Category Archives: SALMOIRAGHI-E-VIGANO

Roma 02/11/2016

Si è tenuta in data odierna, mercoledì 2 novembre 2016 la riunione in videoconferenza per fare il punto della situazione aziendale dopo la risposta dell’azienda – che dovreste aver ricevuto ( allegato 1) e che è disponibile in info – e l’incontro informale che ho avuto con il responsabile del personale il giorno mercoledì 26 ottobre a Milano.
Purtroppo alla videoconferenza si sono presentato solo i territoriali e le RSA di Venezia e di Torino.
A inizio riunione ho riferito gli argomenti dell’incontro che ha riguardato le lettere di addebiti disciplinari rispetto al raggiungimento o meno di obiettivi aziendali sulla promozione dei prodotti alla clientela; lo svolgimento delle pulizie dei locali da parte dei dipendenti, per di più anche fuori dall’orario di lavoro; il trasferimento di RSA senza il nulla osta della FILCAMS CGIL in Puglia e Emilia-Romagna.
L’’azienda ha risposto che le lettere di addebito non avranno conseguenze perché “forse” usate impropriamente ma “per aggiungere uno scopo” che sarebbe stato nella sostanza raggiunto; ha negato che il personale svolga le pulizie e si è comunque impegnata verificare che ogni prestazione lavorativa sia riconosciuta come orario di lavoro (traduco: se qualcuno fa un lavoro gli deve essere riconosciuto come orario di lavoro e verificheremo se da qualche parte non viene rispettata questa indicazione, ndr); ha mosso osservazioni non pertinenti sui nostri criteri di nomina delle RSA.
Al termine del colloquio, per quanto non soddisfacente, dobbiamo registrare che per il fatto stesso che ci sia stato, l’Azienda ha manifestato la volontà di avere relazioni sindacali con la FILCAMS CGIL e ci mette nelle condizioni di proseguire il confronto.
Dalla verifica odierna in videoconferenza risulta che a Venezia le lettere di contestazione sono state lasciate cadere e che a Torino lo stesso è avvenuto per i lavoratori che si sono rivolti al sindacato, mentre qualcuno degli altri ha avuto conseguenze disciplinari; è confermato che dove sono disponibili i lavoratori svolgono le pulizie ma come parte integrante del proprio orario di lavoro ; le nuove RSA nominate non hanno avuto contestazioni alla avvenuta nomina anche là dove in base al CCNL sarebbero potute essere contestate nel rapporto tra iscritti/dipendenti/lavoratori.
Nella discussione sono emersi i seguenti ulteriori problemi:
- L’azienda stabilisce unilateralmente obbiettivi individuali rispetto alle vendite (Torno/Venezia)
- Esiste di fatto una banca ore (senza riconoscimento delle maggiorazioni per orario supplementare e straordinario ) per altro con un accumulo di ore non recuperare (Torino)
- Esiste un problema di gestione di ferie e permessi che l’azienda gestisce unilateralmente (Torino)
- Gli ottici sono stati preavvisati che saranno sottoposti alla visita di un “supervisore” che determinerà il rispetto del “protocollo aziendale” e che deciderà il loro eventuale declassamento temporaneo da ottici, fino al superamento di un non meglio precisato periodo di riqualificazione
- Sono presenti impianti di videosorveglianza in assenza di qualsiasi accordo in materia (Torino). A Vene zia 3 anni fa sono stati tolti e mai più rimessi senza motivazione alcuna.
Concludendo Salmoiraghi & Viganò è un’azienda in forte espansione con una campagna aggressiva di acquisizioni e di aperture sul territorio nazionale e con una idea particolare delle norme che regolano la prestazione lavorativa del CCNL del Commercio. Ma con le sue iniziative unilaterali ha creato uno spazio per la sindacalizzazione (a Torino si sono iscritti 40 lavoratori). Ci viene offerta una occasione di sindacalizzazione, oltre l’insediamento storico che per il momento l’Azienda non affronta con ostilità (come dimostra la disponibilità all’incontro).
Vi invito a farmi pervenire nei prossimi giorni note informative sulle questioni oggetto dell’incontro odierno (provvedimenti, orario di lavoro, ferie permessi, obiettivi aziendali, videosorveglianza e di rispondere nella prossima videoconferenza (che si terrà a data da definire) se riterreste opportuno definire in sede nazionale un accordo integrativo che tra l’altro leghi gli obbiettivi a premi di risultato, che regoli gli orari e pongano problema del consolidamento degli orari dei part time, che preveda un accordo quadro migliorativo del decreto lavoro per regolare la presenza di sistemi di videosorveglianza e sia propedeutico agli accordi territoriali, preveda modalità di elezione delle RSA e degli RLS.

p. La Filcams CGIL Nazionale
Montagni Andrea

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CONTRATTO INTEGRATIVO AZIENDALE SALMOIRAGHI & VIGANO’ Spa

Premessa

Con il rinnovo del CIA, dando seguito al Verbale di Accordo del 28 settembre 2004, si intende incrementare e rendere omogenee le Relazioni Sindacali su tutto il territorio Nazionale, per tutte le Società controllate dalla Salmoiraghi & Vigano S.P.A.

