Carlson Wagon Lit, esito incontro 22/03/2013

Roma, 25 marzo 2013

Oggetto: Carlson Wagon Lit – Esito incontro 22 marzo

Testo unitario

il 22 c.m. si è tenuto l’incontro con la Direzione Aziendale per affrontare la situazione economica dei primi 3 mesi di gennaio 2013; la questione Lost clients (Armani) che ha recesso il contratto e l’avvio della discussione sul contratto integrativo aziendale
Nella sua introduzione, l’Azienda ha illustrato lo stato attuale di crisi economica internazionale e nazionale e di come questa incide negativamente sul settore e sull’azienda. Di fatto ha evidenziato come questi primi mesi dell’anno permangono le criticità negative già evidenziate nel 2012, sostenendo che il calo economico maggiore persiste nel settore del turismo d’affari domestico.
In merito al secondo punto, riguardante la perdita dell’importante commessa dell’Azienda Armani a Milano, l’Azienda ha riaffermato che tutto ciò ha comportato il licenziamento di 4 unità lavorative e che purtroppo, pur avendo effettuato due incontri con le RSA e alle OO.SS. Territoriali, non si è riusciti a trovare soluzioni che potessero evitare i licenziamenti.
Come sindacato, oltre ad aver riconfermato la nostra netta contrarietà su come l’azienda a gestito la vicenda, abbiamo ribadito che molto probabilmente se avessero accolto le nostre posizioni, si sarebbero potuti utilizzare strumenti meno traumatici, come ad esempio ammortizzatori sociali, accompagnati da meccanismi di solidarietà.
Per quanto riguarda il C.I.A., l’Azienda ha dichiarato la propria disponibilità ad affrontare la questione, sempre che si tenga conto del momento difficile che l’azienda sta attraversando. Ha così accolto la nostra impostazione nei costruire corrette Relazioni Sindacali, finalizzate alla ricerca di posizioni condivise, per meglio rispondere alle domande del mercato, attraverso la partecipazione attiva dei lavoratori.
Come Sindacato, cogliendo positivamente la disponibilità dell’Azienda ad affrontare la discussione, abbiamo fatto presente, che per poter affrontare con serietà le questioni poste, sia innanzitutto necessario confrontarsi, sulla base di dati certi, relativi alla situazione economica, alla struttura organizzativa e occupazionale (suddivisa per livelli), e quant’altro utile per realizzare gli obiettivi posti e demandati alla contrattazione di Secondo Livello.

Abbiamo per questo rimarcato come investendo sulla formazione professionale e utilizzando strumenti innovativi sia possibile rispondere alle esigenze del mercato ed essere competitivi.
Alla luce di quanto sopra l’azienda si è resa disponibile a comunicarci i dati da noi richiesti e si è concordato di riaggiornarsi al giorno 8 maggio p.v.
Per meglio prepararci riteniamo utile convocare una riunione unitaria prima dell’incontro.
Luogo e ora vi saranno comunicati appena possibile.

p. la Filcams Cgil Nazionale
Lucia Anile