto esperimento della procedura prevista dall’art. 47 della legge 29.12.1990 n. 428 per l’intero territorio nazionale.

Letto, confermato e sottoscritto.

RISTOP S.r.l. FILCAMS – CGIL

AIRPORT ELITE s.r.l. FISASCAT – CISL

UNINDUSTRIA VENEZIA UILTUCS – UIL

Roma, 20 aprile 2006

Oggetto:Piattaforma rinnovo CIA Ristop

Spett/le RISTOP
c.a. Dr. Riboni
Via Fermi, 2/4
37135 Verona

Vi inviamo la Piattaforma, approvata dalle Assemblee dei lavoratori, per il rinnovo del CIA Ristop scaduto il 31.12.2205.

In attesa di conoscere la data di inizio del confronto negoziale, inviamo cordiali saluti.

p. la FILCAMS/CGIL
p.la FISASCAT/CISL
p.la UILTUCS/UIL
(Romeo)
(Magnifico)
(Fargnoli)

PIATTAFORMA RIVENDICATIVA PER IL RINNOVO
DEL CIA PER I DIPENDENTI DELLA SOCIETA’ RISTOP

Relazioni Industriali

- Miglioramento dell’impianto di relazioni industriali sia a livello aziendale/nazionale che decentrato:

- ampliamento dei diritti sindacali

- maggiore tutela delle condizioni di lavoro e dei diritti collettivi e individuali anche in caso di subentro in concessione


Malattia

-Copertura previdenziale per tutti i periodi di malattia ;

-Pagamento del periodo di carenza a prescindere dalla durata della malattia;

Sicurezza anticrimine

-Il coordinamento della commissione tecnica istituita aziendalmente con altre esperienze simili con lo scopo di mettere in rete informazioni e strumenti ;


Salario

- L’incremento del salario aziendale ;

- L’incremento del premio d risultato, il consolidamento di una parte dello stesso; l’effettivo riconoscimento del premio anche in caso di passaggio di concessione;
- Il riconoscimento di una indennità di sede disagiata per tutti coloro che, per recarsi al lavoro, non hanno l’opportunità di utilizzare i mezzi pubblici
- La regolamentazione dei trattamenti in caso di missioni o trasferte.

Link Correlati
     Invio alla controparte

BOZZA DI PIATTAFORMA RIVENDICATIVA PER IL RINNOVO
DEL CIA PER I DIPENDENTI DELLA SOCIETA’ RISTOP


Il 27 giugno del 2003 si è concluso il negoziato per il rinnovo del CIA dei lavoratori di Ristop valido per il periodo 1.1.2002 / 31.12.2005, che ha rappresentato il punto più significativo della qualità delle relazioni sindacali prima del trasferimento della proprietà alla " SERENISSIMA INVESTIMENTS" del giugno 2003, e dei rinnovi delle concessioni autostradali che hanno ridisegnato la dislocazione territoriale della Società.


Il nuovo assetto proprietario ha rappresentato, nei fatti, una involuzione del rapporto tra le parti, limitando il confronto sindacale quasi esclusivamente all’interno delle singole unità produttive.

Sono da valutare negativamente, tra l’altro, gli ostacoli frapposti dal nuovo management alla realizzazione dei confronti previsti dal contratto integrativo aziendale, ripetutamente sollecitato dalle Segreterie Nazionali,in relazione ai ripetuti passaggi di concessione verificatisi nel corso del 2004.

In tale contesto, assume particolare significato il rilancio e la valorizzazione della qualità del confronto sindacale con l’obiettivo perseguire, con il rinnovo del contratto integrativo, una effettiva armonizzazione dei trattamenti economici e normativi per tutti i lavoratori impegnati nel settore della ristorazione autostradale.

