Category Archives: COOP-CENTRO-ITALIA

Ordine del giorno
Attivo Nazionale Coop Centro Italia

Il giorno 11 Maggio 2017 si è riunito l’attivo nazionale delle delegate e dei delegati di Coop Centro Italia della Filcams CGIL.

Le delegate e i delegati hanno confermato l’approvazione da parte delle assemblee di punto vendita della piattaforma unitaria per l’avvio della trattativa per il rinnovo del contratto integrativo aziendale.

Gli emendamenti e le istanze che le lavoratrici e i lavoratori hanno presentato nelle assemblea vengono assunti dal Coordinamento Nazionale e dalla struttura nazionale e pertanto verranno portati direttamente al tavolo negoziale in quanto di fatto già compresi all’interno della piattaforma.

L’attivo nazionale ritiene che l’atto dell’impresa cooperativa di presentare nei luoghi di lavoro le proprie richieste, formalizzate in un testo definito "piattaforma", sia avventato e produca criticità nella gestione del tavolo di trattativa. Inoltre sul contenuto del testo sono emerse delle contrarietà che le lavoratrici e i lavoratori hanno già maturato e che l’attivo consegna al coordinamento nazionale per portarle al tavolo di trattativa.

Da ultimo il coordinamento manifesta netta contrarietà sulla decisione dell’impresa cooperativa di aprire l’Ipercoop di Collestrada il giorno 2 Giugno, sia per una contrarietà a prescindere sulle aperture festive ma soprattutto perché questo determina una mancata applicazione di quanto previsto dal contratto integrativo aziendale.

Il presente documento viene approvato all’unanimità dall’attivo.

Filcams Nazionale
A. Di Labio

Perugia, 11 Maggio 2017

Roma, 29 aprile 2016

Testo Unitario

Il 27 aprile 2016 è stato siglato il protocollo di gestione del piano industriale 2016/2019 e l’annessa riorganizzazione del Gruppo Coop CentroItalia, a seguito dell’acquisizione della rete Superconti.

Filcams, Fisascat e Uiltucs esprimono soddisfazione per il risultato ottenuto soprattutto in merito alla gestione degli esuberi in quanto è salvaguardata la totalità dell’occupazione e la cooperativa ha rinunciato alla terziarizzazione delle attività del magazzino Coop di Castiglione del Lago, la redditività utile alle esigenze dell’impresa è stata garantita stabilendo che l’orario di lavoro e i permessi retribuiti del magazzino saranno parificati a quelli previsti per i dipendenti della rete vendita Coop.

L’accordo prevede inoltre che i dipendenti in esubero del magazzino siano tutti ricollocati nei punti vendita, percependo, qualora questo provochi dei disagi in termini di distanze dal luogo di lavoro, un indennizzo; mentre ai dipendenti dell’appalto del magazzino di Terni sarà applicata la clausola sociale, quest’ultimo è un fondamentale risultato, fortemente voluto dalle organizzazioni sindacali, che stabilizza l’occupazione anche per i dipendenti terzi che operano all’interno del gruppo, liberandoli dalla precarietà legata all’appalto.

Gli esuberi che si determineranno nella rete Superconti, a causa della chiusura dei negozi di abbigliamento, saranno ricollocati nella rete vendita della società stessa; questo non consentirà di assorbire completamente gli esuberi, pertanto le lavoratrici e i lavoratori potranno volontariamente aderire ad un incentivo per la non opposizione al licenziamento o accedere a percorsi di ricollocazione presso le società in appalto all’interno del gruppo. Qualora ci fosse necessità di maggiori tempi per la gestione degli esuberi, essendo escluso dall’accordo sottoscritto il licenziamento coatto, le parti valuteranno l’utilizzo di un ammortizzatore sociale conservativo. I spostamenti necessari al riequilibrio dell’occupazione in questa fase saranno sostenuti dagli stessi incentivi contrattati per Coop.

La Cooperativa ha confermato i 50 Milioni di euro d’investimento, l’intenzione di aumentare di 500 unità la forza lavoro e ha ribadito la centralità di Castiglione del Lago, dove sono situati la sede ed il magazzino, anche con la nuova conformazione dell’impresa, che puntando a fare importanti investimenti nel Lazio e avendo ad oggi una presenza importante nella provincia di Terni avrebbe un baricentro più spostato al sud. Le parti si sono inoltre impegnate a mantenere costante il dialogo con le istituzioni locali, confermando in questo modo la peculiarità della cooperazione di garantire un rapporto con i territori in cui opera e rilanciando il ruolo della concertazione con le istituzioni quale strumento indispensabile a sostegno dei processi di cambiamento.

È doveroso sottolineare la capacità delle parti al tavolo di ascoltare le reciproche esigenze e di trovare le soluzioni conseguenti. L’accordo sottoscritto si colloca in un difficile contesto economico ma anche contrattuale vista la situazione del contratto nazionale di categoria, a riguardo la cooperativa, nell’ambito dell’incontro del 27, ha palesato l’intenzione di portare la propria posizione nel sistema cooperativo volta a trovare una soluzione della vertenza che consenta di rinnovare il contratto in tempi rapidi, le organizzazioni sindacali hanno ricordato che il rinnovo del contratto nazionale è particolarmente complicato a causa delle eccessive richieste di riduzioni dei costi portate al tavolo dalle imprese cooperative.

L’accordo può essere considerato come un punto di inizio che garantisce a tutti i livelli un confronto costante e approfondito sulla riorganizzazione del Gruppo Coop CentroItalia.


p. La Filcams CGIL Nazionale
Alessio Di Labio

Roma , 3 ottobre 2012

Oggetto: Coop Centro Italia – comunicazione esito consultazione

Raccomandata R.R.
Anticipata via fax

Spett.le
Coop Centro Italia
Via Andrea Doria,7
06061 Castiglione del Lago ( PG)
Fax 075 – 9656760

Le scriventi organizzazioni sindacali, in merito all’ipotesi di accordo sul lavoro domenicale e festivo siglato con Coop Centro Italia il giorno 19 Luglio 2012, intendono comunicare che la consultazione dell’ipotesi stessa ha avuto esito positivo.
Le lavoratrici ed i lavoratori con la stragrande maggioranza di voti favorevoli hanno quindi definitivamente approvato l’accordo, vi invieremo quanto prima l’esito preciso della consultazione.
Ci rendiamo inoltre disponibili per avviare il confronto previsto all’art. 13 dell’accordo stesso.

Cordiali saluti.

p/FILCAMS Cgil p/FISASCAT Cisl p/UILTUCS Uil
A. Di Labio V. Dell’Orefice P. Andreani