Category Archives: COFATHEC PROGETTI

FIM-CISL FIOM-CGIL UILM-UIL
FISASCAT-CISL FILCAMS-CGIL UILTUCS-UIL

Segreterie Nazionali

COFATHEC – SUEZ: FUSIONE A LUGLIO
      Nell’incontro tenutosi a Roma, tra lo staff del presidente delle due società in fusione (Moneger) e le segreterie nazionali del sindacato dei meccanici e del commercio, la direzione ha fornito, su richiesta sindacale, una serie di informazioni sulla attuale situazione e le previsioni di breve e medio termine.
      È la Cofathec che formalmente incorpora la Elyo, atto motivato da più convenienze anche di tipo fiscali. Nasce una società con un fatturato di oltre 1 miliardo di euro.

      La ERG ha firmato il preaccordo utile alla uscita dalla società. Tale accordo ha visto la cessione della Restiani che rimane una società della ERG. Società partecipata da Elyo al 40%, con circa 190 dipendenti.

      Per la definitiva fusione si attende il parere dell’antitrust, europeo ed italiano, che si ritiene non dovrebbe sollevare obiezioni. Entro giugno sarà attivato l’incontro ufficiale di procedura informativa prevista dalla legge con le organizzazioni sindacali. I tempi conclusivi della fusione sono indicati per luglio.

      Per quanto riguarda l’occupazione si conferma che non sono previsti riduzioni di organici. Per favorire l’integrazione tra le esperienze, per un periodo, si manterranno le sovrapposizioni di funzioni anche dirigenziali. Le varie sedi principali, nel medio periodo, rimarranno come sono. È stato indicato l’anno 2012 come data nella quale vi potrebbe essere l’accorpamento delle sedi principali, confermando le sedi di Milano e Roma.

      Sul 2009 è prevista una sofferenza di redditività, per le turbolenze monetarie e del prezzo del petrolio, sofferenze che potrebbero essere recuperate nella seconda parte dell’anno. Mentre sulle commesse si conferma la volontà di un rafforzamento del ruolo e del fatturato e della dimensione.

      È stata espressa la disponibilità a avviare una discussione su un integrativo economico e normativo valido su tutto il territorio nazionale, della nuova società, a settembre.

      Sui contratti nazionali si conferma la politica del mantenimento della pluralità dei contratti applicati ai lavoratori.

      Da subito c’è la disponibilità ad avviare il gruppo congiunto di lavoro sulla sicurezza del lavoro, come già programmato. In tal senso c’è l’impegno a nominare i componenti di parte sindacale nei prossimi giorni.
Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil
Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil, Uiltucs-Uil
    Roma, 6 maggio 2009

FIM-CISL FIOM-CGIL UILM-UIL

FISASCAT-CISL FILCAMS-CGIL UILTUCS-UIL

Segreterie Nazionali

FUSIONE COFATHEC – ELYO

Nell’incontro tenutosi a Roma martedì 10 febbraio 2009, tra l’Amministratore Delegato di Cofathec e una delegazione sindacale composta dai sindacati nazionali del commercio e dei metalmeccanici e i delegati componenti del CAE, l’azienda ha confermato il rispetto degli impegni già assunti e ribaditi ai vari livelli. Alla riunione hanno partecipato degli avvocati di parte sindacale per completare un dossier sulla fusione tra trasmettere al Comitato Aziendale Europeo (CAE)

IN SINTESI

La fusione ha avuto il via libera dei consigli di amministrazione. Ora il passo successivo è l’approvazione dalle rispettive assemblee dei soci. Approvazione che dovrebbe avvenire entro fine marzo ed essere preceduta dall’uscita, per accordo, di ERG da Elyo. Uscita che prevede anche la possibile cessione ad ERG di alcuni Asset.

La fusione sarà per incorporazione di Cofathec in Elyo, salvo modifiche dell’ultimo momento. Nascerà una nuova società con una nuova denominazione.

L’operazione sarà preceduta dalla consultazione sindacale, a norma di legge (25 giorni prima), nella quale saranno dettagliate le condizioni del passaggio.

A.D. ha confermato il mantenimento delle attività e delle due sedi direzionali amministrative di Milano e Roma e ha negato l’esistenza di progetti diversi.

