Category Archives: PARTESA

TESTO UNITARIO

Care/i compagne/i,

il 4 maggio scorso si è svolto l’incontro con la direzione del personale di Partesa in merito alla procedura di mobilità aperta dall’azienda per 58 posizioni. Al termine degli incontri territoriali volti a determinare la disponibilità del personale coinvolto ad utilizzare il piano di gestione proposto a seguito del confronto con le OO.SS., il numero degli esuberi è stato ridotto a 46 con la non opposizione quale unico criterio per la messa in mobilità.

L’accordo raggiunto, che ha permesso di chiudere la procedura, determina in maniera precisa l’utilizzo anche degli altri strumenti (riduzione dell’orario di lavoro, trasferimento in altre sedi limitrofe, ricollocazione presso società terze).

È stato altresì previsto un incentivo per il personale che accetterà la messa in mobilità, con efficacia fino al 31 ottobre 2015.

In allegato il testo dell’accordo

                          p. Filcams Cgil Nazionale

Massimo Mensi
All. 1 – verbale di accordo 4-05-2015

Roma 16-04-2015

Testo unitario

Il 10 aprile scorso è continuato il confronto con Partesa in merito alla procedura di mobilità per 58 dipendenti. La ricognizione territoriale fatta dall’azienda sui parametri definiti nel precedente incontro non ha dato risultati numericamente sufficienti: la disponibilità a valutare l’offerta aziendale vede 2 trasferimenti a Genova, 2 a Vercelli, complessivamente 18 assorbimenti presso terzisti, e 4 uscite. Nel corso dell’incontro abbiamo proposto la valutazione di riduzioni orarie volontarie (trasformazione in part-time) tali da assorbire l’eccedenza, proposta su cui l’azienda si è dichiarata disponibile fatte salve le necessità tecnico-organizzative, e una maggiore certezza sul mantenimento delle condizioni economiche per i soggetti interessati al passaggio presso i terzisti, in merito alla quale l’azienda ha dichiarato che il codice etico aziendale non prevede il subappalto, e pertanto la tipologia di rapporto di lavoro sarà solo quella subordinata.
Le condizioni attuali di applicazione delle soluzioni proposte non determina però ancora la possibilità di raggiungere un accordo in merito alla procedura: da un lato l’azienda ha richiesto che i criteri siano la volontarietà e in subordine i criteri di legge, dall’altro noi OO.SS. abbiamo ribadito quanto dichiarato fin dall’apertura della procedura, ovvero che l’unico criterio applicabile sia quello della volontarietà.
La fase sindacale, quindi, termina il 13 aprile con un mancato accordo di fatto, situazione che, stante l’attuale livello di adesioni, determinerebbe un mancato accordo anche in sede ministeriale dove le parti saranno convocate entro il 13 maggio.
Nel tentativo di vedere fino all’ultimo se ci sono le condizioni per raggiungere un accordo, l’azienda continuerà le consultazioni territoriali ed è stato programmato un ulteriore incontro tra le parti per il 27 aprile prossimo con inizio alle ore 13.00, sempre presso lo Studio Pagani a Milano in via Tunisia 27.

P.Filcams CGIL nazionale
Massimo Mensi

TESTO UNITARIO

il 18 marzo scorso si è svolto l’incontro in merito alla procedura di licenziamento collettivo per un massimo di 58 dipendenti aperta da Partesa il 27 febbraio 2015.
Fin dall’apertura del confronto, come OO.SS. Nazionali abbiamo esplicitato la richiesta di addivenire a una conclusione che preveda una mobilità secondo il principio della non opposizione e posto la necessità di avere soluzioni non traumatiche per i dipendenti coinvolti; entrambe le parti hanno espresso la volontà di cercare una soluzione condivisa, auspicando di trovare un numero di adesioni sufficiente rispetto al piano che è stato abbozzato durante l’incontro e che prevede:


a) la possibilità di valutare adesioni all’uscita per soggetti che tramite la mobilità possano essere sufficientemente vicini al pensionamento.


b) il trasferimento su base volontaria per 8 dipendenti di Orbassano, di cui 6 a Vercelli e 2 a Genova.


c) il ricollocamento presso le aziende coinvolte nella terziarizzazione dei servizi STAC e consegna per 15 dipendenti.


d) la definizione di un incentivo per il personale coinvolto nella procedura che manifesti la propria disponibilità ad essere posto in mobilità.


L’incontro è terminato determinando la disponibilità aziendale ad incontri territoriali per una rilevazione delle disponibilità di adesione al piano proposto. Invitando le strutture territoriali a svolgere assemblee informative presso le filiali, informiamo che il prossimo incontro si terrà venerdì
10 aprile 2015, con inizio alle ore 11.00, presso lo Studio Pagani a Milano, via Tunisia 27.

p. Filcams Cgil Nazionale

Massimo Mensi