A tal proposito si chiede:

Relazioni Industriali

- Miglioramento dell’impianto di relazioni industriali si a livello aziendale/nazionale che decentrato:

- ampliamento dei diritti sindacali
- maggiore tutela delle condizioni di lavoro e dei diritti collettivi e individuali anche in caso di subentro in concessione

Malattia

-Copertura previdenziale per tutti i periodi di malattia ;

-Pagamento del periodo di carenza a prescindere dalla durata della malattia;

Sicurezza anticrimine

-Il coordinamento della commissione tecnica istituita aziendalmente con altre esperienze simili con lo scopo di mettere in rete informazioni e strumenti ;


Salario

- L’incremento del salario aziendale ;

- L’incremento del premio d risultato, il consolidamento di una parte dello stesso; l’effettivo riconoscimento del premio anche in caso di passaggio di concessione;
- Il riconoscimento di una indennità di sede disagiata per tutti coloro che, per recarsi al lavoro, non hanno l’opportunità di utilizzare i mezzi pubblici
- La regolamentazione dei trattamenti in caso di missioni o trasferte

Le Segreterie nazionali
Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL
C.Romeo A.Magnifico E.Fargnoli

FILCAMS-CGIL FISASCAT-CISL UILTUCS-UIL

Roma, 30 settembre 2005

Raccomandata A.R.
Anticipata via fax

Prot. n° 145 CR/as
Oggetto:Disdetta CIA Ristop

Spett.le
RISTOP S.r.l.
Via Ortigara, 30/A
37069 Villafranca di Verona

Con la presente, comunichiamo la formale disdetta del Contratto integrativo aziendale di cui all’oggetto.

Quanto prima provvederemo ad inviarvi la piattaforma rivendicativa per il rinnovo del medesimo.

Distinti saluti.

p.la FILCAMS/CGIL p.la FISASCAT/CISL p.la UILTUCS/UIL
C.Romeo G.Pirulli E.Fargnoli

CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE ( C.I.A. ) PER I DIPENDENTI DELLA SOCIETA’ RISTOP S.r.l.

Il giorno 27 del mese di giugno 2003, in Villafranca di Verona (VR)

TRA

la Societa’ RISTOP S.r.l. rappresentata dal consulente aziendale per le relazioni sindacali Corrado Villella e dal responsabile della Divisione Personale Daniele Riboni

E

la Federazione Italiana Lavoratori Commercio, Turismo e Servizi – FILCAMS-CGIL, rappresentata dal Segretario Nazionale Carmelo Romeo;

la federazione Italiana Sindacati Addetti Servizi Commerciali Affini e del Turismo – FISASCAT-CISL rappresentata dal Segretario Nazionale Giovanni Pirulli;

la Unione italiana lavoratori Turismo Commercio e servizi UILTuCS rappresentata dal Segretario Nazionale Emilio Fargnoli;

esaminato i contenuti della piattaforma rivendicativa inviata in data
30 settembre 2002
visto l’ipotesi di accordo siglata in data 20 febbraio 2003
si e’ stipulato

il presente Contratto Integrativo Aziendale, in seguito denominato C.I.A., per i dipendenti della società RISTOP S.r.l., composto da 12 titoli approvati e sottoscritti dai rappresentanti di tutte le Organizzazioni stipulanti.

Si confermano i punti dall’1 al 14 del C.I.A. del 14 marzo 1998.

1) RELAZIONI SINDACALI

·Sono demandate alla competenza della contrattazione integrativa territoriale le seguenti materie :

-mercato del lavoro;
-contratti a termine;
-apprendistato e CFL;
-lavoro temporaneo;
-contratti part-time in relazione a quanto previsto dal D.Lgs. 25 febbraio 2000 n.61.

A tal fine, le parti si incontreranno di norma enro il mese di giugno, o nel caso fosse necessario, su richiesta di una delle parti.

·Sono demandate alla competenza della contrattazione integrativa della unita’ produttive le seguenti materie :

-distribuzione e controllo degli orari di lavoro;
-lavoro notturno;
-lavoro straordinario, supplementare;
-consolidamento dell’orario supplementare per i part-time;
-turni e nastro orario;
-definizione degli organici sulla base di parametri condivisi;
-gestione delle flessibilità;
-formazione e qualificazione del personale;
-verifica attuazione del D.Lgs. 626/1994.

Gli incontri si effettueranno presso le singole filiali, su richiesta di una delle parti, ogni qualvolta si rendessero necessari.

Al confronto potranno partecipare rappresentanti delle rispettive strutture territoriali, per fornire la necessaria assistenza alle RSA/RSU.

