Category Archives: OVERTEL

Roma, 19 dicembre 2006

Oggetto: Overtel – Invio Accordo Ministeriale del 18 dicembre 2006



Vi trasmettiamo copia del verbale di accordo sottoscritto in sede di Ministero del Lavoro con il quale si è chiusa la procedura di mobilità avviata dall’azienda nell’ottobre scorso.

Nel merito l’accordo prevede un percorso alternativo alla mobilità utilizzando l’ammortizzatore sociale “cassa integrazione” per 24 mesi, la garanzia del rientro in azienda al termine della CIGS, la possibilità nell’arco di 24 mesi di utilizzare la mobilità solo se volontaria, l’anticipazione da parte dell’azienda, per tutti i 24 mesi, del trattamento di CIGS.

La modalità di rotazione e l’entità delle ore di CIGS saranno concordate e definite da accordi di sito che ovviamente dovranno tener conto degli obiettivi di riorganizzazione così come convenuti e previsti dai verbali a suo tempo sottoscritti.

Nel chiedervi di tenerci informati sull’esito degli incontri di sito cogliamo l’occasione trasmettervi cordiali saluti e gli auguri per le feste di fine anno.

p/la FILCAMS p/la FISASCAT p/la UILTuCS
Marconi Piovesan Agricola

VERBALE DI RIUNIONE

Si sono incontrati mercoledì 28 giugno 2006 a Bologna, in rappresentanza della Direzione Overtel srl il sig. Claudio della Rovere e il dott. Gianluca Tesolin, assistiti dal dott. Renato Pilutti, e le RSA delle plant (call center) di Overtel assistite dalle segreterie nazionali di Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs-Uil nelle persone dei sigg. Piero Marconi, Mario Piovesan e Mauro Agricola, e dai segretari territoriali di Bologna, Pordenone e Casale Monferrato, per discutere della riorganizzazione dell’attività dei call center facenti capo alla società stessa, come previsto fin dall’incontro di Bologna del 13 marzo u.s..

Dopo che la direzione aziendale ha riferito, a) circa la situazione del bilancio e del fatturato del primo quadrimestre, i cui dati confermano l’esigenza di procedere nelle operazioni di ottimizzazione organizzativa e gestionale, e, b) circa gli esiti della sperimentazione concordata per i mesi di maggio e giugno 2006, e che si era convenuto facesse riferimento ai seguenti standards

      §raggiungimento di un’efficienza pari o superiore al 90%,
      §raggiungimento della media oraria di riordino di almeno E 200 o maggiore, con una produzione per fascia oraria di non meno di 150 Euro,
      §raggiungimento di una produzione oraria di clienti nuovi di almeno 1,5 di coefficiente,

sperimentazione che ha fornito esiti complessivamente non positivi, per cui si è confermata l’esigenza di attuare una riorganizzazione dell’attività aziendale, sia rispetto ai siti, sia rispetto al personale. In particolare, l’attività dei call center Overtel sarà caratterizzata e concentrata sulla gestione dei clienti fissi, mediante una riorganizzazione degli orari di lavoro.
In ragione di tutto ciò si è convenuto di procedere attuando un ulteriore percorso di confronto come di seguito indicato:

      sper il call center di Roma incontro a livello locale nei gg. 19 e 20 luglio; in detto incontro l’Azienda preciserà dettagliatamente i termini e i modi del trasferimento del sito operativo romano da v.le Regina Margherita a v. Zoe Fontana, i cui tempi del trasferimento stesso debbono essere collocati entro il mese di agosto p.v., nonché il modello organizzativo in termini di gestione del portafoglio clienti e l’organizzazione degli orari di lavoro;
      sper altre località dove si ritenga opportuno effettuare una verifica, sono previsti incontri specifici nei gg. 24, 25, 26 luglio, in altrettanti siti che saranno successivamente comunicati;
      sriconvocazione del tavolo nazionale giovedì 27 luglio a Bologna, nel quale poter trarre le conclusioni dei confronti avvenuti sul territorio, al fine di convenire sulle soluzioni operative globali da attuare per la riorganizzazione di Overtel.

Nel frattempo resterà in vigore la proroga della sperimentazione.

