Calabria. «Beffati tutti i lavoratori precari»

08/02/2006
    mercoled� 8 febbraio 2006

    �Beffati tutti i lavoratori precari�

    Lsu-Lpu/ La Cgil della Piana di Gioia Tauro lancia durissime critiche al Governo nazionale

      GIOIA TAURO. “Il Governo nazionale beffa ancora una volta i lavoratori socialmente utili e di pubblica utilit� calabresi. Il Senato, infatti, ha votato la fiducia al decreto legge “mille proroghe” con puntuale esclusione d’ogni beneficio per gli Lsu dei comuni inferiori ai 10 mila abitanti malgrado l’impegno sottoscritto il 20 dicembre 2005 con le organizzazioni sindacali”.

      � quanto si afferma in una nota congiunta di Claudia Carlino, segretario Filcams Cgil territoriale e Antonino Calogero della segreteria Cgil della Piana di Gioia Tauro. “Questo ennesimo colpo – proseguono Carlino e Calogero – dimostra che, malgrado le dichiarazioni politiche di “attenzione e di sensibilit�” verso i numerosissimi lavoratori socialmente utili e quelli di pubblica utilit�, le azioni di questo governo seguono una linea opposta di indifferenza e di esclusione dei loro problemi. Le sollecitazioni e le richieste sono state ancora una volta inascoltate e le promesse disattese. Eppure, solo pochi mesi fa, in occasione delle elezioni o per le amministrazioni comunali di Messina e di Catania, “lo sforzo” da parte di questa maggioranza � stato fatto: sono state premiate quelle amministrazioni che avevano gi� stabilizzato mentre i piccoli centri sono stati penalizzati ulteriormente”.

      “La questione dei quasi 10 mila Lsu Lpu calabresi – � detto ancora nella nota – per essere risolta deve prevedere ulteriori sforzi e risorse anche da parte del governo centrale. La programmazione della stabilizzazione deve essere sostenuta da un piano serio che permetta alle amministrazioni di poter continuare ad utilizzare questi lavoratori garantendo loro diritti e tutele da dipendenti. � necessario un intervento forte di sostegno alla lotta per la stabilizzazione che la Cgil in questi anni ha sempre posto come prioritaria nelle scelte di Governo della Regione”. “Abbiamo apprezzato – concludono Carlino e Calogero – le dichiarazioni di intenti dell’assessore al lavoro Nino De Gaetano e seguiamo con interesse il percorso di concertazione avviato con Cgil-Cisl-Uil regionali, ma � giunto il momento di realizzare qualche importante risultato”.