2) DIRITTI SINDACALI

Ai lavoratori che partecipano alle assemblee sindacali fuori dall’orario di lavoro, compete il corrispondente trattamento economico fino ad un massimo di 10 ore annue. La presenza deve essere giustificata con la timbratura di entrata ed uscita.

3) PREMIO DI RISULTATO

Si conferma l’istituto del premio variabile così come definito dal punto 5 del C.I.A. 1998.

Gli importi del premio di risultato sono così modificati :

per l’esercizio 2002 euro 620,00
per l’esercizio 2003 euro 671,00
per l’esercizio 2004 euro 671,00 più rese
per l’esercizio 2005 euro 671,00 più rese

Le parti convengono di istituire una ulteriore quota di premio variabile legata alle rese per un importo massimo pari a:

Euro 200,00 pro tempo pieno equivalente per l’anno 2004
Euro 400,00 pro tempo pieno equivalente per l’anno 2005

A tale scopo viene istituita una commissione OO.SS. / Azienda che procederà a definire gli obiettivi, le modalità di calcolo e di erogazione di tale quota di premio. La commissione dovrà concludere i propri lavori entro l’anno 2003.

Per la verifica dell’andamento della quota di premio legato alle rese, le parti si incontreranno nel mese di maggio 2005.

4) PREVIDENZA INTEGRATIVA

Si conviene di aderire al fondo di previdenza complementare FONTE. L’azienda si impegna ad inviare ai lavoratori la documentazione necessaria per l’adesione, in forma volontaria, al fondo di previdenza integrativa con la busta paga del mese successivo al ricevimento della stessa da parte delle OO.SS..

5) MENSA

A decorrere del 1° ottobre 2003 la pausa mensa retribuita viene riconosciuta a tutti i lavoratori in servizio presso i punti di vendita autostradali.
A decorrere dal 01.01.2005 tale pausa retribuita viene estesa a tutti i lavoratori della Società compresi i part-time con orario superiore a 4 ore giornaliere.

6) T.F.R.

E’ possibile richiedere l’anticipazione del TFR anche per opere di ristrutturazione e di manutenzione straordinaria della casa di abitazione che comportino una spesa non inferiore a 15.000 euro, fatti salvi i requisiti di legge relativi all’anzianità di servizio.

7) AZIONI POSITIVE

L’ azienda ribadisce il proprio intendimento ad operare nello spirito di cui alla legge 125/91, sia per quanto attiene la carriera, che per ogni altro aspetto afferente la parità di trattamento in Azienda tra uomini e donne.

Al fine di dare concreta attuazione a quanto sopra , viene costituita una apposita Commissione Paritetica con il compito di formulare proposte finalizzate al raggiungimento degli obiettivi previsti dalla legge.

8) SICUREZZA

Nel ritenere la sicurezza e la tranquillità personale di tutti gli operatori bene primario, le parti convengono di istituire una Commissione Tecnica per lo studio e l’adozione di misure specifiche utili a tale scopo.

Si evidenzia che in questo settore, comunque e’ da tempo attivo un sistema che attua e rinnova strumenti tipo : telecamera a circuito chiuso e pulsanti antirapina posti in zone strategiche, oltre alla dotazione di apposito collarino antimalore salvavita in modo da facilitare il collegamento con gli enti esterni preposti ed i componenti della direzione di filiale in caso di necessita’.

La Commissione si riunirà periodicamente almeno due volte all’anno, orientativamente una prima volta nel periodo pasquale e una seconda volta alla fine dell’anno, fermo restando la possibilità di riunirsi, in via straordinaria, qualora si verificassero eventi la cui gravità oggettivamente lo richiedesse.

La Commissione procederà al monitoraggio di situazioni critiche raccolte attraverso specifica modulistica, compilata localmente, anche sulla base delle segnalazioni contenute nel registro istituito presso ciascun punto vendita e costantemente aggiornato. Potrà quindi formulare suggerimenti e proposte tecniche e organizzative che l azienda esaminerà fornendo i chiarimenti e le proposte nel più breve tempo possibile.

Nelle filiali in cui si manifestassero situazioni di particolare pericolosità ( passaggio di tifoserie spiccatamente turbolente, vicinanze di discoteche e di manifestazioni di massa ), l’Azienda interverrà utilizzando specifiche intese con gli Enti preposti alla Sicurezza ( Polizia Stradale e Questure ).

