Castorama – Piattaforma approvata il 28 maggio 2002

Piattaforma Castorama Italia Spa
(Approvata dal Coordinamento dei delegati Castorama il 28 maggio 2002)

PREMESSA
La consistenza del Gruppo Castorama Italia Spa, presente con una serie di punti vendita diffusi sul territorio nazionale, ed i programmi d’investimento del gruppo stesso che prevedono l’apertura a breve di nuovi negozi, evidenziano sempre più la necessità di avere un modello codificato di relazioni sindacali.

Con questo spirito le parti hanno sottoscritto un intesa quadro in data 12 aprile 2002 , che rappresenta un buon punto di partenza per avviare una prima contrattazione integrativa di gruppo che le parti si sono reciprocamente impegnate a realizzare nei prossimi mesi.

La piattaforma integrativa nel definire regole condivise, vuole perseguire, fra le sue finalità, il miglioramento delle condizioni sia della normativa contrattuale, sia del clima nell’ambiente di lavoro con l’intento di renderlo maggiormente vivibile per motivare il positivo contributo dei lavoratori.

In questo spirito le OOSS presentano le seguenti richieste per la stipulazione del primo contratto integrativo di gruppo.

SISTEMA DI RELAZIONI SINDACALI
Rafforzare e rendere maggiormente esigibile l’attuale impianto di relazioni previsto nell’accordo quadro. In particolare si propone si dare maggiore peso al confronto a livello territoriale e di punto vendita inteso non solo come diritto d’informazione, ma come momento negoziale su tutti gli aspetti previsti quali: orari, organizzazione del lavoro, organici, etc..
Al fine di superare le difficoltà, riscontrate nei singoli punti vendita, si chiede che nelle sessioni d’incontro previsto a livello centrale partecipino anche i direttori dei singoli punti vendita.
Alla luce delle difficoltà di confronto sinora registrate a livello di punto vendita si richiede una procedura di raffreddamento d’eventuali difficoltà di contrattazione con il ricorso ai livelli superiori (territoriale, regionale, nazionale) anche su temi di singolo negozio.

ORARIO DI LAVORO
Definire modalità applicative dell’orario di lavoro in relazione alle diverse tipologie d’assunzione, con riguardo all’articolazione dei diversi nastri orari e delle pause demandando a livello decentrato le rispettive modalità attuative.

DIRITTI SINDACALI
Dare maggiori strumenti e diritti sindacali per rendere funzionale il ruolo del RSU/RSA sia nel singolo negozio sia a livello di coordinamento generale.

      Le ore per incontri sindacali convocati dalla direzione non sono conteggiate nel monte ore previsto dal CCNL.
      Incremento significativo delle ore di permesso previste per il coordinamento e riconoscimento delle spese sostenute per tale attività
      Rivendicare che in ogni punto vendita una saletta a disposizione delle RSU/RSA, con adeguata strumentazione per l’esercizio dell’attività (fax, tel, posta elettronica.

PREVIDENZA INTEGRATIVA
Visto che il fondo pensioni di categoria è stato recentemente autorizzato definitivamente si chiede:

      Incremento della quota a carico dell’azienda dall’attuale 0,55 al 1,10%
      Percorsi condivisi di informazione a beneficio dei lavoratori e distribuzione modulistica a tutti dipendenti con il cedolino paga (anche per nuovi assunti)

DIRITTI E TUTELE
Si rivendica un miglioramento delle tutele in materia di:

      Riconoscimento del 100% in caso di malattia anche dal 4° al 21° giorno e nel caso di ricovero ospedaliero.
      Rendere automatica la richiesta di aspettativa non retribuita prevista dal CCNL al termine del periodo di comporto
      Richiesta di due giorni di congedo straordinario retribuito nel caso di nascita di un figlio.

BUONO PASTO
Preso atto che in materia di ristorazione non è previsto nessun tipo di servizio e tenuto conto dell’attuale organizzazione degli orari si rivendica:

      Introduzione di un ticket restaurant giornaliero da riconoscere a tutti i dipendenti in relazione alla tipologia e della durata della prestazione lavorativa

LAVORO DOMENICALE
Ad integrazione di quanto previsto dall’accordo quadro si chiede:

      Definito incremento delle maggiorazione dal 30 al 50% per le deroghe natalizie, fermo restando i criteri previsti dai precedenti accordi.
      Incremento maggiorazione per domeniche e le festività lavorate al di fuori del periodo natalizio.

PREMIO DI RISULTATO
Rivisitazione dell’attuale premio di risultato sia rispetto al totale annuo, ai criteri e alle modalità di maturazione quali:

      Introdurre criteri che tengano conto del miglioramento rispetto al dato storico e non al budget, con indice della redditività generale e di singolo punto di vendita.
      Riconoscimento anche per i contratti a tempo determinato e stagionali.
      Consolidamento di una quota di premio di risultato sulla base del miglioramento storico registrato

INQUADRAMENTO
Definire sbocchi professionali per il personale della logistica e delle casse.

SICUREZZA SUL LAVORO/ VESTIARIO
Applicazione concordata delle modalità di legge in merito alla sicurezza sul lavoro con particolare attenzione su:

      Elezione, formazione e agibilità del rappresentante dei lavoratori in tema di sicurezza
      Informazione e formazione sulla sicurezza nei luoghi di lavoro personalizzata sui rischi presenti nei negozi Castorama.

Definire, inoltre, le quantità di vestiario annuali da consegnare ai lavoratori.

PART TIME E CONGEDI PARENTALI
Alla luce della nuova normativa introdotta dal decreto legislativo 61 e successive modificazioni in materia di Part Time e dalla legge n. 53 del 2000 relativa ai congedi parentali, affrontare gli ambiti di negoziazione assegnati alla contrattazione integrativa.

NORMATIVA CONTRATTUALE
Alla luce delle crescenti difficoltà ad applicare alcune normative contrattuali si richiede la discussione di temi quali le ferie, inventario, missione e trasferte etc…, con l’intento di trovare un’impostazione condivisa ed esigibile da entrambe le parti.

Milano 28 maggio 2002

      FILCAMS CGIL – FISASCAT CISL – UILTUCS UIL