Comunicati Stampa

A Bruxelles la Conferenza finale del progetto europeo To.Be.E.Ewc.

30/09/2016
Cae_big

Si è tenuta il 30 settembre a Bruxelles, la conferenza ha visto la partecipazione di delegati ed esperti CAE provenienti da diversi Paesi d’Europa, tra cui i partner di progetto (FNV – Olanda, Handels – Svezia, FSAB – Romania e MUBE – Malta). 

L’obiettivo del progetto europeo è di migliorare il coinvolgimento dei lavoratori nelle imprese multinazionali, e dei ruoli e dei compiti degli attori coinvolti nei processi di costituzione e funzionamento dei CAE” in cui la Filcams Cgil Nazionale è partner e promotore, insieme alla FABI.

Per la Filcams hanno partecipato, oltre a Gabriele Guglielmi, coordinatore del Dipartimento Internazionale, Stefania Radici (dip. Int.) Bianca Marinari (delegata CAE IKEA), Norman Di Lieto (delegato CAE GUCCI-KERING), Mario Adinolfi (delegato CAE ALTRAN). Presente anche UNI EUROPA (partner di progetto), attraverso Nicola Kostantinou (EWC policies and guidelines).

“Scopo dell’incontro – evidenzia Gabriele Guglielmi, responsabile del progetto per la Filcams – la presentazione dei micromanuali multimediali a disposizione degli attori coinvolti a diverso titolo nei processi di negoziazione, costituzione e funzionamento dei Comitati Aziendali Europei e il lancio del sito, strumento di messa a disposizione di una “cassetta degli attrezzi” navigabile, in sette lingue (Inglese, Italiano, Rumeno, Svedese, Olandese, Spagnolo e Francese).

Ha partecipato alla Conferenza Bruno Demaître – ETUI Education officer, responsabile per la formazione e il supporto alle organizzazioni e rappresentanti dei sindacati italiani in tema di CAE, il quale ha evidenziato il valore dell’iniziativa e sottolineato l’importanza della collaborazione, dichiarando la disponibilità all’inserimento dei micromanuali all’interno del sito web di ETUI.

Elemento di rilevanza su cui ha posto l’accento Angelo Di Cristo, Head of the UNI Global Finance, infine, la realizzazione di pillole di comunicazione tramite video veicolati su canali social e in particolare youtube. Entro dicembre la presentazione in Italia dei risultati e degli strumenti di approfondimento e conoscenza realizzati con il progetto.