Ambito di applicazione

Si richiede che il presente CIA sia applicato in tutte le Società controllate a maggioranza dalla Salmoiraghi & Vigano Spa

Diritti informazione

Fatto salvo quanto previsto in merito ai diritti d’informazione in ambito nazionale, si richiede di fornire, con cadenza trimestrale, alle RSU/RSA e/o, in mancanza di esse, alle OO.SS. del territorio di competenza, i dati raggruppati per centro di costo relativi a:

      riepilogo ferie e permessi
      straordinari e supplementari svolti.
      riepilogo delle tipologie di contratti di lavoro utilizzati, assunzioni/dimissioni, trasformazioni part-time/full-time e viceversa.

Si chiede, inoltre, l’informazione preventiva, in caso di trasferimenti del personale, alle RSU/RSA dell’area di riferimento e/o, in mancanza di esse, alle OO.SS. del territorio di riferimento e che tale materia rientri nei diritti di informazione a livello nazionale.
Con cadenza annuale si chiede di fornire alle RSU/RSA e alle OO.SS territoriali e nazionali, le seguenti informazioni:

      piani di sviluppo in essere ed investimenti previsti
      impiego delle risorse stanziate dall’Azienda per promuovere la professionalità dei lavoratori (corsi di formazione, addestramento ed aggiornamento) ed i dati di coinvolgimento dei lavoratori, suddivisi per genere, livelli di inquadramento e tipologia di contratto, come previsto dalla L.125/91
      percorso formativo degli apprendisti.

Diritti sindacali

Considerato che l’Azienda già utilizza un sistema di comunicazione informatico si richiede di istituire la bacheca elettronica per l’informativa sindacale. Inoltre al fine di adeguare il sistema di comunicazione e informazione con le nuove tecnologie si richiede l’attivazione dell’account specifico per le RSU, e la messa a disposizione della mail list dei dipendenti, il tutto nel rispetto di quanto previsto in materia di privacy.

Tutela della salute e della dignità delle persone

Con il rinnovo del presente CIA si intende dare seguito agli art. 34, 35 e 36 del vigente CCNL, anche con l’istituzione di una commissione paritetica interna.

Professionalità

Al fine di avviare un percorso e strumenti condivisi per il miglioramento professionale delle lavoratrici e dei lavoratori si chiede di istituire una commissione tecnica paritetica per valutare l’inquadramento del personale in base alle professionalità e alle mansioni,

Apprendistato

Si richiede l’elevazione della percentuale di conferma, nonché la riduzione dei tempi previsti per il passaggio al livello d’inquadramento superiore.

Lavoratori studenti

Si chiede di favorire la frequenza di corsi di studio e/o specializzazione inerenti l’attività aziendale, anche attraverso l’erogazione di borse di studio.

Mobilità interna

Al fine di armonizzare l’art. 4 del CIA (mobilità interna), con le esigenze dei lavoratori, si rende necessario rivedere le aree di mobilità interna, nonché le modalità di applicazione, regolamentando altresì le diarie ed i rimborsi.

Orario di lavoro

Fermo restando che, in caso di lavoro supplementare e/o straordinario l’Azienda deve corrispondere le relative maggiorazioni, così come previsto dal vigente CCNL, considerato che l’Azienda tende a far confluire in un “conto recupero” le ore supplementari e/o straordinarie, si richiede di regolamentare l’utilizzo di tale strumento, anche attraverso l’istituzione della “banca delle ore”, nonché di concordare le modalità con cui dette ore saranno usufruite e/o retribuite.

Riduzione orario settimanale

Si chiede il riconoscimento di un giorno aggiuntivo di permesso da usufruire in gruppi di 4 ore, come da normativa permessi. Si chiede, inoltre di stabilire nuove regole di modulazione della riduzione dell’orario di lavoro, dell’utilizzo delle ROL e dei permessi e di precisare le modalità di conteggio delle ROL usufruite, qualora il permesso richiesto coincida con il giorno in cui viene applicata la riduzione dell’orario.

Lavoratrici madri

Si chiede che le lavoratrici madri, al rientro dalla maternità e fino a sei anni di età del bambino, possano concordare agevolazioni dell’orario di lavoro, utilizzando anche temporanei trasferimenti in altri punti vendita, su richiesta della lavoratrice.

