Carrefour Italia, Accordo relazioni sindacali 21/07/1995

Addì, 21-7-1995 si sono incontrate

la Direzione CARREFOUR ITALIA rappresentata da: Mr Croizet
le Federazioni nazionali FILCAMS-FISASCAT-UILTuCS

per definire sulla base del vigente CCNL del Terziario e delle pregresse vigenti contrattazioni aziendali esistenti in azienda , un protocollo di relazioni sindacali valido per l’intero territorio nazionale e per le unità di nuova apertura.

Le parti convengono sull’utilità di un sistema di relazioni sindacali che, pure nel rispetto delle reciproche autonomie e responsabilità, si fondi sul riconoscimento pieno del ruolo di ciascuna parte a tutti i livelli, al fine di creare condizioni di positivo e utile confronto finalizzato alla soluzione dei problemi e alla prevenzione dei conflitti.

Pertanto viene definito il presente Protocollo:

a) DIRITTI DI INFORMAZIONE

Sulla base del CCNL 4.11.1994 le parti convengono che il diritto di informazione e di confronto per realizzare intese si svolgerà come segue:

- a livello nazionale: con incontro annuale tra la Direzione Carrefour Italia e le Federazioni Nazionali FILCAMS-FISASCAT-UILTuCS con la partecipazione delle strutture territoriali delle stesse Federazioni nazionali e il Coordinamento nazionale delle RSU;

- a livello territoriale: con incontri semestrali tra la Direzione Carrefour Italia e le strutture territoriali di FILCA.MS-FISASCAT-UILTuCS e le RSU interessate.

- a livello di singolo magazzino: a cadenza mensile tra la Direzione dell’ipermercato e le RSU con la presenza delle Federazioni territoriali di FILCAMS-FISASCAT-UILTuCS interessate.

Materie dei vari incontri saranno:

- a Livello Nazionale: situazione economica/commerciale dell’impresa, prospettive di sviluppo ed investimenti (nuove aperture e ampliamenti; problemi occupazionali ed esame delle misure da intraprendere nella gestione delle criticità rilevabili); andamento del fatturato e delle altre variabili individuate come significative; processi di terziaizzazione e di innovazione tecnologica,

- a livello territoriale: come a livello nazionale con attenzione ai problemi del territorio, con particolare riferimento ai temi delle nuove aperture e, in questo contesto, confronto preventivo sulla composizione qualiquantitativa dell’organico, mirando ad una equilibrata presenza tra full-time e part-time, nonché confronto sulle varie tipologie di rapporto di lavoro (tempo determinato, cfl, con impegno sulla loro conferma a tempo indeterminato); (attenzione alle variabili individuate come significative per il conseguimento del premio di cui al punto B).

b) – CONTRATTAZIONE AZIENDALE

Le parti convengono di procedere, nella stipula del Contratto Integrativo aziendale del Gruppo Carrefour, ad una armonizzazione, nell’ambito del periodo di vigenza del citato CIA, delle condizioni economiche tra i magazzini facenti parte del Gruppo.

Parallelamente, le parti convengono che, all’interno del detto CIA, si converrà un premio aziendale, secondo quanto disposto in proposito dal Protocollo del 23.7.1993 così come recepito dal
CCNL 4.11.94.

Tale premio sarà articolato a due livelli:

- a Livello Nazionale, basato sugli indicatori riferiti alla redditività del gruppo,
- a Livello di singolo magazzino, sulla base degli indicatori riferiti alla produttività dell’impianto.

La Direzione Carrefour Italia prende atto che le OO.SS. presenteranno la piattaforma integrativa aziendale entro il _____________________ e si impegna ad iniziare il confronto entro 2 mesi da quella data.

c)FORMAZIONE

Le parti convengono sul valore che per entrambi assume la formazione continua, anche sulla base del Memorandum in proposito stipulato fra EuroFIET e CECD (oggi Eurocommerce) nel 1988 e recepito nel CCNL Terziario 4.11.94.

A livello aziendale, le parti convengono di esaminare congiuntamente, nell’ambito dei vari confronti previsti dal Diritto di informazione (puntoA) del presente Protocollo), il piano di formazione aziendale, per assicurarne la migliore diffusione, nonché l’efficacia rispetto alle differenti esigenze formative manifestate dai lavoratori.

Letto, firmato e sottoscritto.