Sui contratti e trattamenti applicati ai lavoratori è stato confermato il mantenimento dei trattamenti in essere, con l’obbiettivo di arrivare in una successiva fase a convenire un percorso per unificarli.

È prevista entro marzo la scissione della SI Servizi. Il ramo che si occupa di abitazioni mono sarà scorporato e trasformato in una società ad hoc controllata al 100% da Cofathec. Dalla fusione uscirà una società con importanti fatturati per quanto riguarda la gestione “pluri condominiali”.

Ulteriori e più dettagliate informazioni saranno fornite nel previsto incontro di procedura.
La riunione con Elyo, richiesta sullo stesso tema, è prevista a Milano per il 23 febbraio 2009.

Fim-Cisl, Fiom-Cgil, Uilm-Uil
Fisascat-Cisl, Filcams-Cgil, Uiltucs-Uil

Roma, 12 febbraio 2009

FIM-CISL FIOM-CGIL UILM-UIL

FISASCAT-CISL FILCAMS-CGIL UILTUCS-UIL

Segreterie Nazionali

Comunicato

EVENTI IN POST FUSIONE TRA SUEZ / GAZ DE FRANCE

A Parigi, proseguono gli incontri con i delegati del Comitato Aziendale Europeo, in rappresentanza di tutti i Paesi (circa 195.000 dipendenti) dove vi sono società controllate da Gaz de France e Suez, con la Direzione della multinazionale.

Tra le azioni che si vanno delineando vi è il nuovo Comitato Aziendale Europeo dove per l’Italia si prevede una rappresentanza composta da almeno 2 componenti. Un’intesa sul CAE è prevedibile per il primo quadrimestre 2009. Tale intesa prima di essere operativa dovrà essere presentata ai lavoratori e valutata dalle Organizzazioni sindacali.

In una lettera (in allegato), datata il 19 dicembre 2008, di Philippe Saimper, responsabile delle “risorse umane” della multinazionale, sono previsti una serie di impegni, già valutati e discussi nelle sedi di confronto del CAE, a tutela e garanzia dei lavoratori sui possibili effetti della fusione (per 36 mesi nessun licenziamento dovuto alla fusione; 36 mesi nessuna esternalizzazione di attività; mantenimento dei livelli retributivi ecc..). Tale lettera è impegnativa e potrà essere utilizzata a tutela dei lavoratori.

Il 13 gennaio 2009 la multinazionale ha comunicato al CAE che è stato predisposto un nuovo piano di risparmi “performance”, per effetto della fusione che dovrebbe raggiungere ora 1,8 miliardi (dai 500 milioni previsti nel primo piano). Questo nuovo piano è stato criticato dai sindacati per i suoi possibili effetti sull’occupazione. La Direzione della multinazionale conferma gli impegni occupazionali e quanto già previsto nella lettera del 19 gennaio.

Cofathec Italia

A livello nazionale, nei prossimi giorni, invieremo la richiesta formale per avviare, come da impegni assunti dalla Direzione Cofathec, la discussione su un integrativo normativo, salariale e di relazioni sindacali. Contestualmente con l’avvio della richiesta d’incontro, sarà attivato un gruppo di lavoro utile a preparare la riunione di tutte le RSU, per valutare l’aggiornamento dei contenuti dell’ipotesi dell’integrativo, a suo tempo in discussione Cofathec.

Inoltre sarà inviata alle Confederazioni di CGIL CISL UIL la richiesta di convocare un tavolo con tutte le categorie interessate agli effetti della fusione in Italia: metalmeccanici, commercio e energia, al fine di valutare le ricadute di tale evento sul territorio nazionale.

Nella giornata del 21 gennaio ’09 si è tenuta la riunione con i delegati della sicurezza RLS e le Organizzazioni sindacali che ha dato avvio ad un impegno ulteriore di tutte le parti, per rafforzare l’iniziativa in materia di ambiente e sicurezza. Su questa riunione seguirà comunicato sindacale e verbale della riunione.

FIM- CISL, FIOM- CGIL, UILM- UIL

FISASCAT- CISL, FILCAMS- CGIL, UILTUCS- UIL

Roma, 21 gennaio 2009

Cofathec Progetti spa - Accordo Sindacale Aziendale 7 marzo 2006.pdf

Link Correlati
     Nota esplicativa