Category Archives: ONAMA

DIREZIONE GENERALE DELLA TUTELA DELLE CONDIZIONI DI LAVORO – DIV. VIII

VERBALE DI ACCORDO

Il giorno 17 dicembre 2002, presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, alla presenza della dr.ssa Erminia Viggiani si sono incontrati:

      -per la società ONAMA S.p.A. i sigg.ri Giovanni Gamna e Ivano Palladino;

      -per la società COMPASS GROUP Italia S.p.A. il sig. Alessandro Peri;

per le OO.SS:

      -FILCAMS CGIL il sig. Carmelo Caravella;

      -FISASCAT CISL il sig. Giovanni Pirulli;

      -UIL TuCS UIL il sig. Emilio Fargnoli;

per esperire il previsto esame congiunto per l’ottenimento della CIGS come previsto dalla normativa vigente.

PREMESSO CHE:
      1. Le società ONAMA S.p.A e COMPASS GROUP Italia S.p.A hanno in gestione una parte di appalti delle mense aziendali della società FIAT e dell’indotto sul territorio nazionale.
      2. La società COMPASS GROUP Italia S.p.A con decorrenza 1.1.2003 cederà ad ONAMA gli appalti di ristorazione collettiva come da allegato verbale sottoscritto in data 13.12.2002.
      3. Nel corso dei precedenti incontri con le OO.SS. in epigrafe le società ONAMA S.p.A e COMPASS GROUP Italia S.p.A hanno provveduto ad illustrare la situazione di sensibile instabilità relativamente alla produzione e distribuzione dei pasti presso le mense aziendali della società FIAT e dell’indotto gestite sul territorio nazionale e il consistente calo di attività conseguente, dovuto alla richiesta di riduzione di servizi da parte delle società committenti le quali hanno attivato e attiveranno gli ammortizzatori sociali previsti per i loro dipendenti.
      4. Conseguentemente a tale situazione si viene a determinare per le società ONAMA S.p.A e COMPASS GROUP Italia S.p.A una attività produttiva ridotta per la contrazione dell’attività dei committenti, rendendo necessario quindi l’adeguamento dell’organico alle effettive necessità tecnico-produttive.
      5. In considerazione del quadro di difficoltà delineatesi emerge la necessità di definire un assetto regolatorio di strumenti di politiche passive del lavoro (ammortizzatori sociali) da applicarsi alle singole specificità con criteri unici per tutto il territorio nazionale.
Tutto ciò in premessa che è parte integrante del presente verbale di accordo si conviene quanto segue:
      -ONAMA S.p.A. e COMPASS GROUP Italia S.p.A, per i periodi di CIGO/CIGS attivati da parte delle società committenti, faranno ricorso all’intervento di ammortizzatori sociali secondo le linee guida aziendali e le procedure previste dalle norme in vigore.

      -ONAMA S.p.A. e COMPASS GROUP Italia S.p.A concorderanno con le OO.SS. a livello locale i tempi ed i criteri per la collocazione in CIGS dei lavoratori interessati, comprese le modalità di rotazione ove possibile e per mansioni fungibili.

      -ONAMA S.p.A. e COMPASS GROUP Italia S.p.A anticiperanno il trattamento di CIGS ai sensi della normativa vigente.

Letto, confermato e sottoscritto

Verbale di accordo tra

Oggi 13 dicembre 2002 in Roma si sono incontrati:

Compass Group Italia S.p.A. rappresentata dai Sigg. Babila Folco Bruni e Alessandro Peri

Onama S.p.A. rappresentata dai Sigg. Giovanni Gamna e Ivano Palladino

Filcams CGIL nella persona di Carmelo Caravella

Fisascat CISL nella persona di Giovanni Pirulli

Uiltucs UIL nella persona di Emilio Fargnoli

premesso che

a- la Società Compass Group Italia spa con lettera del 14 ottobre 2002 ha attivato una procedura ex legge 223/91.

b- la Società con lettera del 30 ottobre 2002 ha altresì avviato la comunicazione ex articolo 47 legge 428/ 90 enunciando l’intenzione di cedere un ramo d’azienda ad altra Società e che le parti si sono ripetutamente incontrate sia a livello locale sia a livello nazionale ai fini dell’espletamento delle procedure di cui alle leggi sopra indicate ed hanno eseguito completamente ed esaurito i relativi adempimenti anche attraverso la stipulazione di appositi accordi sindacali.

c- le parti hanno però ritenuto opportuno un nuovo incontro nazionale onde meglio perfezionare la fase di informazione ex legge 428/90 e comunque ritenendo lo stesso complessivo ancorché la procedura sia da intendersi già espletata.