Le Parti, ritenendo che il fenomeno legato alla sicurezza personale di chi opera in determinate condizioni di tempo e luogo lungo la rete autostradale, sia problema alla cui soluzione debbano concorrere tutti gli enti interessati e primariamente chi è destinato alla funzione di pubblica sicurezza, auspicano che venga sensibilizzato da tutti gli attori ( aziende ed enti pubblici di sicurezza ) il Dicastero preposto per individuare soluzioni adeguate ad aumentare i livelli di sicurezza esistenti.

9) ANTICIPAZIONE TRATTAMENTO ECONOMICO IN CASO DI INFORTUNIO

A decorrere dal 1° maggio 2003 l’azienda provvederà ad anticipare ai lavoratori l’indennità a carico dell’INAIL.

10) BUSTA PAGA

A decorrere dal 1° settembre 2003 l’azienda adotterà un nuovo cedolino paga che riporterà la certificazione delle ore giornalmente lavorate.

11) ORARIO NOTTURNO

Dal 1° luglio 2003 l’indennità notturna verrà erogata dalle ore 23,00 alle ore 06.00
Dal 01.01.2004 l’indennità verrà erogata a partire dalle ore 22,00 alle ore 06,00

Le indennità di lavoro notturno, festivo e domenicale vengono incrementate delle seguenti percentuali :

dal 01.07.2003 + 1 %
dal 01.01.2004 ulteriore incremento dell’1 %
dal 01.01.2005 ulteriore incremento del 3 %

12) CONGEDI PARENTALI

Le parti convengono di recepire integralmente nell’accordo integrativo aziendale tutte le norme previste dalla legge 8 marzo 2000 n. 53 sui congedi parentali.

Il presente contratto integrativo aziendale nazionale decorre dal 01.01.2002 al il 31.12.2005

Sono fatte salve le condizioni di miglior favore già esistenti nelle singole filiali.

RISTOP FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS

L.C.S.
(Seguono firme)

IPOTESI DI ACCORDO

In data 20.02.2003 si sono incontrati presso la sede Ristop s.r.l. di Villafranca la società Ristop s.r.l
nelle persone dei sigg. Daniele Riboni e Corrado Villella e i rappresentanti nazionali della FILCAMS-CGIL, FISASCAT-CISL e UILTuCS-UIL nelle persone rispettivamente di Carmelo Romeo, Giovanni Pirulli e Emilio Fargnoli ed i rispettivi rappresentanti territoriali nelle persone di Sergio Franceschini, Severina Carli e Cesare Ierulli.

Le parti hanno esaminato i contenuti della piattaforma rivendicativa inviata in data 30.09.2002 ed hanno raggiunto la seguente ipotesi di accordo, convenendo quanto segue:

RELAZIONI SINDACALI

Si riconferma il modello relazionale di cui al C.I.A. 14.03.1998 così integrato:

Livello territoriale
viene introdotto il confronto negoziale sulle seguenti materie:
-mercato del lavoro;
-contratti a termine;
-apprendistato e CFL;
-lavoro temporaneo;
-contratti part-time in relazione a quanto previsto dal DL 61/2001.

Livello di unità produttiva
Viene introdotto il confronto negoziale finalizzato al raggiungimento di intese sulle seguenti materie:
-distribuzione e controllo degli orari di lavoro;
-lavoro notturno;
-lavoro straordinario, supplementare;
-consolidamento dell’orario supplementare per i part-time;
-turni e nastro orario;
-definizione degli organici sulla base di parametri condivisi;
-gestione delle flessibilità;
-formazione e qualificazione del personale;
-verifica attuazione della L.626.

DIRITTI SINDACALI

Ai lavoratori che partecipano alle assemblee sindacali fuori dall’orario di lavoro, compete il corrispondente trattamento economico fino ad un massimo di 10 ore annue. La presenza deve essere giustificata con la timbratura di entrata ed uscita.

PREMIO DI RISULTATO

Si conferma l’istituto del premio variabile così come definito dal C.I.A. 1998.

