Carlson Wagonlit Travel, esito incontro 06/02/2017

Roma, 8 febbraio 2017

Testo unitario

Si è tenuto il 6 febbraio l’incontro con Carlson Wagonlit Travel in seguito all’annuncio dell’azienda di un piano di riorganizzazione che riguarderà il comparto TS.

La riorganizzazione si sovrappone a progetti che l’azienda ha già messo in cantiere e che puntano alla riduzione del costo del lavoro attraverso terziarizzazioni e riduzione del personale.

Nell’incontro l’azienda ha confermato che il progetto sul TS potrà produrre un esubero quantificabile in un numero variabile tra 30 a 50 unità.

Abbiamo chiesto di avere maggiori informazioni sul piano per comprendere se vi siano margini per una contrattazione che eviti gli esuberi.

Abbiamo chiesto informazioni in merito ai tempi di realizzazione e alle conseguenze sulle sedi, esprimendo la preoccupazione che l’azienda proceda alla chiusura di intere unità operative.

L’azienda ha ribadito più volte la volontà di confrontarsi sull’attuazione del piano, ma non è stata in grado di fornire risposte alle nostre domande, in quanto il piano sarebbe ancora in elaborazione.

Abbiamo chiesto all’azienda di essere messi nelle condizioni di svolgere un confronto concreto, sottolineando nel contempo che qualsiasi cosa l’azienda metterà in campo in questa fase incide pesantemente sul futuro delle persone, e che pertanto la nostra attenzione sarà massima (ad esempio sulle opportunità di ricollocazioni interne).

Lo stato di agitazione dichiarato il 1 febbraio rimane pertanto in vigore, e l’utilizzo delle ore di sciopero verrà valutato sulla base dei comportamenti aziendali e dell’andamento della trattativa.

Il prossimo incontro è fissato per il giorno 2 marzo, ore 14, a Milano.

p. La Filcams Cgil Nazionale
Luca De Zolt