Carrefour e Auchan: in affanno anche i francesi

03/11/2004

              SUPPLEMENTO AFFARI & FINANZA di lunedi 1 novembre 2004

              FINANZA pag. 37

              Carrefour e Auchan
              In affanno anche i francesi


              Anche i francesi piangono. I colossi transalpini della grande distribuzione stanno guidando l’invasione dei centri commerciali stranieri nel nostro paese. Ma non per questo mancano problemi. A cominciare proprio da Carrefour e Auchan. Per i primi i guai sono tutti finanziari. Per i secondi, invece, gli ostacoli sulla strada di un’ulteriore espansione sono legati alla concorrenza.

              Dopo aver annunciato un primo semestre al di sopra delle attese, Carrefour, a metà ottobre, è stata costretta a lanciare un profit warning sia sul fatturato che sul risultato di fine anno. In una comunicazione alla Borsa si dice esplicitamente che la crescita del giro di affari per il 2004 sarà inferiore del 5% rispetto a quanto annunciato in precedenza mentre l’aumento dell’utile netto per azione sarà inferiore a due cifre, mentre in precedenza era stato annunciato che sarebbe stato uguale o addirittura superiore. Quali le cause? I consumi inferiore alle attese, in particolare dal mese di settembre, oltre all’attacco degli hard discount. Per rimediare alla diminuzione di ricavi e profitti, Carrefour ha deciso una politica di taglio dei costi e di riduzione dei prezzi dei prodotti.


              Di diversa natura i problemi di Auchan. Il socio di Ifil in Rinascente dovrà vedersela con una concorrenza più che agguerrita per puntare alle attività che gli stanno a cuore e poi per restare nel settore in modo proficuo. Sulla strada del gruppo francese ci sarà quasi certamente Wal Mart. Il colosso americano infatti ha deciso da tempo lo sbarco in Europa. E in Italia in particolare.