Gli importi del premio di risultato sono così modificati:
per l’esercizio 2002 euro 620,00
per l’esercizio 2003 euro 671,00
per l’esercizio 2004 euro 671,00 più rese
per l’esercizio 2005 euro 671,00 più rese

Le parti convengono di istituire una ulteriore quota di premio variabile legata alle rese per un
importo massimo pari a:
Euro 200,00 pro tempo pieno equivalente per l’anno 2004
Euro 400,00 pro tempo pieno equivalente per l’anno 2005

A tale scopo viene istituita una commissione OO.SS. Azienda che procederà a definire gli obiettivi, le modalità di calcolo e di erogazione di tale quota di premio. Entro il 30.06.2003 la commissione dovrà concludere i propri lavori.

Per la verifica dell’andamento della quota di premio legato alle rese, le parti si incontreranno nel mese di maggio 2005.

PREVIDENZA INTEGRATIVA

Si conviene di aderire al fondo di previdenza complementare FONTE. L’azienda si impegna ad inviare ai lavoratori con la busta paga del mese di maggio la documentazione necessaria per l’adesione, in forma volontaria, al fondo di previdenza integrativa.

MENSA

A decorrere del 1° ottobre 2003 la pausa mensa retribuita viene riconosciuta a tutti i lavoratori in
servizio presso i punti di vendita autostradali.
A decorrere dal 01.01.2005 tale pausa retribuita viene estesa a tutti i lavoratori della Società
compresi i part-time con orario superiore a 4 ore giornaliere.

T.F.R.

E’ possibile richiedere l’anticipazione del TFR anche per opere di ristrutturazione e di manutenzione straordinaria della casa di abitazione che comportino una spesa non inferiore a 15.000 euro.

AZIONI POSITIVE

Viene istituita la Commissione paritetica Azienda – OO.SS. sulle pari opportunità ed azioni positive.

SICUREZZA

Sul tema della sicurezza del personale degli impianti viene introdotta la normativa come da allegato.

ANTICIPAZIONE TRATTAMENTO ECONOMICO IN CASO DI INFORTUNIO

A decorrere dal 1° maggio 2003 l’azienda provvederà ad anticipare ai lavoratori l’indennità a carico dell’INAIL.

BUSTA PAGA

A decorrere dal 1° settembre 2003 l’azienda adotterà un nuovo cedolino paga che riporterà la certificazione delle ore giornalmente lavorate.

ORARIO NOTTURNO

Dal primo giorno del mese successivo alla sottoscrizione del presente C.I.A l’indennità notturna
verrà erogata dalle ore 23,00 alle ore 06.00
Dal 01.01.2004 l’indennità verrà erogata a partire dalle ore 22,00 alle ore 06,00

Le indennità di lavoro notturno, festivo e domenicale vengono incrementate delle seguenti
percentuali
dal primo giorno del mese successivo alla sottoscrizione del presente C.I.A. + 1 %
dal 01.01.2004 ulteriore incremento dell’1 %
dal 01.01.2005 ulteriore incremento del 3 %

CONGEDI PARENTALI

Le parti convengono di recepire integralmente nell’accordo integrativo aziendale tutte le norme previste dalla legge sui congedi parentali n.53/2000

Sono fatte salve le condizioni di miglior favore già esistenti nelle singole filiali.

Le parti si incontreranno entro il 15.04.2003, dopo la consultazione dei lavoratori, per la sottoscrizione dell’accordo e la stesura definitiva dello stesso.

L. c. s. (seguono firme)

Allegato A)

SICUREZZA

Nel ritenere la sicurezza e la tranquillità personale di tutti gli operatori bene primario, le parti convengono di istituire una commissione tecnica per lo studio e l’ adozione di misure specifiche.

Si evidenzia che in questo settore, comunque e’ da tempo attivato un sistema che attua e rinnova strumenti tipo : telecamera a circuito chiuso e pulsanti antirapina posti in zone strategiche, oltre alla dotazione di apposito collarino antimalore salvavita in modo di facilitare il collegamento, nell’ eventualita’, con gli enti esterni preposti e i componenti della direzione di filiale.

La Commissione si riunirà periodicamente due volte l’anno, orientativamente una volta prima del periodo pasquale e la seconda sul finire dell’anno,fermo restando la possibilità di riunirsi in via straordinaria, qualora si verificassero eventi la cui gravità oggettivamente lo richieda.

