Camusso (Cgil): su Fabbrica Italia solo annunci misteriosi

20/12/2010

Su «Fabbrica Italia» si fanno solo «annunci misteriosi che somigliano tanto alla ricostruzione dell’Aquila». Con questa associazione di vicende il segretario generale della Cgil Susanna Camusso interviene a proposito del piano industriale promosso dalla Fiat. «La verità – ha detto a L’Aquila intervenendo a un’iniziativa dei giovani democratici – è che di questo piano, continuamente annunciato, noi conosciamo un modello a Pomigliano e un modello a Mirafiori, tutt’altro che un piano di investimenti così come viene presentato, e crediamo che sarebbe l’ora di ripartire dal punto giusto». Per poi concludere sul tema: «Prima si annunci il piano e poi si valutino le ricadute organizzative sugli stabilimenti».

All’Aquila, come nel resto d’Italia, ha poi detto la Camusso, siamo di fronte «a due anni e mezzo di grandi annunci e poi nessuno strumento pratico per far ripartire l’economia. Tutto il Paese, non solo queste aree che inevitabilmente subiscono gli effetti del post-terremoto, è fermo ed è in recessione perché tutte le politiche fatte sono politiche di depressione e non politiche per favorire la crescita e l’occupazione».