Canon Italia s.p.a. – Verbale di incontro 7 febbraio 2002

VERBALE DI INCONTRO

Addì 7 febbraio 2002, presso l’Unione del Commercio Servizi e Turismo di Milano si sono incontrati i seguenti signori

perla Canon Italia S.p.A.Stefano Zenti Presidente

                    Jiro Matsuda, Vice Presidente
                    Cesare Lavia, Responsabile gestione del Personale

assistiti dal Dott Guido Buffoni, Avvocato della Società
per l’Unione del Commercio Roberta Rossetti
per la Filcams-Cgil NazionalePiero Marconi
per la Fisascat-Cisl Nazionale Salvatore Falconi
per la Uiltucs-Uil NazionaleAntonio Vargiu
i rappresentanti delle Rsu aziendali.

Le parti si danno atto di aver rispettato e perseguito nel periodo 09.01.02 / 07.02.02, il percorso e gli obiettivi di al verbale d’incontro del 09.01.02.

Allo stato le possibili intese attengono ai punti seguenti:

a)il personale in esubero scende da 161 a 107 unità, di cui 6 a Bologna, 16 a Firenze, 3 a Genova, 13 a Napoli, 8 a Padova, 1 a Palermo, 18 a Torino, 6 a Roma e 36 a Rozzano Milanofiori l’abbattimento del numero trova riferimento nelle esigenze tecniche ed organizzative sottese al nuovo modello commerciale;
b)il personale stanziale e periferico della struttura CCI (4 o5 unità) verrà trasferito a Roma e/o Rozzano in ragione della chiusura delle filiali;
c)le opportunità occupazionali alternative alla mobilità, esplicitate dall’Azienda, sono state individuate nelle 11 società che sono disponibili a valutare possibili assunzioni a tempo indeterminato ai minimi tabellari Canon di personale Canon in esubero;

d)in riferimento a quanto sopra ed alla nuova organizzazione del lavoro cosi come presentata dall’azienda, le parti si incontreranno periodicamente per verifiche ed analisi congiunte sullo stato del livello e delle forme di reimpiego, in particolare per i lavoratori di Firenze;
e)il personale collocato in mobilità potrà percepire; previo apposito accordo individuale con l’Azienda, la somma lorda pari a euro 20.658,28 a titolo di sostegno economico al reddito, quale integrazione del TFR.

Nei confronti del personale interessato ad acquistare un’autovettura del parco eccedente l’Azienda si impegna a favorire le migliori condizioni presso i propri fornitori.
Nei confronti del personale interessato al programma di outplacement con la società DBM Italia viene richiesto un contributo paria curo 2.582,28, dedotto dalla somma di cui sopra;
f)le adesioni volontarie alla mobilità dovranno pervenire all’Azienda entro il giorno 18 cm e potranno essere accettate avuto riguardo delle esigenze tecniche ed organizzative; quali ad esempio numero, fungibilità, territorialità, le adesioni, qualora accettate; sostituiscono le unità dichiarate in esubero (107) e non le abbattono;
L’azienda si impegna a comunicare a controparte entro il giorno 20 cm., l’esito delle adesioni.

Con la firma del presente verbale le parti dichiarano di aver concluso la fase negoziale richiamata al verbale del 09.01.02.
Letto, confermato e sottoscritto.

Per l’Azienda
Per l’Unione del Commercio
Per la Filcams-CGIL
Per la Fisascat-CISL
Per la Uiltucs-UIL
Per le RSU