La Commissione procederà al monitoraggio di situazioni critiche raccolte attraverso specifica modulistica, compilata localmente, anche sulla base delle segnalazioni contenute nel registro istituito presso ciascun punto vendita e costantemente aggiornate. Potrà quindi formulare suggerimenti e proposte tecniche e organizzative che l’ azienda esaminera’ fornendo chiarimenti e risposte nel piu’ breve tempo possibile.

Nei locali in cui si manifesteranno situazioni di particolare pericolosita’ ( passaggio di tifoserie particolarmente turbolente, vicinanze di discoteche o di manifestazioni di massa, l’ Azienda interviene utilizzando specifiche intese con gli Enti preposti alla Sicurezza (Polizia Stradale e Questure).

Le Parti, ritenendo che il fenomeno legato alla sicurezza personale di chi opera in determinate condizioni di tempo e luogo lungo la rete autostradale, sia problema alla cui soluzione debbano concorrere tutti gli enti interessati e primariamente chi è destinatario della funzione di pubblica sicurezza, auspicano che venga sensibilizzato da tutti gli attori ( aziende ed enti pubblici di sicurezza ) il Dicastero preposto per individuare soluzioni adeguate ad aumentare i livelli di sicurezza esistenti.

Ristop- ipotesi di accordo del 20-2-2003.pdf

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO CIA RISTOP

Premessa
Nel corso di questi ultimi anni Ristop ha consolidato la sua presenza sulla rete autostradale nazionale pur in presenza della Società Autogrill, come è noto leader nel mondo della ristorazione collettiva aeroportuale e ferroviaria.
Il tentativo della Soc. Autogrill di acquisire Ristop è stato vanificato da un intervento dell’Antitrust che ha ritenuto lesiva della concorrenza l’operazione di concentrazione in Autogrill di quote, anche parziali, di Ristop.
Il sistema di relazioni sindacali introdotto dall’accordo integrativo stipulato il 14 marzo 1998 ha certamente rappresentato un contributo essenziale al riconoscimento della certificazione UNI EN ISO 9001 per l’anno 2000.
Nell’ambito della trattativa per il rinnovo del CIA che si intende avviare è necessario qualificare ancora di più le relazioni sindacali rilanciando il confronto tra le parti ai diversi livelli al fine di superare le difficoltà registrate nell’ultimo anno.
La Commissione paritetica a suo tempo costituita ha operato positivamente per il ripristino di buoni rapporti sindacali.
In tale ottica, assume particolare importanza la valorizzazione della qualità del confronto tra le parti con l’obiettivo dello sviluppo professionale degli addetti e dell’accrescimento della occupazione conseguente all’eventuale acquisizione di nuovi punti di ristorazione, obiettivo strategico della Società.
Al riguardo, vanno riconfermati l’assetto, le materie e le articolazioni per livello, introdotti dal CIA del 1998, migliorando i diritti sindacali e la tutela dei lavoratori.

Relazioni e Diritti sindacali

Considerata la costante evoluzione dell’Azienda, si rende necessario ridefinire un nuovo modello di relazioni sindacali, rafforzando il sistema di informazioni e confronto sia a livello nazionale che a livello decentrato.

A livello territoriale e di unità produttiva dovranno essere demandati tutti i temi relativi alla distribuzione degli orari e all’organizzazione del lavoro, del mercato del lavoro e la verifica dei risultati economici che hanno incidenza sul meccanismo di salario variabile.

In particolare, oltre alle informazioni di carattere nazionale, a livello territoriale il contratto aziendale dovrà prevedere un tavolo di confronto negoziale sulle seguenti materie:

-Mercato del lavoro;
-Contratti a termine;
-Apprendistato e CFL;
-Lavoro temporaneo;
-Contratti part-time, alla luce delle novità introdotte dal DL 61/200

A livello di unità produttiva si dovrà prevedere un confronto negoziale finalizzato al raggiungimento di intese sulle seguenti materie:

-distribuzione degli orari di lavoro e loro controllo;
-lavoro notturno;
-lavoro straordinario, supplementare;
-consolidamento dell’orario supplementare per i part-time;
-turni e nastro orario,
-definizione degli organici sulla base di parametri condivisi:
-gestione delle flessibilità;
-formazione e qualificazione del personale
-applicazione della Legge 626.
Per quanto concerne i diritti sindacali, si richiede il pagamento delle ore di assemblea anche per i lavoratori che vi partecipino fuori dall’orario di lavoro.