Tutto ciò premesso tra le parti si concorda quanto segue :

Le parti si incontrano al fine di integrare l’accordo sottoscritto il 28.11.2002 (allegato) come segue:

1- le riallocazioni di unità lavorative così come indicate nell’accordo del 28.11.2002 punto 4 lettera A) avverranno oltre che in Onama Spa anche presso altre società del gruppo Compass ed in particolare per quanto riguarda i seguenti profili : Responsabile affari legali- Responsabile Contabilità Clienti e fornitori- Segreteria Commerciale Quadro B- Assistente Amministratore delegato Quadro B- Responsabile Contabile Quadro A, trovano collocazione nel nuovo ramo di attività autostradale; per quanto riguarda il profilo del Responsabile Amministrazione del Personale Quadro B trova collocazione presso la società ESS spa del Gruppo Compass ; per quanto riguarda il profilo professionale del Direttore Qualità e del Responsabile Controllo Gestione presso la Compass International à

2- in ogni caso di riallocazione dei lavoratori presso altre aziende,ovvero rami diversi, la società interessata rilascerà al lavoratore una lettera di impegnativa all’assunzione contenente la garanzia che la riallocazione avverrà conservando all’interessato il trattamento economico, l’inquadramento già in essere nella società di provenienza oltre che a indicare la sede di lavoro e l’esclusione del periodo di prova. Gli importi relativi ad eventuali scatti di anzianità maturati verranno corrisposti nella voce di superminimo non assorbibile. Le parti concordano di attribuire alle persone interessate ai fini e per gli effetti di quanto stabilito dagli Artt. 326 e segg del vigente CCNL di settore, un’anzianità convenzionale pari a tre mesi.

3- Ad integrazione del punto n. 3 dell’accordo del 28.11.2002 , le parti riconoscono che comunque le figure di cui al punto 4 lettera A dell’ accordo, individuate secondo i criteri tecnico produttivo ed organizzativo, risultano non selezionabili e pertanto integrano quanto previsto dall’Art. 5 L. 223/91.

Con il presente accordo le parti si danno atto di attribuire al presente accordo sia la valenza di esaurimento delle procedure sindacali sia di attribuzione della corretta rilevanza all’operazione che ha interessato più realtà ed ha trovato,negli accordi, le più idonee soluzioni e le migliori modalità di gestione delle problematiche relative.

Le parti al fine di una valutazione congiunta dell’applicazione del presente accordo si incontreranno entro il 31 luglio 2003.

Letto , confermato e sottoscritto.

Per Compass Group Italia S.p.A. per la Filcams CGIL

Per Onama S.p.A. per la Fisascat CISL

per la Uiltucs UIL

VERBALE DI ACCORDO

In data 3 dicembre’02 si sono incontrati :

per la ONAMA S.p.A. Sigg.ri Gamna Giovanni e Palladino Ivano
per la COMPASS_GROUP_ITALIA Sigg. Bruni Babila e Peri Alessandro
per la FILCAMS-CGIL Sigg. Caravella Carmelo e Galati Armando
per la FISASCAT-CISL Sig. Pirulli Giovanni
per la UILTUCS-UIL Sigg. Fargnoli Emilio e Diecidue Sergio

Premesso che :

1) la società Compass Group Italia s.p.a ha sottoscritto in data 23 luglio 2002 un verbale di accordo concernente la CIGS del settore Fiat e indotto.
2) la situazione Fiat e indotto è in fase di evoluzione con le relative ricadute sugli impianti gestiti dalle società Onama spa e Compass Group Italia spa.


Tutto ciò in premessa che è parte integrante del presente Verbale di Accordo si stipula quanto segue:

A) le parti determinano di incontrarsi in sede ministeriale al fine di formalizzare l’estensione ad Onama spa dell’accordo di cui al punto uno della premessa, a condizione che lo stesso venga integralmente ratificato dal Ministero stesso.

