Cassiere e commessi, difficile far figli

12/04/2010

Fare dei figli? “Col nostro lavoro non è neppure pensabile”. Lui è sposato da poco, ma al momento è costretto a rimandare l’idea: “Tra me e mia moglie non ne avremmo il tempo”. Per commessi, cassieri e banconisti, con i turni e le aperture domenicali, diventa assai arduo conciliare itempi casa-lavoro e lo stress che si accumula è tanto, soprattutto sui precari e sulle donne. È il mondo della grande distribuzione organizzata, la Gdo, com’è chiamata tra gli addetti ai lavori. La conferma delle difficoltà con cui devono fare i conti gli addetti dei supermercati arriva da una ricerca della Filcams di Bergamo, intenzionata a far luce sull’orario di lavoro in un comparto composto per lo più di grandi gruppi, quasi tutte multinazionali, e dove continue variazioni di tempi, luoghi, contenuti e modalità di lavoro, assieme a ritmi sempre in crescita, rischiano di creare patologie sociali che non vanno sottovalutate. Lo studio è stato commissionato per conto della Filcams da Roberto Rossi e condotto da Ada Franchi, dell’Università di Bergamo, i risultati si riferiscono al periodo dicembre 2009-febbraio 2010. “È questo un settore – si legge nell’indagine – che richiede la massima disponibilità per quanto riguarda l’orario. Flessibilità e irregolarità sono diventate costanti che causano disagi continui, che a loro volta si riflettono nella vita privata, specie per le lavoratrici che debbono farsi carico anche delle mansioni domestiche”. L’invito che arriva dalla Filcams di Bergamo è di non sottovalutare la questione dello stress. “Anche se ufficialmente è riconosciuto come patologia professionale – prosegue la ricerca –, pare che né a livello politico, né a livello aziendale lo stress sia affrontato seriamente come problema da arginare. Il lavoro nella Gdo, soprattutto in alcune mansioni, espone a una costante fatica relazionale, che induce forme di stanchezza, ansia e irritabilità. Si richiedono ai lavoratori sempre maggiori investimenti, sia in merito a risorse professionali e tecniche, sia per motivazione e risorse psichiche”.