Le OO.SS. hanno infine preso atto delle dichiarazioni aziendali circa l’esigenza di ridefinire in qualche misura gli organici e l’operatività dei vari call center, anche utilizzando gli strumenti degli ammortizzatori sociali. Detti ammortizzatori, secondo l’azienda, dovranno essere attivati possibilmente a partire dal mese di ottobre p.v..

Resta inteso che Azienda e OO.SS. e RSU opereranno correttamente nei rispettivi ambiti di informazione e gestione con le assemblee sindacali e le riunioni gestionali specifiche, per perseguire il comune obiettivo di un’operazione di riorganizzazione condivisa e soprattutto efficace per il prosieguo e il consolidamento dell’attività, della redditualità e dell’occupazione di Overtel.

p. OO.SS. e RSA p. l’Azienda

Il giorno 8 ottobre 2004 in Bologna, le parti:

Overtel S.r.L., nelle persone di: Claudio Della Rovere, Gianluca Tesolin, Eva Bramante

e

le Segreterie Nazionali e Territoriali, nelle persone di :

per Filcams-CGIL, Piero Marconi, Susanna Pellegrini

per Fisascat-CISL, Mirco Ceotto, Adriano Giacomazzi

per Uiltucs-Uil,, Mauro Agricola

assistite dalle RR.SS.AA./RR.SS.UU.

hanno stipulato il presente

ACCORDO DI MODIFICA DEL SISTEMA RETRIBUTIVO

( già regolamentato dal T.U.C.I. – 14.02.2003)

Scheda 12) Impiegato alla Vendita Telefonica (teleseller)

A) Livelli contrattuali applicati alla figura professionale dell’Impiegato alla Vendita Telefonica

- ingresso al 5º Livello
- passaggio al 4º Livello dopo 18 mesi

B) Variabili retributive per l’Impiegato alla Vendita Telefonica

Il portafoglio clienti viene suddiviso in tre categorie, semplificando notevolmente la precedente classificazione:

    1.Clienti FISSI : tutti i clienti con anzianità superiore a 6 mesi che hanno effettuato almeno 1 acquisto in 6 mesi; clienti con anzianità inferiore a 6 mesi ma superiore a 2 mesi, che abbiano effettuato nei primi 2 mesi:
    • 1 unico acquisto >=25 euro oppure
    • 2 o più acquisti di qualunque importo

    2.Clienti NUOVI : tutti i clienti co n anzianità inferiore ai due mesi
    3.Clienti ALTRI : tutti i clienti che non rientrano nelle due precedenti categorie.

Posto che in massima parte si orienteranno i Call Center al trattamento delle due prime categorie di clienti, il sistema incentivante di seguito esposto ha l’obiettivo di premiare le performance dei collaboratori sulla base del rispetto del valore globale del portafoglio clienti trattato.

Il sistema incentivante per l’Impiegato alla Vendita Telefonica prevede i seguenti premi:

1. Premio Tabella giornaliera:

Il sistema di calcolo del “Premio Tabella Giornaliera” sarà determinato applicando al fatturato prodotto giornalmente delle aliquote di incentivazione definite secondo 4 scaglioni di FATTURATO ORARIO come da tabella:

LE ALIQUOTE E GLI SCAGLIONI
Scaglioni di fatturato orario
Premio fatturato giornaliero
Fino a 174,99 euro/h.
0,40 %
Da 175 euro/h. fino a 199,99 euro/h.
0,75 %
Da 200 euro/h. fino a 224,99 euro/h.
1,00 %
Da 225 euro/h.
1,25%

Tale premio potrà confluire in due “salvadanai’ distinti, in base al raggiungimento o meno della tabella giornaliera dei clienti.

Se la tabella giornaliera è stata raggiunta, il premio giornaliero andrà nel TOTALE PREMI EROGABILI.

Se la tabella giornaliera NON è stata raggiunta, il premio giornaliero andrà nel TOTALE PREMI RECUPERABILI.

Tabella giornaliera è la SOMMA delle (Media Incasso Cliente Visitato x trend) dei clienti con i quali la IVT abbia avuto un Contatto Utile.

