Catania. «Vertenza Conad» le filiali non chiudono

19/11/2002



18 novembre 2002
cronaca di catania
Pagina 13



  

«Marcia indietro» della società

«Vertenza Conad»
le filiali non chiudono

Contrordine, i punti vendita per ora non chiudono. E’ l’ultimo «colpo di scena» nella vertenza Conad, a quarantott’ore dalla chiusura annunciata, per inventario delle merci, che sarebbe dovuta scattare in tutte le filiali a partire da stamattina. Un provvedimento contro il quale i lavoratori e i sindacati che li rappresentano avevano protestato vibratamente proclamando lo stato di agitazione e l’assemblea permanente che avrebbe di fatto bloccato l’opera di inventariazione delle merci. Sabato la comunicazione della Comart-Marketing sud sulla sospensione del provvedimento. Ma non cambia nulla. «Riteniamo – è una nota della Uiltucs-Uil – indispensabile il mantenimento dello stato di assemblea pemanente nelle filiali siciliane, in attesa di soluzioni concrete della vertenza». Mercoledì prossimo a Roma, infatti, il ministero del Lavoro e le banche creditrici hanno convocato le società che nel passato hanno effettuato proposte di acquisto per riproporre alle stesse la vendita delle filiali con proposte di vendita notevolmente ridimensionate rispetto alle precedenti. «Riteniamo che questo confronto dovrà finalmente chiarire ed esplicitare il realizzarsi di interessi reali e concreti nei confronti di quest’azienda e dei lavoratori interessati». Il sindacato ricorda infine come i lavoratori non percepiscono stipendi dal mese di agosto e non hanno ricevuto ancora neanche l’acconto che pure «era stato garantito dall’azienda tramite l’accordo sottoscritto la settimana scorsa al ministero del lavoro».