Permessi retribuiti

Si chiede un permesso retribuito pari a 3 giorni per i papà in occasione della nascita di un figlio, e di concordarne le modalità di utilizzo.

Integrazione indennità di malattia

Si chiede che l’integrazione dell’indennità di malattia a carico dell’Azienda fino al 100%, dal 4° al 20° giorno, venga estesa a tutti i dipendenti sul territorio nazionale.

Regolamentazione visite mediche retribuite

Si chiede di estendere a tutti i dipendenti la normativa relativa alle visite mediche specialistiche , esami e cure mediche (escluse quelle dentarie).

Conservazione del posto

Si chiede la conservazione del posto di lavoro per i malati affetti da gravi patologie.

Volontariato

Per agevolare coloro che prestano attività di volontariato presso enti ed associazioni legalmente riconosciute, si richiede che vengano concesse rimodulazioni dell’orario di lavoro con personalizzazione della riduzione oraria, compatibilmente con le esigenze lavorative.

T.F.R.

Si richiede la possibilità di utilizzare il TFR con ulteriori modalità e tempistiche, rispetto a quanto previsto dalla normativa vigente.

Previdenza integrativa

Si richiede un aumento della percentuale di contribuzione a carico dell’Azienda.

Salario variabile

Si rende necessario ridefinire l’erogazione di detto istituto sia per quanto attiene agli importi, che per quanto attiene al sistema (obiettivi, budget, fatturato complessivo etc.), che per quanto attiene alle modalità di erogazione.

Lavoro domenicale

Ferma restando la volontarietà del lavoro domenicale, si richiede l’aumento della percentuale di maggiorazione prevista dal vigente CCNL.

Ticket mensa

Si richiede di rivedere l’importo del Ticket e di estenderlo a tutte le lavoratrici e ai lavoratori.

Link Correlati
     Invio alla controparte

VERBALE D’INCONTRO

Il giorno 22 febbraio 2000, presso la sede della Confcommercio di Roma, si sono incontrati i rappresentanti delle società Nuovo Target S.p.A. e Salmoiraghi Viganò S.p.A. assistiti dalla Confcommercio e le Segreterie Nazionali della Filcams-Cgil, della Fisascat-Cisl e della Uiltucs-Uil.

Al fine di esperire l’esame congiunto ex art.47 -comma 2- della legge 428/90 relativo alla cessione dell’azienda costituita dai beni mobili e immobili, contratti, attività e passività, marchi etc. appartenenti alla Salmoiraghi Viganò S.p.A.

Ai sensi del IV cpv. comma 1 art. 47 della legge 428/90, e stato dichiarato quanto segue:

La Salmoiraghi Viganò S.p.A. svolge la propria attività nel campo della distribuzione e della vendita al dettaglio di occhiali e di prodotti di ottica, inclusi anche l’assistenza tecnica ed i servizi di riparazione su tutto il territorio nazionale.
Il gruppo di cui fa parte la Salmoiraghi Viganò S.p.A., a fronte di una riorganizzazione a livello europeo, ha deciso di non proseguire nel territorio italiano le attività suindicate e, conseguentemente, intende cedere l’Azienda. La Nuovo Target, motivato da estremo interesse verso il campo della distribuzione e la vendita al dettaglio di occhiali e prodotti ottici, intende acquisire la Salmoiraghi Viganò S.p.A. per svilupparne le attività.

La Nuovo Target S.p.A. ha dichiarato che tutto il personale della Salmoiraghi Vigano S.p.A. verrà acquisito garantendo i medesimi trattamenti economici e normativi attualmente in essere come risultanti dai libri paga e che, pertanto, i relativi rapporti di lavoro proseguiranno senza soluzione di continuità, salvaguardando le qualifiche e le professionalità in essere con il riconoscimento dell’anzianità, nel pieno rispetto di quanto disposto dall’art. 2112 c.c. come modificato dall’art. 47 – comma 3- della legge 428/90.

Con la sottoscrizione del presente verbale le parti si danno reciprocamente atto di aver esperito ed esaurito l’esame congiunto di cui al precitato art. 47 della legge 428/90.

PIATTAFORMA RIVENDICATIVA
SALMOIRAGHI VIGANO’

Premessa
L’obiettivo è quello di procedere al rinnovo del CIA superando l’attuale accordo integrativo dell’area di Milano estendendone la validità a tutto il territorio nazionale.

Relazioni Sindacali
Si richiede l’esercizio del diritto di informazione – confronto attraverso le seguenti articolazioni.

Livello Nazionale
Incontri a cadenza semestrale di natura preventivi/consuntivi da tenersi fra la Direzione Aziendale e le Segreterie Nazionali FILCAMS-FISASCAT-UILTUCS e il coordinamento Nazionale unitario sulle seguenti materie.