Media Incasso Cliente Visitato (MICV) è uguale a:

    • Per i clienti FISSI: (Somma delle spese effettuate dal singolo cliente negli ultimi 6 mesi)/ (somma dei Contatti Utili degli ultimi 6 mesi). Tale valore non potrà mai essere = 0 per definizione di cliente FISSO;
    • Per i clienti NUOVI: un valore fisso dipendente dalla modalità di acquisizione (1,5 per WB, 3 per Prima Vendita)*;
    • Per i clienti ALTRI: 0.

Contatto Utile è solo il contatto definitivo del giorno (OK = ordine, PV = prossima volta, RL = non interessato).

Trend è un parametro di riferimento rispetto al mese precedente e sarà definito in base alla stagionalità, al Call Center ed in corrispondenza di eventuali promozioni.

A fine mese verranno sottoposte a verifica le seguenti condizioni :

    a.Somma dei C.U. mensili realizzati dall’ IVT >= somma C.U. mensili attesi;
    b.Somma fatturato mensile realizzato dall’ IVT >= somma tabelle giornaliere.

In caso che entrambe le condizioni a. e b. siano state soddisfatte il totale degli incentivi erogato all’ IVT sarà:

TOTALE PREMI EROGABILI + TOTALE PREMI RECUPERABILI + SCOSTAMENTO * 2,5%

In caso una o entrambe delle condizioni a. e b. NON siano state soddisfatte il totale degli incentivi erogato all’ IVT sarà:

TOTALE PREMI EROGABILI + SCOSTAMENTO * 2,5%

Somma C.U. mensili attesiè = a

ore giornaliere (da contratto) IVT * giorni possibili mese * CU/h – 10%

Es. IVT a 4 ore giornaliere, mese di 20 gg., Call Center senza chiamate automatiche:

Somma C.U. mensili attesi = 4*20*15 – (4*20*15)*10%= 1.200 –120 = 1080

Per quanto riguarda i Contatti Utili orari si applicheranno i seguenti minimi, dipendenti dalle tipologie dei Call Centers:

Call Center con sistema di chiamata automatico Call Center senza sistema di chiamata automatico
18 15

Scostamentoè = a

Somma fatturato mensile dell’ IVT – Somma tabelle giornaliere + Somma attività promozionali

Lo scostamento potrà essere anche negativo.

Somma attività promozionali è =

N° pezzi promozioni venduti nel mese * valore singola promozione

dove il valore di ogni promozione sarà espresso in  e sarà deciso e comunicato agli IVT di volta in volta.

2. Premio collettivo mensile:

Indipendentemente dal raggiungimento dell’obiettivo individuale mensile, ogni teleseller percepirà un premio collettivo calcolato come segue:

(Media dei Contatti Utili/H. del Call Center)/8 x h.gg. Lavorative x 1 euro

Esempio:

Media C.U./ora del Call Center = 16

Premio per teleseller a 8 ore giornaliere: 16/8 x 8 = 16 euro

Premio per teleseller a 4 ore giornaliere: 16/8 x 4 = 8 euro

* Nel caso in cui venissero modificat e le metodiche di acquisizione di clienti, tali valori verranno aggiornati e rivisti.

DICHIARAZIONE DELLE PARTI

Le parti concordano che gli importi corrisposti sulla base di quanto previsto a titolo di trattamento economico nel presente Accordo, configurandosi quale "Salario Variabile", rientrano nella fattispecie di cui all’art. 2, DL 25.3.1997 n. 67 convertito nella Legge 23.5.1997 n. 135 e come tali godranno dei benefici previsti.

Gli stessi importi, in quanto erogazioni di II° livello variabili e non predeterminabili, non sono utili ai fini di alcun istituto legale e contrattuale, ivi compreso il trattamento di fine rapporto, ad esclusione del trattamento di malattia, di infortunio, di maternità per il periodo di 5 mesi di astensione obbligatoria, e di congedo matrimoniale, che verrà liquidato sulla base della retribuzione di fatto (media del salario variabile degli ultimi dodici mesi), salvo le eccezioni espressamente indicate.

DECORRENZA E DURATA

il presente Accordo avrà vigore dal 01.11.2004 e fino a tutto il 28.02.2005, ferme restando le verifiche e gli aggiornamenti che le parti concorderanno di effettuare nel corso del 2004.

Letto Confermato e sottoscritto

L’ Azienda Le Organizzazioni Sindacali I Rappresentanti Sindacali

Seguono firme