Normative
Il nuovo CIA dovrà prevedere l’applicazione integrale del CCNL, con particolare riguardo a:

-previdenza integrativa;
-indennità di mensa;
-congedi parentali;
-utilizzazione del TFR;
-criteri di priorità per i lavoratori che possono avvalersi di congedi per formazione e formazione continua;
-azioni positive.
Siamo inoltre a richiedere:
-l’armonizzazione della pausa pranzo retribuita per i F.T. e P.T.;
-l’armonizzazione delle norme che regolano l’orario notturno;
-la rivalutazione delle indennità per il lavoro notturno e festivo;
-l’anticipazione, in caso di infortunio, delle indennità a carico dell’INAIL;
-di allegare alla busta paga, un documento di certificazione delle ore giornaliere effettivamente prestate.

Professionalità
E’ necessario rivisitare gli attuali inquadramenti professionali alla luce della introduzione di nuove figure professionali e delle trasformazioni introdotte dai processi di riorganizzazione del lavoro.

Salario
Nel rispetto dell’accordo interconfederale del 23 luglio 1993, riconfermato dal patto sottoscritto nel dicembre 1998, chiediamo una significativa rivalutazione delle quantità economiche destinate all’attuale sistema di salario variabile al fine di renderlo più rispondente agli obiettivi di redditività, produttività, efficienza e qualità, convenuti tra le parti.

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO CIA RISTOP

PREMESSA

Nel corso di questi ultimi anni Ristop ha consolidato la sua presenza sulla rete autostradale nazionale che ha agevolato la sigla di un accordo preliminare per il trasferimento di quote di capitale alla Società Autogrill, leader nel mondo della ristorazione collettiva autostradale, aeroportuale e ferroviaria.

Il sistema di relazioni sindacali introdotto dall’accordo integrativo stipulato il 14 marzo 1998 ha certamente rappresentato un contributo essenziale al riconoscimento della certificazione UNI EN ISO 9001 per l’anno 2000.

Nell’ambito della trattativa che si intende avviare è necessario qualificare ancora di più le relazioni sindacali rilanciando il confronto tra le parti ai diversi livelli al fine di superare le difficoltà registrate nell’ultimo anno.

La Commissione paritetica a suo tempo costituita ha operato positivamente per il ripristino di buoni rapporti sindacali.

In tale ottica, assume particolare importanza la valorizzazione della qualità del confronto tra le parti con l’obiettivo dello sviluppo professionale degli addetti e dell’accrescimento della occupazione conseguente all’eventuale acquisizione di nuovi punti di ristorazione, obiettivo strategico della Società.

Al riguardo, vanno riconfermati l’assetto, le materie e le articolazioni per livello, introdotti dal CIA del 1998, migliorando i diritti sindacali e la tutela dei lavoratori.

Relazioni e Diritti sindacali

Considerata la costante evoluzione dell’Azienda, si rende necessario ridefinire un nuovo modello di relazioni sindacali, rafforzando il sistema di informazioni e confronto sia a livello nazionale che a livello decentrato.

A livello territoriale e di unità produttiva dovranno essere demandati tutti i temi relativi alla distribuzione degli orari e all’organizzazione del lavoro, del mercato del lavoro e la verifica dei risultati economici che hanno incidenza sul meccanismo di salario variabile.

In particolare, oltre alle informazioni di carattere nazionale, a livello territoriale il contratto aziendale dovrà prevedere un tavolo di confronto negoziale sulle seguenti materie:

- Mercato del lavoro;

- Contratti a termine;

- Apprendistato e CFL;

- Lavoro temporaneo;

- Contratti part-time, alla luce delle novità introdotte dal DL 61/200

A livello di unità produttiva si dovrà prevedere un confronto negoziale finalizzato al raggiungimento di intese sulle seguenti materie:

- distribuzione degli orari di lavoro e loro controllo;

- lavoro notturno;

- lavoro straordinario, supplementare;

- consolidamento dell’orario supplementare per i part-time;

- turni e nastro orario,

- definizione degli organici sulla base di parametri condivisi:

- gestione delle flessibilità;

- formazione e qualificazione del personale

- applicazione della Legge 626.