B) le parti pertanto si attiveranno anche congiuntamente al fine di definire in tempi ravvicinati l’incontro di cui sopra.

Letto confermato e sottoscritto.

.
Per la Soc. ONAMA S.p.A. per la FILCAMS-CGIL

Per la COMPASS GROUP ITALIA S.p.A. per la FISASCAT-CISL

per la UILTUCS-UIL

7 settembre 2001

(AGRA) – Sviluppo a ritmi accelerati per Onama, azienda della ristorazio-ne
con 65 milioni di pasti cucinati ogni anno e attività diversificate in
molte direzioni: distribuzione pasti pronti (SO.RI.CO.), buoni pasto
(Lunch time e Ristomat), vending (GoExpress), catering navale e fornitu-re
alimentari (Compagnia della frutta).
L’azienda sta inoltre allargando la sua attività puntando a diventare un’a-zienda
global service con servizi ramificati dalle pulizie, alle manuten-zioni,
alla sanificazione industriale. Per svilupparsi secondo questa diret-trice
è stata, tra l’altro, acquisita l’azienda di pulizie industriali Palmar.
Onama intravede il suo sviluppo soprattutto sui mercati esteri e a tal fine
ha aperto le sue porte al fondo di investimenti inglese 3i che ha acqui-stato
il 20% delle quote. Oggi l’azienda, guidata dai fratelli Mario e Paolo
Bianchi, gestisce le mense negli stabilimenti Fiat di Belo Horizonte, in
Brasile e, recentemente ha acquisito una quota nella società tedesca
Otaro catering e sta programmando il suo ingresso in Spagna. Intanto
quest’anno il fatturato del gruppo si avvicinerà ai 930 miliardi con l’o-biettivo
di superare la soglia dei 1.000 nel 2002. c
(D408)
ONAMA
SI ALLARGA
ALL’ESTERO
E PUNTA
A 1000
MILIARDI

Da IlSole24Ore Giovedì 2 Marzo

Onama vola a 530 miliardi e studia la via della Borsa

MILANOIl ’99 è stato un anno positivo per i conti della Onama, gruppo di otto società di cui due estere che dal ’64 opera nel settore delle mense aziendali e dei buoni pasti in odore di Borsa valori. L’esercizio passato ha infatti chiuso a quota 530 miliardi, 100 in più rispetto ai 400 dell’anno prima. Ma è il 2000 che si preannuncia come l’anno del grande salto, capace di spingere il gruppo milanese nella cerchia dei grandi network della ristorazione collettiva.

«Quest’anno — dice l’amministratore delegato Mario Bianchi, che con il fratello Mario controlla il gruppo — contiamo di fare molto di più e abbiamo buoni motivi per stimare un fatturato consolidato di fine secolo vicino agli 800 miliardi». La crescita supererebbe il 50% e tiene conto anche di marchi e aziende che sono stati rilevati o inaugurati nel corso degli ultimi tempi in Italia e all’estero. Il processo di espansione di Onama è però destinato a continuare; per questo i Bianchi non escludono che il gruppo possa arrivare alla quotazione in Borsa, mantenendo però una quota a prova di scalata.

«Certo, la Borsa è un discorso che ci interessa», dichiara al Sole-24 Ore l’amministratore delegato di Onama. «Sono già due anni che un gruppo di istituti di credito ha fatto gli studi di fattibilità. Finora non abbiamo potuto prendere in considerazione l’ipotesi perchè eravamo concentrati su alcuni importanti impegni che siamo riusciti a portare a termine».

In Italia sono entrati a regime i business di Sorico e Sipast, attive nei pasti surgelati e controllate al 51%; all’estero sono state aperte due filiali, la Onama du Brasil (51%) e Onama Deutschland (70%). Ora che questi obiettivi sono stati conseguiti e la struttura operativa si muove sempre più in una logica internazionale, ecco che i titolari dichiarano di essere «disposti a valutare la fattibilità del progetto Borsa». Ed è in questa prospettiva che va considerata la decisione del gruppo di fare certificare il bilancio alla Gran Thortone e di uniformare al 31 dicembre la gestione contabile delle otto società del gruppo.

N.D.B.