·Sviluppo (investimenti legati a nuove aperture e a processi di ristrutturazione)
·Politiche commerciali
·Fatturato
·Politiche di sviluppo professionale (formazione)
·Processi di innovazione tecnologica e organizzativa
·Organici articolati per tipologie
·Interventi per la prevenzione e la sicurezza dei lavoratori (sede/punti vendita) in coerenza con quanto definito dal D.Lgs. 626/94

Livello decentrato regionale/sub regionale
Incontri a cadenza semestrale a carattere preventivo/consuntivo da tenersi a livello di area metropolitana (addensamento significativo di P.V.) su tutte le materie e titolo di “diritti di informazione” a livello nazionale e in merito ai processi di mobilità del personale

Livello decentrato di gestione di materie demandate al singolo punto vendita
Incontri da tenersi periodicamente qualora una delle parti ne ravvisi le necessità sulle seguenti materie:

·Andamento singola unità
·Composizione organici
·Modelli organizzativi/modularità oraria

Azioni Positive per le pari opportunità
Istituzione di un Comitato Nazionale Salmoiraghi/Viganò con il compito di:

a)promuovere campagne informative in materia di pari opportunità, tramite produzione e diffusione di materiale ad hoc, organizzazione di incontri ect…
b)raccogliere ed analizzare informazioni circa la situazione del personale maschile e femminile utilizzando, come base conoscitiva, anche il rapporto che l’azienda stessa invia al Ministero del Lavoro ai sensi dell’art. 9 della Legge 125/91
c)promozione a livello territoriale di progetti di azioni positive fornendo adeguati supporti specialistici
d)seguire l’iter dei progetti presentati al Ministero
e)rapportarsi con tutte le istituzioni che hanno legiferato in materia
f)mettersi in relazione con i Consiglieri per le pari opportunità operanti a livello regionale

Sicurezza L.626/94
Verifica stato di applicazione dell’accordo interconfederale in materia di sicurezza e salute nei posti di lavoro sottoscritto in data 18.11.’96 al fine di determinare l’adempimento degli obblighi conseguenti.

Professionalità e formazione
Esame coerenza professionalità/inquadramento (es. ottici optometristi inquadrati al IV livello).
Definizione di un piano di formazione professionale: incontro annuale su obiettivi, modalità, criteri.

Orario di lavoro
Verificare i regimi orari e una armonizzazione dei medesimi con gli articolati previsti nel CCNL
·rimodulazione dell’orario settimanale
·regolamentazione del lavoro nelle giornate festive
·rimodulazione orario annuale rapportato sia a specificità di localizzazione dei P.V. (località turistiche) che rispondenti a un calendario di attività di punte commercialmente intense
·esame della questione degli orari dei negozi inseriti nei centri commerciali
·definizione quantità e qualità delle deroghe domenicali
·definizione dei calendari annuali delle deroghe
·definizione trattamento economico lavoro domenicale (retribuzione ore lavorate + riposo compensativo + maggiorazione)

Assistenza integrativa
Esame dell’opportunità di costituire un fondo aziendale per integrare prestazioni sanitarie non previste dal Sistema sanitario pubblico
Ticket mensa o pasto
Rivisitazione e omogeneizzazione della corresponsione del buono mensa

Ferie
Determinare programmazione annua

Mobilità
Arginare il ricorso alla mobilità tra un negozio e l’altro al di fuori del territorio metropolitano. Limitare la mobilità da un negozio ad un altro, ferma restando l’informazione preventiva alle RSU, alle aree metropolitane; per i territori dove ciò non è possibile definire il limite chilometrico e le eventuali relative indennità.

Anticipo liquidazione
Possibilità di corresponsione dell’anticipo della liquidazione per motivi diversi da quelli previsti dalla Legge 297/82

Premio di produttività
Si richiede la ridefinizione del meccanismo di produttività in sostituzione dell’attuale sistema vigente (identificando forme di garanzia per le attuali erogazioni a tale titolo) che sia in sintonia con quanto determinato nell’Accordo interconfederale del Luglio 1993

Link Correlati
     Invio alla controparte

Roma, 17 Aprile 1998

Prot. 1495/SC/gm
Oggetto: Invio Piattaforma
rivendicativa

Siamo con la presente a inviarVi la piattaforma per il rinnovo del Contratto Integrativo di Gruppo a livello nazionale.

In attesa di un Vostro riscontro per calendarizzare una data per l’illustrazione della medesima, Vi porgiamo distinti saluti.

p/la FILCAMS p/la FISASCAT p/la UILTuCS
(Conti) (Dalmasso) (Malerba)