Per quanto concerne i diritti sindacali, si richiede il pagamento delle ore di assemblea anche per i lavoratori che vi partecipino fuori dall’orario di lavoro.


NORMATIVE

Il nuovo CIA dovrà prevedere l’applicazione integrale del CCNL, con particolare riguardo a:

- previdenza integrativa;

- indennità di mensa;

- congedi parentali;

- utilizzazione del TFR;

- criteri di priorità per i lavoratori che possono avvalersi di congedi per formazione e formazione continua;

- azioni positive.

Siamo inoltre a richiedere:

- l’armonizzazione della pausa pranzo retribuita;

- l’armonizzazione delle norme che regolano l’orario notturno;

- la rivalutazione delle indennità per il lavoro notturno e festivo;

- l’anticipazione, in caso di infortunio, delle indennità a carico dell’INAIL;

- di allegare alla busta paga, un documento di certificazione delle ore giornaliere effettivamente prestate.

PROFESSIONALITÀ

E’ necessario rivisitare gli attuali inquadramenti professionali alla luce della introduzione di nuove figure professionali e delle trasformazioni introdotte dai processi di riorganizzazione del lavoro.

SALARIO

Nel rispetto dell’accordo interconfederale del 23 luglio 1993, riconfermato dal patto sottoscritto nel dicembre 1998, chiediamo una significativa rivalutazione delle quantità economiche destinate all’ ;attuale sistema di salario variabile al fine di renderlo più rispondente agli obiettivi di redditività, produttività, efficienza e qualità, convenuti tra le parti.

VERBALE DI INTESA

Il giorno 21 dicembre 2001 presso la sede RISTOP S.r.l. di Villafranca di Verona i signori:

Corrado Villella, consulente aziendale per le relazioni sindacali e Daniele Riboni responsabile della
Divisione Personale

e

Mario De Benetti rappresentante FILCAMSCGIL; Severina Carli rappresentante FISASCAT–CISL; Cesare lerulli rappresentante UILTuCS-UIL, con delega delle rispettive segreterie nazionali di categoria, concordano la seguente intesa.

1.In considerazione alle imminenti scadenze del CCNL Turismo settore Pubblici Esercizi e dell’accordo integrativo aziendale Ristop al fine di garantire ai dipendenti le quote di premio di risultato previste dal vigente accordo si conviene di rideterminare in lire 100.000.000 (centomilioni) la redditività su base aziendale relativa all’anno 2001.

2.Al raggiungimento della redditività aziendale, viene comunque garantito a tutti i lavoratori il 20% della quota relativa al premio di risultato globale già precedentemente determinato, applicando i meccanismi già usati nell’accordo integrativo aziendale 14.03.1998

Letto, confermato e sottoscritto.


L’AziendaLe Organizzazioni Sindacali

(seguono Firme)

Si è concluso tra i rappresentanti delle OOISS. e l’Azienda Ristop s.r.l. il verbale relativo all’intesa dell’integrativo aziendale scadente il 31.12.2001, per quanto attiene il premio di risultato determinando quanto già previsto nel precedente integrativo ( 100.000.000 centomilioni).
La delegazione aziendale esprimeva ai rappresentanti sindacali presenti la possibilità di ripristinare le relazioni sindacali interrotte in merito nella seduta del 15.09.2000 rivisitando il parametro conteso da 110.000.000 a 105.000.000=.
Purtroppo si prende atto da parte aziendale che la delegazione sindacale non aveva delega a definire modifiche di alcun genere in merito alla materia trattata.
L’azienda prende atto di quanto i fatti hanno evidenziato ed al fine di poter garantire ai lavoratori la possibilità di fruire del premio di risultato per l’esercizio 2001 nei tempi canonizzati, firma il presente verbale che si allega.

RISTOP S.r.l.

21.12.2001

VERBALE Dl INTESA

Link Correlati
     Nota esplicativa