Carrefour, si riapre la trattativa sugli esuberi

31/03/2011

Caserta – La prefettura convocherà vecchia e nuova proprietà insieme coni sindacati Tornano in strada i dipendenti dell`ex punto vendita Carrefour di Capodrise e chiedono al prefetto Ezio Mauro di mediare sulla vicenda dei 73 licenziamenti in ballo. È stato poi l`incontro tra il viceprefetto Savina Macchiarella e i delegati sindacali a calmare gli animi. Guidati dal segretario della Filcams Cgil, BenedettoArricale, e da Alessandro Tartaglione dellaUiltucs, i delegati sindacali hanno chiesto, e ottenuto, la convocazione di un tavolo istituzionale dove le parti sociali possano riaprire la trattativa sul destino dei lavoratori ex Carrefour. Tavolo che già la prossima settimana potrebbe essere chiamato a riunirsi.
Sarà quello il momento in cui il prefetto cercherà di cucire lo strappo aperto ad inizio mese e che ha portato alla procedura di licenziamento da parte della proprietà entrante. Proprio in quell`ultimo incontro era saltato all`ultimo minuto l`accordo di massima che le parti sociali avevano raggiunto in una lunga serie di incontri preliminari. Dopo il tentativo dell`avvio di procedure dimobilità volontaria, che aveva visto pochi dipendenti pronti a lasciare, la drastica decisione della proprietà per snellire i costi del sito in vista del nuovo corso. Despar aveva chiesto infatti una serie di deroghe al contratto vigente che avrebbero portato ad un maggiore mobilità degli oltre 100 dipendenti, mentre i sindacati avevano rifiutato ogni deroga all`accordo di massima. Da lì la rottura e l`invio delle lettere di licenziamento recapitate negli ultimi giorni ed ora la pronta reazione dei sindacati.
Così la prefettura, per agevolare la conclusione di una vicenda che va avanti da mesi, convocherà le due aziende, Despar e Carrefour, le parti sociali e il primo cittadino di Capodrise, Giuseppe Fattopace. In quella riunione i sindacati rilanceranno la proposta di una riduzione degli orari di lavoro e di impiegare la manodopera a turno, facendo probabilmente ricorso alla mobilità, per dare la possibilità alla nuova proprietà divalutare la risposta del mercato locale al loro investimento. Una buona notizia, comunque, per i la- voratori. «L`apertura della prefettura alla convocazione di un tavolo istituzionale – conferma Benedetto Arricale – rilancia le speranze che la trattativa possa essere recuperata. La vicenda dell`ex Carrefour è molto importante per il nostro territorio. Il licenziamento di tutte queste persone provocherebbe una ricaduta negativa non calcolabile sul territorio casertano». Per questo non abbassano la guardia ilavoratori e si dichiarano pronti alla lotta. «Non è possibile che un nuovo imprenditore venga nel nostro territorio – ha affermato Alessandro Tartaglione – e senza conoscere nulla della situazione esistente decida di dimezzare i dipendenti. È una cosa sulla quale non cederemo di un centimetro».